Freenfo...

12 giugno 2020

Quale linguaggio utilizzava Yahushua e i suoi discepoli?

Yahushua nacque da discendenza ebraica e insegnò ai suoi discepoli nella sua lingua originaria (ebraica e aramaica). I discepoli di Yahushua erano anche conosciuti come ebrei, ebrei israeliti. Yahushua e il suo popolo vivevano sotto l'occupazione romana, ma la loro lingua e identità spirituale, come popolo ebraico, era fondata sulla Torah, la Legge di YHVH.

Mentre la trasmissione orale dell'insegnamento di Yahushua si diffondeva a un pubblico più ampio, i discepoli scrissero della loro esperienza con Yahushua in ebraico e aramaico, a beneficio di altri che non erano testimoni oculari come loro, sulle cose che Yahushua insegnava e compiva. Ma anche prima che venissero scritti resoconti sulla vita di Yahushua, i suoi insegnamenti e la sua fama furono diffusi tra i Greci, anche in lingua greca.

Coloro che seguono YHVH e il Suo unigenito Yahushua, lo fanno ad esclusione di tutte le altre religioni ed elohim. YHVH chiama chi vuole, sia greco che ebreo, ossia tutti coloro che permettono ai comandamenti di Eloah di essere scritti nel proprio cuore, questo è “il residuo di popolo separato (kedoshim)” che YHVH distingue.

"Voi avete visto ciò che ho fatto agli Egiziani, e come io vi ho portato sulle ali d'aquila e vi ho condotto da me. Or dunque, se darete attentamente ascolto alla mia voce e osserverete il mio patto, sarete fra tutti i popoli il mio tesoro particolare, poiché tutta la terra è mia. E sarete per me un regno di sacerdoti e una nazione santa. Queste sono le parole che dirai ai figli d'Israele"". (Esodo 19:4-6)

Anche prima del primo peccato di Adamo, YHVH ha stretto un'alleanza affinché l'uomo si unisse a Lui come unico e solo Eloah degli Elohim e nel corso della storia, YHVH ha cercato di proteggere l'umanità dalla contaminazione con altri dei. YHVH ha sempre dimostrato il suo amore e la sua lealtà alla sua Creazione, ed ha sempre concesso la libertà di offrirci volontariamente per servirlo.

Il popolo eletto di YHVH e il Ger-Toshav (“i non ebrei”), vengono istruiti ai comandamenti e alle Leggi per entrare nell’Alleanza di YHVH ed essere un popolo "peculiare". Eloah ammonisce chiaramente coloro che seguono le vie dei pagani.

Distruggerete interamente tutti i luoghi dove le nazioni che state per scacciare servono i loro Elohim; sugli alti monti, sui colli e sotto ogni albero verdeggiante. Demolirete i loro altari, spezzerete le loro colonne sacre, darete alle fiamme i loro Ascerim, abbatterete le immagini scolpite dei loro Elohim, farete sparire il loro nome da quei luoghi. (Deuteronomio 12:2-3)

Altre Scritture lo confermano, alcuni esempi sono in: (Esodo:20:3; 1Samuele 7:3; Luca 4:8)

Tutti coloro che seguono Eloah non devono contaminarsi con altri elohim. La cultura politeistica (nel nostro esempio quella ellenica) e la Torah non si possono mescolare, secondo ciò che è comandato da YHVH e Ha’MashYah.

Anche 1.000 anni dopo, i traduttori ebrei si rifiutarono di ellenizzare il nome di YHVH. Gli scribi ebrei erano così rispettosi del Nome di YHVH, che scelsero di inserire lettere paleo-ebraiche nel testo greco quando si menzionava. Dopo mille anni la Parola di YHVH, i dieci comandamenti, furono resi disponibili in lingua greca. Prima di questo, se i Greci volevano leggere la Parola di YHVH, dovevano imparare la lingua ebraica.

La lingua greca ebbe origine intorno all'800 a.C., nacque da una cultura politeistica che si differenziava come "modernizzata", custode della filosofia e della conoscenza, piuttosto che come dei precetti di un Eloah e della Sua Parola. YHVH si è sempre opposto alla "modernizzazione", come leggiamo in tutte le Scritture.

"Io sono YHVH, il tuo Eloah", che ti ha fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla casa di schiavitù. Non avrai altri elohim davanti a me. Non ti farai scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù nei cieli o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non le servirai, perché io, YHVH, il tuo Eloah, sono un Eloah geloso che punisce l'iniquità dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano e uso benignità a migliaia, a quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti. Non userai il nome di YHVH, il tuo Eloah, invano, perché YHVH non lascerà impunito chi usa il suo nome invano. (Esodo 20:2-7)

Il primo comandamento indica che YHVH è Eloah. Il Nome di YHVH non può essere traslitterato in un'altra lingua, perché all'interno del Nome c'è il significato perfetto di cosa rappresenti (“Mostrerò d’essere cioè che mostrerò d’essere”).

Il secondo comandamento è un divieto contro il frazionamento di YHVH nei nostri cuori, nella nostra mente e conseguentemente nelle nostre azioni. La prima rovina dell'uomo, è quella di dividere la sua lealtà tra YHVH e un'altra autorità. Molte persone suppongono che la loro lingua e cultura siano uguali a tutte le altre culture, ma non c'è niente sulla terra che l'uomo possa creare che sia uguale a YHVH, certamente non la "cultura" o le filosofie umane, contrarie ad Eloah. Ogni cosa infatti sussiste per mezzo di Yahushua, primizia di tutte le cose, immagine dell’Eloah dei viventi.

