Visualizzazione post con etichetta Massoneria. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Massoneria. Mostra tutti i post

05 giugno 2012

Tecno imbecilli

Molti analisti economici si dilettano nei salotti della tv di stato per rendere noto a noi poveri mortali le idee e le prospettive economiche per uscire da questa disastrosa crisi. Quando il signor massone che governa senza essere stato eletto, salì al Quirinale per l’incarico, sapeva benissimo cosa avrebbe fatto nei mesi successivi al suo incarico. Sapeva benissimo che falcidiando le ormai scarse riserve di denaro dei cittadini, avrebbe ottenuto uno stato sociale zombie, incapace di intendere e a questo punto anche di volere. Oggi lo Stato si rende conto di incassare meno del previsto, cade dalle nuvole guardando i dati impietosi che dicono chiaramente che mancano quasi 4 miliardi di euro di iva ed entrate tributarie varie. Ma dai? Ma come è possibile? Brutti idioti tecnoincapaci che governate, è possibile grazie al fatto che in Italia è da sempre convenuto non pagare le tasse, in più oggi le persone non hanno nemmeno più un euro nei loro libretti di risparmio, perché li avete privati della dignità e di ogni forma di sostentamento. I morti ammazzati resteranno sempre sulle vostre coscienze sataniche, resteranno li a guardarvi dall’alto mentre brucerete nell’inferno. Se oggi mancano i soldi è perché avete stuprato per decenni un Paese, consapevoli di farlo, perché il vostro obiettivo è stato condurre le persone ad essere schiavizzate e sodomizzate dai vostri balzelli. Ma padroni tecnoidioti il tempo sta per finire…godetevi questi due-tre anni di festa perché poi rimarranno solo le vostre grida strazianti.

11 novembre 2011

Il colpo di stato della BCE

Mi rattrista vedere come le persone siano sempre così poco attente (babbei). È triste assistere allo smembramento dello Stato senza che nessuno si renda conto del piano non più così segreto del quale quotidianamente siamo parte inconsapevole. Il vero nodo della caduta del governo non è tanto l’agognata liberazione del nano eletto presidente, ma come nei prossimi mesi l’Italia verrà smembrata per quel poco che resta dai banchieri che da 15 anni la stanno governando. Tutto iniziò molto tempo fa, ma il vero cambio della politica economica è arrivato col rimpianto professor Romano, che dalla sua grande esperienza ha iniziato la distruzione totale del nostro bel Paese. Poi è stato solo un susseguirsi di funzionari incaricati dalla BCE di portare a termine i compiti assegnati dalla sede centrale. Abbiamo assistito all’ascesa di personaggi di spicco mentre la banca d’Italia (o per meglio dire la consociata delle banche private italiane) veniva smembrata per lasciare il posto al sistema basato sul debito, senza il quale il sistema stesso non può sostenersi. Abbiamo visto smantellare le riserve auree in favore della stampa di banconote utili solo per servizi nei bagni pubblici. Abbiamo assistito al proliferare di negozi “compro oro”, senza che nessuno percepisse la reale situazione che si stava prospettando. Ricordo un post scritto in tempi non sospetti che parlava proprio di questo (1 Novembre 2007). Sono passati 4 anni e mentre molti ridevano a guance gonfie, qualcuno già intravedeva l’odore di bruciato. Oggi molte di quelle persone non ridono più e si chiedono dove andremo a finire. La risposta è semplice: andremo a finire nel nulla, nel crollo dell’intero sistema, nell’apologia del nulla e del capitale virtuale. Mi viene da ridere guardando oggi l’Italia, un Paese stuprato in ogni sua tradizione, che si appresta a creare un nuovo governo di banchieri, col bene placido di mentecatti che per la maggior parte non sono in grado nemmeno di fare uno più uno. Serve uno sforzo comune, ci vuole responsabilità, ci vuole senso dello Stato e del giudizio. È necessario stringere la corda perché siamo in un momento difficile e ognuno deve fare la sua parte…

CAZZATE!!!

Stanno per toglierci anche l’aria che respiriamo e quando correrete a votare l’ultimo fantoccio di gomma, felici come scolaretti al primo giorno di scuola, ricordatevi che quella X che metterete sulla scheda sarà la firma della vostra complicità alla menzogna e all’ipocrisia. Come dice il mio carissimo fratello Bojs, c’è un tempo per parlare e un tempo per agire, un tempo per essere condiscendenti e uno per essere fermi. Oggi è tempo di scegliere perché i lupi sono travestiti da agnelli e i poveri agnelli sono ormai allo sbando. Ma se ancora credete che uno sciopero o una manifestazione organizzata ad arte per arrestare dieci persone da mettere sul TG1, sia la vostra più grande dose di goduria, mentre cenate davanti alla tv, allora avrete quello per il quale da decenni i padroni si preparano a donarvi con tutto il loro diligente amore nei vostri confronti. Pace e sicurezza per tutti…pace e sicurezza per il mondo intero…

E se nell'immagine di questo post riconoscete qualcosa che vi ricorda magari che dire... il male, la bestia, il capro... è solo una coincidenza!

23 giugno 2008

Travaglio, Scie Chimiche e Signoraggio

Lascio a voi lettori le conclusioni dopo la visione di questi filmati. Sinceramente non ho voglia di argomentare quello che sembra più che evidente.


Video di Niko



Ringrazio Niko per la segnalazione

Ti è piaciuto l'articolo? Clicca su OK

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

16 marzo 2008

Napolitano e Massoneria

Riporto un video creato ed elaborato da Niko. Ricordo a tutti i lettori che quello che trovate sul blog, serve solo come spunto di riflessione. Nessuno giudica nessuno, nessuno ha la verità in tasca, se mai è proprio il contrario.

video

Articoli correlati: Napolitano

Ti è piaciuto l'articolo? Votami su OK Notizie

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

21 gennaio 2008

(i)Focus: dalla scienza-spazzatura alla censura

Fonte: http://sciechimiche-zret.blogspot.com

Absit iniuria verbis

In questi ultimi mesi si sono susseguiti diversi avvenimenti nell'ambito della ricerca di verità sulle scie chimiche. A partire dal 23 novembre 2007, data in cui è stata trasmessa la prima delle due puntate di Rebus dedicate alle chemtrails, si è scatenata una bagarre di iniziative, ad opera di media nonché agenti infiltrati, spesso collusi con gli stessi avvelenatori-mandanti-esecutori delle operazioni clandestine di aerosol (OAC), mirante a contrastare la dirompente onda d'urto generata dalle trasmissioni del coraggioso giornalista Maurizio Decollanz di Odeon TV.

Il manipolo dei disinformatori si è organizzato quindi su due fronti:

a) La pubblicazione di ridicoli articoli e trafiletti volti a tranquillizzare la popolazione, nei quali il contesto dell'intera faccenda è ridotto alla stregua di una barzelletta o di una leggenda metropolitana.

b) L'intervento di una decina di ventriloqui del sistema del calibro (si fa per dire) di Paolo Attivissimo, costui sia in veste ufficiale, attraverso il suo blog, sia in incognito, con il nickname di axlman (già famigerato per precedenti iniziaztive dall'infimo livello morale), su diversi forum, tra i quali spiccano quelli della RAI nonché del mensile (s)Focus.

Sulla scandalosa ultima pubblicazione di (s)Focus sul numero di dicembre 2007, ci siamo già soffermati.

I gazzettieri del mensile della scienza-spazzatura hanno, però, voluto esagerare e nel goffo tentativo di mettere una pietosa pezza che riparasse la magra figura fatta con l'articolo cartaceo, i cui contenuti sono stati anche confutati dall'ingegnere aeronautico Luigi Fenu, hanno inaugurato una nuova sezione sul sito web, denominata (già il titolo è sintomo di faziosità): "Scie. Chimiche?". Infatti, non mi pare che ci sia nulla da comprendere ancora. Le scie chimiche sono un dato di fatto e non una teoria, ma per gli scribacchini di (s)Focus, evidentemente comandati da altri, non è così, per cui l'invito era: "Hai tempo fino alla fine di dicembre per metterle on line le tue foto di scie chimiche: a gennaio la redazione di Focus selezionerà le più significative ed un esperto le commenterà. Ma tu lascia i tuoi commenti nel forum del gruppo e commenta le singole foto!".

Sulle prime, visto e considerato che si sapeva già dove volessero andare a parare, ovverosia che la risposta del cosidetto "esperto" era scontata sin dall'inizio, visti i presupposti, non ho ritenuto opportuno approfittare dell'offerta. Era chiaro che si trattava di un frutto avvelenato. Ma poi, ripensandoci, mi sono detto: "Perché no? Magari inserisco foto e filmati che sicuramente metteranno in difficoltà il venduto di turno". Quindi ho raccolto un po' di materiale ed ho inserito un centinaio tra foto e filmati dall'inequivocabile "significato chimico-biologico". Detto, fatto. In un paio di giornate ho completato l'upload del materiale sul portale di (s)Focus ed ho atteso lo scontato verdetto dell'esperto, del quale peraltro, nessuno sapeva nulla!

Nel frattempo, tra il finire del 2007 ed i primi giorni del 2008, la questione relativa all'uso del Radar Airnav diveniva sempre più interessante, evidenziando dati inquietanti ed inequivocabili che mettevano in seria difficoltà la credibilità (se mai ne avessero avuta) di Attivissimo nonché di coloro che gli ronzano intorno come i maggiordomi fanno con il loro signore e padrone. In effetti... come si può spiegare il fatto che il radar della AirNav Systems rileva gli aerei commerciali anche distanti diverse miglia e non segnala invece (tranne pochi casi di evidente sovrapposizione di dati con velivoli posti in prossimità) i tankers impegnati nelle operazioni di aerosol incrocianti anche sulla verticale? Semplice il lampo di "genio" di axlman: il radar non funziona! Purtroppo per lui, però, è stato contraddetto dagli stessi esperti della Airnav Systems. "Poco male..." avrà pensato quella sera... "Basta non farlo sapere in giro...". Inutile dire che questa gente è sin troppo prevedibile, per cui era inevitabile che trovassi subito il suo post sul forum della AirNav Systems, aspettando che si iscrivesse per porre la questione. Non feci altro quindi che riportare subito, sul forum di (s)Focus, link ed estratti della discussione che confutava totalmente le affermazioni di Attivissimo, alias axlman. Come già precedentemente spiegato, la notte stessa il mio post fu integralmente cancellato e la mia utenza esclusa dal forum in questione. Di lì a poco axlman inseriva un suo intervento nel quale, anima pia e corretta quale è, inseriva il link alla discussione sul forum statunitense, cercando di girare la frittata alla meno peggio a suo vantaggio e facendo notare la sua integrità morale, nel non aver omesso la sua cantonata.

