Cresce il numero di celiaci

La differenza fra celiaci e non celiaci è che i secondi non si sono ancora accorti di esserlo!

celiachia

Tempo fa ho riproposto l’ottimo articolo relativo alla celiachia, per fornire un’alternativa ad un problema sempre crescente fra gli occidentali. L’apporto costante di cibi raffinati ed elaborati, contribuisce a costituire una dieta poco ricca di nutrienti. In Italia è crescente il numero di celiaci e le intolleranze alimentari sono aumentate esponenzialmente negli ultimi anni. L’intera alimentazione italiana sembra basata sul frumento, ormai cereale privo di ogni valore aggiunto, a causa della raffinazione e della decorticazione. Una costante e corretta rotazione nell’assunzione di grano, grano saraceno, kamut, miglio, orzo, farro e molti altri, sarebbe il primo passo per educare il corpo ad una reale alternanza.

Inoltre dobbiamo pensare che la maggior parte dei nostri problemi deriva da un intestino intasato e continuamente mal utilizzato. A volte basterebbe volersi bene, mangiare quello che la Natura ci fornisce, senza ricorrere necessariamente a scorpacciate di pane, pizza e pane.

Un a volta raggiunto un buon livello di salute fisica poi si potrebbe intervenire preferendone alcuni rispetto ad altri. L’introduzione di frutta e verdura cruda garantirebbe un corretto apporto di vitamine e sali minerali. Ovviamente, a meno di rare eccezioni come il biologico o il biodinamico, questi elementi si stanno impoverendo sempre più, in futuro sembra impensabile avere un corretto apporto giornaliero dei nutrienti fondamentali senza l’utilizzo di integratori.

Questo aumento vertiginoso dei celiaci, fa correre ai ripari le farmaceutiche, che stanno pensando ad un vaccino e a cure mirate per risolvere il problema. Basterebbe una dieta variata e un po’ di buon senso per capire che tutto questo è assurdo. Oggi la soluzione adottata dai celiaci è quella di eliminare pasta, pane e derivati contenenti glutine. Ovviamente questo approccio risolve il problema, il corpo è in grado di rigenerarsi e depurarsi dall’accumulo di questi prodotti. Peccato che queste diete forzate durino poco. Spesso si perde molto peso, ci si sente subito liberi e leggeri, per poi ricadere nel circolo vizioso dopo poche settimane. A volte la vita frenetica, il non poter mangiare a casa con pasti regolari e ad orari prestabiliti, aiuta a peggiorare la situazione. È come se la nostra vita venga impoverita giorno dopo giorno per qualcosa che alla fine non ci gratifica, ne ci soddisfa pienamente.

Queste mie poche parole non sostituiscono certamente il parere di un nutrizionista o di un medico, ma spesso il buon senso ci fa ben sperare ed operare con criterio, se solo ogni tanto ascoltassimo i messaggi del nostro corpo. Siamo troppo indaffarati a pensare a come arrivare alla fine del mese da non renderci conto che ingozziamo cibi che non fanno altro che indebolirci e renderci ancora più vulnerabili a chi ci vuole stanchi, stressati e ammalati. Non facciamo altro che il gioco delle multinazionali, mangiamo ci ammaliamo e crepiamo, tutto secondo copione.

Articolo correlato: Celiachia

Ti è piaciuto l'articolo? Votami su OK Notizie

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

12 commenti

l'articolo giusto al momento giusto (freenfo, leggi nella mente dei frequentatori del tuo blog?). questi giorni, sarà il freddo, mi sono rimpinzato, pur consapevole del danno a cui andavo incontro, di pane, pasta, pizza e affini....dopo aver deciso da tempo di annullare gli zuccheri e limitare carne e pesce, basta anche con queste porcate raffinate. saluti, a presto.

