La Duma approva la banca dati del DNA

Ogni Paese sta compiendo il programma per la schedatura dei cittadini e la loro identificazione per l'instaurazione di un Governo Mondiale. L'agenda sta avanzando a ritmi sostenuti, senza una reale opposizione dei cittadini. Tutto questo sarà inevitabile senza una diffusa presa di coscienza del problema.

La Duma russa ha approvato la prima lettura di una legge per creare una banca dati del DNA dei cittadini russi, afferma Ria Novosti. Il progetto di legge "Sullo Stato di Registrazione Genomica nella Federazione Russa" è stata introdotta nella Duma dal governo. Gli autori della proposta di legge affermano che una banca dati del DNA di singole categorie di cittadini, aumenterà l'efficacia della lotta contro la criminalità, la lotta contro il terrorismo e l'estremismo, potrebbe anche aiutare nella ricerca di persone scomparse e l'identificazione dei corpi.

Il disegno di legge stabilisce le basi giuridiche per l'assunzione, la conservazione e l'uso del DNA da russi, cittadini stranieri e apolidi. La banca dati potrebbe contenere DNA da organismi non identificati, individui non identificati e anche criminali condannati per reati gravi. L'accesso al database sarebbe limitato all’autorità giudiziaria.

L’agenzia Regnum riporta che il vice presidente della commissione difesa della Duma Vladimir Kolesnikov, ha affermato che i volontari in grado di contribuire con il loro DNA per la banca dati, riceveranno un piccolo compenso. Precedenti relazioni citano che una banca dati del DNA sarebbe stata creata in cinque anni. Il ministero degli Interni dispone di 35 laboratori che sono stati autorizzati a condurre la ricerca genetica.

Articolo originale: Duma Approves DNA Database

Ti è piaciuto l'articolo? Clicca su OK

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.