Lo screenshot rimosso dai moderatori di FocusMa qual è il fulcro della questione? Non certo axlman ed i suoi compari, ma il fatto che anche all'interno del forum della rivista della scienza-spazzatura esista una coordinazione simbiotica tra finti utenti che scrivono per sollucchero e finti moderatori che solo in apparenza moderano. Essi (Nella fattispecie... esse: spenottina ed alexwhite) evidenziano attraverso ogni loro intervento un atteggiamento tutto fuorché super partes e, forti della loro intoccabilità, si permettono anche di decidere quale post possa rimanere e quale post debba essere cancellato. Strano che non abbiano mai pensato di rimuovere le reiterate diffamazioni nei nostri confronti ad opera di axlman e compagni di merende!

Successivamente a questi fatti, l'utente egregora ha recentemente avuto l'ardire di segnalare uno screenshot dell'interfaccia AirNav Radar che contraddiceva ancora una volta le illazioni di un altro disinformatore, certo hanmar, al secolo Michele Galloni, geologo - consulente ambientale... (vi ricorda qualcosa? Ricordate le censure di altro geologo di nome Mario Tozzi? Sì, quello di Gaia, il pianeta che vive), che affermava, udite udite, che il radar non rileva i velivoli della compagnia Alitalia, per cui è un chiodo. Nulla di più falso ovviamente (si veda lo screeenshot) e rapidamente confutato con la foto riportata da egregora. Peccato che anche in questo caso la cosa non è stata gradita dagli alti dirigenti che controllano la discussione, come se fosse Guantanamo e quindi... et voila, il post di egregora viene cancellato e ad esso la moderatrice (si fa per dire) Spenottina, sostituisce il seguente testo:

"Se vuoi scrivere qualcosa di tuo ben venga, ma a Straker è stato tolto il diritto di intervenire perchè ha ripetutamente e volontariamente infranto le regole di questa discussione. Non saranno fatte eccezioni per chi gli fa da ambasciatore e i post verranno cancellati.

Spenottina
".

Efficaci ed illuminanti, seppure con tentennante punteggiatura, le parole della collega di spenottina alexwhite, che scrive: "egregora...

straker è indifendibile per via della sua abnorme maleducazione e sfacciataggine. o cancelli la sua immagine e posti con la tua testa o l'immagine la faccio cancellare io. un ban è un ban sotto qualunque aspetto.detesto le persone che non ragionano e si fanno manipolare dagli altri
".

In seguito all'ennesima manipolazione dei contenuti della discussione ed avendo rimosso un'altra prova a confutazione delle ridicole illazioni dei disinformatori al soldo degli avvelenatori, i soliti noti hanno ripreso il filo conduttore dei loro contorti discorsi, eludendo completamente le prove addotte da egregora e quindi mendacemente concludendo che il Radar AirNav non rileva nessun aereo né civile né tantomeno di altro tipo. Sarà un caso, ma circa un'ora dopo questo infame episodio, i servers che gestiscono i Radar AirNaw nel network, sono stati protagonisti di un misterioso black-out che, al momento in cui scrivo, è in fase di risoluzione. Nel caso specifico, il database che fa capo alle informazioni sui velivoli mostrati da tutti i prodotti della Airnav Systems, è andato misteriosamente distrutto.

E' quindi palese lo scopo di coloro che si ostinano a mantenere in qualche modo vivo un nido di vipere come la discussione sulle chemtrails. Lo scopo è delegittimare coloro che fanno ricerca indipendente e distruggere le basi sulle quali si fondano i recenti successi che hanno portato le chemtrails in televisione.

Ma non finisce qui! Dobbiamo tornare alle vicende subito successive alle censure occorse sul forum. Infatti il giorno dopo, la redazione di Focus decide, seppure in ritardo, di pubblicare alcuni commenti del... famoso "esperto" alle foto inviate dagli utenti iscrittisi al portale.

Raymond Zreick - focus.it, caposervizio, inserisce alcune foto commentate dal meteorologo Giulio Betti. Ma chi è questo Betti? In verità di tale illustre "esperto" si trova ben poco, ma appare sospetto un suo probabile collegamento alla sfera dei personaggi che bazzicano negli ambienti di Paolo Attivissimo (axlman): i fans di Star Trek.

Betti fa parte dell'organigramma degli affossatori della verità?

Giulio Betti fu lo stesso che giorni fa, osservando una foto delle nubi stratificate a bassa quota, sotto le quali passano i tankers chimici, qui commentate e giudicate "rari cirri spissati", le definì "nubi basse stratocumuli". Forse perché non c'era l'aereo che sciava inferiormente nella parte della foto a suo tempo mostratagli?

Ora, invece, Giulio Betti scrive...

La foto relativa a Sanremo mostra un'estesa copertura di nubi alte, tra queste si nota la presenza di cirrostrati, cirrocumuli e rari cirri spissati. All'interno dello strato nuvoloso risulta evidente la presenza di almeno una scia di condensazione che lo taglia quasi trasversalmente. Il fatto che essa tenda a fondersi con i cirrostrati limitrofi risulta del tutto credibile considerando la pari altitudine alla quale volano gli aerei e alla quale si formano i cristalli di ghiaccio dei cirri. La notevole copertura è quasi certamente il segnale di un peggioramento imminente. Commenti a cura di 3bmeteo.com, redatti dal dottor Giulio Betti. La fotogallery completa delle immagini selezionate da 3bmeteo.com è su www.focus.it ("Scie nel cielo. Sono "chemtrails"? Scie chimiche? Risponde il meteorologo...").

Vorrei far notare che il cosidetto "esperto" si è ben guardato dal commentare le foto scomode, come ad esempio quelle che immortalano aerei spruzzare scie blu o nere, limitandosi ad esprimere le sue capziose argomentazioni solo su una risicata manciata di soggetti.

Inutile ricordare che dopo le mie inevitabili proteste per l'ennesima farsa di quelli di (s)Focus, mi sono assicurato il banning anche dal gruppo "Scie chimiche" all'interno del portale che... in ogni caso faccio notare, appartiene al gruppo Mondadori e che in bella mostra, sopra la lettera "i" del logo iFocus esibisce l'occhio che tutto vede, l'occhio della massoneria!

09 settembre 2007

Impressioni a caldo

Non sono un critico politico, ne ho seguito la vicenda del V-Day a causa di impegni personali, tuttavia vedendo le persone che hanno partecipato all'evento, qualcosa di strano nell'aria ci deve essere. Partendo dal presupposto che non ho nulla in contrario all'operato di Grillo, anche se personalmente lo preferisco come comico e basta, non riesco a collocare questa iniziativa in opposizione alla politica moderna. Grillo ha raccolto il malcontento di una buona parte di cittadini che sono stanchi di essere sbeffeggiati da una classe politica inetta e inadatta. La stessa classe politica che stima Grillo per la sua schiettezza e onestà, la stessa classe che forse commissiona a peso d'oro le tante parole di Grillo. Pensavo a quante persone riesca a mobilitare un comico genovese e a come potrebbe veicolare questa grande massa di voti verso un partito nuovo e fresco come il partito democratico. Se tutto questo fosse una semplice messa in scena elettorale, dovrò fare i miei complimenti a Beppe, perché avrebbe davvero beffato tutti. Questo corretto accanimento contro i parlamentari corrotti e la loro immunità è una battaglia giusta, ma rimane una piccola esigenza in un mare di problemi concreti. Non ho mai visto Grillo scagliarsi contro il signoraggio, le scie chimiche, l'alimentazione a base di veleno, la politica clientelare e molte altre cose con altrettanta efficacia. Togliere dal parlamento i condannati non risolve il problema della classe politica, una classe ormai gestita interamente da poteri occulti, una serie di bambocci tirati da fili invisibili al soldo dei grandi interessi economici. I problemi italiani e del mondo in genere sono molti e molto diversi. Una platea di adepti come quella di oggi, a mio parere raccoglie solo la parte superficiale di tutte queste questioni. Crea un calderone di falsa democrazia. L'illusione che tutti possono scendere in piazza e gridare il loro dissenso, senza che le cose cambino veramente. Non sarei sorpreso se Grillo in futuro desse la personale preferenza di voto ala nuova classe politica democratica che sta nascendo sotto l'astro di Veltroni. Una vecchia frittata che non è buon per l'Italia, qualcosa senza capo ne coda. Tutte le firme raccolte oggi avrebbero educato migliaia di persone a problemi reali, se solo fossero stati elencati e trattati al posto di queste facezie da prima repubblica.

Vorrei ancora precisare di non avercela in nessun modo con Grillo, apprezzo la sua tenacia, anche se credo miri anche lui ai propri interessi, siano essi politici, economici o entrambi. Non sono certo che sia un massone, un rappresentante di una qualche entità segreta, tuttavia non riesco ad intravedere la purezza candida del suo operato. La stessa censura che opera sul Blog spesso mi lascia perplesso. Certo con milioni di visite al giorno diventa difficile gestire tutto, ma non è così bello avere milioni di persone da educare con articoli di vera informazione, invece che parlare di un mucchio di stronzate? Lascio a voi la risposta...

