Schedato il DNA di 4.5 Milioni di inglesi

Ho tradotto, spero più fedelmente possibile, solo una parte di una notizia molto interessante. Sembra che il Grande Fratello stia accelerando i tempi della schedatura dei cittadini inglesi. L’escalation delle misure di controllo della popolazione sono giunte a livelli quasi incontrollabili, ne verificabili. Un altro passo verso un mondo iper-controllato, basato sui sospetti e sulle prove preventive, nonché sulla costruzione dei reati in base a etnia, sesso, religione o appartenenza politica. Pensare diventerà reato, anche scrivere queste poche righe sarà reato, ammesso che un giorno potranno ancora essere pubblicate.

Più di un milione di impronte digitali sono state aggiunte al database del DNA in solo dieci mesi. Il Grande Fratello, già il più grande al mondo, adesso archivia i dettagli di 4.5 milioni di persone. Vengono aggiornati 150 persone ogni ora. Il database copre il 7.5% della popolazione. Lo stupefacente andamento della crescita è giustificato dal fatto che il governo vuole creare un database universale di nascosto, trattando ogni singolo cittadino come potenziale criminale dal momento della sua nascita. Benché il database sia uno strumento per combattere il crimine, produce circa 3000 accertamenti al mese con reperti presi dalle scene del crimine, circa un terzo di tutto il DNA archiviato è preso da persone che non hanno commesso alcun reato, ne sono mai stati schedati. La critica ha avanzato proteste circa il gran numero di bambini schedati. Attualmente include 150.000 ragazzi sotto i 16 anni, 334.000 tra i 16 e i 18 anni. I dati nel database, che viene creato senza tener conto se un giovane ha commesso un reato o no, vengono registrati su un file e restano registrati fino alla morte dell’individuo. I critici credono che il sistema è aperto a possibili episodi di abuso e i pericoli accresceranno con la crescita del volume di dati. Affermano che i dati sono utilizzati per ricerche genetiche senza il consenso dei cittadini schedati, inclusi i controversi tentativi di predire “l’appartenenza etnica” dal DNA.

Resto dell’articolo in inglese qui.

6 commenti

"circa un terzo di tutto il DNA archiviato è preso da persone che non hanno commesso alcun reato"...

e come fanno a reperire materiale per entrare in possesso del DNA...di un normale cittadino?...
quello che si dice che avvenga,non sarà un'altra tecnica,uno spauracchio per intimorire e soggiogare la gente pscicologicamente?....

ammesso e non concesso...in un tempo in cui persone "normali" sotto effetto di droghe o di onde elettromagnetiche,compiono delitti,
non sarebbe opportuno avere i loro dati?

"I critici credono che il sistema è aperto a possibili episodi di abuso"...di che genere?...ci vuole il dono della veggenza per intuire il possibile uso e abuso...io non ci arrivo....a parte che la storia del DNA è proprio una storiella....
inventata...e sfruttata per incastrare gente innocente...questo è l'unico uso e abuso che ho notato fin'ora!....
Sbaglio? dimmelo tu...
grazie,ciao!
buon proseguimento di giornata
a presto
angelotta

P.S.
stamani sciano...si sono ricordati di Ostuni!...
forse uno dei boss che vi passa vacanze e fine settimana è rientrato in sede!...via liberaaa!...
baciotto
angelotta

Reply

Ciao Angelotta,
le persone in questione sono state fermate o arrestate, ma i campioni di DNA non vengono cancellati nemmeno al momento dell'accertamento di innocenza. Inoltre tutti i reati, anche aver rubato una mela, sono passibili di queste procedure.

Scusa se sono stato poco chiaro, ma la mia difficoltà nelle traduzioni a volte è maggiore di quanto si possa immaginare...

Poi per gli sviluppi futuri, io vedo solo politiche che sono utili ai controllori, la storia della lotta alla criminalità mi sembra proprio una cazz***...

:D

Reply

Ps. Anche da me si scia, ma all'alba o nelle primissime ore della mattinata, così nessuno può accorgersene...peccato rimangano aloni e foschie non proprio naturali!

Riciao

Reply

Rapporto di minoranza, il racconto di Dick, sta diventando una cupa realtà. Angelotta, prelevano il DNA dai bicchieri degli avventori di un bar ed in mille altre modi, ad esempio, con l'analisi del sangue.

Scie a iosa anche nella Liguria, un tempo "leggiadra".

Reply

dai Zret......quanti infiltrati ci sono?!!!!che fanno chiedono il bicchiere appena usato dall'avventore? e come dicono?
"scusi ci serve il bicchiere...in veste di chi? dell'FBI..DELL' M16 DEL SISMI?...
sai bene che le analisi del DNA sono lunghe e complesse,richiedono tempo e denaro...ma ciò ai fini perversi che hanno non sarebbe un problema....
per quello che ho capito resta circoscritto a chi entra in una sede di polizia anche per poca cosa...e fin qui ci siamo...prima erano le impronte digitali,ora non più affidabili,perchè le alterano,una volta.un tampone d'inchiostro e via ora il DNA...CHE LUSSI!...
specie per l'Italia!
ciao Freenfo e ciao Zret
grazieee!
notteee!
angelotta

Reply

Notte Angelotta...

Reply

Posta un commento