2012

Il 2012 sembra essere uno dei temi ricorrenti negli ultimi mesi su internet e dintorni. Molte teorie e profezie popolano blog e siti dedicati, il fermento per tale data accresce giorno dopo giorno. Devo dire che da anni sono appassionato ricercatore e osservatore degli eventi riguardanti l'umanità, mi interrogo spesso sul futuro dell’uomo e sulle profezie relative al tempo che stiamo vivendo, per molti sembra essere quello descritto nell’Apocalisse di Giovanni. Difficile schierarsi a favore o contro alcune di queste ipotesi, poiché anche la più assurda all’apparenza, contiene sempre alcuni aspetti molto vicini a quello che stiamo vivendo. Non voglio addentrarmi nel descrivere tali teorie, poiché ampiamente documentate e descritte su migliaia di siti italiani e stranieri. La cosa interessante credo sia il fermento che il termine del calendario Maya continua a creare fra uomini di ogni estrazione sociale. Un fermento che mette noi tutti nella condizione di cercare di comprendere, vagliare e analizzare ogni più piccola ipotesi, per formulare una nostra precisa idea di come potrebbe essere il futuro prossimo.

Non confiderò la mia visione su tale argomento, credo sia superflua e veritiera solo per me stesso. Tuttavia chi segue questo blog avrà intuito lo scopo finale del mio cammino e la mia volontà di voler evolvere lo spirito verso l’Unità, a prescindere da una data ipotetica fissata secoli fa. Mi piace pensare che ognuno di noi possa fissare il 2012 in modo personale, nel momento e nel luogo che crede più opportuno. Oggi stesso, domani o fra qualche anno, noi tutti possiamo innescare il processo che renda consapevole la nostra volontà di cambiare e di evolvere il nostro essere, per un Bene comune assoluto. Vedo il 2012 come l’anno dell’inizio dei cambiamenti più radicali, un vero nuovo inizio per noi tutti.

Molti ricercatori indipendenti e molti liberi pensatori conoscono bene gli eventi degli ultimi tempi, anche io spesso ho ipotizzato teorie su varie tematiche, molto spesso si sono rivelate corrette e reali a distanza di pochi mesi. Questo deriva semplicemente da una accurata osservazione del passato e dalla continua ricerca della verità. Questo necessario processo mentale e intuitivo, porta ad aprire porte di reami oscuri e privi di significato apparente. Tuttavia le tessere del puzzle, dopo qualche anno cominciano ad incastrarsi in modo naturale e senza il minimo sforzo. Pian piano si ottiene una visione globale, all’inizio impensabile.

Un viaggio che comporta spesso la perdita di compagni preziosi, un viaggio che spesso lascia di stucco coloro i quali non comprendono a fondo i motivi di alcune scelte. Ognuno è chiamato a donare le sue attitudini più nobili alla causa, a volte facendosi carico anche di chi non vuole nemmeno sentir parlare di tali questioni. Sembra quasi che alcuni uomini siano stati incaricati di compiere alcune scelte per essere di aiuto e sprone agli altri che ancora sono alla ricerca.

Il nostro amato pianeta sta modificando alcuni dei sui aspetti ambientali e geologici, in processi che riguardano l’intero sistema solare. Questi processi naturali fanno parte del ciclo evolutivo di Gaia, che come noi è un essere vivente in continua evoluzione. Questi influssi terrestri e cosmici, contribuiscono a modificare la vibrazione degli uomini, molti riconoscono tali modificazioni consapevolmente, altri le “sentono” inconsciamente. Molti provano disagio, per altri queste sensazioni sono la spinta per attuare cambiamenti radicali nella propria vita. Ogni cambiamento comporta un grande coraggio e una grande forza, una ritrovata capacità di affrontare l’ignoto. Questi aspetti sono tipici di questo periodo, saranno sempre maggiori e coinvolgeranno sempre più persone. Un processo inevitabile e necessario per adeguare il nostro sistema energetico alle nuove vibrazioni che stanno interessando il nostro pianeta.

Siamo di fronte ad una grande opportunità, possiamo compiere il nostro percorso in armonia con la terra e con tutti gli esseri viventi. Mentre l’esterno continua a distruggere ogni manifestazione perfetta della Natura, ogni bambino innocente e ogni animale indifeso, possiamo scegliere di vivere in modo sempre più consapevole. Possiamo creare dei piccoli nuclei positivi all’interno delle nostre famiglie, del nostro lavoro, ovunque possiamo creare un’onda che riempia il vuoto creato dell’esterno. Molto importante è l’approccio con il nostro essere interiore, il luogo dove possiamo trovare rifugio e risposta ad ogni nostra domanda. In questo periodo si avverte una grande volontà di avere un maggior contatto con la Natura, con un cibo più vivo, con persone che comprendano le nostre idee e fondano il loro spirito con il nostro. Dobbiamo perseguire tali stimoli per colmare questa grande carenza che tutti noi avvertiamo.

Dobbiamo essere consapevoli del momento che stiamo vivendo come uno dei più importanti nella storia dell’uomo, prepararci con grande accettazione a tutto quello che la vita ci riserverà in futuro, coscienti che ogni cosa sarà necessaria per la nostra evoluzione. Arrendersi al male non significa essere sconfitti, significa accettare la sua manifestazione per poterla trasformare in Bene, nel profondo del nostro cuore. L’era del conflitto e della separazione sta vivendo il periodo più acuto e doloroso, ma possiamo già intravedere il futuro che seguirà questa fase, un futuro di vera pace e comprensione fra gli uomini.

