Creare I Nostri Santuari E Restare Fermi

Ringrazio Maria per aver inviato questo testo, che rappresenta il mio stato d'animo in profondità e chiarisce molto bene, il percorso che molti uomini stanno compiendo, ognuno in maniera diversa ma con lo stesso obiettivo finale. Forti vibrazioni stanno cambiando i paradigmi della nostra vita, innalzando le nostre percezioni a livelli molto alti.

***

Fonte: http://www.eoslailai.com
23 Giugno 2008


Il nostro processo di evoluzione spirituale progredisce ulteriormente con grande varietà di manifestazioni... e a volte con cavalcate selvagge! I temi ricorrenti, passati e presenti, del modo in cui le energie potrebbero influenzarci sono (a seconda di dove vi trovate lungo il vostro tragitto personale):

Sentirsi imprigionati, senza un luogo in cui andare; non voler, o non potere connettersi con gran parte di ciò che è vecchio o con il mondo esterno; moltissimo caos, movimento e difficoltà per i nostri cari; desiderio, in noi e nelle persone che amiamo, di spostarsi in zone di maggior supporto; lasciar andare il fatto di sostenere altre persone o di mantenere le vecchie energie; la prontezza, ora, di andare avanti e di creare una parte del nuovo; sentirsi stanchi, con la necessità di dormire spesso e di riposare; dolori alla parte bassa della schiena; sensazione di panico; percepire uno strano slittamento in avanti, verso il desiderio di uno spazio nuovo e pronto per farci il nido; e forse la vaga sensazione di un mulinare, intorno a noi, di energia che sta tentando di trovare la sua nuova casa, sia essa qui sulla terra o in una realtà a vibrazione più bassa.

Adesso le energie stanno aumentando vertiginosamente e questo crea parecchio movimento in molte zone. Il solstizio e la luna piena hanno prodotto l’arrivo di una nuova ancora... e questa nuova ancora di energia ad alta vibrazione ha a che fare con la terra stessa. Il processo di ascensione, in effetti, riguarda l’ascendere attraverso la terra...quindi, faremo meglio a tenerci stretta il più possibile la terra e le sue nuove e vibranti energie, se vogliamo garantirci un viaggio più stabile ed allineato.

Ecco ulteriori dettagli sui temi che continuano a ripresentarsi già da qualche mese:

le energie vecchie, a vibrazione più bassa, stanno crollando rapidamente. Se continuiamo a stare nel loro spazio, anche solo con la nostra presenza, non faremo altro che mantenerle a galla un po’ più a lungo. Questo rallenterà il processo e lo rallenterà, oltre a farci sentire molto a disagio insieme a coloro che stiamo cercando di aiutare. Toccare il fondo sarà per molte persone l’unica maniera per risalire ed uscirne. Può essere una situazione davvero difficile per coloro che portano molta luce, poiché nei mondi da cui proveniamo, conosciamo soltanto l’aiuto, il servizio, la cura amorevole, il sostegno e l’amore per i nostri fratelli e sorelle. Guardare chi soffre può essere davvero una sfida profonda e gravosa, ma può anche essere la maniera di onorare e rispettare il viaggio di un altro.

Se attendiamo giusto un altro po’, senza buttarci a salvare tutti, coloro che soffrono troveranno le proprie risposte dentro di sé, troveranno la propria connessione con la Sorgente invece che con noi, inizieranno ad apportare dei cambiamenti, a chiedere aiuto e cominceranno a vedere che esiste davvero un’altra strada. Coloro che soffrono hanno bisogno di arrivare in un punto in cui, finalmente, vogliono davvero lasciar andare. E quando lasceranno andare, avranno bisogno di sapere che c’è davvero un posto in cui possono andare. E quel luogo è là dove si trovano ora coloro che portano più luce e coloro che sono arrivati molto avanti nel loro processo.