Egli è prima di ogni cosa e tutte le cose sussistono in lui. (Colossesi 1:17)

La Parola insegna a non mettere nulla prima di YHVH, questo si riferisce ad ogni cosa che si interpone fra noi e Lui (culture, tradizioni, credenze, ...). Seppur vero che la testimonianza della Verità è annunciata in varie lingue nel mondo, questo non significa che il significato spirituale sia diverso o inquinato dalla cultura del luogo. In Paesi dove si pratica il politeismo, non significa che la Parola di Verità debba aderire a questa tradizione religiosa. Per questo il concetto stesso di religione, non può essere “in Verità”, perchè ogni religione contamina la Parola con dottrine umane.

La Scrittura ammonisce circa la contaminazione e l’adulterazione della Parola.

Non aggiungerete nulla a quanto vi comando e non toglierete nulla, ma impegnatevi ad osservare i comandamenti di YHVH, il vostro Eloah, che io vi prescrivo. (Deuteronomio 4:2)

Si raccontano storie rabbiniche su come la Torah fu diffusa in 70 lingue, in modo che tutti gli uomini avessero una certa comprensione della Scrittura, e certamente l'intenzione di YHVH è quella di far conoscere le sue Leggi a chiunque. Tuttavia YHVH parlava a Mosè nella lingua ebraica, YHVH non parlava in 70 lingue a Mosè. Se pur negli Atti degli apostoli di fronte all’apostolo Pietro, le persone parlassero in lingue, questo fu solo un segno dello Spirito Santo, a testimoniare che Egli era presente a Pentecoste, aveva una funzione specifica in quel preciso momento e per quel preciso scopo.

YHVH ha dato istruzioni di "non aggiungere, ne sottrarre nulla alla Parola", quindi non abbiamo bisogno di speculare, perché sappiamo che dall'inizio dei tempi, YHVH ha usato la lingua ebraica per rivelarsi. Ha chiamato uomini come Noè, Abramo, Mosè, i Suoi profeti e quelli con i quali stringe e rinnova il patto antico, perfezionato per mezzo di Yahushua. La rivelazione di YHVH avviene nel proprio spirito, nei pensieri, nella lettura della Sua Parola, quindi ci sono molti modi in cui si può avere accesso alla Verità di YHVH.

Eloah ha dimostrato nel tempo di proteggere ogni rivelazione, quando scribi e farisei ebrei masoreti hanno scelto di cambiare e distorcere la Torah. Sappiamo infatti, che da sempre hanno tentato di inquinare la Verità come afferma Geremia.

Come potete dire: "Noi siamo saggi e la legge di YHVH è con noi"? Ma ecco, la penna bugiarda degli scribi, l'ha resa una falsità. (Geremia 8:8)

Nel manoscritto “Kaboris”, più noto come “Peshitta”, si fa riferimento alla traduzione del Nuovo Patto in lingua aramaica. A prescindere dall’attendibilità di questo documento, lo stesso certifica che la trascrizione delle scritture relative a Yahushua e ai suoi discepoli fosse in lingua aramaica. Questo testo, che ancora rappresenta la Bibbia ufficiale della chiesa d’Oriente, contiene tutte le scritture del Nuovo Patto in aramaico.

"Con riferimento a l'originalità del testo di Peshitta, in quanto Patriarca e Capo della Santa Chiesa Apostolica e Cattolica d'Oriente, desideriamo affermare che la Chiesa d'Oriente ha ricevuto le scritture dalle mani del gli stessi apostoli beati nell'originale aramaico, la lingua parlata da nostro Signore Gesù Cristo stesso, e che il Peshitta è il testo della Chiesa d'Oriente che è disceso dai tempi biblici senza alcun cambiamento o revisione". (Mar Eshai Shimun - da Grace, Catholicos - Patriarca d'Oriente - 5 Aprile 1957)

Sono affermazioni molto contestate nel cristianesimo occidentale. L'idea sbagliata comune, secondo cui il Nuovo Testamento fu originariamente scritto in greco, persiste ancora oggi nella stragrande maggioranza delle confessioni cristiane. Molti studiosi e teologi riconoscono che gli apostoli e gli ebrei in generale, hanno parlato in aramaico e in effetti molti esempi di aramaico sopravvivono nei manoscritti greci del Nuovo Testamento. Tuttavia, continuano a sostenere che il Nuovo Testamento fu scritto in greco dagli Apostoli e dai discepoli di Yahushua.

La Chiesa d'Oriente ha sempre respinto questa affermazione.

“Crediamo che i Libri del Nuovo Testamento siano stati originariamente scritti in aramaico e successivamente tradotti in greco dai cristiani gentili del primo secolo in Occidente, ma mai in Oriente, dove l'aramaico era la lingua franca dell'Impero persiano. Si ritiene inoltre che dopo che i libri furono tradotti in greco, gli originali aramaici furono scartati, poiché ormai la Chiesa in Occidente era quasi completamente paganizzata e di lingua greca. Questo non era il caso dell’Oriente, che ebbe una maggioranza ebraica (specialmente a Babilonia) per un periodo molto più lungo. Anche quando la Chiesa d'Oriente divenne per lo più gentile, l'aramaico fu preservato e usato, piuttosto che tradotto nelle varie lingue vernacolari delle regioni ad est del fiume Eufrate.”

Del resto, anche a ovest del fiume Eufrate, in Terra Santa, il vernacolo principale era l'aramaico. Le lezioni settimanali di sinagoga, chiamate “parashah”, erano accompagnate da una traduzione aramaica orale, secondo tradizioni fisse.

