Desiderio

La fonte di molti problemi mentali ed emozionali dell’uomo moderno, può essere identificata nella conoscenza delle logiche che regolano il desiderio. Da bambini riceviamo istruzioni su cosa sia giusto e cosa sia sbagliato, cosa sia per noi desiderabile e cosa invece non sia adatto alla nostra vita. Come cuccioli subiamo inconsciamente imprinting di ogni genere. La mente umana viene stimolata a desiderare, creando le connessioni neurologiche affinché questo meccanismo sia la regola basilare della nostra vita. Tutta la nostra socialità si basa e si sviluppa sul desiderio. Ottenere un buon voto a scuola, ottenere un premio o un regalo a fronte di un obiettivo raggiunto, avere la libertà di appagare il proprio istinto o semplicemente i propri sensi con oggetti o dinamiche emozionali. Per questo siamo continuamente soggetti a chiedere sempre di più, a innescare i meccanismi mentali che sfruttano le logiche inconsce del difetto, per ottenere una gratificazione a livello emozionale. Più abbiamo e più vogliamo, più siamo felici più cerchiamo di esserlo. 

 Ma da dove nasce la felicità? La felicità così come ogni altro sentimento positivo, nasce dal bisogno dell’anima di autorealizzarsi e manifestare la propria identità all’esterno. Per questo siamo soggetti a dinamiche relazionali complesse per aumentare questo senso di pace che deriva dalla loro pratica. Tuttavia il desiderio ha un’origine diversa da quella animica. Mentre l’anima basta a se stessa e vive del presente come un dono supremo, il desiderio deriva dalla mente egoica e quindi dalle logiche di scambio energetico che essa regola, per questo abbiamo continui sbalzi di umore, sensazioni positive che diventano negative, giornate buone e giornate pessime. Un continuo alternarsi di emozioni che attingono alla nostra energia scaricando e caricando la riserva interiore, un salire e scendere su montagne russe, che porta inevitabilmente allo scoraggiamento e al vuoto animico. Il desiderio ha lo scopo intrinseco di creare tutto questo perché proviene da una fonte che vuole realizzare la propria indipendenza a scapito dell’anima e della sua propensione alla verità. Il padrone del mondo è consapevole che questa arma è la più potente ed efficace per tenere in scacco ogni anima incarnata. Creando la dipendenza dal desiderio, il male riesce a conservare il suo dominio sull’ego, creando le condizioni per illudere le anime di essere libere di poter scegliere. Semplicemente l’ego e il desiderio sono le manifestazioni di questo mondo, le quali sono direttamente controllate dal suo “signore”. Chi intraprende un cammino animico diverso dalle leggi dell’ego-se non potrà che sentirsi alieno a questo mondo e non potrà far altro che iniziare ad elevarsi. 

Molti cercano di fuggire dalla logica del desiderio ottenendo soltanto una profonda solitudine. La solitudine oggi è il sentimento più diffuso fra gli uomini, poiché dettata dal vuoto animico e dal deficit energetico che lo alimenta. Siamo immersi in un mondo dalle mille opportunità, tutte però conducono all’apparente senso di libertà, che invece è la distruzione dell’anima stessa, così come è stata concepita dall’Immagine Originale. Iper-comunicazione che crea totale alienazione. Come uscire da tutto questo? La fame di verità e di espansione è il veicolo primario per interrompere questa catena di eventi. Quando siamo soli vorremmo solo avere compagnia, quando ci sentiamo tristi tentiamo in tutti i modi di trasformare quel sentimento. Ma come possiamo farlo se proiettiamo la risposta all’esterno? Se continuiamo a ricevere la soluzione dall’esterno, questa sarà sempre la stessa e tendenzialmente più dolorosa ogni volta che la sperimentiamo. 

La soluzione forse è accrescere il nostro senso di Unità e riempire il vuoto interiore annullando completamente desideri e aspettative. Questo non significa non avere obiettivi, tutto il contrario. L’obiettivo è molto grande e viene rappresentato dalla Volontà di credere per ottenere la Verità. Non si può arrivare alla verità non credendo (fede), oppure credere alla verità solo dopo averla vista e toccata con mano. Se releghiamo l’esperienza ai cinque sensi automaticamente stiamo filtrando l’esperienza stessa attraverso la mente e la mente non è altro che l’appendice del signore del mondo. Se invece riuscissimo ad accrescere le nostre esperienze affidandole interamente a qualcosa di intangibile, automaticamente questo diventerebbe reale, un reale che non ha bisogno di essere interpretato, un reale che è al di sopra della logica duale terrena. Quando siamo coscienti di questo aspetto tutto quello che viviamo è un dono supremo dello spirito. La stessa solitudine ci insegna il perché di tanto dolore, la tristezza si trasforma in completezza e le esperienze umane sono solo un film al quale assistiamo senza essere coinvolti in prima persona. Paradossalmente in questa dinamica di distacco sembrerebbe che i sensi e le emozioni vengano meno, invece la risultante è esattamente il contrario. 

L’amore che scaturisce da tutto questo è illimitato, scompare il giudizio, l’aspettativa, la volontà di evolvere a livello mentale, l’incapacità di vivere nel momento. Accrescono tutte le future proiezioni della nostra vita, diventiamo consapevoli di cosa accadrà e del perché accadrà e siamo in grado di prendere una posizione netta con coscienza e in verità. Diventiamo l’estensione della Volontà Suprema alla quale ci sottomettiamo consapevolmente in quanto conoscitori della nostra limitata concezione di tutto il Creato. Più ci abbassiamo (distruggiamo l’ego) più ci innalziamo a livelli sempre più puri e raffinati. Diventiamo un diapason in grado di vibrare in ogni singola esperienza, senza alcun bisogno di ottenere in cambio una dinamica emozionale. Praticamente l’anima si autorealizza e basta a se stessa. In questo modo la nostra energia diventa illimitata e possiamo veicolarla dove c’è bisogno, dove c’è mancanza di amore e dove è necessario…