24 maggio 2008

La rondine

Mi ha sempre incuriosito il volteggiare spavaldo della rondine, una serie di evoluzioni impensabili ed elaborate. La coda biforcuta le permette di compiere qualsiasi traiettoria, grazie anche alle lunghe ali. Molto raramente si posa a terra a causa delle zampe corte e goffe, preferisce vivere in cielo, volteggiare in aria con fierezza. Ogni anno questi eleganti uccelli giungono ad annunciare il periodo caldo, per poi ritornare in Africa verso la fine dell’estate. Nella tradizione popolare la rondine annuncia la pioggia, quando comincia a percorrere evoluzioni basse e frequenti, come per avvertire dell’imminente acquazzone estivo. Tocca terra quasi esclusivamente per raccogliere fango per il proprio nido.

Mi piace associare la rondine all’uomo, un uomo che ricerca continuamente, un uomo che vola alto e si libra nell’aria libero e felice, ma di tanto in tanto torna al suolo per mantenere il contatto con madre terra. Un uomo in continuo movimento, che migra verso condizioni favorevoli per poi tornare alle proprie origini. Un uomo che riconosce le proprie radici e le usa per evolvere la propria condizione e volare alto nella vita. Un uomo libero di volare, libero di essere.

5 commenti:

  1. Anonimo02:18

    Profumi antichi nella piccola fattoria di Giovanna



    Oggi nell'aria riscopro , e sento quei profumi antichi

    di quando ero bambina.

    Nell'aria c'e' il profumo del fieno , dato dall'erba tagliata di recente , ci sono le mie pecorelle che

    pascolano dietro a casa mia , ed ogni tanto le loro

    testoline , fanno capolino da qualche ciuffo d'erba

    piu' alto , il canto del mio galletto , ed ogni tanto

    il coccode ' delle gallinelle che mi annunciano

    la deposizione del loro uovo.

    Con immensa felicita' in questi giorni ho avuto

    molte visite dalle piccole api , ho piantato lavanda

    perche' so , che a loro piace molto , sono molto

    ghiotte anche del nettare , dei fiori di Callistemon

    che assomigliano , a uno scovolino per pulire le

    bottiglie , le rose sono tutte fiorite , hanno

    riconosciuto ancora maggio il loro mese , per manifestarsi in tutta la loro bellezza.

    Ci sono molte rondini che svolazzano attorno alla

    mia casa , e riempiono il giorno con il loro cinguettio , sarei molto felice se scegliessero il

    mio sottotetto per costruirsi il loro nido , mi ritorna

    alla mente un triste ricordo , legato a loro .

    Quando ero bambina , precisamente a Susa ove

    sono nata , c'era un tizio , che con una lunga

    pertica faceva cadere i nidi , in strada , e a volte

    c' erano i piccoli rondanini nel nido , che cosi'

    morivano , ed io osservavo dalla mia finestra , e mi

    domandavo perche ' ?

    Sembra quasi inverosimile , che con cio' che sta

    accadendo , esista ancora tutto cio' , sono molto

    fortunata e voglio assaporare ogni momento della

    mia vita , in queste cose , perche' non so fino a quando la natura resistera' , fino a quando sopportera' l’uomo , che vuole cagionare la sua fine .

    Gli eventi odierni e futuri , non riservano nulla di

    buono , io voglio credere in un Creatore che ha

    creato tutto cio' , una mente superiore , che ci

    aiutera' , proteggendo la natura , e le persone

    che non la vogliono distruggere , comunque sia

    io rimarro' sempre qui , anche se non fisicamente

    mi potrete trovare nei fiori , nell' erba , nello sguardo

    di un cane , nel volo di un ' uccellino , nel canto

    di un grillo , perche' io sono parte della natura , e la

    natura e' parte di me . Giovanna

    RispondiElimina
  2. Giovanna, devo ringraziarti di cuore per questa tua bellissima testimonianza. Sei riuscita ad esprimere una sensazione di pace e armonia totale. Il contatto con la Natura, nel rispetto di tutti i suoi esseri, la vera comunione fra uomo e il Creato.