In ogni caso, poiché il cambiamento è difficile da apportare, molti negano e discutono di ciò che è la verità evidente. Il manoscritto di Kaboris (Kabouris Codex, Peshitta) è stato oggetto di un duro attacco da parte della folla religiosa del primato greco, che teme che l'autorità delle scritture greche possa essere indebolita.

Ma tutti sanno che Yahushua e i suoi discepoli non erano greci e non veneravano né la lingua né la cultura greca o romana.

Quando l'ossario di Giacomo fu scoperto, imbarazzò la Chiesa cattolica, perchè fu scoperto che Yahushua aveva un fratello carnale e sua madre Miriam non rimase vergine dopo il concepimento del MessYah (Matteo 13:55-56). L'ossario ha messo in imbarazzo anche una manciata di ebrei che hanno dichiarato fosse una leggenda, tuttavia l’iscrizione contestata sulla tomba è stata confermata da archeologi israeliani e di tutto il mondo, che hanno testimoniato che l'iscrizione fosse autentica nella sua interezza.

"Ya'akov bar-Yosef akhui diYahushua", Giacomo, figlio di Giuseppe, fratello di Yahushua.

La maggior parte degli studiosi concorda sul fatto che un caro amico o un parente avrebbe fatto l'iscrizione, come era usanza, per assicurarsi l’originalità delle ossa nella tomba.

L'aramaico è una lingua gemella all'ebraico, è stato a lungo usato come linguaggio comune, anche per commenti e discussioni sulla Torah. L'ebraico sarà sempre il linguaggio delle letture formali della Torah, per una buona ragione, generazione dopo generazione i versi sono stati apprezzati, studiati e impressi nella memoria, per la conservazione e l'insegnamento alla generazione successiva, nella lingua in cui la Torah era nata in principio.

Tutta la Scrittura è divinamente ispirata e utile a insegnare, a convincere, a correggere e a istruire nella giustizia, affinché l'uomo di Eloah sia completo, pienamente fornito per ogni buona opera. (2 Timoteo 3:16-17)

Il Talmud babilonese fu scritto nel III-VI secolo nella "lingua franca" di Babilonia che era l’aramaico, ma non fu tradotto fino al 1520 d.C., quando un cristiano di nome Daniel Bomberg decise di tradurlo in inglese. Ci vollero mille anni prima che il Talmud babilonese fosse tradotto.

Se il nostro profondo desiderio è quello di imparare cose intime della Parola di Yahushua, allora dobbiamo comprendere i termini e le definizioni ebraiche e aramaiche, non c'è modo più semplice e veritiero.

Considerando alcuni scritti relativi a Paolo, possiamo dedurre alcune considerazioni. Paolo nacque in una famiglia benestante e fu mandato a Gerusalemme quando aveva tre anni per studiare sotto i più grandi saggi del tempo. Paolo era uno dei candidati a divenire un rav influente in Israele, per questo la chiamata di Yahushua assume un valore ancora più grande. Saulo imparò a memoria la Torah già dall’età di 13 anni, la scrittura conferma che fosse un fariseo molto zelante, il suo Maestro era Gamaliele.

Nell'udire che parlava loro in lingua ebraica, fecero ancor più silenzio. (Atti 22:2)

Perchè si specifica che parlasse in lingua ebraica?

L'obiettivo degli ardenti teologi del primato greco, fu di stabilire la lingua greca come autorità, così come i loro ideali ellenizzati (anti-Torah). Creare un Messia più simile a Zeus che a Yahushua l’ebreo. Testi come Khabouris e Peshitta, mostrano chiaramente che è impossibile che i primi seguaci di Yahushua fossero pensatori e scrittori greci.

Studiosi e ricercatori come Howard Gordon, Charles Cutler Torrey, Robert Balgarnie Young Scotts, James Trimm, Paul Younan, Andrew Gabriel Roth, Christopher Lancaster e centinaia di altri stanno fornendo montagne di prove e documentazione per dimostrare l'impossibilità di un primato greco per i Ketuvim Netzarym (scritti dei Netzarym).

Né può essere provato senza ombra di dubbio che l'apostolo Paolo abbia scritto qualcosa in lingua greca, è solo una teoria.

Per questo è molto importante guardare più in profondità nella vita e negli insegnamenti di Yahushua, facendo riferimento al contesto originario.

Il linguaggio di Yahushua era ebraico e aramaico, i termini e le definizioni del Regno furono dati secondo i suoi precetti e comandamenti. Ognuno di noi può ricevere ispirazione dallo Spirito Santo nel linguaggio dello Spirito, ma non dimentichiamo che è stata la PAROLA di YHVH che ha creato ogni cosa, la Parola è di suprema importanza per noi per connetterci con YHVH, la Parola è Yahushua (Giovanni 1:1-3).

L'invenzione di nuovi termini e definizioni greche per le parole ebraiche propagarono idee ellenistiche che esistevano molto prima che Yahushua venisse sulla terra. Il mondo pagano ellenistico cercò di proiettare le sue idee su Ha’MashYah, come tentativo di usurpare l'autorità e la purezza della Verità.

Epifanio disse riguardo ai discepoli ebrei di Yahushua, "sono piuttosto ebrei e nient'altro". Ciò che ha veramente sconcertato i fondatori della chiesa, fu la scoperta che i seguaci ebrei di Yahushua, continuavano a vivere come ebrei, ma i fondatori della chiesa avrebbero voluto che gli ebrei si conformassero agli stili e ai valori di vita ellenistici e pagani.

È consuetudine ebraica mantenere la tradizione orale, quindi non è insolito che passarono alcuni anni prima che i discepoli di Yahushua scrivessero delle loro esperienze con il Maestro. Gli scritti dei netzarym sono di fondamentale importanza nel loro contesto originale.

