Aspettando il Giappone

Ogni giorno l’economia mondiale è scossa dalle minacce dell’euro, del petrolio e dall’incertezza dei mercati. Questo blog è da sempre attento ai problemi economici, senza aver una preparazione in materia e senza conoscere le logiche perverse che regolano i mercati finanziari. Sembra tuttavia chiara la tendenza futura e il costante indebolimento a livello globale, che porterà inevitabilmente alla più grande depressione che l’uomo ricordi. Il petrolio continua la sua corsa inarrestabile, credo il punto di rottura si attesterà fra i 140 e i 160 dollari al barile. Questo limite facendo un rapido conto, dovrebbe giungere nella seconda metà di questo anno. Parallelamente l’euro diventerà sempre più forte, fino a doppiare la valuta americana, vittima dell’inadeguatezza della politica statunitense. La scelta di molti Paesi produttori di petrolio, di scambiare l’oro nero in euro piuttosto che in dollari, sta pian piano annichilendo la valuta americana. Un ruolo molto importante sarà anche interpretato dalle borse asiatiche e dallo yen, che sarà il precursore del tracollo definitivo dell’economia mondiale. In passato molte persone osteggiavano tali visioni futuriste, come vere e proprie fantasie paranoiche.

Oggi queste fantasie sono reali e noi tutti possiamo percepire tale crisi (nonostante i nostri politucoli scorrazzino per l’Italia a nostre spese) sul caro vita. Questi discorsi non interessano i grandi finanzieri e i grandi investitori, investono frontalmente i cittadini che lavorano, coloro i quali pagano le tasse e percepiscono un salario misero rispetto al costo della vita. Ogni bene di prima necessità è legato al petrolio, ogni cosa che acquistiamo è vincolata all’oro nero. L’aumento dei prezzi è da attribuirsi maggiormente a questa grande speculazione, ormai sotto gli occhi di tutti.

Il futuro governo Berlusconi-Veltroni dovrà necessariamente tornare a parlare di energia nucleare (anche se tutti sappiamo non essere una soluzione valida) e di crisi dei mercati, assisteremo ad uno dei periodi più brutti della nostra storia. Saremo umiliati e privati della dignità di uomini per ingrassare i banchieri che per anni ci hanno derubato di ogni forma di bene. Chi non avrà risorse, provviste e un luogo per ripararsi dovrà soccombere al futuro prossimo, senza potersi ribellare, senza avere alternative. Sarà bello ricordare il passato e sognare come era il bel Paese, prima che diventasse una colonia statunitense e poi una filiale della BCE.

Ti è piaciuto l'articolo? Votami su OK Notizie

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

18 commenti

Nonostante già ora noi si provi a mettere le persone sulla guardia, la GRANDE MASSA realizzarà solamente che sarà vero il GRANDE TONFO quando lo diranno i telegiornali e si vedranno le prime tensioni con le banche nei telegiornali e la crisi sarà totale.



Morpheus a Neo:

"Benvenuto nella tua desertica nuova realtà"

Reply

Acquemotion, credo tu abbia ragione...in ogni caso uomo avvisato...

Ciao, un abbraccio

Reply

questo è ancora un periodo di relativa tranquillità. pigramente ci avviciniamo al baratro...è già importante essere mentalmente preparati al peggio, la scossa sarà meno forte. ultimi beni rifugio sono i terreni agricoli, seppur sempre più avvelenati. chi ne ha ben si guardi da svenderli....cari saluti a tutti.

Reply

Quello che non ci dicono è che il petrolio costa così tanto perché è praticamente finito. E' inutile che ci raccontano la favoletta dell'aumento della richiesta da parte dei mercati emergenti, un incremento della domanda porta all'innalzamento dei prezzi solo se l'offerta non è in grado di coprirla.

La mia ipotesi è che ci venderanno il greggio fino all'ultima goccia, dopodiché se ne usciranno con uno dei brevetti già esistenti e depositati.

Il panorama che vedo più probabile è quello in cui ci proporranno l'idrogeno. Chiaramente solo dopo la privatizzazione della gestione della rete idrica. In questo modo potranno mantenere un monopolio ed imporre il prezzo che più gli aggrada.

Questi mi sembrano gli sviluppi più coerenti con le linee seguite dalla politica oggigiorno. Spero di sbagliare.

Reply

Stendec, la calma prima della tempesta?

ErSandro, il picco sembra esser stato raggiunto molto tempo fa ormai... anche se alcuni studi russi hanno fornito dati interessanti sul calcolo delle riserve. In ogni caso a prescindere da questo è singolare come l'uomo sia succube di un'economia petrolio-dipendente, senza creare le condizioni per una nuova fase storica ed economica. La risposta ovviamente è semplice, profitto finché ci sono risorse, poi si vedrà...

Ciao e grazie

Reply
angela mod

se è vero quello che ho letto...di petrolio ci sono abbondanti riserve ancora non sfruttate e....ben occultate!
la fine del petrolio è una bandiera sventolata dalle Banche(o Elite),per i loro nefandi scopi...
perchè nei loro perversi giochini rientra il collasso economico...
stiamo in mano ad autentici folli e inumani!
può sembrare fantasia...ma credo proprio che non lo sia!
ciao Freenfo!
come sempre una Buona Settimana!
angela

Reply

Angela, la realtà supera di gran lunga la fantasia. Buona settimana a te!