    Grazie infinite

    RispondiElimina
  3. Anonimo09:56

    Caro Freenfo
    Ti ringrazio delle tue belle parole
    tempo fa scrissi le mie riflessioni
    e considerazioni , forse le avrai
    lette , le voglio mandare anche a te
    decidi se le vuoi lostesso mettere
    sul blog , ti ringrazio per tutti
    gli articoli interessanti , anche
    tu sei una persona sensibile.
    Giovanna




    Considerazioni e riflessioni personali .
    Vivendo ogni giorno, in un spicchio di Natura personale , osservo :
    Ogni mattina mi alzo , sperando sia sempre un giorno migliore , migliore del giorno prima , ma e'
    un' illusione !

    Tutto sembra finto , ovattato e' come se la Natura che ho attorno a me , si facesse la stessa domanda , che mi faccio io , E Adesso ?

    Non e' vero che il clima e' cambiato , si e' evoluto fino ad oggi , il clima l' hanno fatto cambiare
    e giornalmente e' in evoluzione.
    Senza l' intervento dell' uomo , avremmo bellissime giornate , con il cielo blu , il sole caldo ,e
    tutta la Natura gioiosa ; gli uccellini felici troverebbero piu' cibo, e potrebbero allevare meglio
    i loro piccoli .

    Spero ogni giorno e attendo, che mi venga a trovare , una piccola ape , prodigio di ingegneria in
    miniatura !

    Il vestito della Natura in questo momento , e' il verde dell' erba nuova , con il giallo dovuto
    alla miriade di fiorellini gialli , del trifoglio , mentre dove abitavo io , ( sempre in Liguria e
    precisamente sul Colle di Cadibona ) li i fiorellini del trifoglio , erano tutti rosa , strano vero ?
    Solo cosi' si capisce la bio diversita' .

    C' e' il rosa dei fiori di pesco , il rosa tenue del prugno selvatico , tutti attendono i loro
    impollinatori , per poi dare , i loro frutti .

    Mi vengono a trovare molti uccellini e tortore , c'e' un' uccellino dalla lunga coda, che sembra una ballerina e quando cammina e come se danzasse , le eleganti gazze con il loro frac nero e
    camicia bianca , pettirossi, che vengono a rubare le crocchette dei gatti , di cui ne vanno ghiotti ,
    ma non salutari , sotto la finestra della mia cucina , ed io li osservo , e mi meraviglio del prodigio
    della Natura , sia animale che vegetale .

    La Natura ci da tutto cio' di cui abbiamo bisogno , senza tanti studi e tecnologia, e mi accorgo
    di quanto e' stupido l' uomo e piccolo , in confronto al creato , di cui dovrebbe averne timore ,
    invece di voler padroneggiare , su chi esiste da prima di noi !

    Ho vagato , con il mio pensiero , tornando sui vestiti della Natura , continuo con il manto viola
    delle margherite , fiorite sotto al mio terrazzo , ed il rosso delle mie camelie , una tavolozza di colori , folate di profumi di fiori , portate da una brezza leggera , il canto degli uccellini ,
    e timidamente il cri cri di di qualche grillo ; come si fa a non amare tutto cio' !

    Dipinto questo quadro , immaginabile ai tuoi occhi , manca ancora il cielo , un cielo malato ,
    perche' lo vuole l' uomo , meglio cosi' , irreale , offuscato da nubi artificiali , ma a sprazzi
    fa capolino , quello che c'e' sotto alle nubi il cielo blu ! l' originale

    E' come se su quel quadro tu gratti la pittura e sotto appare un' altra cosa , in questo caso il
    cielo vero.

    No , io non dipingero' una cosa non vera , io dipingero' un cielo che da quando sono nata , ho
    sempre veduto , perche' voglio sia cosi'
    Perche' spero , vinca lui , perche' e' lui il padrone , perche' e' cosi ' che deve essere !
    Non ho menzionato le scie , perche' avrei sporcato il mio racconto, loro , le scie sono l' ospite inatteso e malvagio della Natura !

    Anzi , amici miei , volete condividere con me tutto cio' ? vedere dal vivo , quel quadro dipinto dal
    pennello della Natura , che io descrivo a parole , venite a trovarci , Me e la Natura !

    Un saluto a tutti voi Giovanna

    RispondiElimina
  4. Sarebbe bello essere come le rondini, un po' lo siamo, un po'...

    Ciao

    RispondiElimina