I sostenitori del primato greco sono ansiosi di proteggere le loro teologie, la "madre di tutto" è la teologia cristiana della "Trinità”, che sembra essere vecchia come Nimrod, Semiramis e Tammuz. La teologia del culto del sole (giorno del sole), del culto di Tammuz (messa di Cristo), di Ishtar (Pasqua), ecc... sono tutti culti palesemente pagani. La trinità non solo si adatta bene al pensiero ellenistico, ma anche la sua origine è pagana. Ci sarebbero molti meno ponti per l'ellenismo se i cristiani greci studiassero Yahushua nella sua lingua e tradizione, piuttosto che coniare nuovi termini, definizioni e metodologie greche che sono di origine pagana.

Non è solo una questione di conoscenza dell'ebraico o del greco, è una questione circa quale autorità scegliamo di seguire.

Conoscere e imparare l'ebraico in sé non condurrà una persona fuori dalla falsa religione, ci sono innumerevoli evangelisti cristiani a Gerusalemme che parlano l'ebraico al solo scopo di trovare ed ellenizzare gli ebrei nel cristianesimo pagano.

Ciò che ci porta fuori dall'inganno è l’opera dello Spirito Santo in congiunzione con la Parola di YHVH, se vogliamo conoscere Ha’MashYah dobbiamo studiare e meditare sulla Parola di YHVH, per comprendere la Sua volontà nelle nostre vite, proprio come fecero i netzarym del primo secolo, proprio come ancora oggi fanno i veri figli di Eloah.

Yahushua non pensava né insegnava in greco, insegnava in ebraico. È stato un grave errore per i traduttori coniare le parole greche e ridefinire i principi ebraici in una lingua e cultura ellenizzata, ha fatto sì che la "chiesa" rimanesse stagnante e si unisse strettamente al mondo decaduto. Yahushua fu ridotto a modello di Zeus, ogni domenica mattina la gente saliva al tempio di Zeus e cantava canzoni, inneggiando che Zeus avesse liberato la gente dalla schiavitù e li avesse liberati dalla Torah. Oggi i cristiani si inchinano e adorano Je-Zeus che è stato modellato dalle mani dei padri della chiesa, degli idolatri e dei pagani, questo è chiaramente ciò che Paolo affermò:

Infatti io so che dopo la mia partenza, entreranno in mezzo a voi dei lupi rapaci, i quali non risparmieranno il gregge. (Atti 20:29)

Oggi riconosciamo che la Scrittura è giunta fino a noi e produce frutto per chi la osserva e la mette in pratica. Usare la Parola senza alcuna contaminazione dovrebbe essere non solo un comandamento, ma soprattutto il desiderio di ogni discepolo che vuole onorare YHVH e Yahushua, così come loro si sono rivelati a noi, sin dal principio.

Credere a Yahushua significa non appropriarsi di nessun diritto sulla Parola, ma amarla e rispettarla come la cosa più preziosa al mondo. Poiché in Lui viviamo, ci muoviamo e siamo, perchè in Lui confidiamo con tutta la mente, con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutta la forza, in Spirito e Verità.

Sia così per chi lo vuole... in Yahushua.

In Verità

***
Credits:
http://mashiyach.com/meditations/was-the-new-testament-written-in-hebrew-or-greek/

25 agosto 2019

Jova Beach Party


Questa estate Lorenzo C. in arte “Jovanotti”, ha rappresentato i suoi concerti musicali in modo molto diverso, tanto da esser considerato un innovatore e un artista in continua evoluzione. Questi eventi estivi sono stati una novità, almeno per quanto riguarda l’Italia. Ad un primo sguardo superficiale, nulla di strano, nulla di preoccupante, un evento estivo che coinvolge i giovani nel ballo e nel divertimento... ma sarà proprio così?

Iniziamo con una breve analisi delle tracce del disco che accompagna il tour estivo, l’evento “Jova Beach Party”:
1.Prima che diventi giorno
2.Nuova era
3.Vado
4.Fiesta
5.Tutto un fuoco
6.Il sole sorge di sera
7.XCHETUC6
8.PCDG Reprise
I titoli di questi brani mostrano subito una connotazione particolare. Questo artista ha sempre scritto di tradizioni e culti misterici, ha sempre dichiarato di essere aperto a tutte le pratiche magiche e ai rituali africani ed orientali. Questa influenza caratterizza anche questo nuovo progetto. “Nuova era”, “Il sole sorge di sera”, “Tutto un fuoco”, sono frasi che hanno significati ben precisi. Sarebbe molto lungo analizzare tutti i testi, mi limiterò a fare qualche piccolo estratto:
TUTTO UN FUOCO
“Io sono tutto un fuoco, se ti avvicini ti brucio” 
L'uomo cattivo va scavando il male ad altri; sulle sue labbra c'è come un fuoco consumante. (Proverbi 16:27)
"Vorrei sapere quello che ti fa piacere, anzi si lo so ma mi piace sentirtelo dire..."
Ora le opere della carne sono manifeste, e sono: fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, stregoneria, inimicizie, discordia, gelosia, ire, contese, divisioni, sètte, invidie, ubriachezze, orge e altre simili cose; circa le quali, come vi ho già detto, vi preavviso: chi fa tali cose non erediterà il regno di Eloah. (Galati 5:19-21)
"...separeremo insieme luci e tenebre" 
Non partecipate alle opere infruttuose delle tenebre; piuttosto denunciatele. (Efesini 5:11)
"...la biologia tra noi è l'unico criterio..."
Perché la carne ha desideri contrari allo Spirito e lo Spirito ha desideri contrari alla carne; sono cose opposte tra di loro; in modo che non potete fare quello che vorreste. (Galati 5:17)
"...se ti avvicini ti brucio, dentro di me conservo la scintilla, che ha generato Adamo dall'argilla..."
Fammi giustizia, o Eloah, difendi la mia causa contro gente malvagia; liberami dall'uomo falso e malvagio. (Salmi 43:1)
"...daremo i nomi alle cose che vedremo e quello che non c'è noi ce lo inventeremo..."
Guai a colui che contesta il suo Creatore YHVH, egli, rottame fra i rottami di vasi di terra! L'argilla dirà forse a colui che la forma: "Che fai?" L'opera tua potrà forse dire: "Egli non ha mani?" (Isaia 45:9)
IL SOLE SORGE DI SERA
"Balla tu che puoi più che puoi, più che puoi, più che puoi..."
Io toglierò dalla sua bocca i nomi dei Baal, e il loro nome non sarà più pronunciato. (Osea 2:17)

