Aerei nell'antico Egitto: la storia censurata

Questo articolo pone il dubbio sulle reali conoscenze egiziane e la loro evoluta società, mettendo insieme dati oggettivi e riflessioni puntuali. Mi scuso con i lettori per la mia latitanza dal Blog, ma gli impegni mi lasciano poco tempo per nuovi articoli e adeguati commenti. Buona lettura.

Fonte: http://scienzamarcia.blogspot.com



Questo è un reperto storico di indubbia autenticità che da molto fastidio alla storiografia ufficiale.

Decisamente molto fastidio, perché come vedete in questa architrave di un antico tempio egizio sono presenti delle chiare raffigurazioni di mezzi da trasporto a noi contemporanei: sicuramente un aereo e un elicottero, poi un veicolo che sembra un sommergibile ed un altro che pure avendo le caratteristiche di un aereo (ala verticale, e non orizzontale come gli uccelli) assomiglia un po' di meno ad un velivolo odierno.

Indovinate qual è l’interpretazione ufficiale degli “storici”? Coincidenza!

Coincidenza? Sì, sì, coincidenza dicono loro, è solo una coincidenza, solo una curiosa coincidenza! “Forse sono dei particolari geroglifici che assomigliano a moderni mezzi aerei” dicono loro!

Leggendo simili bestialità viene da ridere, da contorcersi dalle risate, ogni volta che gli storici si imbattono in disegni, fregi, mosaici, statue o altri reperti che rappresentano qualcosa di anacronistico, qualcosa che sembra contraddire la loro interpretazione della storia antica se la cavano con frasi del seguente tenore: “è una pura coincidenza” (sì, certo perché non avete alcuna idea di cosa sia la statistica), “è un mistero” (quel reperto contraddice tutte le vostre teorie ma non sapere come trarvi d’impaccio) .

A proposito della “coincidenza”, immaginate di assegnare un valore alla probabilità che un artista raffiguri “casualmente” un oggetto di fantasia che coincide con un oggetto realizzato nel futuro. Vogliamo associare a tale evento una probabilità molto bassa del tipo 1 su mille? Bene, visto che ci sono affiancati l’uno all’altro ben 4 veicoli futuristici la probabilità composta inizia a diventare sensibilmente più piccola, per essere precisa pari al prodotto di 1/1000 per 1/1000 per 1/1000 per 1/1000, ovvero una probabilità di uno su mille miliardi.

Per essere precisi (e non indottrinare come fanno gli storici ortodossi) bisogna precisare che una simile probabilità andrebbe moltiplicata per il numero delle rappresentazioni di fantasia degli antichi artisti, che sicuramente sono un numero elevato … ma non troppo, perché si tratta per lo più di una serie alquanto limitata di stereotipi come per esempio: il dio con la testa di ibis, il dio con la testa di sciacallo, il drago, il serpente marino etc. Si tratta quindi, se ci limitiamo all’arte dell’antico Egitto (ma correggetemi se sbaglio) di un numero limitato di enti fantastici che spesso si ripetono, insomma un numero che volendo esagerare arriva al migliaio.

Il calcolo delle probabilità (che è uno degli argomenti che insegno come docente) per il nostro caso consiste nel moltiplicare il numero di rappresentazioni di fantasia per la probabilità che una singola opera di fantasia coincida con un oggetto reale: moltiplicando un miliardesimo per mille otteniamo la cifra assolutamente irrisoria di un miliardesimo. Capite adesso perché non credo alle “coincidenze casuali”, perché io la statistica la conosco! :)

Lo riconosco, il calcolo potrebbe essere viziato dal fatto che ho assunto pari ad 1/1000 la probabilità che un artista casualmente creai un oggetto di fantasia che coincide con un oggetto reale.

Avete ragione, forse il numero esatto è molto più piccolo. Per comprenderlo basta rispondere alle seguenti domande. Quanti enti di fantasia esistono? E qual è il rapporto fra il numero degli enti reali e quelli dei possibili enti inventati con la fantasia? Il rapporto tra enti reali ed enti immaginati è per definizione infinitesimo perché non c’è limite alla fantasia, dico giusto? Invece di mettere quel termine infinitesimo ho messo nei calcoli un numero piccolissimo ma finito.

