Pentirsi

L’umanità sta entrando in un periodo di grande giudizio, un periodo molto difficile e doloroso. Non c'è niente che si possa fare per fermare questo periodo di purificazione, è già sulle nostre teste, quindi è necessario umiliarsi sotto la potente mano dell’Adonay, che conosce il piano perfetto per ognuno di noi. 

Infatti è giunto il tempo in cui il giudizio deve cominciare dalla casa di Eloah; e se comincia prima da noi, quale sarà la fine di quelli che non ubbidiscono al vangelo di Eloah? (1Pietro 4:17) 

Non è possibile rifiutare questi cambiamenti, è necessario permettere che tutto ciò avvenga, perché alla fine sarà perfetto nel Disegno del Padre, che conosce ogni cosa buona per noi. 

Volgetevi ad ascoltare la mia correzione; ecco, io farò sgorgare su di voi il mio Spirito, vi farò conoscere le mie parole. (Proverbi 1:23) 

Non possiamo perseverare nel fallimento del peccato, questo non è compatibile con la Luce del MessYAH, non c’è comunione fra tenebre e Luce. 

Ma come colui che vi ha chiamati è Santo, anche voi siate santi in tutta la vostra condotta, poiché sta scritto: «Siate santi, perché io sono Santo» (1Pietro 1:15) 

Seguire lo Spirito Santo significa amare la Parola, adottare ogni suo insegnamento, avere la costanza in ogni suo comandamento, affinché tutto si compia così come è stato indicato per la nostra salvezza. Torniamo al Padre, offriamo il nostro sacrificio quotidiano alla Sua Gloria. 

Ma essi lo hanno vinto per mezzo del sangue dell'Agnello, e con la parola della loro testimonianza; e non hanno amato la loro vita, anzi l'hanno esposta alla morte. (Rivelazione 12:11) 

Yahushua desidera la nostra purezza, la nostra separazione dal mondo, per poterci donare il suo Regno, per lasciare che questo avvenga senza dolori, perché il dolore nasce se ci opponiamo al cambiamento, se vogliamo gestire la vita secondo i nostri cuori, invece che lasciare che questo avvenga secondo un Piano Superiore. 

Da quel tempo Yahushua cominciò a predicare e a dire: «Ravvedetevi, perché il regno dei cieli è vicino». (Matteo 4:17) 

Non cerchiamo l’approvazione del mondo, non cerchiamo di capire, non cerchiamo di ottenere qualcosa, non cerchiamo la conoscenza, non tentiamo di capire i misteri, non abbandoniamo i nostri pensieri al nostro egoismo, non abbandoniamo i precetti, non abbandoniamo l’agape profondo che lega tutti i fratelli nel mondo… perché presto il Corpo verrà duramente percosso per poi essere ricostituito una volta per sempre in tutta la sua perfetta forma. 

Ravvedetevi dunque e convertitevi, perché i vostri peccati siano cancellati e affinché vengano dalla presenza dell’Adonay dei tempi di ristoro e che egli mandi il MessYAH che vi è stato predestinato, cioè Yahushua. (Atti 3:19-20) 

In verità