Ripetere in continuazione "Balla, Balla, Balla, ..." ha un chiaro significato evocativo del "signore", potestà di questo mondo.
NUOVA ERA
"...mi fai sentire un poeta, anzi di più un profeta, che annuncia al mondo l'inizio di una nuova era..."
Molti falsi profeti sorgeranno e sedurranno molti. (Matteo 24:11)
PRIMA CHE DIVENTI GIORNO
"...prima che la luce tolga via di torno questa misteriosa voglia di avventura forza di natura dammi la tua cura..." 
Guardate che nessuno faccia di voi sua preda con la filosofia e con vani raggiri secondo la tradizione degli uomini e gli elementi del mondo e non secondo Yahushua. (Colossesi 3:8)
VADO
"Rilassati io sono favorevole, all'utile ma soprattutto al dilettevole, la meta è sempre avanti il cuore sta dietro allo sterno, pronti via, dopo il semaforo scatenate l'inferno..."
Il cuore è ingannevole più di ogni altra cosa, e insanabilmente maligno; chi potrà conoscerlo? (Geremia 17:9)

Ogni cosa mi è lecita, ma non ogni cosa è utile. Ogni cosa mi è lecita, ma io non mi lascerò dominare da nulla. (1 Corinzi 6:12)

Queste sono solo alcune pillole, estratte dai testi, che non rappresentano in modo esaustivo tutto quello che l'artista sta comunicando in modo subliminale da molti anni, ma sono comunque molto significative.

Analizziamo un altro aspetto presente al concerto: i "token". Perché utilizzare un token per gli acquisti ad un concerto pubblico, tra l'altro in una spiaggia?
I token sono la moneta del Jova Beach Party.
I token hanno un valore di 3€ l’uno e sono divisibili. Ogni metà ha valore di 1.50€.
I token potranno essere acquistati sia presso le casse all'esterno che all'interno del villaggio.
Consigliamo vivamente di acquistare i token alle casse esterne, poste prima degli ingressi, per evitare code alle casse interne del villaggio.
Il food&beverage all'interno del villaggio accetterà solo token;
Sarà comunque possibile acquistare bottigliette d’acqua da 0.5l, al costo di 1.50€, presso le casse dedicate, senza l’utilizzo dei token;
È escluso l’utilizzo dei token per l’acquisto del merchandising ufficiale del tour.
Cosa è un token?

Un token è un dispositivo fisico o virtuale, che garantisce autenticazioni in sicurezza (in genere prevede due chiavi di autorizzazione), utilizzato dai circuiti bancari e ultimamente nel mondo digitale delle nuove BlockChain (esiste oggi una nuova frontiera economica denominata appunto "token economy"). Seppur molto utile comprendere il funzionamento di questi nuovi strumenti, ci limiteremo a considerare il "token" come uno strumento di pagamento, in questo caso, per ricevere in cambio un servizio o un bene. Il principio è quello del commercio tradizionale, ma oggigiorno questo tipo di scambi sta evolvendo nel mondo della finanza e sarà il vero motivo di destabilizzazione del sistema finanziario mondiale.

Tornando al concerto, perché utilizzare quindi questa terminologia, invece che pagare una birra con la solita banconota di carta (straccia tra l'altro!)?

Perché J. è molto integrato nel sistema globale che sta per insediarsi e da molti anni promulga e sponsorizza i suoi prodigi bugiardi. Come tanti altri, questi strumenti vengono a poco a poco introdotti in eventi pubblici, pubblicità, film, ecc..., per abituare le persone al loro utilizzo. La logica è sempre la stessa, creare un'esigenza e poi proporre una soluzione. Il sistema economico mondiale sta per ricevere un reset totale e le nuove valute elettroniche (Es. Bitcoin) sostituiranno tutta l'infrastruttura di scambi economico-finanziari. Per questo serve un nuovo sistema, prima che venga definitivamente distrutto il precedente, una volta e per sempre. Avere un "token" per i pagamenti ad un concerto pubblico è molto innovativo... non credete? Non vi sentite all'avanguardia? Purtroppo è solo un mezzo per fare propaganda al "sistema Babilonia" che domina questo mondo e al suo spirito bugiardo, lo spirito di Jezabel.

Un altro elemento significativo  il nome dell'evento: "Jova Beach Party". Questo nome è davvero privo di significati occulti?

"Jova", abbreviazione di Jovanotti, non vi ricorda il nome di un dio? Lascio cosa possa significare la parola "beach" alla vostra immaginazione, il messaggio risulta evidente.

