Morire per mille euro al mese

Siamo lentamente fagocitati da un mondo senza lode. Ogni notizia sembra priva di senso. Poveri uomini dilaniati dalle fiamme di una fabbrica in dismissione. Uomini che compiono il loro lavoro ai limiti della sicurezza, orari di lavoro eccessivi, tutto per pochi euro al mese. I manager si preoccupano degli avvocati, di come potranno uscire puliti dalle condanne per un incidente che sembra un omicidio vero e proprio. Mi resta difficile esprimere riflessioni su questo episodio. Siamo nell’era della tecnologia, dell’automazione e del progresso, ma ancora le persone muoiono in un modo così barbaro. Siamo schiavi impotenti al soldo dei potenti, cavie da laboratorio da spremere e uccidere, uomini e donne private della propria dignità. Queste morti bianche sono lo scempio di un sistema che non funziona, l’esempio sbagliato di un’economia che non tutela le persone, ma investe solo nell’aumentare i profitti. Una produzione all’eccesso per guadagnare denaro sporco, sudicio e macchiato di morte. Le analogie con altre stragi del lavoro sono molte, come molte sono le vittime inconsapevoli di questo massacro. Siamo nati liberi, siamo nati per costruire un mondo migliore, ma questo ideale muore su uno stipendio di mille euro al mese.

Ti è piaciuto l'articolo? Votami su OK Notizie

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

6 commenti

Complimenti per il post. è davvero scandaloso che ancora oggi si muoia sul posto di lavoro, quando il diritto al lavoro, alla vita, alla salute dovrebbero essere acquisiti da tempo. Gli imprenditori in Italia non entrano nella logica che bisogna rispettare le regole di sicurezza perchè la vita dei propri operai, il farli lavorare in condizioni ottimali sono molto più importanti di qualsiasi profitto.

Reply

ciao freenfo. una grande tragedia che dovrebbe coinvolgere tutti, non solo i diretti interessati. purtroppo i profeti e seguaci del darwinismo sociale letteralmente sghignazzano, tra una partita al golf ed una cena rotariana, alle possibilità che hanno di incrementare i profitti fottendosene della sicurezza e della vita di altri. inoltre si fa di tutto per tenere alta la tensione tra le cosiddette classi sociali, dx e sx, borghesia e proletariato. ma la gente continua a seguire i politici... non esistessero palliativi come la tv e il calcio, la massa di cui facciamo parte sarebbe più consapevole, più critica e di conseguenza più reattiva. alimentando gli spauracchi del terrorismo e della sicurezza le èlites si stanno preparando armandosi con ritrovati sempre più raffinati alle possibili sommosse e ribellioni del futuro.

Reply

Ciao Freenfo,per questa ennesima tragedia sul lavoro non sono solo afflitta!.......sono incazzata nera...disgustata!
padroni inadempienti,sembra di essere ai tempi della prima rivoluzione industriale inglese compiuta anche sulla pelle dei bambini!come del resto ancora avviene in molti paesi...in via di sviluppooo!sindacati?...ci sono ancora?...non mi risulta!,governo morto e sepolto!
il popolo ancora "fischia" e piange..
fa più pietà di tutti...
a quando i forconi o meglio le molotov contro tutti?
un mesto saluto!
angela

Reply

Ciao Freenfo

Ennesima strage sui posti di lavoro. E' uno schifo che oggi si muoia ancora lavorando! I mezzi a disposizione non sono moderni per poterci lavorare, e soprattutto la sicurezza non esiste! La vita di un operaio è una cosa seria! Facciamogli lavorare nella sicurezza

Ps: ti ringrazio per il tuo commento sul nostr blog

Un salutone

www.diegogarciablog.blogspot.com

Reply
Questo commento è stato eliminato dall'autore.

Carissimi, grazie a tutti per il contributo. Ero in dubbio se scrivere qualcosa su questo triste omicidio, le poche righe manifestano la mia insofferenza. Sono triste perché siamo presi in giro su tutto e ci rimettiamo la pelle per ingrassare i padroni. Ci vorrebbe una sana manifestazione che dura qualche settimana, allora forse ci troveremo davanti al nostro peggior nemico: l'ipocrisia.

Se poi pensiamo che i cani responsabili dell'acciaieria non hanno nemmeno espresso solidarietà con le famiglie delle vittime, tutto questo la dice lunga sullo stato sociale italiano.

Il Far West era più democratico, almeno li ci si poteva far giustizia da soli, senza leggi che salvano il culo ai potenti e i loro amici schifosi!

Reply

Posta un commento