Mi piacerebbe vedere in piazza persone con annesso cerebro che blocchino le città e paralizzino i centri di potere fin quando qualcuno non si degni a spiegare il perché di questa ignobile vita terrena, fatta di veleni, usurpatori e arrampicatori sociali.

In ogni caso questo evento ha creato tanto clamore, da ricevere anche un post che ne parli interamente, forse sono stato conformato anche io...

Ps. La politica non è in grado di sistemare l'Italia, in quanto non rappresenta una forma democratica di gestione dello Stato. Fin quando esisterà un Nuovo Ordine Mondiale l'unica alternativa è astenersi dal voto, lasciar morire questo sistema e tentare di costruirne uno più consono all'uomo dal basso, in orizzontale, senza l'aiuto di nessuno, senza il bisogno di chiedere soldi a nessuno, basandosi solo su fiducia, onestà e Amore.

Pps. Ultimamente vedo simboli e occhi in ogni cosa, ma il logo del V-Day sarà fino in fondo libero da messaggi subliminali?

16 luglio 2007

Vatican Corporation S.p.A.

" Un giorno, uno splendido essere di nome Gesù disse: "...porgi l'altra guancia". Loro un pò duri d'orecchi capirono: " Porgili in banca". Da allora è nato tutto, la Banca Vaticana (IOR), la banca dei Ministri di Dio...di quale dio però, non lo si è ancora capito".

Premetto che non desidero mancare di rispetto a nessuno, qualunque fede professi, in questo articolo ci sono solo dati di fatto ampiamente documentati e se qualcuno si sente offeso o ferito nel proprio credo è perché prima di essere un credente è un ipocrita, cito l'esoterica frase tanto verace quanto sepolta tra gli scheletri: "nessuna religione umana è più alta della verità". Comunemente si pensa che il Cristianesimo vero insegnato da Gesù ed il Vaticano siano un tutt'uno, ma come vedremo ciò non corrisponde a verità, tanto che la maggior parte delle volte, il Vaticano per i propri interessi lavora in antitesi ai valori fondamentali del Cristianesimo originale. Sembra così assurdo che i custodi della Chiesa di Pietro siano proprio quelli che minano le sue basi?!? Ma non è assurdo nel momento in cui si posa gli occhi sul Vaticano, perché il Vaticano è semplicemente un luogo ricoperto di fine marmo, di inestimabili affreschi... e di scintillanti croci d'oro appese al petto.
Il Vaticano non è altro che la gerarchia ecclesiastica, uomini in carne ed ossa con le loro estreme debolezze. Ma ora entriamo nella purpurea e drappeggiata stanza dei bottoni della Cristianità, il luogo che ha manomesso le fondamenta teologiche, etiche e storiche del vero Cristianesimo originario.

Il Vaticano è una multinazionale, con sedi sparse in tutto il mondo, ha un fatturato annuo stimato in migliaia di miliardi di lire (basterebbero a sfamare milioni di indigenti nel mondo), e come ogni multinazionale che si rispetti ha un forte impatto politico. Molti suoi alti prelati hanno un legame diretto con l'Alta Finanza Mondiale che come si sa è manovrata dalla Massoneria deviata. Difatti molti vescovi e monsignori sono affiliati a queste logge massoniche come i Cavalieri di Malta e la Loggia d'Oriente. Ma diamo qualche esempio concreto di chi dimora tra le mura vaticane. Criminalità religiosa organizzata
Il potente banchiere Michele Sindona (affiliato alla loggia massonica Propaganda 2 di solito abbreviata in P2) conobbe personalmente Paolo VI quando quest'ultimo era ancora Arcivescovo di Milano, una delle Diocesi più influenti in Italia. Sindona entrò nelle sue grazie costruendo un edificio per la Diocesi stessa. Paolo VI è stato il ponte di collegamento tra questo avido finanziere, l'Arcivescovo Marcinkus, Roberto Calvi (altro affiliato alla P2) presidente dell'Ambrosiano e di Licio Gelli (Gran Maestro della loggia P2). Questa associazione tra Massoneria-Vaticano-Mafia negli anni '60 ha fatto incassare miliardi di lire al Vaticano stesso ed ai loro "business-priests". Paul Marcinkus non è stato solo il presidente dello IOR (Istituto Opere Religiose), la Banca Vaticana; è l'eminenza grigia del Pontificato. Per questo Papa Giovanni Paolo II, ha usato la sua carica isituzionale per proteggerlo. I Papi come i presidenti degli Stati Uniti, sono solo paraventi; è la politica dei maestri burattinai: "muovere i fili da dietro le quinte". Paul Marcinkus è stato condannato per la vicenda dei "fondi neri" dello IOR e per il crollo della banca milanese di Roberto Calvi. La Cassazione nel '87 ha annullato i mandati di cattura per "Sua Eminenza" e gli altri responsabili della banca Vaticana.
Ma lasciamo che le dichiarazioni di Francesco Pazienza, pubblicate nel libro "La vera storia d'Italia" ci diano una maggiore quantità di elementi cui farci riflettere ed indagare: "Sempre durante il mio impegno presso i Servizi, ebbi la ventura di rintracciare, presso l'avvocato zurighese Peter Duft - il quale era stato consulente del cardinale Vagnozzi e depositario di molti documenti dello stesso - delle carte pericolosamente compromettenti per Mons. Paul Marcinkus. Occorre dire, al riguardo che il Gen. Santovito aveva ricevuto la richiesta da Mons. Luigi Celata, segretario particolare del Cardinale Casaroli, di rinvenire documenti compromettenti per Marcinkus, documenti i quali si trovavano tutti all'estero e, dunque, erano di difficile reperibilità. Tale richiesta si inquadrava nel contesto di uno scontro feroce, all'interno del Vaticano, tra due opposte fazioni: l'una denominata "Mafia di Faenza", nella quale si iscrivevano, oltre al cardinale Casaroli, i Cardinali Samorè, Silvestrini e Pio Laghi; l'altra, facente capo per l'appunto al Marcinkus, alla quale appartenevano Mons. Virgilio Levi, vice direttore dell' "Osservatorio Romano", e Mons. Luigi Cheli, Nunzio pontificio presso l'ONU. La fazione capeggiata da Paul Marcinkus aveva grossa influenza su Papa Giovanni Paolo II: questi aveva dovuto, proprio all'inizio del suo pontificato, fronteggiare uno scandalo, esploso negli Stati Uniti, di cui era stato protagonista un ordine di Preti polacchi di Filadelfia, implicati in grosse truffe ai danni di banche, con risvolti piuttosto piccanti. Mons. Marcinkus si era opportunamente adoperato per mettere a tacere tale scandalo, officiando lo studio legale newyorkese "Finley - Casey & Associati" e coprendo, in qualche modo, gli ammanchi. L'ovvio beneficio che Marcinkus ne aveva tratto era di poter contare sull'appoggio incondizionato del Papa, il quale, a seguito dell'attentato patito, era però stato messo fuori gioco: non a caso gli attacchi allo IOR e al Banco Ambrosiano si fecero estremamente virulenti e fatalmente insidiosi proprio dopo l'attentato, basti pensare alla coincidenza temporale di questi e l'arresto di Calvi. Anziché consegnare i documenti reperiti presso l'avvocato Duft al Gen. Santovito, che li avrebbe, a sua volta, consegnati al segretario del Cardinale Casaroli, senza che ne traessero alcun vantaggio, mi rivolsi all'On. Piccoli, affinché mi reintroducesse presso Calvi: avrei potuto ripresentarmi a costui da solo, tuttavia, con il viatico del Segretario della Democrazia Cristiana la cosa prendeva un aspetto affato diverso. Fu per l'appunto a Roberto Calvi che consegnai la documentazione in mio possesso, che tra l'altro era soltanto una parte del fascicolo contro Marcinkus, senza farne neppure una fotocopia. A.D.R.
Consegnai a Calvi la documentazione nei primissimi giorni del marzo 1981. Contestualmente erano usciti gli articoli dell' "Espresso" e di "Panorama" sull'organizzazione del viaggio statunitense dell'On.Piccoli. Fu forse per tale ragione che Calvi mi invitò a collaborare con lui...". Le dichiarazioni di Francesco Pazienza sono ulteriormente convalidate dai "Millenaristi", la terza forza che si muove all'interno delle sante mura dei "sette colli". I "Millenaristi" sono una cellula di prelati all'interno del Vaticano, hanno scritto un libro, per denunciare le due fazioni opposte di cui parlava anche Pazienza. Questa cellula si dichiara disgustata dalla corruzione che giornalmente vede dilatarsi nel Tempio della Cristianità, denunciando molti loro colleghi ecclesiali come affiliati ai vari ordini massonici, alla Mafia siciliana o alla Camorra campana. I "Millenaristi", inoltre, denunciano la dilagante omosessualità come costume consolidato nel Vaticano stesso, ed usata anche come via ad una facile promozione; e gli sperperi in acquisti di ville romane o palermitane, dove diversi prelati passano spensierate serate allietate dalle attenzioni di splendide donne.