Mentre ci evolviamo, risalendo lungo la scala evolutiva della nostra espansione spirituale, è di importanza capitale rispettare ed ascoltare i nostri avi, o coloro che sono andati per primi. Arrivare in uno spazio nuovo con un atteggiamento arrogante di falsa conoscenza, senza lasciar andare l’energia dell’ego servirà soltanto ad assicurarci di arrivare in uno spazio nuovo la cui porta è saldamente chiusa.

La situazione delle gerarchie spirituali e vibratorie si può manifestare con sentimenti improvvisi di non voler andare da nessuna parte che sia al di fuori del vostro spazio più prossimo (la vostra anima vi sta suggerendo di rimanere fermi, poiché la vostra energia a vibrazione più alta solleverebbe aree e individui che hanno bisogno di cadere o di toccare il fondo...anche se voi non faceste assolutamente nulla, mentre visitate il mondo vecchio...è sufficiente la vostra presenza ad alta vibrazione). Magari vi ritroverete ad essere trattenuti da qualsiasi tentativo di uscire dal vostro spazio. Questo consente anche agli altri di farsi avanti, dato che voi non ci siete più, non siete disponibili. I blocchi vengono messi in posizione per proibire a molti di noi di tornare indietro, nelle vecchie dimensioni. Ora per noi è tempo di concentrarsi sul creare uno spazio nuovo, a vibrazione più alta, proprio dove siamo.

In passato, molti di coloro che portavano tanta luce, venivano incoraggiati a trasferirsi o, magari, si trovavano in nuove aree geografiche in modo da elevare la vibrazione e aprire quelle zona a modi di essere più elevati. Adesso è esattamente il contrario. Dobbiamo rimanere fermi , così che le situazioni a vibrazione più bassa non siano sorrette e sostenute.

Sì, ora veniamo incoraggiati a creare i nostri spazi sacri e a creare localmente le nostre piccole comunità. Perdurare a “ritornare indietro” nel vecchio, servirà solo a creare fallimento per sé stessi, l’incapacità di manifestare e un sacco di blocchi. È solo che adesso non possiamo tornare indietro. E dobbiamo aspettare che gli altri salgano lungo la scala per chiedere aiuto, che vogliano accettare una modalità nuova e diversa, e che vogliano essere rispettosi delle nuove modalità di vivere e di essere che saranno a loro disposizione quando finalmente saranno davvero pronti. Prima devono chiedere. Devono volerlo. Ora dobbiamo rimanere dove siamo, fino a quando non busseranno alla nostra porta.

Alcune manifestazioni fisiche di quest’ultimo periodo:

Dolore nella zona lombare. Il dolore lombare si è manifestato in molte persone come risultato del sentire una mancanza di sostegno, mentre si trovavano ancora nel mondo vecchio, del dover fare tutto da soli. Le paure e le preoccupazioni finanziarie possono manifestarsi nella zona lombare, mentre ciò che è vecchio crolla rapidamente e ci si chiede come sopravviveremo, e molto spesso si può verificare uno schiacciamento del nervo che scende lungo la gamba.

Se riusciamo a lasciar andare e abbiamo fiducia nel fatto che non ci siamo dentro da soli, che non è tutta responsabilità nostra e che siamo solo nel processo di sistemazione in uno spazio nuovissimo, con nuove modalità di manifestare, le cose possono risultare un pochino più facili. Potete anche dirvi che non vi serve questa manifestazione fisica, perché capite che cosa sta succedendo senza che sia lei a dirvelo!

Panico, ansia e paura. Molte cose se ne stanno andando, mentre le vecchie modalità e le vecchie strutture si dissolvono rapidamente. Quando ci connettiamo sempre di più con i regni superiori e riusciamo a avere fiducia nel fatto che staremo bene, possiamo alleviare questa paura. Ciò a cui dovremo sempre tenerci stretti è la pepita di oro puro del nostro sé vero ed autentico (cioè i nostri doni e talenti) e, naturalmente, la nostra connessione con la Sorgente. Queste due cose saranno onnipresenti per tutto il nostro processo di ascensione. Ecco perché è di importanza fondamentale sapere chi siamo e quale contributo siamo venuti a dare al tutto.