Qualcuno pensa che nonostante tutto io abbia esagerato? Va bene, facciamo finta che abbia un po' esagerato e che il termine esatto da mettere in quel calcolo sia 1/100 e nom 1/1000. Il risultato finale diventa un milionesimo!

[Mi rendo conto tuttavia che questo è un punto della mia trattazione che può sembrare lo stesso un po’ controverso, e mi riprometto di aggiungere alcune precisazioni in una successiva versione di questo articolo].

Le singolari raffigurazioni “fuori posto” di cui stiamo parlando si trovano nel tempio Egizio di Abido, costruito qualche millennio fa quando ufficialmente gli aerei e gli elicotteri non solo non esistevano, ma addirittura non era mai stati costruiti, per cui non sarebbe potuto esisterne nemmeno il ricordo.

Se però voi non credete all’ipotesi della “curiosa e singolare coincidenza” (diamine, questa sì che è cospirazione, stanno cospirando nel nascondere un segreto scomodo) e se non avete paura di prendere in esame anche ipotesi che risultino “eretiche” per gli “storici ortodossi” avete a disposizione qualche spiegazione un po’ più seria. Da notare che io non mi permetto di fare come “loro”, gli storiografi ufficiali che sanno con certezza quale sia l’interpretazione esatta, ma espongo un elenco di possibilità, rispetto alle quali sono ancora alla ricerca di riscontri oggettivi.

a) Non c’è niente di nuovo sotto il sole, l’uomo aveva già conquistato il cielo diversi millenni fa, forse ai tempi di “Atlandide” (ovvero delle civiltà precedenti alla grande catastrofe passata alla storia come “diluvio universale”, che fu però probabilmente molto più di un diluvio). Al grande cataclisma del 9.600 a.C. (che causò la scomparsa di un ingente numero di specie animali) e che coincise sicuramente con lo scioglimento di immensi ghiacciai può essere dovuta la distruzione di una civiltà avanzata, i cui pochi superstiti mantennero ancora per qualche secolo conoscenze e tecnologie avanzate in un mondo ritornato all’età della pietra diventando “re leggendari”, “dei”, “civilizzatori dei popoli”. Qualche velivolo può essere rimasto in funzione per diversi secoli, qualcuno può essere stato ricordato nelle leggende, raffigurato nei disegni, nelle pitture, a loro volta ricopiate da artisti successivi; una di queste ultime raffigurazioni copiate da esempi artistici precedenti è appunto quella di Abido.

b) Stesso scenario del caso precedente ma qualcuno ha preservato anche la capacità tecnica di assemblare aerei anche per diversi millenni, anche se poi tale conoscenza/capacità si è persa del tutto. L’artista ha raffigurato qualche velivolo costruito dall’uomo che ha avuto modo di vedere di persona.

c) Qualche velivolo di origine extraterrestre si è fatto vedere alquanto spesso nell’antico Egitto al punto di essere raffigurato nel tempio di Abido.

Io personalmente propendo per una delle prime due spiegazioni anche perché i velivoli rappresentati assomigliano un po’ troppo a dei manufatti tecnologici umani a noi ben noti.

38 commenti

complimenti per l'articolo.

Reply
Anonimo mod

Ma quante altre buggie ci devono ancora somministrare..gente pecora...ci hanno inganati e truffati della sapienza..tutto sta crollando spero che avenga subbito

Reply

chissà cosa ne pensa zaki hawass...ecco, personaggi del genere credo siano palesemente ammaestrati e corrotti per raccontare fuorvianti frottole alla gente. la storia andrebbe riscritta. ciao freenfo, ciao a tutti!

Reply

Attenzione.
Di questo "OOPART" e' stata data una spiegazione ortodossa sul mensile Hera, sicuramente una delle migliori riviste in circolazione, tutto l'opposto di un Focus o di un Newton. Basti pensare che ospita una rubrica di nientepopodimeno che Michael Cremo, quello di "Archeologia Proibita"!
Purtroppo non ricordo in quale numero si parla degli aerei d'Egitto, comunque in breve la tesi e' che si tratti di geroglifici sovrapposti.
Certo, detto cosi' suona banale, ma ripeto su Hera pubblicano articoli che regolarmente sputtanano Zaki Hawass, quindi da loro ogni tanto qualche spiegazione ortodossa la posso accettare.