Il motto, di questa multinazionale religiosa e spirituale quanto la Microsoft o la Nestlè (adorano lo stesso dio-banconota del resto), non è il classico "soddisfatti o rimborsati", ma è stato da sempre quello di "soddisfatti o messi al rogo". Naturalmente ai giorni nostri si parla del moderno rogo, cioè il discredito attraverso i mass-media, ed in questo il loro onnipotente dio-banconota li ha generosamente dotati di strumenti mass-medianici. Il Vaticano, grazie alla congregazione dei Paolini, detiene il quarto gruppo mass-mediologico in Italia, dopo Mondadori, Rizzoli e Rusconi. Stampano giornali come Famiglia Cristiana, con il quale ogni settimana vendono milioni di copie. Ciò significa "plasmare" il pensiero di molte persone. Ma ci sono molti altri giornali e libri, tutti con delle vendite notevoli, giornali che usufruiscono di finanziamenti statali, cioè pagati da noi italiani. Ma nel momento in cui la nostra magistratura emette un mandato d'arresto a questi loschi prelati, prontamente il Vaticano si fa forte della sua Extraterritorialità in quanto Stato a se, proteggendo e lasciando completa libertà a questi preti senza scrupoli e senza Dio. E tutto il lavoro della nostra magistratura diventa inutile, con un ulteriore danno economico nei nostri riguardi (le indagini costano).
Però per i finanziamenti e per l'otto per mille, l'Extraterritorialità non viene tenuta conto; due pesi e due misure...e due Dei nella Casa del Signore. Se non bastasse il Vaticano ha usato la Rizzoli con i suoi settimanali per fare propaganda e screditare chiunque minasse il prestigio o la popolarità (si fa per dire) della Chiesa. L'escatologia dirottata in tirannici dogmi per sottomettere la sacralità dell'individuo ad una Chiesa che è di tutti tranne che di Dio.

Gli oscuri uomini dagli abiti porpora non si riposano mai. Attraverso i giornali boicottano perfino gli stigmatizzati in vita. Basti ricordare lo scomodo (per loro) Padre Pio, e la sua difficile vita a causa del Vaticano. Una volta morto, miracolosamente non lo era più, anzi s'era tramutato in un sant'uomo (se la gente lo ama anche senza l'approvazione della Chiesa, la Chiesa si addegua per poter tenere i fedeli, questa flessibilità ha portato sopravvivenza e potere da 2000 anni). I contestatori Mons. Milingo e lo stigmatizzato Giorgio Bongiovanni (direttore di Antimafia 2000) una volta morti saranno i prossimi paladini della Chiesa? Secondo il " Corriere della Sera ", l'immagine della Chiesa dedita agli aiuti umanitari è strumentalizzata e dell'otto per mille che gli italiani devolvono attraverso le tasse, solo il 46% degli introiti viene usato per opere di beneficienza, mentre il restante 54% viene usato per mantenere la fatiscente struttura pontificia. Per fortuna che Gesù predicò una vita in povertà. Ma non fatevi strane idee, loro sono in assoluta buona fede, è che purtroppo le orecchie sono organi così delicati e si danneggiano subito.

Narco-Business al Vaticano

Ma l'incredibile in casa Vaticano è all'ordine del giorno, pensate che la "Santa Sede" ha fatto di tutto per proteggere Noriega (uomo usato dalla amministrazione Reagan/Bush nel traffico degli stupefacenti della CIA), il dittatore e narcotrafficante panamense ricercato dalla DEA (Drug Enforcement Administration) americana. A Panama c'erano parecchie finanziarie di Marcinkus, Calvi e Sindona e gentilmente Noriega le proteggeva dagli sguardi indiscreti. Lino Christ, l'abate della parrocchia di Rio de Janeiro e corriere della rete brasiliana del narcotraffico è stato arrestato in Svizzera, le sue valigie contenevano nove chili di cocaina pura per un valore superiore ad un miliardo di lire. E cosa dire dell'Opus Dei da molti criticata come una congrega finanziaria camuffata da opera religiosa. Purtroppo l'esecrabile esercito di corrotti e corruttori in seno alla Chiesa è un cancro dall'estensione mortale e unica del suo genere. Di certo il cristiano medio farebbe meglio a pregare nel proprio tempio interiore e fare la carità di persona; evitando di interagire e colludere inconsapevolmente con una Chiesa (scusate l'eufemismo) che odora d'inganno e di morte. Ma le vie di questo dio-banconota, e di questi uomini senza religione e senza Dio, sono infinite ancora per quanto?


B O J S


Bibliografia:
Tratto da un testo di Archangel

04 giugno 2007

Il Paese dei sordo ciechi

Sempre più spesso mi trovo in difficoltà a scrivere qualcosa che abbia un senso. Le notizie sempre uguali, i soliti teatrini sulla politica interna, le solite notizie psico-economiche, le solite banalità sul gossip e le tette di qualche decerebrata da tv. Mentre scorro le notizie mi salta agli occhi l’inchiesta del pubblico ministero di Potenza sulla massoneria italiana. Questa nota mi risveglia e mi fa tornare il sorriso, penso che forse qualcuno abbia acceso il cervello e tentato di capire come funzionano realmente le cose in Italia. Mentre si parla di scandali tra ministri e alti rappresentanti dello Stato, qualcuno insinua che la massoneria è ancora ben radicata e gestisce parte delle amministrazioni locali. Sorrido perché da anni si parla di poteri occulti, senza riuscire nemmeno a sfiorare le menti del popolo gregge. Mentre i più grandi massoni del NWO si accingono a distruggere il mondo, altri rappresentanti (in parte gli stessi) si riuniscono per la consueta riunione di metà anno con il burattinaio mondiale. Sembra di vivere un copione ormai ben delineato che scorre in schermi tv invisibili, un sottile filo subliminale che continua a scuotere le sorti del mondo a scapito degli imbambolati e controllati piccoli uomini sordo ciechi. L’agenda del NWO continua senza sosta, solita disinformazione sul riscaldamento globale, solite operazione di bonifica dei cieli e soliti dibattiti politici.

Nello stesso tempo in Palestina le persone continuano ad essere trucidate dalle forze sioniste. Lo scandalo internazionale che Israele continua a perpetrare è vergognoso e ogni giorno di silenzio ingrandisce il crimine contro l’umanità che si compie nella striscia di Gaza. Stasera andrò a dormire, spero di alzarmi domani mattina e realizzare che tutto questo è un semplice incubo.

24 maggio 2007

PIANI OCCULTI CHE VI RIGUARDANO

“Quarto Reich” di Henry Makow, Ph.D, 14 Ottobre 2002
(Estratti dall’articolo originale)





Una donna allevata con il culto degli Illuminati descrive un’organizzazione segreta e potente, compromettendo così l’1% della popolazione americana; questa percentuale avrebbe infiltrati in tutte le istituzioni sociali e, in segreto, starebbe preparando una presa di potere militare. Le sue rivelazioni porterebbero “la guerra basata sul terrore” e “la sicurezza della patria” ad essere viste sotto una nuova luce. Una donna di 45 anni, che è stata una “programmatrice” di menti, per conto del culto, fino al 1996. Lei era la sesta istruttrice capo nella “filiale” di San Diego e aveva 30 istruttori che dovevano riferirle. Ha rischiato la vita avvisando l’umanità del potere nascosto e dell’agenda degli Illuminati. Essa descrive il sadico culto satanico pilotato dalle persone più ricche e potenti del mondo, le quali praticano sacrifici animali e omicidi rituali. Sono in combutta con la CIA e la libera Massoneria. Il sostenitore del gruppo è di origine Ariana (in alto si parla tedesco - ndc) ma il benvenuto si da anche all’apostata ebreo. Questa "struttura" controlla il traffico mondiale della droga, armi, pornografia e prostituzione.


E' sicuramente dietro ad assassini politici, terrorismo, incluso l’11 settembre, e tutte le altre stragi e genocidi perpetrati nel mondo intero. Ha degli infiltrati governativi a livello locale, statale e nazionale; nella religione e nei media. Con base in Europa, sta pianificando un “nuovo ordine mondiale” che farà sembrare i suoi primi sforzi chiamati NAZISMO E COMUNISMO semplici scampagnate. Un’altro particolare da aggiungere: queste persone non sono molto felici. La coraggiosa testimonianza di questa donna ci spiega perché ai nostri bambini non vengono insegnati i veri valori civili, il perché essi vengono abituati alla violenza e il perchè la nostra “cultura” sta andando verso il nichilismo e la depravazione sessuale. Tutto ciò aumenta la possibilità che George W. Bush e la sua Amministrazione siano "marionette" degli Illuminati e fa pensare che la maggior parte dell’ “elite” mondiale sia impegnata in una cospirazione criminale dedita allo shock della mente delle persone.

Nel dicembre 2000, HJ Springer, l’editore del CentrExnews.com contattò questa "donna" e condusse con lei, via e-mail, un’intervista suddivisa in 18 parti che viene riprodotta on-line ed è protetta dal copyright.

Le 18 parti complete si possono trovare su:


http://web.archive.org/web/20030609103208/http://centrexnews.com/columnists/svali/archive.html


o su http://educate-yourself.org/mc/mcsvaliinterviewpt1.shtml

di seguito sono proposti degli estratti presi dall’intervista summenzionata:


“Sono convinto che essa sia la vera McCoy”, mi scrisse Springer. “Le ho personalmente comunicato numerosi messaggi di altre persone delle quali venne abusato durante i rituali, alle quali è stato fatto il lavaggio del cervello , stuprate, abusate sessualmente delle quali lei mi ha fatto i nomi - alcuni dei quali mi hanno confermato la sua storia. Così non nutro alcun dubbio sul fatto che Svali sia davvero stata allevata dagli Illuminati sin da piccola. Mi fido della testimonianza di Svali anche per il fatto che essa conferma la mia intuizione e la mia ricerca. Tutto combacia: dalla mano morta che sembra sopprimere l’umanità al perché Clinton diede della tecnologia segreta ai cinesi fino ad arrivare ai rapporti riguardanti campi di concentramento in America. Mi spiego ora il fatto per cui alcune persone che conosco sembrano avere un comportamento da cospiratore. Ringrazio Svali per avermi dato una spaventosa ma incredibile chiave che mi ha permesso di capire il mondo. Vi rimando all’urgenza di leggere la sua intera testimonianza (in inglese) e di decidervi. Iniziate a leggere “dalla Parte n° 1” alla “Parte n°18” iniziando da metà della lista in su. Con il loro permesso, di seguito ci sono dei punti salienti della corrispondenza tra Svali e il signor Springer del CentrExnews.com. Ho incluso anche del materiale proveniente dal suo articolo “Gli Illuminati stanno acquisendo il controllo del mondo?”