"Jova" nome di Dio usato dai padri Ante-Niceni
"Jove" = Jehovah
"Giove" = Geova

Questi messaggi occulti, sono creati appositamente per condurre le menti alla nuova religione unica mondiale con l'uomo al centro della "sua" creazione (uomo-dio). Tutte le dottrine create dal sionismo corrotto, hanno inquinato i nomi sacri e veri di YHVH e del Suo unigenito Figlio, YAHUSHUA. Esiste una contaminazione bugiarda in tutte le religioni mondiali, molte delle quali create e finanziate dalla massoneria.


Questa foto rappresenta uno dei tanti flyer stampati per l'evento. Come potete osservare ci sono molti simboli apparentemente innocui. Il personaggio è posizionato in una sorta di croce vittoriosa, che alza le mani a pugno chiuso verso l'alto, mani a pugno chiuso e non aperto. La posizione ricorda una "X" o croce di S. Andrea. (Vuoi approfondire questo argomento, clicca qui!)

Cosa rappresenta questo simbolo?

Nell'ordinamento dei gradi massonici il ventinovesimo grado rappresenta il Cavaliere Scozzese: completamento della santificazione del massone con atto di obbedienza al Maestro Supremo, il dio-Baphomet, e incorporazione al regno di satana, come cavaliere del sole e gran maestro della luce.

Il centro dell'immagine è riferita al sole, "uomo-dio-sole", tanto che sprigiona raggi a 360 gradi tutto intorno. Il colore della scritta è il colore dell'arcobaleno (LGBTQ?), al centro del petto un ciondolo/amuleto probabilmente buddista o induista. Dalla testa (corona, centro energetico dell'illuminazione) partono i raggi che formano il cuore che avvolge tutto.

Ci sono tre tipologie di animali:

La tigre:

Animale associato a Dionisio, divinità androgina che rappresenta sia il maschile che il femminile. Viene identificato come il dio del fluire, il dio che contiene la scintilla creativa, ricordate le parole del testo delle canzoni? E' anche un simbolo di rabbia inespressa e crudeltà, simbolo di potere dell'uomo che ha successo e forza (distruttiva e creativa). È associato al lato oscuro dell'anima e al buio (punto di assenza di luna nel cielo, inizio della luna nuova). La forza distruttiva della tigre è legata alle potenze demoniache, alla forza distruttrice della natura, al potere personale dell'uomo e alla sua autostima, è legato alle passioni carnali e ai desideri più profondi.

Il pavone:

Viene definito "lo splendore celeste" per i suoi tanti occhi sulla coda che ricordano le miriadi di stelle (anche in questa immagini ci sono le stelle). È un simbolo legato alla crescita spirituale (quale?) e alla divinità femminile Giunone. In Cina rappresenta la madre celeste della compassione, l'eternità e il paradiso. La rotazione della sua coda, una volta aperta, rappresenta il sole.

Il pesce:

È una rappresentazione molto utilizzata nelle religioni antiche (anche in quella cattolica) e rappresenta la fertilità e l'abbondanza. In questo flyer i pesci volano, non sono nel loro ambiente abituale, quasi a fuggire dall'acqua. Nelle culture orientali sono un simbolo funebre e anche di rinascita.

In basso c'è il fiore di loto (come poteva mancare?) e altri riferimenti minori. Ad esempio J. è posto sulle acque, a dominio delle stesse, le acque nelle Scritture rappresentano moltitudini e popoli.

Poi uno dei sette angeli che avevano le sette coppe venne e mi disse: "Vieni, io ti mostrerò il giudizio della grande meretrice, che siede sopra molte acque, con la quale hanno fornicato i re della terra, e gli abitanti della terra sono stati inebriati col vino della sua fornicazione". (Apocalisse 17:1-2)


Questo a dimostrare che ogni messaggio veicola un significato esoterico ben preciso, che ha il suo compimento nel grande rito orgiastico della festa in spiaggia, così come tutte le antiche tradizioni tribali ancora oggi compiono di fronte al fuoco o in cerchio. Questi rituali hanno il loro apice proprio quando sono presenti molte persone, che attraverso questa "comunione spirituale" aumentano la potenza del rito stesso. Per questo i concerti, gli stadi e tutti i luoghi di raccolta di molte persone, danno sfogo alle più basse e carnali passioni umane, al degrado dell'uomo che crede di esercitare una libertà che non possiede.

Basta a noi infatti il tempo della vita che abbiamo trascorso a soddisfare le cose desiderate dai gentili, quando camminavamo nelle dissolutezze, nelle passioni, nelle ubriachezze, nelle gozzoviglie, nelle baldorie e nelle abominevoli idolatrie. (1 Pietro 4:3) 

Il cherubino più noto, il bugiardo, l'oppositore chiamato satana, si è ribellato al progetto del Padre, per questo ancora oggi siamo sotto il gioco del maligno, in attesa della vera liberazione.

Per l'abbondanza del tuo commercio, tutto in te si è riempito di violenza, e tu hai peccato; perciò io ti caccio via, come un profano, dal monte di ELOAH e ti farò sparire, o cherubino protettore, di mezzo alle pietre di fuoco. (Ezechiele 28:16)

Siamo in un tempo molto chiaro secondo la Rivelazione del progetto di YHVH, per questo ognuno deve separarsi da ogni contaminazione che possa condurlo a vivere nel peccato e nella falsa religione del mondo, che vuole un uomo libero di compiere ogni bassezza e immoralità, semplicemente per soddisfare il proprio soddisfacimento egoistico.