Il nuovo uomo sarà grato alla terra per ogni frutto e fiore che vorrà donarci, per ogni animale che vorrà condividere con noi un pianeta rinnovato. Anche se sembra una visione poco realistica, credo che noi tutti possiamo lavorare per giungere a questo grande obiettivo, con rinnovato Amore, per ritrovare una volta per tutte l’Unità.

Ti è piaciuto l'articolo? Clicca su OK

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

10 commenti

Come dire.. Siamo pronti per il primo giorno di scuola.. :)

La paura deriva solo dalla non conoscenza, forza e coraggio dunque, una nuova alba è alle porte, un "giorno" nuovo di zecca!

Donnie.

Reply

Ciao Freenfo, sai una volta ho fatto un sogno.
Ho sognato la Terra nel 2012, una culla-giardino di straordinaria bellezza e armonia e noi i suoi custodi.
Finzione o realtà è pur sempre un archetipo della mia/nostra coscienza più profonda

Spero ti interessi questo link in inglese scovato oggi sulla Grande Madre:
http://www.cgjungpage.org/index.php?option=com_content&task=view&id=810&Itemid=40

Ciao e grazie

P.s. stasera sono a una conferenza sul 2012 di Adriano Forgione, chissà che non esca qualcosa di interessante.
Vi farò sapere

Reply

Spero solo che saremo in tanti a non farci trovare impreparati...
Poi in questi 4 anni la mia vita è stata sradigata da un uragano ma le mie radici quelle solide, sono rimaste e grazie a quelle sono rinata...come dico nel mio profilo mi sento una piccola fenice...
Ciao

Reply

Mi piace questo tuo modo di porti, di riflettere con serenità.
Mi piace l'idea di seminare la positività.

Che sia il 2012 o qualche anno o qualche secolo dopo, l'importante sarà essere pronti con noi stessi, ed aver fatto il possibile nei nostri limiti per limitare il disordine che ci circonda.

A presto :-)

Blessed be

Reply

Penso che tu abbia ragione. Il 2012 sono solo dei numeri simbolici: siamo noi a doverci creare (e non aspettare) il nostro 2012. Personalmente non so niente al riguardo di questa data, e sulle previsioni connesse ad essa, ma appena ho un attimo di tempo e un pizzico di curiosità in più mi informerò meglio.

Comunque, come ho già specificato, ritengo la cosa estremamente soggettiva: anche il fatto che dopo quella data il mondo risulterà più armonioso, io penso che sarà il nostro mondo a risultare più armonioso, e con questa nostra armonia possiamo contribuire a fare arrivare al 2012 qualcun altro. Quest'ultimo pensiero è in una forma un po' contorta, ma spero che il significato sia arrivato. ;)
A presto.

Reply

Donnie,
come ripeto spesso la paura è mancanza di Amore... :D

Timor,
sarebbe un mondo fantastico e in fondo spero si possa ancora sperare e operare per costruire.

Ishtar,
molti di noi stanno vivendo grandi cambiamenti, ma come dici tu, dalla "cenere" c'è sempre una grande rinascita.

Santaruina,
grazie mille per le tue parole gentili, come sempre. Credo che l'accettazione sia la chiave per comprendere tutto quello che percepiamo, con animo sereno.

Ale,
il significato di quello che scrivi è più che comprensibile. Siamo tutti impegnati nel cammino, come fratelli.

Grazie a tutti per i commenti.
Buona giornata, un abbraccio.

Reply

Grazie Freenfo per le tue parole

Riguardo alla fine dei tempi ho una sola certezza al riguardo: noi siamo gravidi e anche la terra lo è.

Sta arrivando qualcosa di meraviglioso, una nuova nascita che dovrà passare attraverso le sofferenze del travaglio liberandoci da ciò che era illusorio anche se a molti sembrerà di morire (morte di un vecchio Io/Mondo).

I segni sono dappertutto

Non so quando sarà ma ci stiamo avvicinando al punto zero

Da 2010 anno del contatto

http://it.youtube.com/watch?v=DEhU_5MnI-A

Reply

Timor,
siamo artefici del più grande cambiamento mai avvenuto per noi. Trasformare quello che verrà con la forza dell'Uno e costruire armonia ovunque. Sono certo che i prossimi anni saranno fra i più significativi della nostra intera evoluzione.

Un abbraccio fraterno

Reply

Un abbracci-One anche a te ;-)

La nostra amata Terra/Sophia è viva e ci sta parlando

http://it.youtube.com/watch?v=3W3xHRv7BJA

Reply
Anonimo mod

Il 21 dicembre del 2012 non succederà assolutamente nulla.
Per i Maya si entrava semplicemente in un nuovo ciclo del calendario e siccome la fantasia dell'uomo è infinita fa coincidere ipotetici eventi "catastrofici" o "divini" con l'inizio o la fine di presunte ere, epoche o millenni.
Un po come le persone che aspettavano per la mezzanotte del 2000 la fine del mondo...ma la mezzanotte di quale meridiano? Qual è il fuso orario di "Dio"?

Potrei anche accettare un ipotesi del genere se il tempo fosse un dato assoluto (cosa che in realtà non è affatto) perchè come ha dimostrato Einstein esso è relativo.
Secondo la teoria della relatività di Einstein la materia deforma lo spazio ed il tempo.
Perciò il tempo che scorre sulla terra è molto più veloce del tempo che scorre nelle vicinanze di un ipotetico buco nero.
Detto ciò perchè dovrei avere la presunzione di dire che il modo in cui i Maya misuravano il tempo, o il nostro modo di misurarlo, ci permettono di capire quando finirà l'esistenza, tanto più che questi sistemi di misurazione prendono come punto di inizio eventi assolutamente arbitrari e non assoluti (come la nascita di Cristo o cazzate varie).

Reply

Posta un commento