Morto a causa di un trapianto

Questa triste notizia vuole affrontare ancora una volta il tema trapianti. Non siamo qui a giudicare nessuno, non sono qui a dare consigli, vorrei solo condividere con voi questa triste storia.

Fonte: http://www.antipredazione.org

MORTO PER AVER DONATO PARTE DI FEGATO AL PADRE Quando il genitore diventa cannibale del proprio figlio

Un palermitano 39enne, Gaetano S., muore dopo un mese per aver “donato” da vivo sano parte del proprio fegato al padre, 70enne, affetto da cirrosi. L'espianto/trapianto è avvenuto in una clinica belga il 14 dicembre 2007. Sono sorte gravi complicazioni dopo l'espianto (una peritonite con 7 interventi) e le condizioni del figlio sono rapidamente peggiorate fino a che gli stessi medici, che l'avevano convinto a mutilarsi per il padre, lo hanno convinto a sottoporsi a sua volta ad un intervento di doppio trapianto di reni e fegato. Così, per procacciarsi gli organi per Gaetano, un altro malato vivo ma che aveva perso la coscienza (cosiddetto morto cerebrale) è stato espiantato e quindi ucciso. Peccato però che Gaetano, persona sana prima dell'asportazione di parte fegato, non sia sopravvissuto al doppio trapianto, morendo sotto i ferri dopo 10 arresti cardiaci, come riferisce la stampa.

Se "donare" è un "gesto d'amore" come è possibile che questo gesto porti tanto dolore? La chirurgia sostitutiva che sfida la natura e fa leva sulle nostre paure e sui nostri sentimenti, porta vita o morte? Salute o patologia? Felicità o infelicità? Quel padre che non ha saputo rifiutare il sacrificio del figlio, vivrà? E quanto vivrà con i farmaci antirigetto e il rimorso che lo attanaglia? Per la presunzione dei chirurghi comunque due persone sono già morte. I media ribadiscono ogni giorno che l'espianto di rene o parte del fegato da vivente sano non comporta rischi, ma i fatti dimostrano il contrario (vedi Comunicato Stampa 03.07.07 “Ictus mentre dona il midollo” www.antipredazione.org). Viene quotidianamente sottolineato che il trapianto è vita, ma allora come si spiega che Gaetano sia entrato vivo in sala operatoria e ne sia uscito morto?

Al sud dove i malati dichiarati in cosiddetta “morte cerebrale” sono protetti dall'amore dei familiari che si oppongono all'espianto a cuore battente, la donazione da viventi sani potrebbe essere cavalcata dai chirurghi per ottenere un rene, parte di fegato e midollo, sempre facendo leva sul legame d'amore familiare.

Il Comitato Giovani della Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi e la Morte a Cuore Battente lancia un appello a tutti i ragazzi con un familiare malato che stanno subendo pressione da parte dei medici e dei parenti stessi per donare una parte del proprio corpo, fate attenzione a non confondere un atto di buonismo indotto con un atto di generosità, questa “disattenzione” potrebbe costarvi la vita.

Comitato Giovani - Matteo Ciarimboli
Presidente - Nerina Negrello

Versione scaricabile e stampabile

Ringrazio Corrado per la segnalazione
Articolo correlato: Il trapianto a cuore battente

Ti è piaciuto l'articolo? Votami su OK Notizie

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

33 commenti

Vicenda molto triste e non unica purtroppo.
Quello che posso dire è che per i miei familiari mi farei smembrare se servisse, anche se ci fosse una possibilità su un milione.
Come è strana la vita, cerchi di essere il meno materiale possibile, elevarti spiritualmente (è il percorso che ho intrapreso) di non essere così "pecorone", ma se succede qualcosa ad un tuo caro non capisci più niente, vai letteralmente in tilt, sei soffocato o sommerso dalle emozioni
e tutto il resto non conta più.

Un saluto a tutti.

Reply

Tanto per rimanere in ambito medico una "notizia" da Repubblica


http://www.repubblica.it/news/ired/ultimora/2006/rep_nazionale_n_2928978.html?ref=hpsbdx2

Più si va avanti e più peggiora.



Un saluto a tutti.

Reply

grazie per la triste seegnalazione segnalazione:

al link segnalato

si risponde col seguente
link segnalato

dal quale estraggo la parte piu'
attinenente alla notizia segnalata su vaccino e HPV

_________

Recentemente, in Danimarca, i media hanno pubblicizzato ampliamente la vaccinazione HPV (Virus del Papilloma Umano) contro il cancro della cervice, non per essere somministrato a donne dell'età nella quale il cancro della cervice può svilupparsi. No, le vaccinazioni stanno per essere incluse nelle normali vaccinazioni per bambini, somministrate a ragazzine dell’età di 12 anni – età alla quale non hanno alcun effetto positivo.