Se la nostra realtà esteriore non è ancora pronta a sostenere i nostri nuovi impegni, possiamo sempre proseguire da soli, fino a quando sentiremo bussare alla porta. Possiamo entrare in uno spazio che sentiamo giusto per noi. Possiamo creare una modalità nuova che nel mondo vecchio non esisteva. Possiamo stare all’erta in ciò che noi sappiamo essere di ordine superiore e non partecipare a nulla che sia meno di questo. È quando ci facciamo coinvolgere in ciò che è vecchio e che non ci si addice più che cominciamo a percepire la tensione, il disaccordo, l’ansia, l’agitazione, la depressione e la futilità, perché non siamo più allineati con ciò che è vecchio.

Ora la strada è quella di girare le spalle al vecchio e, se riusciamo a darci il permesso di farlo, sentiremo dentro di noi un potere rinnovato e molto più in linea con uno spazio migliore. Dobbiamo avere fiducia nel fatto che noi ne sappiamo di più delle masse, che noi ne sappiamo di più di coloro che ancora detengono il potere (anche se non ce l’hanno), che non dobbiamo ascoltare le idee e le modalità altrui e che noi la sappiamo davvero più lunga. Dunque, dobbiamo fidarci di noi stessi.

Lasciarsi il vecchio alle spalle, ora può creare proprio questo spazio per noi. E quanto gli altri saranno pronti ci raggiungeranno davvero. Ascolteranno e si uniranno a noi, perché non avranno nessun altro luogo in cui andare. Quindi, preparare i nostri nuovi spazi e approntare le nostre scorte di magazzino è ciò che molti sono guidati a fare, in questo momento particolare.

Queste energie continueranno ad aumentare progressivamente, man mano che acquistano sempre più potenza. Connettersi con i nostri fratelli e sorelle, parlarsi faccia a faccia, amare e rispettare i nostri vicini, dato che tutti facciamo parte di un tutto e, specialmente, essere consapevoli di ciò che avviene intorno a noi, finalmente diventerà la normalità. Il crollo del mondo serve solo a sostenere il nostro passo successivo lungo la scala evolutiva e si sta realizzando in una maniera veramente perfetta e bellissima.

Augurandovi il Cielo nel cuore, la luce delle stelle nella vostra anima e miracoli nella vostra vita durante questi tempi miracolosi...

Alla prossima, Karen
Tradotto da Nicoletta per Eoslailai

Ti è piaciuto l'articolo? Clicca su OK

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

8 commenti

Anonimo mod

Articolo molto bello e utile,ma attenti e' sempre una visione New Age,quindi da prendere con le dovute precauzioni!

Reply

sono molto scettico rispetto a queste "cose"

sono attraenti (ma anche i dolcetti lo sono, non per questo fanno bene)

ma queste rivelazioni di metatron e kryon & company (anche se per un paio di giorni mi avevanoa llettato, come può fare appunto un dolcetto) mi puzzano di emanazione di qualche demone legato al NWO piuttosto che di qualche angelo che ci segue da vicino

ciò non toglie che in questi messaggi alcune verità si trovino, magari mescolate a mistificazioni

una sorta di lavoro da debunker indomma

Reply

Nessuno sposa i messaggeri o quant'altro, è un messaggio che rispecchia un momento della mia vita, tutto qui.

Per il discorso new age, credo di essere un po' stanco, nel senso che penso se ne parli troppo a sproposito, mettendo nello stesso calderone ogni cosa che sia diversa da quello che la scienza ufficiale non riesce a spiegare dell'inizio dell'eternità. Si è fatto per anni con la Chiesa, ora non va più di moda e si fa con la new age. Forse è il caso di rivedere il concetto di scienza come verità assoluta, visto che la materia senza lo spirito intelligente (Creatore, Dio, Energia, chiamatelo come volete), ha ben poca vita.

