Carceri private, censura e libertà

Qualche anno fa pochi attenti osservatori della politica internazionale, avevano lanciato qualche umile messaggio di allerta circa la situazione generale riguardo la libertà di espressione. Fra i pochi c’era il sottoscritto, che nonostante le teorie poco ortodosse e molto spesso criticate dai soliti beceri col paraocchi, tentava di argomentare notizie fuori dal coro dei così detti contro-informatori (che di contro avevano solo il nome). Oggi la situazione è peggiorata notevolmente. Il carissimo amico, che consiglio a tutti di leggere, a prescindere dalla vostra struttura mentale, come me avvertiva circa il futuro prossimo e consigliava rimedi molto efficaci per salvaguardare quanto meno la parte più sottile della nostra esistenza. Oggi mentre i padroni legiferano senza bisogno di parlamento e finte autorizzazioni politiche, noi siamo in balia di un’ondata di cambiamenti epocali, tutti indirizzati all’annientamento della libertà dell’individuo. Le carceri stanno per diventare moderne strutture private, finanziate dagli stessi padroni che hanno interesse che molti “dissidenti” facciano una fine silenziosa in qualche cella senza aria. La censura sta poco a poco conquistando il web e i tantissimi social-addicted stanno per essere collegati ad un mega e unico database in grado di valutare, censire e indicare ogni singola opportunità per il futuro dell’uomo. Opportunità che non sarà tuttavia l’uomo a decidere, ma incaricati dei padroni attraverso subdoli e schifosi esecutori dei loro programmi. La parola libertà non esisterà più sul vocabolario, nessuno potrà più essere nel sistema senza dover sottostare alle nuove leggi restrittive. A poco a poco si potrà incorrere in arresti preventivi, accuse di terrorismo e cospirazione, a seconda del volere di chi un giorno sarà in grado di staccarci la spina. L’unica cosa che ci terrà vivi e alla fine prevarrà sul resto è la nostra anima votata e consacrata al Padre, un’anima che sarà l’unica guida per vivere nello Spirito di Verità e indirizzare ogni giorno le scelte secondo un discernimento puntuale e preciso. I tempi sono maturi e tutto è ben definito con compiti e regole precise. A noi come sempre la scelta di essere o non essere pedine del gioco, o quanto meno di non essere pedine inconsapevoli di tutto questo.