Reply

Carissimo, prove tecniche di empatia... :D

Grazie per la tua costante presenza.
Un carissimo saluto

Reply

Devo farti ancora una volta i miei complimenti per i tuoi post. Ogni giorno frequento tantissimi blog, ma come il tuo ce ne sono davvero pochi in giro. Non mi resta quindi di leggerlo costantemente ogni giorno. Questo post è un esempio della tua corretta informazione. Continua cosi Freenfo

www.diegogarciablog.blogspot.com

Reply
angela mod

Saranno ritirate dal mercato le uova 'approvate' dalla Federazione italiana pediatri (Fimp), che riportavano il logo dell'organizzazione, e che avevano sucitato molte polemiche. Il messaggio trasmesso ai consumatori risulta ''fuorviante'' ha annunciato il presidente Fimp Giuseppe Mele in risposta alle reazioni suscitate dall'iniziativa.
La Nazione
............................
SCUSATE L'OFF TOPIC!
ma mi sembra importante!
finalmente qualcuno cerca di evitare inganni e pagliacciate!
Buon pomeriggio a tutti!
angela

Reply

Andrew, ti ringrazio ancora una volta, sei troppo gentile! ;D

Angela, finalmente una buona notizia, se pur piccola... speriamo bene.

Ciao a tutti

Reply

Sono enormi le responsabilità dell'industria agroalimentare, un altro strumento per soggiogare la popolazione. L'ideale sarebbe coltivarsi molti ortaggi e frutti in un proprio podere, ma non tutti possono.

Otttimo articolo.

Ciao!

Reply

Freenfo proprio perchè non sei un dottore io ti credo, e ringrazio insieme ad altri per quello che dici e fai per tutti noi!

un caro saluto

p.s.
scusa se latito ma sono impegnatissmo per scrivere e rispondere ;(

la leggo sempre ;)

Reply

Zret, oggi purtroppo è impossibile, anche se sarebbe davvero un ritorno alle origini.

Acquaemotion, non ti preoccupare, ti abbraccio.

Ciao a tutti

Reply
Faraday mod

Sono l'unico ad avere un orto? E' un gran sacrificio però...
Il problema più grave é quello di trovare le semenze naturali. Sono praticamente scomparse! Non ce l'hanno più nemmeno i contadini più anziani che ho
contattato a più non posso. Circola una marea di "monnezza" di semi brevettati e relative piantine presso i vivai.

Sentite l'ultima: compro i broccoletti per semina a spaglio e... sorpresa! Trenta mq. di terreno lavorato per bene, sapete cosa é uscito fuori invece dei broccoletti? Erbe infestanti di ogni genere mai viste nel terreno prima della semina! Ed é già la seconda volta. Vogliono che si abbandonino le coltivazioni private a favore delle grandi coltivazioni industriali e dei loro prodotti OGM ,carichi di pesticidi e diserbanti. Celiachia? Il grano naturale é stato privato dei suoi due enzimi che servivano al nostro organismo per essere digerito. Le conseguenze sono celiachia, flatulenza etc...

Reply

Faraday, è proprio così. Il grano viene trattato per eliminare ogni parte nutriente e lasciare solo la parte che può essere usata per la panificazione. Ovviamente a lungo andare insorgono i problemi. Quello degli OGM è un problema serio, ormai sono ovunque, anche in una parte degli alimenti biologici.

Tu sei fortunato ad avere un orto, puoi ancora correre ai ripari, anche se da come affermi è sempre più difficile reperire del buon seme. Stanno facendo di tutto per uccidere il ciclo naturale delle semine e della loro riproduzione.

Fra qualche anno non ci sarà altro che la Monsanto e i suoi schifosi brevetti. A noi non rimarrà che utilizzare queste schifezze.

Ciao e grazie per il commento.

Reply

ti facciamo ammalare e ti diamo la cura.
ogni anno i medici si riuniscono e si inventano una malattia,cosi' vale per gli psichiatri,poi inventano il vaccino o la cura.
oggi il 49% degli italiani usa il viagra,forse di piu'.
una volta c'era bisogno??? se per cosi' dire facevi cilecca non era un dramma.oggi devi essere sempre al top e i farmaci ti aiutano.
ciao freenfo

Reply

i medici, in linea di massima, visitano frettolosamente e rifilano medicinali. molti pazienti effettivamente non aspettano altro...tornano a casa soddisfatti, continuano a deglutire porcate e pensano di curarsi con le pillole prescritte dal medico. poi piangono per quanto il destino crudele li punisca così ingiustamente con malattie e malanni di varia natura, causati per il 90% da cibo e medicinali inutili e dannosi. saluti (e salute) a tutti.

Reply

Posta un commento