BIOFOTONI E CAMPI EM DEI BIO-ORGANISMI

BIOPHOTONS AND VIRTUAL EM FIELD
OF A BIO-ORGANISM
di Tom Bearden


“Ho tradotto questo documento scientifico di Tom Bearden perchè ci fa comprendere a che punto siamo con la conoscenza delle interazioni tra bio-organismi ed impulsi elettromagnetici. Scusate qualche errore di traduzione ma penso che si comprenda abbastanza bene”.

“In un incredibile parte del lavoro, (Immagazzinamento dei Fotoni nei Sistemi Biologici), "Photon Storage in Biological Systems," in Electromagnetic Bio-Information, Urban and Schwarzenberg, Baltimore, Md., 1979, pp.123-149.
Il Dott. ALbert Fritz Popp ha presentato i risultati delle sue prove di laboratorio e la sua teoria di distribuzione dell'elettromagnetismo con sviluppi piuttosto nuovi nei campi degli organismi biologici. Questa può essere effettivamente, una delle più importanti scoperte Occidentali presentata ufficialmente, se la sua conferma sarà dichiarata pubblicamente.

Nello studiare la bioattività cellulare elettromagnetica, è stato scoperto che le cellule si comportano, come un equilibrato sistema termico. Può essere caratterizzato così come il sistema di Prigogine. (Ilya Prigogine ricevette nel lontano 1977 il premio Nobel per il suo sviluppo delle leggi sulla termodinamica nonlineare e dei sistemi di equilibrio, cambiando con ciò la seconda legge di termodinamica) Noi ora sappiamo che in un tale sistema può risultare anche un'entropia negativa, ed in ordine dare origine a scompensi che possono emergere in un disturbo. Per un sistema selvaggiamente disordinato, un ordine di grande potenza può emergere tramite impulsi EM, che può stabilizzare il più caotico disturbo, il più eccezzionale nella stabilità dei modelli ordinati che ne emergono. Nella stessa maniera all'opposto si può creare disordine e caos nell'ordine degli organismi biologici.

In ogni caso, le cellule viventi producono una frequenza energetica virtualmente luminosa coerente con un'attività elettroluminosa simbiotica. Questa coesione serve come un controllo per il metabolismo delle cellule, regola la crescita, e ripara la funzione di riproduzione. Nello stesso tempo, la cellula esibisce un comportamento di superconduttività.

Popp trovò che un organismo vivente possiede un'aura vivente, un campo elettromagnetico e virtuale che pervade l'organismo intero con un flusso virtuale di fotoni. In questo campo i fotoni virtuali sono immagazzinati. Il campo riceve continuamente input (virtuali) dall'ambiente e continuamente emette biofotoni, particolarmente vicino al campo dell'ultravioletto. Questo campo dove sono immerse tutte le cellule e con cui loro continuamente comunicano con tutto, tende a far stabilizzare ed aderire tutto l'organismo.

Tutto questo è stato stabilito da esperimenti di laboratorio, e tutto di questo è direttamente costante coi miei hyperfields (supercampi) ed innestati nel campo virtuale dei modelli di connessione tra vita biologica e coscienza del sistema vivente che connette questo hyperworld (Ipermondo) della mente alla stessa frequenza del corpo fisico. Il mio modello è costante col lavoro di Popp e lo estende aggiungendo le strutture innestate del campo virtuale, connettendo così il campo virtuale di Popp al campo del neutrino e al campo mentale.

E con queste informazioni supplementari in mente, ci permettiamo di ritornare alla nostra considerazione sulle modulazioni innestate all'interno del trasporto elettromagnetico. Effettivamente, ciò permette di guardare a molti esempi di apparecchiature che già applicano la modulazione innestata con effetti controllati tramite un vettore di iperspazio”.

Cosa dice in parole più semplici: “Impulsi EM, onde eletromagnetiche, microonde, frequenze luminose, ecc. interagiscono in maniera positiva o negativa sulla vita biologica profonda (connessa con lo spirito che è energia – ndr) e sulle attività bio-riproduttive in maniera positiva o negativa, ordinando o disordinando il complesso sistema bioenergetico a secondo delle frequenze e dell'uso che se ne fa. Così come possono fare ammalare allo stesso tempo “POTREBBERO” guarire.

Ma tutti questi studi vengono utilizzati dagli organismi del potere per realizzare 'cose' contrarie alla vita, alla salute e alla libertà. Come infatti conclude lo scienziato alla fine dell'articolo dicendo che esistono apparecchiature che possono utilizzare l'iperspazio sia nel microcosmo (dentro di noi) che nel macrocosmo (l'universo).

In effeti la medaglia ha sempre due facce, basta girarla dal lato giusto.


B O J S

3 commenti

Anonimo mod

Ehi c'è nessuno...?
Mi sento come la particella di sodio nell'acqua lete...

c'è nessunoooo..??

Reply
Anonimo mod

Sì c'è sempre qualcuno che ODE e VEDE TUTTO...

IL GRANDE FRATELLO

Reply
MARINA mod

Mispiace,ma continuerai a sentirti cio'che hai detto per tutta la vita,se insisterai a tenere il paraocchi;per ovviare a questo basta un po' di informazione,oggi semplicissimo con internet.E'sufficiente che tu cerchi Biofotono=emissioni di energia e continuare fino a quando potrai dimostrare il contrario.All'anonimo che dice "si c'e' sempre qulcuno che vede tutto,gli consigli un buon oculista,la lettura della bibbia e un buon catechista che gli chiarisca per bene chi e' COLUI che ODE e VEDE TUTTO.........

Reply

Posta un commento