Sacrificio

L’approccio alla vita quotidiana è spesso deviato da sentimenti negativi, per lo più derivanti da stimoli esterni, da uno stato sociale molto debole, carente dal punto di vista del benessere del cittadino. La mente vive in constante conflitto, è come essere all’interno di un brutto sogno, che ogni giorno turba il nostro stato di quiete e ci rende vulnerabili. il sacrificio per molti è diventato uno stile di vita, piuttosto che una rara eccezione. Il fine ultimo per l’uomo è il raggiungimento di uno stato di felicità e di pace interiore, tuttavia la vita quotidiana ci pone di fronte a sacrifici e compromessi, che lasciano poco spazio alla cura del nostro essere e alla ricerca di uno stato di tranquillità superiore. Le strutture di potere hanno inculcato l’idea del sacrificio nelle menti umane, per poter controllare il pensiero ed indebolire il sistema di credenze. Dover sacrificare qualcosa per ottenerne un’altra, è rinunciare ad una parte della nostra energia, rinunciare a qualcosa che invece è molto importante per il nostro equilibrio. Madri che sacrificano la vita per la famiglia, padri che sacrificano l’intera giornata sul posto di lavoro, bambini che sacrificano la loro innocenza nella solitudine di una giornata fra videogiochi e tv.

La logica del sacrificio è stata ed è tuttora una linea di condotta della chiesa, che vuole un uomo succube del giudizio di Dio, un uomo che deve attenersi alle regole di un Dio che condanna le nostre azioni. In realtà non c’è nessun giudizio e nessuna colpa, il messaggio è stato completamente deviato. Ovviamente una logica di questo tipo permette alle istituzioni religiose di avere il controllo sui fedeli e creare i presupposti per vincolare il loro potere creativo e la loro capacità di amare. Non credo che un Dio possa giudicare e condannare un essere vivente, in quanto parte della stessa Unità dalla quale tutto è generato. Un Dio che punisce sarebbe in contraddizione con il libero arbitrio e la libertà dell’uomo, che può scegliere autonomamente in ogni instante cosa fare della propria vita. Sacrificare la nostra vita è andare contro noi stessi, significa privare il nostro corpo delle energie necessarie ad uno stato di salute psico-fiscica perfetta. Il sacrificio è contrario all’amore, perché solo con l’amore possiamo liberare la nostra vita dal buio e trasformare ogni evento in qualcosa di positivo per noi.

Ti è piaciuto l'articolo? Clicca su OK

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

10 commenti

pienamente d'accordo...ciao freenfo

Reply

ciao sono adriano smaldone l'autore del blog www.smaldoneadriano.blogspot.com facci un salto se ti va se lasci un commento t'inserirò nei "blog amici" cosi potrò sempre commentare il tuo blog spero che farai la stessa cosa anke cn il mio

Reply
Anonimo mod

che brutto vedere gente che commenta per farsi pubblicità....

Reply

correggo l'anonimo secondo la mia opinione..."che brutto vedere gente che commenta SOLO per farsi pubblicità...."

riguardo al post, veramente molto bello. Neanche io credo che ci sia un Dio dall'altra parte pronto a giudicarci, e questo va oltre al fatto di credere o no. Io penso che il sacrificio sia una condizione necessaria per vivere con armonia con il circostante. Non dico che bisogna passare la vita a fare dei sacrifici, ma spesso, con un sacrificio, riusciamo a scoprire qualcosa di bello, sia fuori che dentro di noi.
Ciao Free. Aspetto i tuoi post ;)

Reply

Purtroppo il sacrificio non dovrebbe essere un'imposizione, a mio parere è un bisogno essenziale per vivere bene, per dare un senso alla vita, sacrificarsi per ottenere qualcosa per poi essere soddisfatti di averla ottenuta. Il problema è che i grandi signori se ne approfittano e ci IMPONGONO, in questo caso, di sacrificarci per ottenere cose che dovremmo già avere senza neanche il minimo sforzo.

Bellissimo questo blog.. Questi post mi sono piaciuti parecchio. Volevo un tuo parere su questo post (visto che tratti anche questi argomenti) -

http://xtravaned.blogspot.com/2008/11/pink-floyd-e-nuovo-ordine-mondiale.html

Reply

Das war ganz interesent manchmal ich verstehe nicht aber ist egal, THANK YOU

Reply

Ciao Freenfo,
sono Manuel di ManuBlog. Tempo fa avevamo fatto uno scambio link,e ora, poichè ho cambiato sito ti volevo chiedere se potevi cambiare il mio indirizzo.
Sono passato da http://freemanu.blogspot.com a http://manublog.org.
Quando l'hai cambiato, dimmelo così ti aggiungo alla nuova lista di blog amici, ciao!

Reply

Bell'articolo.

Reply

forse solo il termine usato nel titolo non mi piace molto

Reply

Grazie a tutti per i commenti, il post era pensato per stimolare la mente al vero significato del sacrificio. Credo siamo in un periodo in cui si dovrebbe guardare oltre e uscire dalla logica di dover soffrire per ottenere qualcosa...

Un grande abbraccio
Freenfo

Reply

Posta un commento