Prove tecniche di repressione

I recenti scontri francesi, hanno suscitato clamore per la violenza dei manifestanti e l’altrettanta fredda risposta del governo. Il presidente francese ha assicurato che ogni forma di conflitto con le forze dell’ordine verrà severamente punita. Vedere tali scene in un Paese come la Francia lascia perplessi, un grande Stato messo a ferro e fuoco da cittadini ed emarginati che chiedono una condizione di vita migliore. Sembra crescente il dissenso dei francesi, un popolo che ancora ha il coraggio di manifestare e bloccare una nazione con scioperi ad oltranza, un popolo che tenta di contrastare il potere del governo centrale. Tutto questo sembra lo svolgimento del solito copione.

Un governo intransigente che si piega alla volontà del Nuovo Ordine Mondiale. Questi avvenimenti sono le prime prove generali di controllo e repressione globale. Quando lo scontro diventerà più aspro, i governi saranno costretti ad adottare misure restrittive di urgenza e il popolo sarà persuaso a credere sia la cosa giusta da fare. A quel punto non ci sarà più modo di contrastare nulla. Forze dell’ordine contro civili inermi, fratelli che uccidono fratelli, tutti contro tutti. La guerra civile totale che annichilerà le menti e le risorse.

Quando tutto questo finirà ci verrà prospettata una grande soluzione che salverà le nostre vite. Un Governo Mondiale che garantirà pace e sicurezza, benessere e prosperità. Tutto al modico prezzo della vostra vita. A quel punto nulla sarà più come prima…

Queste poche parole sembrano delineare uno scenario terribile, uno scenario molto triste. Non è mia intenzione porre l'accento su brutte notizie perché attratto da questi temi, mi piacerebbe parlare d'Amore e di Pace, ma purtroppo è sempre più difficile trovarne la benché minima ombra...

14 commenti

personaggi come sarkozy piacciono sempre di più: decisi, intransigenti, duri. vecchi moralisti beoti e giovani lobotomizzati esaltano le maniere dell'agente francese del nwo contro gli emarginati. criminali in divisa sono pronti e ben addestrati anche da noi (ne hanno dato prova al g8 di genova 2001). frontiere spalancate per far man bassa di manodopera a basso costo, aumento della tensione sociale, malcontento generale, siamo quasi pronti per lo stato di polizia.

Reply
Andrea mod

Non so voi: io sto iniziando a riguardarmi la serie televisiva di Batman x studiarmi meglio la Batcaverna!

Reply
ettore mod

perlmomeno in francia c'e' un'interesse per la politica,i francesi manifestano e dissentono mettendo alla luce il regime,facendo vedere al mondo come si comporta il nuovo ordine.
ciao a tutti

Reply

per quanto ammiri il coraggio dei Francesi mi sento spaventato e terrorizzto dalla risposta del loro governo... di una cosa sono sicuro, in Italia ciò non succedrà perchè difficilmente vedremo degli italiani scendere in piazza per i propri diritti, in Francia hanno fatto un mese di sciopero per non far passare una legge simile alla nostra legge 30... noi sono 5 anni che ci lamentiamo ma non abbiamo fatto NULLA per impedire che un contratto a progetto fosse la normalità.
Ogni giorno che passa mi vergogno sempre di più di essere italiano!!!
Forza Francesi, continuate così..almeno voi!!!

Reply

Sono eventi che temevamo sarebbero avvenuti: sono proprio "prove tecniche di repressione". Per questa volta gli squadroni neri hanno usato armi convenzionali, per quanto terribili, ma la prossima volta?

Giustamente i Francesi protestano contro la riforma voluta dal sarcastico sarkozy che eleva gli anni di contributi per andare in pensione, quando senza il signoraggio, le spese militari e per le scie, basterebbe lavorare 10anni.

Ciao

Reply

Ciao Freenfo.

Reply

Carissimi, la situazione sta pian piano delineandosi secondo le peggiori aspettative. I francesi sono un popolo reattivo e orgoglioso, ma temo che questo servirà a poco. I piani sono ben precisi e difficilmente si tireranno indietro.
Staremo a vedere cosa accadrà!

Un caro ringraziamento a voi tutti, con affetto. Freenfo

Reply

Dici: "I francesi sono un popolo reattivo e orgoglioso, ma temo che questo servirà a poco". Hai ragione. La conflittualità delle banlieues è cosa molto diversa dal panorama italiano, ma anche in Francia certe politiche sono destinate a passare. Sarkozy ha i numeri (in Parlamento) per imporre i suoi progetti. Ed è determinato (chissà se Veltroni sta prendendo appunti). Mi pare che l'unica possibilità che ci rimane sia costruire qualcosa dal basso, non solo come battaglia politica: un modo nuovo d'intendere le cose. Se trionfa la società dell'utile economico, possiamo sempre rifiutare il prodotto che intendono venderci.
E' ancora un po' confusa (ci devo ragionare su).