Reply

sì, su questo reperto ho letto anch'io qualcosa del genere. in ogni caso questo non cambia il fatto che la storia sia piena di menzogne orchestrate da un'èlite e tramandate in maniera superficiale da personaggi quali awass. saluti!

Reply

Alanblog, grazie, l'articolo comunque è di Corrado di scienzamarcia.blogspot.com

Ragazzi, continuerò a dirlo all'infinito, questi post servono per svelare alcuni aspetti della nostra controversa storia. Questo non significa che tutto sia vero e verificabile. Sta a noi discernere...

Un caro saluto a tutti i cercatori

Reply

Sul fatto che "qualcosina" del nostro passato ci viene nascosto da chi comanda, beh, non posso essere che d'accordissimo al 1000%
Mi seccherebbe solo che ora qualche fanatico del Cicap dicesse: "Toh!i soliti creduloni che hanno visto troppi Indiana Jones...!"
Raccomando a tutti la lettura -pesante, ma necessaria- di Archeologia Probita di M.Cremo.
Anzi,comprate Hera in edicola, fate prima.

Reply

Cercehrò di informarmi su quel numero di Hera, non so se si trova qualcosa in rete.

Però ... geroglifici sovrapposti che per caso generano quel disegno così nitido? Il calcolo delle probabilità che una cosa del genere succeda da risultati incredibili.

Perchè "per caso" e non per mano di un artista (che può essere ancorato alla realtà anche quando cerca di creare un'opera di fantasia) si possono creare letteralmente miliardi di forme.

Qui c'è qualcuno che pensa che moltiplicando un miliardesimo per sè stesso quattro volte (sissignore, un miliardesimo alla quarta potenza, ossia uno diviso 36 zeri) si ottenga una probabilità sensibilmente diversa da zero?

Anche se devo sempre presupporre che un mio sbaglio sia possibile (non ho poteri divini) mi verrebbe da scrivere a quei signori di Hera
quel numero con tutti gli zeri prima della virgola: probabilità calcolata che succeda per caso quanto loro asseriscono: 0,00000000000000000000000000000000001

e che dire allora degli aerei colombiani?

geroglifici sovrapposti anche quelli? scusate ma mi viene da ridere

Ah sì, vero dimenticavo, sono statuine zoomorfe, a forma di uccelli ... uccelli con la coda verticale come quella degli aerei

Monili che danno ottime rese nelle gallerie del vento

E' un altro argomento di cui vorrei scrivere al più presto ma per ora accontentatevi di questo

E poi ci sono da citare le "leggende" degli indiani Hopi (America) e degli indiani d'India che "casualmente" narrano di "carri volanti" utilizzati per trasportare persone e per fare la guerra. "Casualmente" la fantasia di queste popolazioni ha descritto persino il resoconto di un bombardamento così veridico che sembra di avere davanti agli occhi la scena di un bombardamento (forse nucleare, forse con potenti bombe al fosforo).
Ne ho parlato sul mio blog
http://scienzamarcia.blogspot.com/2008/01/energia-atomica-nei-tempi-antichi-la.html

Cmq per i momento guardatevi le foto di questi altri "aerei secolari"

http://web.genie.it/utenti/m/mysteryworld/aereiant.html

e forse è il caso di riguardare la foto di Abido

Reply

su "archeologia proibita" di Cremo e Thompson

L'ho letto ed è molto interessante ed istruttivo

Però i due non si son resi conto che dietro quel gran pasticcio di datazione degli ominidi e di ricostruzione della genealogia dell'uomo ce sono degli enormi errori nel metodo di radiodatazione che è ben poco affidabile

Quindi il libro è ottimo ma se continuiamo a fidarci dlle radio-datazioni non credo che riusciremo a venire a capo di nulla
Io ho provato a scrivere qualcosa su quel problema

http://scienzamarcia.blogspot.com/2008/01/i-problemi-della-datazione.html

PS: su internet non ho trovato accenni a quel numero di Hera, se qualcuno sa esattamente quale numero fosse, quando è uscito in edicola ... mi piacerebbe procurarmelo e leggerlo di persona

Reply
Anonimo mod

Dovete assolutamente leggere i testi che seguono:
"RAMAYANA" Maharishi Valmiki;

"IL PIANETA DEGLI DEI" Z. Sitchin

"GUERRE ATOMICHE AL TEMPO DEGLI DEI" Z. Sitchin


Walter

P.S. Non fate i furbetti e leggeteli ma.....solo se vi volete bene!!!

