STMicro lancia chip per individuare il virus dell'aviaria

SINGAPORE (Reuters) – La STMicroelectronics, il maggiore produttore di semiconduttori in Europa, sostiene di aver sviluppato un chip portatile per individuare i virus dell’influenza, incluso quello dell’aviaria negli esseri umani. Il dispositivo, che funziona come un mini laboratorio su un chip, può esaminare ed identificare nell’arco di due ore classi multiple di patogeni e geni in un unico test diagnostico, a differenza di altri esami disponibili sul mercato che possono individuarne un solo tipo alla volta e impiegano giorni o settimane per i risultati.

Il chip può distinguere varietà umane dei virus dell’influenza A e B, varietà resistenti ai farmaci e varianti mutate, inclusa l’influenza aviaria o il ceppo H5N1. Ci sono state 236 morti di esseri umani in totale per la varietà H5N1, secondo la World Health Organisation, sebbene rimanga principalmente un virus che colpisce gli uccelli. "ST vede nuove e importanti opportunità di crescita nel mercato della sanità, specialmente in aree come quella della cura del paziente", ha detto lunedì Francois Guibert, direttore esecutivo dell’area Asia-Pacifico della STMicro, in un briefing a Singapore riguardo il lancio commerciale.

Il chip VereFlu è stato sviluppato dal produttore italo-francese insieme alla società privatamente gestita Veredus Laboratories di Singapore, dopo più di un anno di ricerche. L’anno scorso l'applicazione fu sottoposta ad esperimenti di valutazione estensiva al National University Hospital di Singapore. Ciò consente ai consumatori di elaborare ed analizzare campioni dei pazienti - compresi sangue, siero o campioni respiratori - su un singolo microchip monouso delle dimensioni di un'unghia. Guibert ha affermato che il fatturato ricavato dal suo commercio di chip biomedicali rimarrà "trascurabile" per almeno altri tre-cinque anni. Il direttore esecutivo della Veredus, Rosemary Tan, ha affermato che la compagnia ha ottenuto ordini di vendite "molto promettenti" da ospedali e da clienti di diverso ambito, riiurando tuttavia di fornire dettagli.

Un altro grande potenziale luogo di vendita è al controllo dei viaggiatori negli aeroporti e alle frontiere, ha detto Tan. Gli esperti stanno monitorando il virus H5N1 per eventuali segni di mutamento in una forma facilmente trasmettibile da persona a persona, uno sviluppo che potrebbe scatenare un’epidemia letale. Finora la maggior parte dei casi umani può essere ricondotta al contatto con uccelli infetti. STMicro e Veredus hanno allestito un laboratorio congiunto a Singapore, dove I loro esperti lavoreranno allo sviluppo di nuove applicazioni biomedicali usando la piattaforma chip della STMicro per altre malattie infettive, in oncologia e per marker cardiaci.

Traduzione a cura di Giuraffa
Articolo originale: STMicro launches chip to detect bird flu

Ti è piaciuto l'articolo? Votami su OK Notizie

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.