Attivisti brasiliani distruggono Mais OGM

Circa 300 contadine residenti in Brasile sono entrate in un immobile di proprietà della società statunitense Monsanto e distrutto un vivaio di piante e colture contenenti mais geneticamente modificato, la loro organizzazione ha detto.

Le donne hanno protestato quello che vedono come un danno ambientale da parte delle colture di mais.

Hanno distrutto le piante in soli trenta minuti, prima dell’arrivo della polizia, nel sito posto nella zona meridionale dello Stato di San Paolo, un membro dei Landless Workers' Movement, Igor Foride, ha detto alla AFP.

Il governo brasiliano ha "ceduto alle pressioni del business agrario" di recente, consentendo alle colture di mais modificato di essere coltivate nel paese, ha detto.

A Brasilia, una protesta da parte di altre 400 donne riunite in gruppo, Via Campesina (Rural Way), si è svolta di fronte alla ambasciata svizzera contro Syngenta, una società svizzera che vende sementi geneticamente modificate in Brasile.

I dimostranti hanno richiamato l'attenzione a un incidente di ottobre 2007, in cui le guardie private che lavorano per Syngenta uccisero un manifestante per aver preso parte a una occupazione di terreno di proprietà della società.

Via Campesina ha detto in una dichiarazione che "non esistono studi scientifici che garantiscono che le colture geneticamente modificate non abbiano effetti negativi sulla salute umana e sulla natura."

Ha aggiunto che il martedì, altri 900 dei suoi membri erano entrati in una proprietà del gigante svedese-finlandese della carta Stora Enso e portato fuori alberi di eucalipto non modificati geneticamente, che sostenevano esser stati piantati illegalmente.

Articolo originale: Brazilian protesters destroy GM crops

Ti è piaciuto l'articolo? Votami su OK Notizie

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.