(http://www.suite101.com/article.cfm/ritual_abuse/53556 ) [...]



COMANDO

“Il Consiglio Nazionale (USA), consiste di influenti banchieri da lunga data come i Rockefeller, la famiglia Mellon, la famiglia Carnegie, la famiglia Rothschild, ecc. So che non dovrei chiamarli per nome, ma è quello che voglio fare. Il “Concilio Mondiale Supremo” è già stato creato come un prototipo di quello che avrà potere quando il NWO (Nuovo Ordine Mondiale) diventerà effettivo. Si riunisce su base regolare per discutere di finanza, scelte direttive, politica, ecc. e sulle soluzioni ai problemi che emergono. Ancora una volta, questi leader sono alla testa del mondo finanziario, le VECCHIE famiglie di banchieri. La famiglia dei Rothschild in Inghilterra e in Francia, possiede le poltrone dominanti. Un discendente della dinastia degli Asburgo ha una poltrona ereditaria. Un discendente delle famiglie dominanti di Inghilterra e Francia ha una poltrona ereditaria. La famiglia Rockefeller negli Stati Uniti, detiene una poltrona. Questa è una ragione per cui gli illuminati sono stati alquanto “intoccabili” negli anni. I membri dominanti sono molto, molto, molto ricchi e potenti. Spero che questa informazione possa aiutare. Come conosco ciò? Io ero in un concilio di comando locale (un istruttore capo), ma parlai con quelli a livello regionale. Inoltre, ad ogni bambino degli Illuminati viene insegnato chi sono i loro “leader” e gli viene detto di giurare fedeltà a loro e al “Nuovo Ordine che verrà”.

REGALITA'

“La leadership degli illuminati afferma che essi discendono da lignaggi reali, così come da un’eredità occulta ininterrotta. Vedete, venivano usate due definizioni di “regalità”. Regalità manifesta, quella attualmente pubblicamente visibile, e “regalità nascosta”, di lignaggio regale ed estremo potere occulto. Qualche volta le due erano concomitanti, come con il Principe di Galles.

Non ho mai pensato quale paese/linea detenesse il maggior potere, poiché ero solo un operaio che compiva attivamente il suo lavoro. Ma ho capito che: “I discendenti Hanoveriani/Asburgo dominano in Germania sui Bruderheist. Essi sono considerati una delle linee più forti e occulte. La linea Britannica è solo sotto a loro, con la famiglia reale. Certamente dominano il ramo del Regno Unito sotto i Rothschilds nel reame occulto, anche se pubblicamente il parlamento dirige il paese. In Francia, di nuovo, anche i discendenti delle famiglie reali sono al potere nel reame occulto, ma i Rothschilds francesi detengono i regni sopra tutti loro”.

POSIZIONAMENTO DEGLI USA


“Gli Stati Uniti sono considerati più in basso e più giovani dei rami europei. Germania, Francia e Gran Bretagna formano un triumvirato che domina nel culto europeo. L'URSS è considerata importante, e ha i gruppi militari più forti. Alla Russia è stata promessa la quarta posizione nel Nuovo Ordine Mondiale, PRIMA della posizione che avrebbero gli USA, poiché la Russia è stata più utile e cooperativa negli anni, favorendo l’agenda.

Anche i discendenti delle prime famiglie dominanti sono coinvolti nella leadership occulta, insieme ai più nuovi. Non c’è marxismo nel culto. La Cina sarà posizionata dopo la Russia, poi gli USA. Ma molta dell’attuale leadership USA sarà in Europa quando il cambiamento accadrà, e molti hanno case li. Essi “cambieranno nazionalità” durante la notte…



I membri degli Illuminati credono che il governo (USA), come noi lo conosciamo, così come i governi di molti paesi nel mondo, siano destinati a crollare. Questi crolli saranno pianificati per accadere nei seguenti modi:

Gli Illuminati hanno prima programmato un crollo finanziario che renderà la grande depressione simile a un picnic. Ciò accadrà attraverso le manovre delle grandi banche e istituzioni finanziarie del mondo, attraverso le manipolazioni delle scorte di valute e il cambio dei tassi d’interesse. Molte persone saranno indebitate al governo federale attraverso le banche, le carte di credito, ecc.

l governo richiamerà immediatamente all’incasso tutti i debiti, ma molte persone non saranno in grado di pagare e falliranno.

Questo causerà un panico finanziario generalizzato, che accadrà in tutto il mondo simultaneamente, come credono fermamente i membri degli Illuminati, poichè il controllo delle persone avviene attraverso il denaro…

Dopo, quando il governo dichiarerà lo stato di emergenza e la legge marziale, ci sarà la presa di potere militare, regione per regione. Le persone avranno attacchi di panico, ci sarà uno stato di anarchia in molte località e il governo giustificherà la sua mossa come necessaria per controllare i cittadini in preda al panico.

Il culto ha addestrato leader militari, e persone sotto la loro direzione utilizzeranno NUOVE ARMI a raggi e psicotroniche così come tecniche di controllo delle masse per implementare questo nuovo stato delle cose…verranno create basi militari in ogni località (in realtà sono già qui, ma nascoste - ndc).

Nei prossimi anni verranno spostate in superficie e saranno rivelate. Ogni località avrà basi regionali e leader a cui rispondere.

La gerarchia rifletterà da vicino l’attuale gerarchia nascosta…

B O J S

P.S. - Ho volutamente ri-proposto "questa pietra miliare" che molti conosceranno già per collegare nelle sinapsi di quanti ormai parlano di questo argomento che la realtà supera di gran lunga l'immaginazione e che i tempi stringono veramente, "ORA"!!

26 gennaio 2007

Strumenti di guerra batteriologica sviluppati segretamente nei laboratori degli Stati Uniti (di Sherwood Ross)

Fonte: http://sciechimiche-zret.blogspot.com

Traduzione di Zret e Straker


Il più dispendioso e grandioso progetto di ricerca che sia mai stato tentato nell’ambito delle armi batteriologice, ha conosciuto un notevole sviluppo sotto la presidenza Bush, in violazione dei trattati internazionali, come la convenzione di Ginevra del 1925, che bandisce gli agenti biologici.

Questo programma, che coinvolge i più mortali ed abominevoli agenti patogeni, molti dei quali potrebbero diffondere epidemie, è stato condotto in segreto senza un’adeguata supervisione ed in flagrante sprezzo delle norme dell’N.I.H.

113 tra università, laboratori del governo, di strutture sanitarie e di aziende private, sono implicati in progetti di ricerca riguardanti le armi batteriologice ed hanno rifiutato di rivelare al pubblico le loro attività, come richiesto dalle leggi federali. Questa è l’accusa di un comitato di sorveglianza.

Invece di por fine a queste operazioni, tuttavia, gli istituti nazionali della salute di Bethesda, l’agenzia del governo, con la supervisione di questi laboratori, permette loro di continuare nelle ricerche. Si tratta di un atteggiamento curioso per un ente che si autodefinisce l’amministratore della ricerca medica per la nazione.

Dalla California al New Jersey, da Boston a San Antonio, spesso nel cuore delle aree più densamente popolate, i laboratori che producono armi biologiche, generosamente finanziati con 20 miliardi di dollari dall’amministrazione Bush sin dal 2001, stanno proseguendo nella sperimentazione di agenti biologici come il visus dell’influenza spagnola, il batterio dell’antrace, la tularemia, la febbre della Rift valley. Secondo la voce comune, in alcuni di questi laboratori, le misure di sicurezza sono inadeguate per proteggere le persone dall’esposizione ad agenti patogeni.

Secondo le leggi degli Stati Uniti, i beneficiari dei fondi federali per le ricerche biotecnologiche, devono osservare delle istruzioni dettate dall’N.I.H. Queste norme includono l’obbligo di tenere dei verbali degli incontri delle commissioni istituzionali per la tutela della salute, al fine di descrivere la loro attività ed i loro programmi. In certi casi, queste commissioni non hanno mai organizzato nemmeno un incontro. In altri casi, i verbali redatti sono privi di sostanza.

Le loro operazioni, in diverse circostanze, sono state tenute segrete, secondo il comitato di sorveglianza Sunshine Project di Austin, in Texas, un’associazione che tenta di proteggere la popolazione dai rischi degli esperimenti biotecnologici. La convenzione sulle armi biologiche, che gli Stati Uniti fiirmarono, proibisce la ricerca nel campo delle armi biologiche offensive. Tuttavia, se il lavoro è svolto in segreto, le armi progettate a scopi offensivi potrebbero essere tenute nascoste. Negli anni ’30, l’esercito giapponese occultò il suo piano segreto di guerra batteriologica come progetto per la depurazione delle acque.

Dal momento che i laboratori governativi operano in un ambito di ricerca duplice (la sperimentazione sugli agenti patogeni ha sia applicazioni offensive sia difensive), Edward Hammond, del Sunshine Project, riferisce di aver incontrato gravi problemi con questo sistema, che include esperimenti rischiosi attuati con misure di sicurezza dubbie o inadeguate, con commissioni inefficienti e compiacenti e con altri problemi simili.

Francis Boyle, un esperto di diritto internazionale dell’università dell’Illinois, è ancora più esplicito. Egli definisce le commissioni universitarie “uno scherzo ed una frode che non garantiscono protezione ad alcuno”. Boyle, che ha steso una legge sulle armi biologiche contro il terrorismo, nel 1989, promulgata dal Congresso, afferma che il Pentagono “sta ora marciando per combattere e vincere la guerra biologica”, secondo la strategia nazionale dei due Bush, adottata “senza un dibattito pubblico”.

Lo scorso 7 novembre 2006, Hammond ha sporto denuncia contro la dottoressa Amy Patterson, direttrice dell’ufficio di biotecnologia dell’N.I.H., citando 113 istituzioni “per inosservanza delle norme dell’N.I.H.”, soprattutto per aver rifiutato di redigere i verbali degli incontri.