Ma appena si parla di energia, spirito o altro, subito si viene etichettati come fautori della new age. Non capisco proprio...

Ps. Della new age non me ne frega nulla, se mai sono interessato ad ogni nuova scoperta o esperienza pratica e sensibile di qualcosa che non si è potuto ancora catalogare con le attuali teorie. Se poi la quantistica, la teoria delle stringhe, l'energia psichica, ecc... sono diventate new age, allora è un altro discorso.

Alla base di tutto c'è l'istinto e il cuore, se si agisce con Amore incondizionato, difficilmente si sbaglia. Poi a me le etichette non sono mai piaciute...

Ciao!

Reply
Anonimo mod

........sicuramente il modo più veritiero specie in una fase di transizione è l'autoascolto e manifestare il proprio sentire e pensare come hai fatto in modo molto chiaro prima del tuo grande silenzio. E seguivano i primi "quadri di pensieri".
In questi giorni ho intorno a me diverse persone a me care in un momento di crollo di paradigma - in un caso perfino di crollo di speranza di vivere. Questa persona sta passando le notte in bianco a leggere. Si sta osservando. Si sta chiedendo tante cose. E un brusco risveglio.
Come ha visto il mondo fuori cosi affrontavo quello dentro...era una forma passiva. C'erano gli esperti. Poche settimane fa' mi commentava il mi interesse per le Scie in Cielo" con un -" si deve occupare una élite mentale di queste cose."
Un élite mentale ha formulato il verdetto. Quella della medicina.
Non si occupa dei cieli adesso. Si occupa di se stessa. E questa occupazione cambia tutto. Si rende conto che solo lei sa trovare una via ed i compagni e aiuti in questa avventura. C' è chi cambia insieme a lei - c' è chi si ritira. C' è chi si avvicina la prima volta....Ma già vede che tutto è connesso e il rifiuto di prendersi responsabilità che ha fatto scegliere tante volte la vita comoda non la porta più avanti.Rimaneva una sola pasticca - ma non è concesso. Ha da fare un percorso contro ogni prognosi. Si trova sola - si trova abbandonata - si trova con molta confusione. Non è così - perché tante risposte si stanno affacciando - ma quelle che voleva non ci sono più.
Ci sono dei passaggi che sembrano dei passi indietro - o sbagliati. Ma qualcosa ci dice che è giusto farlo. Non resta che indagare - anche dove nessuno condivide le nostre decisioni.
La facilità con cui si attacca le etichette da tutte le parti nel momento di una modifica del paradigma corrispondente è nota.
Si interpreta - giudica - mette in un qualche casello. Anche gli amici si trovano in mezzo a bruschi cambiamenti e hanno strada da fare.
Non resta che proseguire - indagare - fare.
Il lavoro passato - gli errori e le conquiste fanno parte di queste rivisitazioni e trasformazioni.
Io sono artista ( anche) e in quei periodi i quadri che fuoriescono non sono i più affascinanti - tante volte finiscono nel cestino.

Più parliamo di noi e delle nostre esperienze e conquiste più forse riusciamo ad incontrarci con chi non ci capisce offrendo il nostro vissuto. Ma il momento del "trapasso" ( e ce ne sono tanti anche in vita ) è difficile da comunicare...è un nuovo inizio che lungo la strada però si nutre di tutto quello che è già nostro....si ricompone,arricchisce,trasforma,rinnova....
Cari saluti Maria
.

Reply

Maria, grazie ancora per le tue parole e le tue riflessioni. Quando si parla col cuore si aprono porte che prima erano chiuse e si compiono scelte dettate dall'istinto, anche se spesso vengono considerate pazzia.

Non ci resta che camminare...

Un abbraccio

Reply

ciao free, non ne so molto di new age (solstizi, luna piena...boh) ma concordo con te. articolo piacevole, c'è bisogno anche di queste cose. saluti a tutti

Reply

molto bello l'articolo

Reply

Stendec, ben tornato... un piacere sentirti...

Andrew, un caro saluto.

Reply

Posta un commento