Ricordare

La nostra nascita segna inevitabilmente l’inizio di una nuova vita terrena. Chi crede nell’anima, può facilmente comprendere come la nostra esistenza sia solo il risultato di molte prove ed esperienze vissute in tempi passati. Il nostro cervello è strutturato in modo perfetto, ha facoltà strabilianti che ci consentono di compiere veri e propri miracoli. La mente è una conseguenza di queste facoltà, la capacità di essere superiori ad ogni altro essere vivente, di essere il ponte fra cielo e terra. La nostra anima, il nostro Se, sono incarnati nel nostro corpo fisico e portano avanti un percorso che dura da molto tempo. In genere ricordiamo avvenimenti della nostra vita molto significativi, spesso un’immagine ci porta indietro nel tempo, è lo spunto per ricostruire un’emozione, trasforma le nostre percezioni rivivendo per alcuni attimi la stessa esperienza.

Difficile ricordare i nostri primissimi anni di vita, il nostro essere è ancora alle prese con la sua formazione animica, ancora siamo a metà fra due mondi sensibili differenti. Guardando un bambino piccolo, si percepisce lo sguardo trasognato di chi ancora non è presente totalmente alla vita terrena, nei suoi occhi si percepisce ancora quella beatitudine che sembra non essere di questo mondo. Osservandolo in silenzio, sembra si muova con logiche a noi estranee, sembra sorridere a qualcuno che non è presente fra noi, sembra vedere e sentire qualcosa che noi nemmeno percepiamo. Col trascorrere degli anni anche il bambino perde questa facoltà per privilegiare il pensiero razionale, la scuola insegna che la ragione è l’unica arma vincente per vivere e guadagnare da vivere. Si perde a poco a poco la facoltà di ricordare, ricordare chi siamo e cosa abbiamo rappresentato in vite precedenti. Diventiamo precisi calcolatori, attori su un palcoscenico studiato e costruito per la materia, dove non c’è spazio per altro, dove è difficile essere se stessi, perché questo significa estraniarsi dalla massa, significa non conformarsi a nessuno, significa essere soli e sfiduciati.

Tuttavia da quella solitudine può nascere una nuova flebile luce che illumina il nostro cuore, una fiamma che a poco a poco comincia ad ardere nel profondo, rendendo visibile le nostre azioni senza bisogno di parlare o spiegare. Una vita improntata al sentire, percepire e ricordare la nostra funzione di esseri pensanti, le nostre capacità percettive superiori, che la società vuole insabbiare per mantenerci in schiavitù. Questo ricongiungersi con la nostra essenza da un senso molto più ampio al concetto di vita, spiega la nostra funzione terrena e il motivo per cui siamo qui ora.

Difficile compiere questo percorso, poiché la materia domina ogni sfera sociale e ne siamo vittime e complici ogni giorno. Ma in questa dualità, se il Bene e il male possono essere visti con gli occhi dell’osservatore, senza dover necessariamente entrare all’interno, ci si rende conto che sono la manifestazione naturale di qualcosa che esiste ed è sempre esistito. Esiste per farci comprendere che dobbiamo guardare oltre, accettare queste manifestazioni, perché necessarie a far comprendere e a far evolvere l’uomo, a rendere consapevole l’umanità che l’obiettivo è l’Unità, nella quale in dualismo scompare, nella quale siamo Bene assoluto, senza condizioni, senza opposti e senza compromessi.

Ti è piaciuto l'articolo? Clicca su OK

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

15 commenti

Anonimo mod

...........coincidenza? Sincronicità?Hai letto l'articolo di oggi di Zret "Mattoni".
Due musiche diverse - mi viene la musica ma non saprei descriverla ... la tua dolce ... quella di Zret molto forte come impatto.... ed è bene che ci siano entrambi.
Un caro saluto Maria

Reply

Ciao Maria,
l'ho letto e come sempre comprendo e condivido le sue parole. Nonostante quello che sembra, non smetterò mai di stimare un libero pensatore.

Ho solo voglia di tentare di mettere al centro il pendolo della verità, fra un oscillazione vera e cruda e una vera e dolce.

Ciao!

Reply

già...e quanti sono quelli che nel nome della ragione perdono la speranza e si chiudono in un gelido mondo ultramaterialistico, spesso neanche necessariamente fatto di piaceri terreni, anzi...una sorta di non-vita fatta di insignificanti riti ed abitudini, un conto alla rovescia in attesa che cali il sipario.

Reply
Anonimo mod

Il mondo materialistico è espressione e manifestazione del mondo dello spirito.Soltanto dove non c' è consapevolezza - conseguenza del essersi distaccato dalla fonte spirituale avviene quello che abbiamo di fronte a noi in questi tempi. Il distacco è pressoché totale e regnano forze dove la luce e la consapevolezza sono assente. Riconnettersi con la consapevolezza del "essere manifestazione dello spirito" reintroduce la luce nella materia e trasforma. Non è la materia in sé il nostro nemico - è la non-connessione con il mondo spirituale... l'assenza di luce ,consapevolezza, amore. Non c'è nemico - ma assenza di luce e assenza di comprensione.
Quindi la materia richiede un essere abbracciata e trasformata ...prima noi stessi in veste di spirito-anima incarnato - ma insieme a noi tutto quello che ci circonda. La definizione di trappola o nemico ricrea distacco -ricrea separazione che sta alla base della non-unione e del impossibilità di trasformazione.

Ciao Maria

Reply

Ciao Stendec, dobbiamo sforzarci di ricreare il filo che collega materiale e spirituale, entrambi manifestazioni dell'essere incarnati. Siamo in continua lotta con l'ego...

Maria, Stendec, un caro abbraccio

"Libertà infatti significa liberazione da ogni vincolo egoistico, e quindi capacità di operare delle scelte guidati solo dall’Amore; la libertà invece è diventata arbitrio di fare ciò che si vuole per perseguire il proprio tornaconto o piacere, ogni forma di egoismo, o semplicemente per seguire un istinto. La nostra “libertà” è in realtà schiavitù al nostro Ego."

Reply
Anonimo mod

..........infatti su quello che vuol' dire libertà ci sarebbe tanto da dire....
abbiamo anche da riportare luce nelle parole - nei gesti.... in ogni aspetto dell'esistenza...

Un caro saluto Maria

Reply

bell'articolo, complimenti.
tommi

Reply

Ciao Tommi, ti ringrazio molto.

Reply

Scrivi veramente molto bene...mi piace molto...
complimenti..
ciao e alla prossima

Reply

Ciao Ale, ti ringrazio... :D

A presto, un caro saluto

Reply

come sempre Freenfo, complimenti

un caro saluto

Reply

Ciao Andrew, un abbraccio e buon lavoro!

Reply

grazie, anche a te! ciao ciao

Reply

ciao, molto bello questo post.

hai mai letto "hai mai vissuto prima di questa vita" di L. Ron Hubbard?

Reply

Ciao Pensiero, ti ringrazio molto.

Non ho letto questo libro, cercherò di farlo prima possibile!

Un caro saluto

Reply

Posta un commento