“Assecondare questa richiesta non è soltanto obbligatorio, secondo le norme dell’N.I.H., ma anche un dovere morale delle istituzioni che conducono le ricerche, come quelle sul DNA e su agenti biologici che potrebbero danneggiare la popolazione”. Ha aggiunto Hammond. Egli ha scritto alla Patterson: “L’inadempienza rilevata per opera di queste istituzioni, dovrebbe implicare un’interruzione dei finanziamenti”.

La dottoressa Patterson, apparentemente, aveva delle difficoltà nell’ottenere informazioni dai laboratori che sono sul libro paga federale. Il 6 dicembre 2004, ella diramò un promemoria alle università coinvolte nella ricerca, in cui si affermava che l’adempimento delle norme dell’N.I.H. è da considerarsi critico per la ricerca e per la formazione di un comitato istituzionale per la protezione del personale, dell’ambiente e della salute pubblica.

Sin dall’ 11 settembre 2001, le aziende biotecnologiche, i laboratori militari, le università statali e private degli Stati Uniti, dell’Australia e del Sud Africa, hanno usufruito di finanziamenti abnormi dal governo federale.

Quanto è grande l’affare? Sul luogo del reato, la Southwest foundation for biomedical research di San Antonio (Texas), ha ammassato 6.000 tra scimpanzè, babbuini ed altri primati, per le cui spese di mantenimento i contribuenti versano sei milioni di dollari all’anno. La S.F.B.R. compie esperimenti genetici su primati e custodisce, nei suoi laboratori, alcuni fra i più pericolosi virus, come l’ebola ed il lassa.

Inoltre il Battelle National Biodefence Institute di Columbus (Ohio), ha appena ricevuto duecentocinquanta milioni di dollari dal dipartimento della sicurezza nazionale, per svolgere l’analisi della difesa biologica nell’ambito del centro di Fort Detrick, secondo il Washington Post del 25 dicembre 2006. In precedenza, nel luglio del 2006, il Washington Post riportò che molto di quello che si respira nel centro potrebbe essere ignorato dalla stessa amministrazione Bush. Il B.N.B.I. non rispetta le direttive dell’I.B.C., afferma Sunshine.

“Alcune delle ricerche confluiscono in una zona grigia che costeggia i bordi di un trattato internazionale riguardante la produzione di armi biologiche”, riporta il Washington Post. “L’amministrazione smentisce queste rivelazioni, insistendo che il lavoro è puramente difensivo e legale. Ha inoltre rifiutato le richieste avanzate da osservatori indipendenti di una supervisione circa le attività del dipartimento”.

Il quotidiano ha citato Milton Leitenberg, un esperto di armamenti dell’università del Maryland, che ha affermato: “Se vedessimo delle persone impegnate in questo tipo si ricerca, dovremmo arguire che i trattati sulle armi biologiche sono stati violati. Non si può gridare a tutto il mondo che l’Iran e la Corea del Nord perseguono programmi nucleari su cui si sa poco, quando da noi succede tutto questo”.

Il Washington Post riporta che l’operazione dovrebbe comprendere un’area di circa 160.000 piedi quadrati ed uno staff di 120 persone. Il quotidiano aggiunge: “La storia di Fort Detrick, come centro in cui erano custoditi germi, getta una lunga ombra sul nuovo laboratorio. Quando Fort Detrick costrinse il Pentagono ad abbandonare il programma di armi biologiche, diventò un punto di attrazione per le proteste contro la guerra del Vietnam”. In laboratori come questi, gli scienziati possono creare nuove malattie di fronte alle quali non abbiamo difese. Queste armi, una volta usate, sono notoriamente difficili da controllare e potrebbero diffondere epidemie destinate ad indebolire ed a spaventare le popolazioni civili.

Hammond crede che esistano circa 400 agenti biologici in tutti i laboratori degli Stati Uniti, alcuni dei quali incontrano inattese difficoltà, quando devono ottemperare alle leggi. David Perlin, presidente del Public Health Research Institute di Newark (New Jersey), ha affermato che l’F.B.I. ha chiesto a tale istituto di aderire ad un accordo affinché non siano resi pubblici i dati relativi agli agenti patogeni custoditi nelle installazioni.

Quelli che tendono a sminuire il lassismo dell’N.I.H., a proposito delle regolamentazioni, devono solo ricordare gli episodi delle lettere all’antrace spedite ai rappresentati democratici del Congresso e ad alcuni giornalisti, nell’ottobre 2001. Si ritiene che il batterio dell’antrace sia prodotto a Fort Detrick(1), sebbene non se ne abbia certezza, poiché l’F.B.I. non ha mai perseguito i colpevoli. Da allora, la notevole proliferazione di questi laboratori, sotto l’amministrazione Bush, ha creato nuovi addetti nel settore delle armi batteriologiche, in alcuni casi studenti. Quattro addetti di Fort Detrick sono morti dopo aver lavorato in questi laboratori.

La mancanza di trasparenza riguarda la storia segreta della C.I.A. e del Pentagono, che usarono i cittadini statunitensi come cavie. La pubblicazione “Rogue State”, di William Blum, ricorda che per più di due decenni “furono condotti test nell’atmosfera, che esposero milioni di cittadini ad enormi nuvole contenenti pericolosi batteri e sostanze chimiche”.

Tra il 1949 ed 1969, l’esercito statunitense sperimentò la diffusione di elementi chimici e batteri su 239 aeree popolate, comprese la regione di San Francisco, di New York e di Chicago, senza avvisare la popolazione e senza prendere precauzioni per la salute. Il Pentagono sottopose migliaia di militari della marina ad irrorazioni, per verificare le conseguenze delle armi batteriologiche.

Miscele ancora più micidiali furono vendute segretamente al dittatore irakeno Saddam Hussein, per la sua guerra contro l’Iran. Washington negò tale fornitura, ma Robert Fisk ha riportato, nel quotidiano britannico “The Independent” del 31 dicembre 2006 che “dal 1985 e negli anni seguenti, le industrie belliche degli Stati Uniti, vendettero armi biologiche all’Iraq, con l’approvazione del governo (presidenza Reagan), incluso l’antrace”. Fisk riporta il resoconto di un testimone oculare che vide, su un convoglio militare adibito ad ospedale, dei feriti provenienti dal fronte, al confine tra Iran ed Iraq.

“Vidi centinaia di soldati iraniani che perdevano sangue e muco dalle vie respiratorie. Le carrozze erano così piene di gas, che dovetti aprire i finestrini. Le braccia ed i volti dei feriti erano pieni di bolle. In seguito, altri rigonfiamenti apparvero sulla pelle. Molti erano gravemente ustionati. Questi stessi gas furono, in seguito, usati contro i Curdi”.

Così, l’amministrazione Reagan, che promosse un’escalation nella ricerca sulle armi biologiche e che vendette armi batteriologiche a Saddam Hussein, prese il posto, negli oscuri annali della storia, di Benito Mussolini, i cui aviatori sparsero gas mostarda sugli Etiopi e del Giappone, sotto l’Imperatore Hirohito, il cui esercito imperiale uccise, con armi biologiche, migliaia di civili cinesi.

Grazie al loro basso costo, le armi biologiche sono state definite gli ordigni nucleari dei poveri. Tuttavia il loro potenziale distruttivo è enorme. Jeremy Rifkin, autore del saggio “The biotech century”, osserva, basandosi su uno studio del governo del 1993, che “Il rilascio 200 libre di spore di antrace con un aereo su Washington, potrebbe uccidere tre milioni di persone”.

Le operazioni segrete dei laboratori, potrebbero essere un po’ meno minacciose, se l’amministrazione Bush non avesse condotto una battaglia per demolire il sistema di ispezioni internazionali. Jackiee Cabasso, direttrice esecutiva del Western States Legal Foundation, Hoakland, California, avvertì che “l’anno scorso (2001) da soli gli Stati Uniti hanno affossato il sistema internazionale di ispezioni di questi laboratori, un sistema che avrebbe consentito di assicurare un uso non offensivo dei dispositivi biologici. Gli Stati Uniti, con improntitudine, stanno ora espandendo il loro programma, soprattutto in installazioni segrete”.

Secondo Boyle, il presidente Bush ha sabotato il protocollo di verifica del B.W.C., che era sul punto di conseguire risultati decisivi. Egli ha affermato che gli Stati Uniti hanno l’intenzione di procedere nella ricerca, nelle sviluppo e nella sperimentazione di programmi biologici criminali ed illegali.

Boyle è l’autore di “Biowarfare and terrorism”. Elisa Harris, ex funzionaria per il controllo delle armi sotto la presidenza Clinton, ha affermato che l’amministrazione stanzierà altri capitali, poiché gli Stati Uniti hanno combattuto con le unghie e con i denti per contrastare la comunità internazionale che cercava di rafforzare i trattati sulle armi batteriologiche.

Fra le aziende farmaceutiche inadempienti rispetto alle richieste di trasparenza, avanzate dall’N.I.H., bisogna ricordare le seguenti:

Abbott Laboratories of Abbott Park and Worchester, Agencourt Bioscience Corp.; Antibody Science, Inc.; BASF Plant Science, Bristol-Myers Squibb and its Pharmaceutical Research Institute of Connecticut; Centocor, Inc.; Chiron; Discovery Genomics Inc.; DuPont Central Research and Development; Embrex, Inc.; Genentech, Inc., Genzyme Corp. of Cambridge and Framingham, Mass.; GlaxoSmithKline, Merck & Co., Inc. and its Rahway, N.J., research site; Integral Molecular; Introgen Therapeutics; L2 Diagnostics LLC; Merck & Co. Inc., West Point; Merck Research Laboratories, Rahway, N.J.; Meridian Bioscience Inc.; Monsanto Co. Mystic, Conn., research; New Link Genetics; NovaFlora, Inc.; NovoBiotic Pharmaceuticals; OSI Pharmaceuticals; Pfizer Inc., and Pfizer Pharmaceuticals of St. Louis, Roche Bioscience, Schering-Plough Research Institute; SelectX Pharmaceuticals; Serono Research Institution; Third Wave Technologies; and Vaxin, Inc. Federal entities involved include the Center for Disease Control, the Walter Reed Army Medical Center, VA hospitals in Stratton, Va.; the Jerry Pettis Memorial hospital and the VA Pittsburgh Healthcare System. Also, the Idaho National Laboratory, Lawrence Livermore National Laboratory, the Oak Ridge National Laboratory, Plum Island Animal Disease Center of the U.S. Department of Homeland Security, the U.S. Department of Agriculture, Walter Reed Army Institute of Research and Navy Medical Research Center.

