La grande astensione

Questa breve riflessione non vuole essere un consiglio o una indicazione di voto o non voto per chi legge, è solo la constatazione dei fatti, secondo il mio umile punto di vista, in fin dei conti credo si possa fare davvero molto poco. I cambiamenti devono essere operati nel cuore delle persone e nella loro consapevolezza, al fine di creare un mondo che ponga le fondamenta su armonia e pace, quello che si può definire uno stato senza regole e senza padroni, in cui ognuno è parte del sistema secondo capacità, propensioni e attitudini.

Osservo con relativo interesse il dibattito sul voto alle prossime elezioni politiche italiane. Molti sono delusi, altri sembrano fomentati dal solito entusiasmo pre-elettorale, illudendosi che qualcosa possa realmente cambiare. La caratteristica fondamentale di questa tornata elettorale non è la qualità del voto, i possibili vincitori e i loro programmi, il dibattito sembra incentrato sul non voto come scelta politica e arma per esprimere la propria volontà di delegittimare il sistema. Per la prima volta nella storia, credo, l’Italia assisterà a la più grande percentuale di astensione al voto, un forte segnale politico da parte dei cittadini. Ovviamente votare o non votare ha poco senso, considerando la reale situazione globale e le regole che tengono in piedi i governi fantoccio di ogni Stato.

Su internet, per lo meno nel settore più estremo, c’è una grande parte di sostenitori del non voto, che potrebbero influenzare l’opinione di migliaia di cittadini. Anche se in pochi si rendono conto di come funzioni il sistema, percepiscono questo malessere e l’inadeguatezza della classe politica, sono tentati per la prima volta ad esprimere un forte dissenso politico. Non parliamo di quelli che non votano perché non interessati o perché preferiscono una gita fuori porta, parliamo di cittadini con senso di dovere civico, che hanno sempre espresso il proprio diritto-dovere di votare.

La faccenda si risolverà con un grande pastrocchio post elettorale, un’alleanza a breve termine fra schieramenti concorrenti, ma profondamente uguali nella forma e nella sostanza. Gli uomini della finanza, dell’economia e i vassalli della banca centrale europea, ricoprono i ruoli chiave negli schieramenti del PD e del PDL (PDue?), come a confermare l’evidente pochezza di tali movimenti politici. Assisteremo ad uno dei momenti più bui della storia, la preparazione di un blocco politico unitario che getti le fondamenta per la creazione di un partito unico, precursore del Nuovo Governo Mondiale.

Ti è piaciuto l'articolo? Votami su OK Notizie

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

18 commenti

Ciao,condivido in pieno quello che hai scritto...Bel post...ciao e buon lavoro..

Reply

questa fase pre-elettorale è passata molto in sordina, ma vuoi mettere il rito di recarsi alle urne a mò di pecoroni ligi al dovere? non credo che ci sarà un sostanziale calo dei votanti. 'vincerà' berlusconi che poi in un secondo tempo passerà il timoniere per le decisioni più importanti, ossia quelle che più delineeranno in peggio il nostro futuro, al suo compare di merende, il rappresentante italiano del nwo veltroni.....ciao freenfo.

Reply

Niente astensioni o schede bianche... andiamo a votare!

Reply
Anonimo mod

sì, io andro' a votare, se fossimo in tanti a rifiutare la scheda forse lo farei, ma penso che scriverò qualcosa sulle schede che mi daranno, almeno per consentirmi un piccolo sfogo

Però prima devo trovare la scheda elettorale, l'ho riposta da qualche parte ... la trovero'?

chiunque faccia finta di vincere, perderemo tutti

andra' peggio di prima, e già ora va malissimo

corrado

Reply

Lo sai, la pensiamo diversamente sulla questione del voto. Paradossalmente , però, i motivi che ti spingono ad astenerti dal votare, sono gli stessi che mi spingono a votare (lo so, non voto "per qualcuno", ma "CONTRO qualcuno", ma non posso farci nulla: Berlusconi è il mio cancro, e non posso perdermi nemmeno un momento per cercare di "curarmi", come adesso col voto).

Col Nuovo Ordine Mondiale posso conviverci pur continuando a lottare con le unghie e con i denti (in fondo, ci convivo da quando sono nato)... ma con Berlusconi non riesco a conviverci assolutamente, mi fa stare male dentro, e non perchè sono di sinistra (se per questo non sono nemmeno di destra), ma perchè il piazzista di Arcore ha distrutto il distruttibile.
Lo so, dovrei starmene a casa domani, ma non ce la faccio, sono troppo debole per non cogliere questa occasione. Sono come Piero Ricca: se non urlo in faccia a chi odio, che lo odio, non mi sento in pace con me stesso... e domani la X che non metterò sul Pdl sarà come un piccolo urlettino felice (anche se per pochi istanti, visto che poi ritornerò ad essere Nessuno). So di sbagliare, so che non dovrei andare a votare,e so che due secondi dopo mi sentirò in colpa: ma preferisco essere in colpa, piuttosto che rivedere di nuovo Berlusconi al governo, pur rispettando chi lo vota non sapendo che è il più grande criminale della storia italiana, dopo Andreotti e Mussolini ovviamente...