Sei interessato ad approfondire questi ed altri simbolismi esoterici, veicolati in modo subdolo e bugiardo, occulti all'occhio comune? Contattami a questo indirizzo: freenfo@gmail.com

In quel tempo Yahushua prese a dire: «Io ti rendo lode, o Padre, Eloah del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e agli intelligenti, e le hai rivelate ai piccoli. (Matteo 11:25) 

In Verità

16 agosto 2019

Vincere il Peccato

Ognuno di noi è sottoposto quotidianamente a pressioni di vario genere, siamo vittime di pensieri carnali, di pensieri che altri volgono verso di noi, di ogni cosa che circonda invisibilmente i nostri corpi. Questi influssi sono deleteri per l’uomo, nella misura in cui l’uomo non è padrone della propria vita (spirituale). Molti si ritrovano in un circolo vizioso, dal quale è impossibile liberarsi, a causa dell’ego e dell’incapacità di amare sinceramente. Nelle Scritture ci sono molti esempi di uomini e donne che hanno vissuto questa esperienza, in tutti i casi è finita molto male. Queste persone sono impazzite, hanno commesso varie iniquità e opere malvagie, fino a morire o a togliersi la vita (Caino, Cora, Saul, Giuda, e molti altri...). Questo perché ognuno di loro aveva un profondo conflitto con Eloah Padre, un conflitto all’interno del cuore (nella parte più intima e profonda).

Se agisci bene, non rialzerai il volto? Ma se agisci male, il peccato sta spiandoti alla porta, e i suoi desideri sono rivolti contro di te; ma tu dominalo!» (Genesi 4:7)

Caino si lasciò dominare da pensieri malvagi verso suo fratello Abele, tanto da arrivare a commettere omicidio. Come può un uomo arrivare a tanto, senza per altro esser stato accusato o aver subito alcun torto? Come può un uomo invidiare a tal punto suo fratello a causa del suo rapporto amorevole con Dio?

Questo è inspiegabile all’occhio umano, eppure accade ogni giorno. Accade perché l’uomo perverte la propria vita seguendo il male, ama comportamenti e pensieri che non sono sani e li desidera nel profondo del suo cuore. Questo separa il collegamento spirituale con ogni pensiero benedicente che viene dallo Spirito del Padre.

Beato l'uomo che non cammina nel consiglio degli empi, non si ferma nella via dei peccatori e non si siede in compagnia degli schernitori, ma il cui diletto è nella legge di YHVH, e sulla sua legge medita giorno e notte. (Salmi 1:1-2)

Perché risulta così difficile seguire una via retta oggigiorno? Le risposte sono molteplici...
  • Molto spesso amiamo maggiormente quello che il mondo offre ai nostri sensi, per questo motivo continuiamo a riempire le nostre vite con esperienze futili e vuote, che sappiamo essere tali perché ogni volta lasciano in noi un senso di colpa e insoddisfazione crescente. Tuttavia, continuiamo a fare sempre gli stessi errori, come un disco fallato che ripete la stessa traccia di continuo.

    Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; e chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me. (Matteo 10:37)
  • Seguiamo quello che fa la maggioranza nel mondo, e non solo quelli lontani, ma anche quelli che sono a noi più vicini, in famiglia, nel nucleo delle amicizie, nelle relazioni quotidiane, nelle unioni marito-moglie. Questo perché il senso di appartenenza è qualcosa di innato nell’uomo, che ha piacere nel condividere e sentirsi apprezzato dal prossimo (differenza fra amore-possessivo-bisognoso e vero amore incondizionato).

    Non amate il mondo né le cose che sono nel mondo. Se uno ama il mondo, l'amore del Padre non è in lui. (1 Giovanni 2:15)
  • Lo scoraggiamento a causa dei nostri fallimenti nella vita, è un altro motivo che perverte la nostra capacità di amare e di compiere opere eccellenti, i ripetuti errori ancora una volta ci conducono alla consapevolezza di non essere all’altezza, capaci, degni, utili, in poche parole, di essere noi stessi un fallimento. Questo pone le nostre vite in balia di spiriti che non possiamo vincere con le nostre forze e che finiscono per dominarci e possederci nella mente e nel cuore.

    Perciò non ci scoraggiamo; ma, anche se il nostro uomo esteriore si va disfacendo, il nostro uomo interiore si rinnova di giorno in giorno. (2 Corinti 4:16)
  • La ribellione verso ciò che è giusto e sano, perchè l’uomo tende a giudicare da solo ciò che è buono per la sua vita. L’uomo carnale in questo fallisce ogni volta, perchè il suo giudizio è nullo di fronte alle leggi della vera Giustiza del Padre. Questo lo rende ancora più ribelle e irritato verso Dio, che non vuole accettare come supremo Giudice e guida per la sua vita.

    L'ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà e ingiustizia degli uomini che soffocano la verità con l'ingiustizia. (Romani 1:18)
  • L’ostinazione di non voler ascoltare il consiglio dei saggi, il consiglio di coloro che già vivono in comunione con Eloah, che se pur peccatori come tutti, hanno scelto di non perseguire le vie del peccato, ma vivono giorno e notte l’unione con Dio e con il Figlio Yahushua; comprendono la condizione umana (della carne), ma aspirano continuamente a quella spirituale, a quella separata da ogni male.
     