Altri beneficiari dei finanziamenti includono l’ AERAS Global TB Vaccine Foundation, Battelle, CBR Institute for Biomedical Research, Inc.; Children’s Hospital Oakland Research Institute, Children’s National Medical Centre, Cincinnati Children’s Hospital Medical Centre, Columbus Children’s Research Institute, Hadassah Medical Organization, Lovelace Respiratory Research Institute, Memorial Sloan-Kettering Cancer Centre, Mystic Aquarium & Institute for Exploration, e Scripps Clinic.

Tra le università inadempienti, bisogna annoverare le seguenti: Alabama A&M, Albany Medical College, Ball State, Brigham Young, Bucknell, Central Michigan, Drexel College of Medicine, Hackensack University Medical Centre, Hunter College, Indiana State University, Purdue University, Loma Linda, Missouri State, New York Medical College, Queens College of City University of New York.

Inoltre Rider, Rockefeller University, Rosalind Franklin University of Medicine and Science, South Dakota State University, St. John’s University, State University of New York at Binghamton, Brockport, and Buffalo; Towson, Robert Wood Johnson Medical School(UMDNJ), and University Medical Centre of Southern Nevada. Ed ancora, le università dell’Arizona, California a San Francisco, Maryland, Massachusetts, Miami, Florida.; Mississippi; Puerto Rico, Rhode Island, Southern Mississippi, Texas at Arlington and San Antonio, Tulsa, Utah State, Wake Forest, Washington University in St. Louis, Western Kentucky e Wilkes.

Hammond ha affermato che non ha ancora ricevuto una formale risposta alla sua lettera dello scorso novembre 2006. Ha aggiunto: “Dubito che arriverà”. All’N.I.H. era stato chiesto di rispondere alle contestazioni contenute in questo articolo, ma non l’ha ancora fatto.

Insomma, il più dispendioso ed abnorme programma di ricerca nel campo delle armi batteriologiche sta procedendo sotto la presidenza Bush, in evidente violazione dei trattati internazionali, come la convenzione di Ginevra del 1925, che bandisce le armi biologiche. Che cosa aggiungere? L’uso delle armi biologiche fu un mezzo, che nel 1767 decimò le tribù dei nativi americani, mentre oggi è evidente che in questo feroce ambito si sviluppa la politica nazionale. Questo programma, che coinvolge alcuni dei più mortali ed orribili patogeni, molti dei quali potrebbero diffondere epidemie, è stato condotto in segreto, senza un’adeguata supervisione ed in flagrante violazione delle norme sancite dall’N.I.H. Perché?

Fonte: http://www.uruknet.info/

Sherwood Ross è un reporter ed editorialista statunitense. Il suo indirizzo di posta elettronica è sherwoodr1@yahoo.com



Di seguito, i quattro filmati che documentano la creazione di un patogeno, da diffondere in atmosfera e che sembra essere la causa del Morbo di Morgellons.

Silent Superbug Video 1 (part one)
http://www.youtube.com/watch?v=LqKzg39xQrw
Silent Superbug Video 1 (part two)
http://www.youtube.com/watch?v=sAFwKdrKUpI

Silent Superbug Video 2 (part one)
http://www.youtube.com/watch?v=qeWiqdyYcGI
Silent Superbug Video 2 (part two)
http://www.youtube.com/watch?v=GOiBg4DQkhI

29 dicembre 2006

Dalla condanna a morte di Saddam Hussein alla Risoluzione 1737

Fonte: http://www.disinformazione.it

Condanna a morte per Saddam Hussein!
Lo ha stabilito la Corte d'Appello (fantoccio creato dai colonizzatori occidentali) che ha giudicato il dittatore colpevole della strage di 148 sciiti nel villaggio di Dujail. Entro un mese dalla data della sentenza - come prevede la legge - Saddam sarà impiccato! Gioiranno curdi e sciiti, mentre sarà una tragedia per i sunniti, che vedranno l’assassinio del loro capo supremo come l’immolazione di un martire. Martire da vendicare con ogni mezzo. Minacce sono già state lanciate attraverso alcuni siti internet: "il partito Baath e la resistenza sono determinati a ricorrere a tutti i mezzi necessari per colpire gli interessi americani in ogni luogo se l'amministrazione di Washington commetterà questo crimine". Si legge nel comunicato che: "eseguire la condanna a morte del presidente (...) renderà impossibile ogni apertura di negoziati tra la resistenza irachena e le forze occupanti".

Forse qualcuno desidera proprio questo? Forse qualcuno vuole “Dividere per Imperare”, “Dividere per Controllare”? La cosa certa è che molte forze in campo si stanno muovendo proprio per disintegrare, sia dall'esterno che dal di dentro, il Medio Oriente, vedi: guerra in Afghanistan, genocidio in Iraq e Libano, assassinio di Hariri e Gemayel, lo scontro di civiltà, ecc.

Saddam Hussein è stato condannato per la strage degli sciiti, ma stranamente non verrà mai processato (l’appuntamento con il boia lo precederà) per le altre stragi come quella della popolazione del Kurdistan (oltre 100 mila morti!). Sapete perché? Semplice: verrebbero fuori le complicità dell’allora governo statunitense, e non solo di quello (siamo negli anni Ottanta). Proprio in quegli anni, l’ex Rais era sostenuto finanziariamente e militarmente da coloro che oggi plaudono la sua morte (l’amministrazione Bush), nell’annosa e dissanguante guerra contro l’Iran (1980 – 1988). Massacro voluto e fomentato dall’Impero, che costò la vita a oltre 1 milione di persone civili!

Il Premio Nobel per la Pace (?), Henry Kissinger (1) - uno dei più loschi e pericolosi personaggi attualmente in libertà – ebbe a dire a proposito di quella guerra e soprattutto della politica americana, che la loro strategia (per intenderci, degli attuali esportatori di “democrazia”) era fare «in modo che si uccidessero l'uno con l'altro»: cosa profeticamente realizzatasi! Sicuramente fino al 1986 Saddam riceveva fondi e armi dall’intelligence statunitense, e la prova è lo “Scandalo Iran-Contra”!

Dall’altra parte - come solo loro sanno fare - la Casa Bianca forniva armi anche allo stato canaglia per antonomasia, l’Iran, e i soldi ricavati da tale vendita (illegale e assolutamente criminosa) andavano a finanziare e armare i Contras del Nicaragua, i guerriglieri che massacrarono i rivoluzionari sandinisti (provocando decine di migliaia di morti) Quello che non tutti sanno però, è che non sono stati solo gli americani ad aiutare l’Iran in quel periodo, ma anche lo stato democratico d’Israele, lo stesso che oggi ha paragonato l'ex Persia alla Germania nazista, e Ahmadinejad a Hitler! L’invio di armi, attraverso Israele, cominciò appena dopo la caduta dello Scià di Persia, nel 1979, e non nel 1985 come vorrebbe farci credere l’inchiesta del Congresso statunitense.

Lo spiega dettagliatamente Noam Chomsky nel suo libro, “I cortili dello Zio Tom”:

«Già nel 1982 era pubblicamente risaputo che era Israele a fornire la maggior parte delle armi all'Iran: lo si poteva leggere sulla prima pagina del New York Times. Nel febbraio del 1982 i più importanti funzionari israeliani, i cui nomi sarebbero poi risuonati nelle udienze sull'Iran-Contra, apparvero alla Bbc e descrissero in che modo avevano organizzato il traffico delle armi per il regime di Khomeini. Nell'ottobre del 1982 l 'ambasciatore di Tel Aviv negli Usa dichiarò pubblicamente che Israele inviava armi al regime di Khomeini "con la collaborazione degli Stati Uniti... quasi al più alto livello".

Quindi oggi, George Walker Bush, l’attuale burattino è felice che la Corte abbia sentenziato la morte per impiccagione dell’ex Rais. Non è strano, visto che il figlio del potente massone del 33° grado del R.S.A.A. (Rito Scozzese Antico e Accettato, nonché membro della Skull & Bones e delle più importanti e influenti organizzazioni elitarie), George Walker Herbert Bush, ci ha abituati a simili nefandezze: durante il suo mandato di governatore dello Stato del Texas si è macchiato di ben 147 condanne a morte! Con la morte di Saddam Hussein andranno seppelliti anche molti e pericolosi segreti di stato…

Risoluzione contro l’Iran.
Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (altro fantoccio nelle mani del Sistema) ha stabilito che tutti gli stati devono "impedire la consegna, la vendita o il trasferimento diretti o indiretti all'Iran (...) di qualsiasi materiale, attrezzatura, bene e tecnologia che possa contribuire" alle attività dell'Iran nei settori nucleare e balistiche sensibili! Ma proprio tutti? Come mai la Risoluzione 1737 è stata firmata anche dalla Russia di Vladimir Putin (le cui origini venete, Costabissara in provincia di Vicenza, sarebbero state dimostrate da un giornale di Mosca) che ha sempre difeso l’amico nonché “cliente” Iran? La risposta ce la fornisce il Washington Post (ringrazio il giornalista Maurizio Blondet per l'articolo: “Embargo all’Iran: due valutazioni)

Scrive il quotidiano di Regime:

«L’amministrazione Bush ha passato quasi quattro mesi a cercare il consenso dei russi per la misura iniziale, piegandosi sempre di nuovo all’intransigenza di Mosca. Anzitutto, il grande reattore nucleare [di Bushehr] che la Russia sta costruendo per l’Iran è stato esentato dall’embargo delle importazioni nucleari, anche se Teheran può un giorno usare l’impianto per fornirsi di plutonio militare. Poi, gli Stati europei che appoggiano la risoluzione hanno dovuto lasciar cadere il proposto divieto dei viaggi, la sola misura ormai che avrebbe potuto danneggiare i mullah. Intanto, l’amministrazione ha accettato di sostenere l’entrata della Russia nella World Trade Organization, una concessione era necessaria per ottenere il suo voto».