Un caro abbraccio

Reply

Freenfo,penso sia vero quello che dici,ma dobbiamo provare a cambiare il corso di questa triste storia.Non bisogna mai mollare,dobbiamo informare informare informare,quante più persone possibili..
La globalizzazione è da combattere.In giro ci sono persone come Pierluigi Paoletti,Nino Gallone,Marco Saba e tante altre persone che fanno informazione sulle monete complementari,e come sai ne stanno nascendo sempre di più,sono sicuro che la gente capirà il meccanismo della moneta non più a debito,ma sono anche abbastanza ottimista sull'altro discorso della "decrescita"..
Le 2 cose messe assieme faranno ritornare la voglia della comunità,certo sarà un lavorone da fare,però credo che mai come oggi la gente riesca a capire che solo il ritornare un pò alle loro origini o a quelle dei loro padri o nonni sarà la loro salvezza e dei loro figli.
Io ci voglio credere e spero vivamente che succeda.
Ti saluto

P.S mi scuso con te e con quelli che magari hanno commentato sul mio blog perchè ieri mi è andato in tilt tutto il blog e ho dovuto cancellarlo e rifarlo,perdendo così tutti gli articoli,spero che verrete nuovamente a commentare i miei articoli nonostante tutto.
Ancora un ciao a tutti

Reply

Di petrolio pare ne esista nelle viscere della Terra a dismisura anche perchè la teoria dell'origine fossile del medesimo viene considerata da studiosi non prezzolati una truffa colossale.
L'evidenza è che il petrolio non riconosce una origine fossile ma del medesimo se ne forma, attraverso meccanismi ignoti, in continuazione nelle profondità del pianeta. Altro che petrolio dalla cacca dei dinosauri.

Scoperti negli ultimi tempi immensi giacimenti al largo di Cuba, forse il motivo del siluramento da parte delle Sette Sorelle di quel mostro folle e sanguinario che fu Fidel.
E così demonio scacciò demonio.

L'aumento del costo del greggio appare del tutto immotivato, anzi esclusivamente un capriccio da parte della setta degli Illuminati che ogni anno in occasione della riunione dei Bilderberg stabilisce in anticipo e il costo delle materie prime e le fluttuazioni dei cambi e gli alti e bassi delle Borse mondiali.
Un ingranaggio assolutamente criminale che più criminale non si potrebbe. Gli immensi profitti realizzati tramite simili artificiose variazioni dei prezzi servono per pagare le immense spese militari da una parte e dall'altra della barricata ma anche per finanziare l'operazione scie chimiche (immagino un'operazione dal costo faraonico) oltre a foraggiare gli svariati 'black projects' che conosciamo appena di riflesso o solamente per sentito dire.

Reply

"appare del tutto immotivato",

ma non lo è!
dietro c'è sempre un bel piano diabolico di quei mongoloidi-giocolieri degli oscurati che non hanno altra distrazione o divertimento di manovrare il mondo!
un saluto
angela

Reply

Caro freenfo continua sempre cosí!
Ho messo su una paginetta per avere sott'occhio i principali canali di disinformazione. Tra questo ho inserito anche la tua!
Appena hai tempo dagli un occhio!!!

http://willoworld.googlepages.com/news

Reply

Davide,
grazie per il commento. Credo sia inevitabile la catastrofe alla quale stiamo andando incontro, poiché largamente studiata e pianificata da tempo. Io cerco di non mollare nella vita, nella mia lotta alla ricerca della verità, nel mio voler comprendere ed evolvere la mia consapevolezza. Il resto, sarà una conseguenza di questo cambiamento, sarà accettato come dono, qualsiasi esso sia. Un caro saluto

Reply

Paolo, le tue parole sono sempre molto precise e ben informate. Ho letto molto riguardo l'origine del petrolio e le sue riserve. Quello che descrivi è plausibile e per questo si comprendono le speculazioni in atto per renderci schiavi. Sappiamo benissimo come le élite di potere utilizzino tali risorse per controllare e finanziare i loro sporchi crimini, purtroppo possiamo solo sperare che un giorno tutto questo finirà. Grazie mille, un caro saluto

Reply

Angela, a quanto pare la loro è una vera ossessione, lo scopo distorto di una vita al servizio del male.

Ciao carissima

Reply

Nekradamus, ti ringrazio di cuore per l'affetto e la stima che dimostri. Per me è un vero piacere e un grande onore. Spero di poter continuare a soddisfare, almeno in parte, la curiosità dei lettori, fornendo solo dei piccoli ma significativi spunti di riflessione.

Un abbraccio

Reply

Da quello che si sente in tv, sembra che la priorità sia quella di scegliere tra il PD e il PDL...
E anche il 2008 è all'insegna del torpore!

Reply

Visione pessimistica? ...no fin troppo ottimista... l'ottimismo è il profumo della vita... per questo parto in Cina!!!

Reply

Serpentepiumato, PD o PDL sembra tanto il vecchio programma PDue...

Antonio, allora buon viaggio e buona ricerca, la Cina è terra di grandi misteri...

Ciao a tutti

Reply

Posta un commento