Terza Guerra Mondiale?

Un lungo periodo è trascorso dal mio ultimo post, a testimoniare la totale inutilità delle parole per scandire l’evolversi degli eventi. Oggi però è un giorno particolare, un giorno in cui forse la terza guerra mondiale è davvero vicina. La madre Russia ha ritirato molti dei suoi capitali in oro e in titoli dai paesi occidentali, di fatto riportando la quasi totalità dei liquidi verso casa. Sta alzando la voce contro l’ennesimo governo fantoccio ucraino, lo stesso governo che dovrà varare le misure di austerità come già accaduto in Grecia, Italia e tutti gli altri.
 
La situazione ucraina è più complessa, proprio perché il protagonista all’opposizione dello scempio filo-americano si chiama Russia. Un Paese con una tradizione e una potenza militare superiore a chiunque nel mondo, forse inferiore solo a quella della Cina (alleato naturale, tra l’altro..). Ucraina terra di conquista per i servi europei, interessati al gas naturale, alle materie prime e anche alla posizione strategica che riveste nello scacchiere mondiale. Una pedina che Putin non vuole proprio concedere agli Usa, visto l’accerchiamento continuo degli ultimi trenta anni. Probabilmente finirà tutto in una bolla d’aria, magari due o tre risoluzioni dell’Onu cercheranno di calmare le acque, ma una cosa è certa, la Russia questa volta non rimarrà a guardare.
 
La storia insegna cosa significa la posizione geografica della Crimea e insegna che tutto è ciclico e ricompare a intervalli più o meno regolari. Tutto l’occidente ha bisogno di una nuova guerra, i finanziatori, i fabbricanti di morte, le economie portate all’estrema crisi (solo per i poveri sudditi ovviamente), tutti hanno bisogno di destabilizzare ulteriormente il panorama mondiale, perché il futuro in qualche modo è già stato scritto e chi ha in mano le sorti di noi poveri schiavi non intende che questo venga modificato per nessun motivo. Non resta che rimanere sintonizzati sul prossimo show in mondovisione, sperando che questa volta sia meno doloroso delle precedenti…