Reply

concordo, sono libri interessanti, anche se non concordo con le interpretazioni di Z. Sitchin devo dire che riporta moltissimi datiinteressanti, soprattutto nel pianeta degli dei, il mio preferito

Il rmayana non l'ho ancora letto, ho letto un sunto del Mahabarata, ma era troppo condensato e lasciava fuori le parti più interessanti. Non so dove trovare l'edizine integrale in Italiano

Reply

Fermati un momento Corrado! Intanto non fidarti solo di quello che ti ho scritto io! Prima di incacchiarti trova l'articolo di Hera (credo a firma di Adriano Forgione) e leggi le spiegazioni. Quelli di Hera sono i primi a sostenere le nostre posizioni. Fanno vignette satiriche su Zahi Awass e -ripeto- c'e' una rubrica di Michael Cremo (ma lo sai chi e'? Spero proprio di si'), tanto per non citare tutto il resto.
Leggo Hera da 6 anni e proprio li' ho trovato la pubblicita' della mostra "Unsolved Mysteries", che ho visitato a Vienna e che raccoglieva una marea di Ooparts, tra cui il martello di ferro purissimo incastonato nella roccia
e le pietre di Ica.
Quindi se anche gli aerei egizi non fossero aerei ma geroglifici, abbiamo molte altri "reperti fuori posto" che sputtanano alla grande l'archeologia ufficiale.
Capisco che sia impossibile leggere tutti le spiegazioni e le contro-spiegazioni, ma il Cicap & co. ci richiedono un altissimo livello di attenzione. Noi cerchiamo dunque di essere piu' bravi di loro quanto a competenza, poi chi e' in mala fede si sbugiarda da solo, prima o poi.

Reply

sto rileggendo con attenzione "il pianeta degli dei" proprio in questi giorni...sarebbero troppo le informazioni da verificare. tuttavia lo trovo molto interessante e pure credibile...da ragazzo leggevo kolosimo, per cui sitchin ed icke per me sono uno spasso! sicuramente più stimolanti della scienza e della religione ufficiale. a proposito, pietosissima la diatriba papa/la sapienza....che sia uno squallido giochino per rendere più popolare un papa poco amato? ci sarebbe da indagare...saluti a tutti.

Reply
Anonimo mod

Concordo pienamente.
Provate a leggere qualche libro di Graham Hancock

Reply

Carissimi è un piacere vedere così tante opinioni e informazioni interessanti. MI inchino a così tanta conoscenza...

Ciao a tutti

Reply

per aladar

non mi incacchio con te

solo che la spiegazione di Hera non mi confinfera per niente

Non si tratta di quattro macchie di pittura che possono formare contorni simili a quelli di un volto umano

Ma di 4 disegni, uno accanto all'altro, che raffigurano 3 veicoli moderni ed un quareto che sembra proprio un veicolo di forma sconosciuta, le coincidenze sono troppe.

Cmq hai ragione, devo assolutamente cercare di leggere quell'articolo per non rischiare di fare una "brutta figura" (cosa che cmq non escludo del tutto perchè non voglio vendere verità assolute)

Il libro di Cremo l'ho letto anni fa, e ripeto è interessantissimo ma non affronta il problema delle radiodatazioni.

PEr stendec, stavo scrivendo proprio ogggi un post per il mio blog che ricalca la tua analisi sull'evento papale. Per me si tratta sostanzialmente di uan "notizia vuota" messa lì come l'omicidio di Chiara Poggi, per farci ragionare, discutere, litigare su grandi stronzate mentre non si discute degli affari sporchi e delle commistioni fra vaticano, finanze vaticane, banche, massoneria etc etc., costruzione artificiale della religione cristiana, adulterazione del significato letterale dei vangeli e della bibbia etc. etc.

