Dialogo alla fermata del bus

Caino: Chi ha vinto Sanremo?
Abele: Non guardo la TV, però a Gaza sono morte decine di persone e molti bambini.

Caino: Come sono andate le partite di calcio?
Abele: Non saprei, però questo mese non riesco a pagare il mutuo.

Caino: Chi voterai alle elezioni?
Abele: Non voto più, ho perso troppi amici in acciaieria.

Caino: Hai visto, il principe Harry è tornato a casa?
Abele: Peccato che in Afghanistan chi è rimasto a casa è morto sotto le bombe.

Caino: Lo sai che cambiando le lampadine si aiuta il clima?
Abele: Le scie chimiche uccidono lentamente il clima e le persone.

Caino: Va bene, con te non si può parlare… vado a fare la spesa.
Abele: Hai ragione, io mi fermo ancora un po’, soldi per la spesa non ne ho.

Ti è piaciuto l'articolo? Votami su OK Notizie

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

7 commenti

Molte persone in giacca e cravatta siedono ad un lungo tavolo in una sala riunioni. A capotavola siede il capo che aprendo un fascicolo, così esordisce :

- “ Punto sei dell’ordine del giorno : il significato della vita. Henry tu avevi delle idee in proposito vero ? “

Il sottoposto si alza ed apre il suo fascicolo.

- “ Esatto, un gruppo di studio ci ha lavorato su nelle ultime settimane, e le conclusioni possono essere riassunte in due concetti fondamentali :
uno, gli uomini non portano abbastanza cappelli
due, la materia è energia. Nell’universo esistono molti campi energetici che non riusciamo normalmente a recepire. Alcune energie hanno una fonte spirituale che agisce sull’anima dell’individuo. Tuttavia tale anima non esiste “ab initio”, come insegna il cristianesimo ortodosso, deve essere portata in essere con un processo di auto-osservazione controllata. Tuttavia ciò avviene raramente, data la singolare abilità dell’uomo nel farsi distrarre dalle questioni spirituali, dalle trivialità quotidiane “ .

L’assemblea resta in silenzio per qualche secondo, poi il capo prende la parola.

- “ Che cos’era quella storia dei cappelli ?

Reply

Quando un apologo vale più di mille saggi.

Ciao!

Reply
angela mod

Il mio cuore è a Gaza!
lì la morte ha molta fretta!
è reale,immediata...quotidiana!
ciao
a presto
angela

Reply
AcquaEmotion mod

A gaza é stato terribile!

Reply

Estraneo, davvero esaustivo questo breve racconto. Vale più di mille parole. Grazie mille!

Ciao a tutti, purtroppo Gaza è l'inferno, un campo di concentramento a cielo aperto...

Buona serata

Reply

sono andato in banca, ecco il dialogo

Io: "c'è la crisi possiamo dirlo?"
Banchiere: "Sì, lo possiamo dire, covava da un paio di anni"
Io: "E continuerà per un po', andrà sempre peggio"
Banchiere: "Ma non sarà come nel 29"
Io: "ho paura di sì ... e se volessi investire in oro?"
Banchiere: "L'oro non lo possiamo può vendere ai privati" [drin drin!, signoraggio?]
Io: "Ah, capisco, non ai privati"

Banchiere: "Comunque per capire
come andrà il mercato e quale sarà la situazione in Italia bisogna anche aspettare cosa succede con le elezioni"
IO: "Ma lei lo sa che centro sinistra e centro destra sono legati ad una banca americana, la Goldman Sachs, vero? Cosa vuole che cambi con le elezioni?"

Risatina complice del banchiere, evita di dire sì, ma è come se lo avesse fatto

provate anche voi a fare queste domande alla vostra banca!

Reply

Corrado è proprio così!

Ti saluto con affetto

Reply

Posta un commento