Reply

Mario, il pensiero è limpido, anche se sarà difficile costruire dal basso, le persone sono troppo impegnate a guardare la TV, oppure troppo impegnate a trovare i soldi per arrivare alla fine del mese!

Ciao e grazie!

Reply

Il potere resta sempre nelle mani dei cittadini, se sapranno ribellarsi. Non sarà una lotta indolore, ma prima o poi, accadrà. La corda si spezza sempre, se viene tirata troppo.

Ciao, ragazzi, un caro saluto.

Reply
Guido7 mod

E' no caro Frenfooooo !!!!!

Il tuo articolo e' viziato(temo volutamente)da un ''dettaglio'' che DEPISTA completamente e fa' DISINFORMAZIONE !!!

Giovani Francesi ,dove ,quando,chi li ha mai visti ???

Non sono Francesi VERI, sono i Figli degli Immigrati(Magrebini soprattutto) di 3a generazione,quelli che NON hanno mai visto la loro Terra Madre(come i loro Padri),quelli che dovevano essere la Prova che la tanto declamata Societa' Multiraziale sarebbe stato il nuovo Eden,non'che l'unica Societa' possibile.
Inveve,come gia' profetizzavo 10 anni fa'(ma conosco chi lo faceva 15/18anni fa'!)creano il CHAOS nelle Citta',distruggono Tutto,rendono PERICOLOSA la vita adei nartivi.Pochi lo sanno ma durante i disordini di 2 anni fa'(Parigi a ferro e fuoco per 30+15gg)la Polizia si guardo' bene dal mandare agenti di origine Africana o Magrebina temendo che simpatizzassero con gli insorti !.E si loro lo sanno che Bombe ad orologeria ci siamo messi in casa, noi facciamo ancora finta di non vederlo.
Voglio precisare.
NON do' assolutamente la colpa agli Immigrati,che sono nelle nostre terre soprattutto dei SRADICATI in grave crisi di Identita'e conflitto con un Mondio che non e' il suo.

L'Immigrazione e' una delle principali armi per instaurare il NUOVO ORDINE MONDIALE

come le Scie Chimiche, il pensiero Scientista, la Comunita' Europea,La Globalizzazione dei Mercati,Il Terrorismo.
Facendo mischiare,ma e' piu' preciso dire metterli a contatto Forzato i Popoli mirano a far perdere a Tutti le propie Identita',le Culture,il senso di appartenenza, le Religoni, con il Grande fine di creare IN EUROPA le prossime future IMMINENTI(3/5 anni)
GUERRE ETNICHE e RELIGIOSE.I Musulmani sono troppo difficili da Mondializzare e troppo numerosi per attaccarli direttamente,devono essere fatti uscire dall loro guscio che li protegge e fati scontrare con i poveri(coglioni) di Europei.
In questa ottica si si inserisce il folle progetto di eliminare 4 miliardi di persone.
Saluti

Reply

Guido, grazie per la riflessione. Sono d'accordo con te sulla politica di destabilizzazione attraverso le politiche di immigrazione, tuttavia mi piacerebbe vedere città con cittadini integrati e rispettosi. Purtroppo questa non sembra la volontà dei governi. Come me, convieni sul fine ultimo del progetto diabolico, ti ringrazio per aver espresso la tua visione. Con rispetto, buona giornata. Freenfo

Reply

Io volevo dire che secondo me i dissensi sono stati un pò orchestrati, perchè Sarkozy andava a fare in giro pressioni su cose che non lo devono interessare (come il super-euro) e sulle quali non deve mettere il naso. Il tutto si è unito al sincero malcontento popolare che è ormai endemico in Europa. Alcune,non tutte, forze della sinistra estrema sono sotto il diretto controllo del NWO.

Reply

Ktime, le forze politiche sono tutte sotto il diretto controllo, per questo hanno perso molto del loro contatto con la base. Molti elettori, che non conoscono i piani occulti dei governi, sembrano non capire le scelte di certe politiche (soprattutto a sinistra). Basti pensare alle manifestazioni pro-pace e alla loro totale assenza sotto il governo Prodi, tra l'altro uno dei peggiori riguardo al finanziamento della macchina da guerra.

Grazie mille per il commento, un caro saluto!

Reply

Posta un commento