Per non parlare del terrorismo del NWO

Reply

Caro Corrado, intendevo incacchiarti con quelli di Hera, proprio per questo ho cercato di esporre le loro virtu', per dimostrarti che sono competenti e sono dalla nostra parte.
Per ora dimentica la parola "geroglifico" fintanto che non trovi quell'articolo.
Anche a me non convince l'idea che si tratti di geroglifici...ma proprio perche' tengo la mente aperta a ogni possibilita', so che alle volte, per esempio, i dischi volanti sono proprio dei palloni sonda!
Ripeto, poniamo che siano solo geroglifici: nessun problema, resta la massa di "reperti impossibili" (nascosti, ignorati, confutati frettolosamente) che sbugiarda
l'archeologia "ufficiale".
Ciao

Reply

Sulle riviste "dalla nostra parte"

Una volta credevo che il quotidiano "il manifesto" fosse "dalla nostra parte" finchè non mi sono reso conto che difendeva l'indifendibile: psichiatria, trapianti, governo "di sinistra".

Così magari credevo una volta che "diario" fosse dalla nostra parte, ma poi ho visto che anche quelli supportano la "lotta all'AIDS" nonchè di perdono in difese a spada tratta della teoria governativa USA che l'attentato dell'11 settembre è stato organizzato dai terroristi arabi (udite udite! non credono nemmeno alle foto ufficiali che sbugiardano da sole quella menzogna!)

Bene, "diario" non è "dalla nostra parte".

Stesso discorso per M Moore, che a volte mi chiedo se fornisce un abile "alibi di seconda scelta" all'amministrazione americana

Reply

sì corrado, la vicenda papale è da annoverare tra le notizie costruite per fare da riempitivo a telegiornali che non affronteranno mai i problemi più grossi. così si rinnova la diatriba religione/scienza, addirittura dx/sx! che farsa...e vai con i vari maestri di inettitudine quali casini e gli opportunisti agli ordini del nwo quali veltroni che sparano indignati le loro banalità...e la gente segue a ruota, esprimendo punti di vista che non sono altro che quelli detti dai tg...perdipiù adesso il papa adesso è visto con simpatia, come un povero vecchietto che voleva poi solo dare qualche consiglio ai giovani e che invece è stato cacciato dai soliti anticlericlali...

Reply
acquaemotion mod

ben detto corrado.

Dalla nostra ci siamo solo noi aggiungo!

Reply
acquaemotion mod

correggo

dalla nostra parte ci siamo solo noi stessi intendevo

Reply
Anonimo mod

Caro Freenfo sono il figlio di Angela che momentaneamente e senza connessione e non puo commentare.
Un caro saluto Marco.

Reply

Va beh, da 6 anni a questa parte che leggo Hera mi sembra che la sua linea editoriale sia tutto tranne che dettata da Piero Angela.
Poi vedremo se 10,15 o 20 anni Hera diventera' una versione edulcorata di Focus.
E non si tratta nemmeno di uno specchietto per le allodole, perche' Hera di informazioni inedite o introvabili ne passa parecchie.
Poi che dire, non voglio fare troppa pubblicita'...compra 2 o 3 numeri e giudica tu stesso!

Reply

complimenti per l'articolo Freenfo

Reply

per aladar

il mio scetticismo è un po' generico e generalizzato, e quindi sono disponibilissimo a credere che Hera sia tutto sommato una buona rivista.

Insomma mi comprero' un numero per intanto e poi cerchero' di beccare quell'arretrato scrivendo alla direzione ... magari postero' il sunto di quel famoso articolo il giorno che riuscissi a trovarlo.

Reply

anch'io ho sentito dire che sono due immagini sovrapposte.

pero' molte civilta' antiche hanno immagini che raffigurano alieni o mezzi inpensabili per quei tempi.
pensiamo ai maya per esempio.

sono tutte coincidenze??? mah mi risulta un po' strano.

ciao freenfo

Reply

"Le coincidenze sono isole", recita un antico detto.

Ciao a tutti!

Reply
Anonimo mod

Per chi volesse leggere il "Ramayana" consiglio il testo delle "Edizioni Vidyananda". E' l'edizione più fedele all'originale dove, per intenderci, la parola "missile" è mantenuta tale e non tradotta con "freccia", dove la descrizione del "pushpaka" di Ravanna è talmente fedele da non potersi confondere con "carro trainato da cavalli alati". Buona lettura!!!!


walter

P.S. Per il mio compleanno vorrei regalarmi un libro di Hancock. Con quale devo iniziare?