Sembrerebbe allora, non è essere stato Putin a piegarsi ai dettami dell’Impero occidentale, ma esattamente il contrario! Dico sembrerebbe, perché forse nessuno ha spiegato bene all’ex dirigente del K.G.B. (Comitato per la Sicurezza di Stato), attuale F.S.B. (Organizzazione della Sicurezza Statale russa), che entrare nel WTO significa entrare anche nella ragnatela del Nuovo Ordine Economico Internazionale. Lo scopo ufficiale dell’Organizzazione, nata nel 1995 durante una sessione dei negoziati del G.A.T.T. (General Agreement on Tariffs and Trade, e cioè Accordo Generale sulle tariffe e sul commercio) è infatti quello di liberalizzare il commercio e abbassare le barriere tariffarie e/o doganali. Il WTO è stato strutturato in modo tale da avere un vero e proprio esecutivo composto da un direttore e da quattro vicedirettori, un’assemblea dei rappresentanti degli stati membri e un organo che analizza e giudica le politiche commerciali. Esiste al suo interno poi il Dispute Settlement Process che permette ai membri di portare davanti una corte internazionale uno stato che violi le regole. Se lo stato che cita in giudizio è potente come gli Stati Uniti d’America la sentenza è pressoché scontata: nessun appello né tanto meno la possibilità di rivolgersi a corti e/o giurie esterne! Certamente è importante per la Russia , come lo è stato per la Cina , entrare nel mercato mondiale, ma il gioco in questo caso vale la candela? Staremo a vedere, anche se la risposta è scontata…

Tornando alla “Risoluzione Carta-straccia”, come l’ha definita il premier Mahmud Ahmadinejad, c’è da dire che l’Iran ha firmato il Trattato di Non Proliferazione (T.N.P.), mentre attuali potenze nucleari come per esempio Israele, non lo ha mai fatto e non intende certamente farlo. Come sempre: due pesi e due misure?

Se le atomiche sono possedute da Stati che non brillano certo per democrazia (Pakistan, India, Israele, per citarne qualcuno), ma sono amici degli Stati Uniti, allora va bene; se le possiedono Stati non amici, ma potenti come Cina e Russia, è tollerato. Tutti gli altri non possono mirare al nucleare, neppure per uso civile come ha sempre sostenuto l’ex Persia! Chi allora può decidere quello che è giusto e quello che non è giusto? Chi può arrogarsi tale diritto?

Se dovessimo usare come metro di misura il comportamento etico e/o morale dei paesi, per così dire nuclearizzati, certamente l’America dei Bush dovrebbe essere l’ultima a parlare, non solo per essere stato l’unico paese a sganciare due atomiche sulla popolazione civile inerme (per non ricordare gli esperimenti eseguiti sulla popolazione inconsapevole: agenti patogeni sganciati nelle metropolitane, agenti biologici rilasciati sulle città, irradiazioni ai detenuti, malati di mente, ecc.), ma soprattutto per aver, nel corso dei decenni, fomentato guerre, instaurato regimi, attuato colpi di stato e appoggiato dittature sanguinarie in ogni dove.

Questa è l’ipocrisia di un Regime ormai giunto al suo capolinea, al suo definitivo tramonto! La Comunità Internazionale sta lentamente infatti prendendo consapevolezza dei crimini efferati portati avanti dalla Banda Bassotti (i veri manovratori occulti che stanno dietro le facciate), mascherati da democrazia o nel nome della sicurezza nazionale. Per Comunità internazionale non intendo i governi occidentali, tutti collusi con il Sistema, ma il popolo, base della Piramide del Potere! Il Re è completamente (o quasi) nudo, e nonostante le guerre e gli attentati terroristici, anche quelli che probabilmente seguiranno l'11 settembre 2001 (il cui unico scopo è di imprigionarci dentro una gabbia fatta di paura e leggi repressive), sempre più persone si stanno destando da questo Matrix mediatico...

Articoli inerenti:

"Pietra Miliare", di Alessandro Ursic da Peace Reporter
"Embargo all'Iran: due valutazioni", di Maurizio Blondet da Effedieffe

--------------------------------

(1) Chi è Henry Kissinger
Nasce in Germania il 27 maggio 1923, scappa da quest’ultima durante la Seconda Guerra Mondiale poiché di famiglia ebrea e trova rifugio negli Stati Uniti; il giovanotto si da subito da fare lavorando come traduttore dal tedesco per un organismo di controspionaggio. Entra in politica nel 1968 quando Nixon si appresta a diventare presidente. Si distingue per l’appoggio fornito ad Augusto Pinochet nel 1973 nel colpo di stato in Cile e nello stesso anno riceve il Premio Nobel per la Pace ! Dopo lo scandalo del Watergate non ricopre più incarichi di rilievo, fino a quando George W. Bush nel 2002 lo nomina presidente della commissione incaricata di chiarire i fatti dell’11 settembre 2001: ciò suscita enormi critiche da parte di chi lo accusa di crimini di guerra fino a farlo dimettere qualche mese dopo la sua nomina. Questa è una sua brevissima biografia ma scendiamo nei particolari: Henry Kissinger fu dietro il segreto (e illegale) bombardamento della Cambogia, e il deliberato prolungamento ed espansione della guerra in Indocina mediante la sua sottoversione dei colloqui di pace di Parigi alla vigilia delle elezioni presidenziali USA del 1968, allorché obbligò i negoziatori sud-vietnamiti a ritirarsi precipitosamente dai colloqui, affermando che essi avrebbero potuto contare su trattative migliori con un repubblicano alla Casa Bianca. La malafede di Kissinger è stata ampiamente documentata da un articolo in due parti di Christopher Hitchens, nei numeri di febbraio e marzo 2001 di Harper's Magazine, e nel recente "The Pinochet File", di Peter Kombluh, in cui si afferma che non solo Kissinger appoggiò il terrorismo di stato, ma fu direttamente coinvolto, attraverso la cosiddetta Commissione 40 (dal nome della stanza dell'ufficio in cui essa si riuniva, e che fu presieduta da Kissinger dal 1969 al 1976. Essa supervisionava tutte le "operazioni coperte" USA), nel rapimento ed assassinio del comandante militare cileno Rene' Schneider. L'azione, ad opera dei futuri golpisti addestrati e finanziati dalla CIA, culminò nell'assassinio del presidente legittimamente eletto, Salvador Allende, e nell'insediamento della dittatura di Pinochet. Fu in quel tempo che Kissinger fece la famosa dichiarazione che la dice lunga sul suo concetto di democrazia: "Non vedo la ragione per cui un paese debba diventare comunista a causa dell'irresponsabilità del suo popolo". Non c'e' bisogno di ricapitolare le macchinazioni di Henry Kissinger, ugualmente ben documentate, che portarono ai massacri in Bangladesh nel 1971; al colpo di stato a Cipro ispirato dalla Grecia che provocò la successiva invasione turca dell'isola; all'invasione, supportata dall'America, di Timor Est da parte dell'Indonesia, nel dicembre dello stesso anno; alla tragica morte, mediante autobomba, dell'ex-ministro degli esteri di Salvador Allende ed ambasciatore, Orlando Letelier, insieme al suo collega americano Ronny Moffit, in Massachussets Avenue, Washington, 1976. In ognuno di questi casi, Henry Kissinger o sapeva o prese parte attiva in esso. Sebbene non presenti lo stesso grado di abilità, ricordiamo pure il rapporto ambiguo che Kissinger intrattenne con l'ex presidente egiziano, Anwar Sadat. All'inizio della guerra del Kippur, quando Kissinger mediò i negoziati per un cessate il fuoco tra Egitto e Israele, noti come "diplomazia pendolare", fu spesso fotografato all'aeroporto del Cairo, salutato e baciato sulle guance dal presidente Sadat, che si riferiva a lui come "il mio amico Henry". Nel libro "Le Conversazioni segrete di Henry Kissinger" (1976), scritto dal celebre giornalista israeliano Matti Golan, leggiamo di come Henry Kissinger, nei suoi incontri con Golda Meir, si riferisse a Sadat chiamandolo "quel piccolo buffone". Oggi, Henry Kissinger è un uomo che molti tribunali in tutto il mondo desidererebbero interrogare. Negli USA, vi è una pendenza legale contro di lui intentatagli dalla famiglia di Rene' Schneider, ed un processo intentatogli contro da numerose vittime cilene dei tempi della dittatura di Pinochet, al cui regime egli forniì assistenza politica nel massacro di migliaia di oppositori politici (il co-difensore di Kissinger nel caso è Michael Townly, l'agente di Pinochet a Washington, che si ritiene abbia posizionato l'autobomba che uccise Letelier ed il suo collega nel 1976). Al di fuori degli USA, la Corte Suprema cilena ancora aspetta da lui notizie sull'assassinio di Charles Horman, il giornalista americano ucciso durante il golpe del 1973. In Spagna, il giudice che richiese, nel 1998, l 'arresto di Pinochet in Gran Bretagna, vuole interrogarlo in merito ai "crimini contro l'umanita' ". In Francia, il giudice che indaga sulla "sparizione" di cinque cittadini francesi in Cile durante la dittatura di Pinochet, e' ansioso di vedere Kissinger sul banco dei testimoni.

Tratto da http://democrazia-in-vendita.blogspot.com/2006/09/spieghiamo-riotta-chi-era-henry.html