Così come Bilderberg ha deciso


ALGERI – Il presidente dell’OPEC Chakib Khelil non esclude che i prezzi del petrolio arrivino fino a 200 dollari al barile, anche se l'offerta è adeguata, perché il mercato è guidato dalla caduta del dollaro.

"Interrogato in merito a un eventuale aumento che andrebbe a 200 dollari, il ministro non ha escluso tale eventualità, spiegando che questo aumento è indicato da adesso, al momento in cui il dollaro sale o scende di quotazione".

"In poche parole, le scorte sono elevate, la domanda si sta mitigando, l'offerta è soddisfacente. Pertanto, di solito, senza problemi geopolitici e la caduta del dollaro, i prezzi del petrolio non sarebbero a questo livello".

Khelil, un ex funzionario della Banca mondiale, è anche ministro dell'energia e delle miniere algerino.

Egli ha aggiunto: "I prezzi sono elevati a causa della recessione negli USA e la crisi economica che ha toccato diversi paesi, una situazione che ha un effetto sulla svalutazione del dollaro e, pertanto, ogni volta che il dollaro perde un punto percentuale, il prezzo del barile sale di 4 dollari, e, ovviamente, viceversa ".

Egli ha aggiunto che: "Se questo (il dollaro) si rafforza del 10 per cento, è probabile che (il petrolio) i prezzi diminuiranno del 40 per cento."

Se la situazione economica degli Stati Uniti migliorerà da ora a fine anno "contribuirà a rendere il mercato più stabile".

"Ma non credo che un aumento della produzione contribuirebbe a ridurre i prezzi, perché c'è un equilibrio tra offerta e domanda e le scorte di benzina negli Stati Uniti hanno registrato un aumento e sono al loro livello più alto da cinque anni."

Articolo originale: OPEC president sees $200 oil possible

Ti è piaciuto l'articolo? Votami su OK Notizie

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.