Reply

x Walter
grazie per il consiglio sul ramayana, provero' a chiedere in libreria

Per il libro di Hancock consiglio assolutamente "impronte degli Dei", ma anche "il mistero di Marte" scritto in coppia con non mi ricordo chi è stata una lettura molto interessante.

Io a giorni ordinerò "Ossimoro Marte" sprando sia un libro serio.

Reply

secondo me la spiegazione dell'esistenza dell'aereo ai tempi degli egizi si può trovare semplicemente guardando le piramidi. Cavoli, le piramidi esistono sia in Africa che in America, benchè ai tempi non vi fossero legami apparenti fra le popolazioni dei due continenti. E' qui che entra in scena l'aereo dell'antichità. Che permetteva di raggiungere la città Azteka direttamente dal Cairo, nel giro di 4 ore (stiamo parlando di mach 2!). Guardando su qualche sito ho addirittura scoperto il nome della compagnia aerea internazionale: la PyramidAir :)

si fa per schersare :p

Reply

Nikola, :D

Ciao...

Reply

Qualche tempo fa ho visto un documentario che trattava proprio quest'argomento... secondo il sagace conduttore "quegli strani geroglifici non sono altro che residui in rilievo di geroglifici sottostanti ancora più antichi che sono stati, per così dire, "inclusi" nel nuovo disegno"... ma ti pare? Residui dalla forma così inequivocabile?? E' la stessa storia delle rovine di un'antica città trovate sul fondo del mar della Cina qualche anno fa... i gradini scoperti sarebbero stati levigati dall'azione delle onde!! Che dire, hehehe!
Un abbraccio, Free, sempre grandi i tuoi post!

Reply

Un caro abbraccio anche a te! Grazie di essere passata... :D

Reply
Anonimo mod

vorrei fare una domanda a questo professore...ma a lei chi gli dice che quelle colonne non siano dei falsi?? io rimango sempre del parere che qualcuno si è divertito a fare delle foto a dei falsi repertie inviarli su internet..

Reply

Anonimo, tutto può essere, in ogni caso rimane strano!

Puoi trovare l'articolo originale e rivolgere le tue domande su Scienzamarcia.blogspot.com

Reply

sono una ragazzina di 14 e sn capitata casualmente in questo blog.. avendo visto in un filmato quell'immagine ho voluto informarmi di +.. e mi sn ritrovata qui.. ke dire sn daccordo con molti vostri commenti anke politici o religiosi ma alcuni commenti non li capisco molto.. scsate la mia ignoranza ma ho pur sempre 14 anni.. cmq cercherò di informarmi di + leggendo hera e mlt dei libri ke avete proposto ma tornando ai geroglifici mi sorge un dubbio.. perkè un'artista di quell'era ha voluto rappresentare dei mezzi come quelli senza alcun contesto come una nuova scoperta o addirittura una guerra?

spero di avere vostre notizie hila

Reply
Anonimo mod

Credo che il nostro amico conosca la scrittura geroglifica meglio di Jean-François Champollion!
Questo perchè dall'alto della sua sapienza statistica ci dice che nell'antico Egitto sopravvivevano superstiti di Atlandite o alieni in visita sulla terra.
Chi è che non sà che le piramidi sono state fatte da extraterrestri?
CAVOLO E' TUTTO TALMENTE OVVIO!

Ps: Studiate un pochino di antropologia, di fisica o di astronomia buffoni...

Reply
Anonimo mod

Salve a tutti ci tenevo a informarvi di una cosa che pultroppo ho solo sentito e non mi rikordo dove...probabile in TV.........Erano stati scoperti dei veri e propri modellini di aeri nell' Egitto con una materia ke non risale assolutamente ai giorni nostri....e c'è stato un altro ritrovamento (anke se nn c' entra cn gli aeri) di un teschio(finto) ritrovato dalle parti del Perù o Messico(sempre quindi dove c' erano popolazioni sviluppate,Maya..),,,Comunque di questo teschio fatto di un materiale(mi pare fosse un minerale)e ke per levigarlo senza appositi attrezzi solamente a mano ci sarebbe voluto tipo 2 mila anni.Questo crea dei "buchi" infatti nelle cose ke normalmente ci racontano. FORSE NON DOBBIAMO SAPERE QUALCOSA DI SCOMODO?........ciao a tutti =)

Reply

Posta un commento