Reply
angela mod

e per quelli che sanno già per certo come andrà a finire, non è più dignitoso per loro non degnare nemmeno della loro presenza questa buffonata,questo rito immondo,
questa beffa,che più non si può?
almeno io mi sentirò PULITA!
nessuno dei miei diritti viene rispettato,perchè dovrei adempiere a un dovere,verso chi me li nega?
se siamo nella realtà,se poi ancora sogniamo,bhe i sogni svanicono all'alba!e ancora una volta chi ci marcia avrà il suo tornaconto,chi no,forse aprirà gli occhi,forse!
L'astensionismo è un forte segnale di presa di coscienza,qualcuno lo preconizza come catastrofe,questa ci sarà cmq!non sarà l'astensionismo a pregiudicare nulla!non sarà la politica ITALIANA a risolvere una situazione
decisa a tavolino da chi sappiamo!
mi auguro che prima o poi i burattini nostrani quando saranno diventati inutili(col wno) servano pure loro come legna da ardere al burattinaio.
cordiali saluti
angela

Reply

Giordano Bruno lo diceva:
"Che mortificazione… chiedere a chi ha il potere di riformare il potere! Che ingenuità!"

Non credo sia possibile cambiare qualcosa se continuiamo a prendere posizione nelle lotte create ad arte dalle persone che detengono il vero potere, al solo scopo di farci credere che contiamo qualcosa.

Votando facciamo una scelta di seconda mano. I canditati sono già stati coscienziosamente scremati.

Poi ognuno può fare quello che vuole, votare, o astenersi, non entro nel merito. L'importante è che la decisione venga presa in modo consapevole.

Non appassionatevi al teatrino della politica, ormai lo sappiamo che è solo finzione.

Rivolgete le vostre energie verso qualcosa che vi rende felici, e non frustrati.

Reply

Premetto che questo post non è indirizzato alle critiche sul voto o non voto, voleva solo essere uno spunto di riflessione, per evidenziare ancora una volta la pochezza della classe dirigente.

Detto questo condivido tutte le vostre posizioni, il mondo è bello perché vario. Staremo a vedere come anche questa barzelletta andrà a finire, aspettiamo per vedere se ancora una volta abbiamo intuito il risultato finale.

Un caro abbraccio a voi tutti

Reply

Ciao freenfo, io invece andrò a votare, nonostante la merda che c'è..come ben sai la mia lotta è incentrata sulle banche e sulla nostra perdita di qualunque sovranità..principalmente quella monetaria, anche se sono ben consapevole che quella che più ci deve interessare è la sovranità alimentare..
ho iniziato il mio percorso di vera informazione solo da poco più di 2 anni, ho conosciuto il problema del signoraggio e del signoraggio secondario, "mi sono cadute le braccia alla scoperta"..poi navigando sempre di più mi sono imbattuto sul problema che è tra i più grandi.."NWO"..CAVOLO da rimanerci secco per la scoperta dei chip rfid..
Tra l'altro stasera il TG5 ha dato notizia di un primo ospedale in Italia che mette il chip rfid ai neonati nel cordone ombelicale tramite clip..
Ritornando a quello che ho scoperto in internet devo dirti che tutti i video che ho visto di Miclavez hanno aperto ulteriormente i miei occhi...quindi come ben saprai nella lista no-euro ne è uno dei promotori..e parla della grande truffa, promuove le monete complementari..in sostanza è una lista che si sta muovendo..lo so cacchio sarà dura anzi impossibile,ma qualcosa bisogna fare e da qualche parte bisogna partire..lo so che per Ersandro è utopia, io invece ci voglio credere e sperare..e poi se non è adesso la svolta, tramite internet qualcuno in più sosterrà in futuro questa grande battaglia..
Io voto..
Un saluto a te freenfo e a voi tutti.

Reply

devo dire che l'unico che un poco mi ispirerebbe sarebbe proprio Miclavez, ma all'interno di un listone un po' raffazzonato ... non so, non mi ispira nessuna fiducia, poi non voglio giudicare se lui sia in buona fede oppure no

ma al momento non mi interessa troppo, una volta facevo fatica a votare chi snon denunciava la guerra

adesso che la guerra è iniziata coi bombardamentei chimici non riesco a votare chi non la denuncia

ciao

Reply

Davide, comprendo le tue motivazioni. Vedremo i risultati elettorali.

Corrado, oggi nessuno denuncia nulla di vitale, solo grandi speculazioni per accaparrare poltrone comode.

Ciao

Reply

Sono perfettamente d'accordo con l'amico Freenfo. Una grande, sesquipedale astensione è quel che ci vuole.

Ciao!

Reply

Ciao Zret!

Reply

sapete che vi dico? fra la pioggia e il freddo finora sono rimasto a casa, chissà se domani andro' ... a non votare

Reply

Molto sagge anche le parole di Ersandro che saluto.

Ciao a tutti!

Reply

Grazie ancora a voi tutti, Corrado, Zret e gli altri lettori... qui cielo coperto...

Reply

parole condivisibili le tue, caro freenfo.
io ho ceduto gli ultimi due giorni e mi sono lasciato coinvolgere in discussioni sull'opportunità o meno del voto.

deja vou :-)

a presto

Reply

Carissimo, anch'io volevo astenermi dal parlarne, ma in fondo si parla delle cose a cui si tiene. Purtroppo non cè modo di vivere in una reale democrazia, questo credo sia la cosa che ci rende più irritabili nel periodo elettorale.

Un abbraccio

Reply

Posta un commento