Le voliere o gabbie energetiche

Molti uomini e donne su questo pianeta stanno sperimentando le primizie del Fuoco, un fuoco che sarà in grado di raffinare ogni anima che avrà il coraggio di distruggere le proprie ambizioni egoiche. Oggi la vera evoluzione spirituale possibile, è la sottomissione dell’ego in favore del più grande significato della parola Amore. Si parla spesso di amore, amore incondizionato, amore per il prossimo, ma cosa è questo Amore? 

L’amore è una pura forma di energia, la più sottile presente nell’universo, in grado di creare e costruire persino la materia. L’amore vive di regole e Leggi Morali Universali, che si sottopongono al Creatore affinché noi tutti possiamo sperimentarne la vera essenza. Oggigiorno centinaia di tecniche energetiche cercano di rendere merito a questo concetto, di fatto relegando l’essenza dell’amore stesso ad una pura e formale manifestazione mentale. Ogni essere incarnato possiede il seme della conoscenza del bene e del male, possiede le capacità di alimentare un aspetto o l’altro attraverso il libero arbitrio. Spesso le persone si avvicinano a correnti filosofiche e a tecniche di sviluppo mentale, senza comprendere bene la fonte a cui stanno cedendo parte del proprio libero arbitrio. Maggiore è l’assenza di regole e sottomissione, più efficace è la tecnica di persuasione. Queste organizzazioni sono gestite in forma piramidale e nella maggior parte dei casi direttamente controllate da forme di potere terreno che incarnano esattamente le logiche del potere-ego-se. Tutto questo porta ad una finta parvenza di evoluzione, mentre in realtà incatena e imbriglia sempre di più l’anima nell’incapacità di auto manifestarsi ed espandersi in ogni direzione.

Se immaginiamo l’anima come un uccello in grado di volare, ma la imprigioniamo in una voliera con sbarre invisibili, essa si illuderà di poter spaziare in ogni direzione, se pur nella realtà rimane sempre ancorata allo stesso punto. Inoltre entità all’esterno di questa gabbia, possono esercitare un potere mentale sul povero uccellino, facendo credere che in lui esiste la capacità di volare in ogni luogo. Luoghi la maggior parte dei casi relegati alla dualità terrena, al vortice terrestre che identifichiamo come quarta dimensione. Questa dimensione, che si caratterizza anche a livello fisico come il substrato che circonda il pianeta, è dominata da tutto quello che regola le nostre attitudini spirituali, purtroppo però essendo uno spazio denso di concorrenti, è davvero difficile uscirne senza aver sperimentato effetti dannosi sull’anima stessa. 

Molti penseranno di essere oltre questo concetto, poiché il loro sentire è sufficiente a discernere cosa è giusto e cosa è sbagliato. Questo è esattamente lo scopo che si prefiggono i controllori di questo spazio, che si nutrono di questo modus operandi per soggiogare sempre di più gli adepti. Ovviamente per far si che tutti possano partecipare a questo grande gioco di magia (nera) occorre un risultato (fittizio) all’orizzonte e piccole conquiste nel campo della parapsicologia, che serviranno ad accrescere la convinzione di essere sulla retta via. La mente ha bisogno di essere ammaliata da qualcosa di visibile, essendo una struttura che vive di immagini, a differenza dell’anima che conosce la verità a prescindere, senza la necessità di filtrare attraverso la mente. 

Molti sperimenteranno grandi aperture energetiche, fonti di luce (quale luce?), immagini di un passato o di qualcuno che non vive più nel nostro spazio. Tutto questo farà si che questo cammino venga assodato come giusto e veritiero, essendo autodidatta (e quindi corretto) ed esperienziale. Il problema il più delle volte si manifesta solo alla fine, o meglio quando l’anima per sua natura inizia a scalpitare e reclamare la sua vera identità, creando scompensi esistenziali di vario genere, insoddisfazione e senso di vuoto. Per molti accade rapidamente, per altri sono necessarie diverse esperienze e grandi picchi di finta evoluzione per comprendere di essere esattamente fermi o in involuzione verso il proprio ego-se. 

Ovviamente questo giochino è caro all’ego che si nutre di dolore e finta gioia, proprio per veicolare il continuo e costante controllo sulla nostra interiorità. Nessun uomo che ha distrutto l’ego-se potrà soccombere a questa dinamica, poiché incarnerà quel significato di vero Amore Agape e sarà superiore a tutte queste dinamiche. Molto spesso ho parlato di sottomissione per ottenere la libertà, un concetto filologicamente in contraddizione, ma che esprime a pieno la vera strada per stanare le forme energetiche che si nutrono come vampiri delle nostre povere anime indifese. Chi crede di essere superiore a tutto questo, chi crede di essere al sicuro e avere la protezione di entità benevole, non ha compreso a fondo cosa esista al di la del velo. 

Perché le entità più evolute (benevole e malevole) sono ovviamente dotate del loro libero arbitrio e ne fanno l’uso che vogliono. Così mentre noi manifestiamo o invochiamo qualcosa o qualche energia, siamo soggetti alla risposta di quella energia stessa che avrà deciso se aiutarci oppure no, depredarci oppure no, ingannarci oppure no. In rari casi troveremo entità positive dall’altra parte, poiché esiste una sola strada sicura indicata dal Messyah, le altre sono solo proiezioni dell’altro signore, quello che domina il mondo in questi tempi finali e per definizione e il vero padrone di ogni cosa terrena. 

Consciamente o inconsciamente siamo tutti vittime di queste energie, che sono estremamente più furbe e organizzate del nostro piccolo ego. Si nutrono della nostra anima come noi ci nutriamo del cibo solido, se pur gli effetti alla lunga sono decisamente diversi e nefasti. La fine di questo gioco prevede la cessione totale della propria identità animica a queste entità, che ne determinano il destino senza che noi possiamo anche solo intravedere il senso di ciò che accade. Praticamente più crediamo di essere liberi più siamo controllati e depredati, fagocitati e svuotati di ogni dono che la vita regala a chi crede nel vero Amore e si eleva al di sopra di tutto questo…