    La via dello stolto è diritta ai suoi occhi, ma chi ascolta i consigli è saggio. (Proverbi 12:15)
  • Il guardare continuamente alla propria condizione umana e personale, piuttosto che dedicarsi sinceramente agli altri. Questa componente egoica è molto sviluppata in coloro che non vogliono arrendersi e abbandonarsi a Colui che può salvarli. Confidare nelle proprie forze è una delle cause dello scollamento spirituale con Dio, perchè pone noi stessi nella condizione di essere “dei” delle nostre vite. Se il nostro cuore si troverà in questa condizione, non potrà mai apprezzare il vero amore che Eloah riserva a tutti i suoi figli. Un vaso già pieno non può contenere nulla di nuovo e puro, finchè non viene svuotato del vecchio contenuto; per questo è necessario conservare questo desiderio nel cuore, e non quello di voler combattere o perfezionare le nostre vite con le nostre forze, questo è impossibile. L’unico vero combattimento è contro le forze ostili e gli spiriti malvagi che operano in questo mondo, per tutto il resto è necessario concedere allo Spirito Santo di agire in noi, affinchè possa guidare al meglio le nostre vite, secondo un progetto più alto e perfetto, nei tempi e nei modi che Egli conosce perfettamente.

    Abbiate tra di voi un medesimo sentimento. Non aspirate alle cose alte, ma lasciatevi attrarre dalle umili. Non vi stimate saggi da voi stessi. (Romani 12:16) 

    Ma cosa è il fallimento?
Chiunque commette il peccato trasgredisce la legge: il peccato è la violazione della legge. (1 Giovanni 3:4)

Il peccato (fallimento) è la trasgressione della legge, una serie di Leggi che sono alla base di questa Creazione. Ogni qualvolta non amiamo queste leggi perfette che ci mettono in comunione con Eloah, noi stiamo mancando l’obiettivo, stiamo confidando in noi stessi e lasciando che il nostro corpo (mente) sia un veicolo per il peccato.

Allora i figli d'Israele gridarono a YHVH, dicendo: "Abbiamo peccato contro di te, perché abbiamo abbandonato il nostro Eloah e abbiamo servito i baal" (Giudici 10:10)

Baal in ebraico significa “signore”, era riferito agli idoli dei vari dei edomiti, fenici, e di molte altre potestà dei tempi antichi. Oggigiorno i “signori” moderni sono i nostri idoli interiori, i nostri desideri di successo, di denaro, di potere, non solo i vari idoli o statue che raffigurano divinità (o personaggi famosi, vip, grandi manager, influencer, ...). Ogni cosa che si intepone fra noi e Eloah YHVH è di fatto un idolo e signore al quale noi diamo credito. Per il mondo questo è del tutto normale, ogni peccato è stato sdoganato. Siamo ad un livello di decadimento della società che ormai ha superato quello che la Scrittura descrive come “i giorni di Noè” (Matteo 24:38-39), oppure quelli di Lot (Genesi 19:15). Per questo motivo è importante oggi essere “separati” dal mondo che vive e si alimenta di questi desideri. Ogni volta che noi siamo attratti dal mondo e dalle sue “magie, incantesimi” ne veniamo contaminati e diventiamo schiavi del peccato. È una legge che pone l’uomo di fronte ad una scelta: essere o non essere figlio di Eloah.

L'empio è preso nelle sue stesse iniquità e trattenuto dalle funi del suo peccato. (Proverbi 5:22)

Figlio mio, se i peccatori ti vogliono sedurre, non acconsentire. (Proverbi 1:10)

Tutti gli uomini sono peccatori, ma alcuni di loro non desiderano il peccato, vivono in costante comunione con i propri fratelli e con Dio, al fine di essere preservati dal fallimento del peccato, che conduce solo alla morte (Romani 6:23). Acconsentire al peccato significa: dare il proprio consenso, approvare. Nessuno che abbia nel cuore Eloah vuole acconsentire al peccato, anzi lo fugge e si oppone per mezzo dello Spirito Santo e della preghiera, il suo cuore è compunto e straziato anche al solo pensiero di sporcare il suo rapporto con il Padre.

YHHV rispose a Mosè: «Colui che ha peccato contro di me, quello cancellerò dal mio libro! (Esodo 32:33)

Nessuno che afferma di credere vuole essere cancellato dal libro della Vita, un libro in cui ci sono inscritti tutti coloro che hanno compreso veramente la Via mostrata da Yahushua (Rivelazione 3:5). Coloro che si sentono intrappolati e vinti dal peccato, sono anche coloro che confidano maggiormente nelle loro capacità intellettive, nella loro vita e nei legami con la loro personalità. Sono spesso persone egoiche, prive di sentimenti e di sincerità, prive di vera fede in Yahushua.

Come può una persona vincere il peccato se non è disposta a prendere il proprio palo - cioè la morte della vecchia personalità basata sul proprio ego - e seguire il Maestro?

Allora Yahushua disse ai suoi discepoli: «Se tu vuol venire dietro a me, rinuncia a te stesso, prendi il tuo palo e seguimi. (Matteo 16:24)

Come può un credente affermare di essere tale, se nel cuore non ha la volontà di mettere Eloah al primo posto nella sua vita?

Questa è l’unica risposta, una risposta che distrugge i vani ragionamenti, le fortezze di satana che vuole rinchiuderci in una prigione senza sbarre, invisibile, una prigione senza acqua e pane (simboli della Vita in Yahushua), senza salvezza.


Ognuno che sente di essere stato chiamato, è anche chiamato a rispondere, con una scelta, l’unica possibile: morire e rinascere come una persona nuova, come un servitore ubbidiente e fedele, umile nei pensieri e potente nelle opere della fede, perchè animato non più delle sue forze, ma dalla Forza dello Spirito Santo, che è potenza.

Ora sia ringraziato Eloah, perché eravate servi del peccato, ma avete ubbidito di cuore a quell'insegnamento che vi è stato trasmesso. E, essendo stati liberati dal peccato, siete stati fatti servi della giustizia. (Romani 6:17-18)

In Verità