La dichiarazione di guerra finale allo stato sociale

L’aria che si percepisce in questi giorni riflette perfettamente la pesantezza che vive nello stato d’animo delle persone. Si sente particolarmente la diffusa volontà di impaurire chiunque non abbia ancora compreso il funzionamento delle leggi che governano l’uomo. La storia del batterio killer è l’inizio di un nuovo ciclo di attacchi mirati ad indebolire quel poco che rimane della fede nelle persone, una fede che ormai è sepolta sotto centinaia di strati di ignoranza e non conoscenza delle vere Leggi che regolano il mondo che ci ospita. Sempre più frequentemente assisteremo ad “attacchi alimentari” per giustificare misure e contromisure adatte ai problemi creati ad arte. È come seminare migliaia di mine antiuomo e prepararsi poi ad installare gli ospedali da campo per far finta di riparare i danni provocati. Il problema come di consueto andrebbe risolto all’origine. La mina antiuomo (che in occidente è veicolata dall’informazione di massa) non dovrebbe proprio essere prodotta, ne successivamente installata. In questo modo si eviterebbe il disastro, in nessun altro modo questo è possibile.

Fin quando l’uomo continuerà ad ignorare la sua vera identità e il percorso che deve compiere per avere il diritto di esistere su questo pianeta come essere cosciente e consapevole, il massacro non avrà fine. Coloro che detengono la conoscenza sono coloro che determinano le sorti del mondo. Sono in grado di manipolare ogni cosa in ogni dove, sono in grado di alterare la realtà in modi così subdoli che nessuno sarà più in grado di discernere il vero dal falso. Il batterio killer installerà la psicosi e il terrore alimentare, giustificherà grandi campagne pro-vaccinazioni, che ricordo sono già state pianificate molti anni orsono (per non parlare dei microchip). Tutto è pronto a livello globale per trasformare il mondo in un vero palcoscenico di guerriglia senza regole. Lo scopo finale è sempre il controllo delle menti e dell’anima delle persone. Per quanto poco realistico agli occhi della massa, questa è la realtà e spero che i pochi ancora in grado di usare il cervello possano realmente sentire quello che stanno leggendo perché ora è il tempo di agire nel bene, ora è il tempo di denunciare il falso (e i falsi cristi), ora è il tempo di prendere possesso del proprio corpo e dalla propria anima, consacrarsi alle Leggi del Padre, affinché tutto questo possa durare il minor tempo possibile.

Non ci saranno chiamate in extremis, ognuno deve avere l’onestà di riconoscersi e riconoscere i propri fratelli ora. Molti ammonimenti sono stati dati e molti antri ne verranno, ma sarà quasi impossibile riconoscere la Verità. Coloro i quali hanno la fede e la Forza per essere davvero Figli di Dio, incamminarsi verso quella unica e vera Luce, avranno l’opportunità di essere di aiuto per tutti coloro che saranno in difficoltà. Abbandonate ora chiunque vi abbia promesso qualcosa, abbandonate l’idea che li fuori ci sia per voi aiuto e comprensione, che ci sia un uomo in grado di salvarvi. Ci salveremo solo se confideremo totalmente il Lui, solo se adempieremo la Sua Volontà. Non è nostra la facoltà di giudicare ora, ne di porci a capo di qualsiasi cosa possa essere umana, dobbiamo solo essere i veri artefici del cambiamento, di un cambiamento che rifletta l’Amore e la Compassione del Padre, affinché il Perdono possa giungere in tempi rapidi ed istaurare la vera Legge universale e cosmica.

I tempi finali stanno per entrare nel vivo, stiamo varcando la soglia del dolore e della disgregazione di ogni struttura non si conformi a canoni sacri e giusti. Siamo su una grande arca che ha posti infiniti, che naviga verso una Luce più grande degli effetti speciali umani, una Luce viva e ricca di Vita. Chi vorrà scendere sarà sempre libero di farlo, ma ora come non mai assisteremo alla divisione che per duemila anni l’uomo ha perpetrato su altri uomini, il dualismo perpetuo nella mancanza di vera unità. Ora questa separazione sarà operata direttamente da chi ne ha il diritto assoluto e questa volta sarà giusta e definitiva.

Spero Dio possa avere pietà di noi e noi avere la Forza di continuare sempre a confidare in Lui.