Come e' possibile?Poco prima che questo accadesse, i media annunciarono che la Fondazione Bill Gates ha messo a disposizione 10 milioni di corone danesi ad una università di Copenhagen per ulteriori ricerche sul vaccino contro la malaria, da somministrarsi a donne del terzo mondo.

altre notizie a questo link

Reply

dimenticavo: ho pravato a spiegare a persone che raccolgono soldi per un'interevento della speranza (terapia genetica) che il povero bambino che si sottoporrà al'linterventa rischia di morire e di fare da cavie umana.
ho parlato dei due casi recenti di persone uccise da simili interventi sperimentali sulla cui efficacia nessuno può portare dati concreti.

Seppure mi davano ragione su molte cose che dicevo, compresa la paura che si porti avanti alla fine un programma di eugenetica, di fronte alla paura, al dolore per un bimbo che soffre non riescono a tirarsi indietro, e nemmeno cercano ulteriori informazioni

La risposta ultima è "c'è troppa paura" e "speriamo che serva"

Possiamo mica dire al popolo: "vogliamo cavie per un programma di eugenetica applicata"? Non , e allora ricorriamo al metodo collaudato:
azione/reazione/soluzione

diffondiamo coi vaccini malattie che poi chiamiamo genetiche,

facciamo sì che la gente chieda una soluzione

offriamo le terapie geniche per avere cavie consenzienti per i nostri programmi di manipolazione genica

ET voila' la cavia è servita!

Reply

??? perchè bisogna esprimere commenti o giudicare una cosa così personale???

Reply

personale è il dramma

sociale e politica è la manipolazione della sofferenza delle persone

Chi è stato vittima del sistema trapiantisitico è stato manipolato, hanno fatto leva su paure e speranze, un gioco psicologico molto facile su chi si fida del sistema (politico, sociale, sanitario)

Non si può condannare chi è stato vittima del raggiro

Però è anche vero la gente dovrà ogni tanto prendersi le sue responsabilità, rendersi conto che non può sempre delegare la vita, la salute, la spiritualità a medici, santoni, preti

Immagino il dramma di quella famiglia, immagino le mille ansie prima, la trepidazione durante l'intervento, il baratro del dolore adesso

In effetti io togliere quel sottotitolo "cannibale del figlio" che potrebbe essere visto come poso rispettoso del dolore della famiglia.

Ma le parole e le loro sfumature non cambiano la dura realtà dei fatti: la medicina ortodossa ha convinto un figlio a sacrificarsi inutilmente per la salute del padre.

Credo sia doveroso condividere queste informazioni e fare rilfettere quanta piu' gente possibile

un abbraccio a tutti, ed in particolare a quella povera famiglia di Palermo, poveri esseri umani di carne e di sangue che adesso soffrono oltre ogni immaginazione.

Purtroppo con le scie chimiche che avanzano temo che a breve saremo tutti nella stessa condizione.

Sissignori, siamo tutti nella stessa barca, e la barca sta affondando: cerchiamo di diffondere sentimenti di amore, di rispetto, di benevolenza.

La lotta con rabbia di chi è stato contro il sistema negli ultmi 50 anni non ha scalfito più di tanto il sistema, che a volte ha manipolato (o persino istigato) con furbizia quella stessa rabbia.

Reply
angela mod

ciao Freenfo
BUONGIORNOOO!
solo un caro saluto!
sull'argomento mi sono già espressa!....
dico solo sconsolata,che mai come oggi è reale il detto
"mors tua vita mea".
la MORTE non è punizione è liberazione...allora?
condanniamo alla Vita!
è uno dei tanti sistemi per causare sofferenza....
ciao
stammi bene in questo marasma!
angela

Reply

Carissimi,
ho postato questa notizia perché ritengo utile avere un punto di vista diverso dal consueto. In questo blog non si giudica nessuno e non si accusa nessuno.

Sarebbe bello tuttavia conoscere i rischi di questa pratica e le condizioni reali tali da permettere un trapianto. Troppi silenzi della medicina e dei medici sulle modalità di espianto e sulle condizioni del donatore affinché si possa procedere con l'espianto.

La scelta di ognuno di noi è soggettiva e rispettabile, il dolore e la necessità non possono essere strumentalizzati, resta però il cruccio di non avere istituzioni che facciano chiarezza sui trapianti, mettendosi dalla parte degli interessi piuttosto che dalla verità.

Ciao a tutti e grazie per i commenti

Reply

sono in sintonia con il post. l'articolo vuole informare non speculare sui sentimenti. la medicina,la psicoterapia celano troppi silenzi e omettono troppe verita'. e' utile informare e fare riflettere.

ciao freenfo

Reply

sinceramente, ora che so che il mio fratello donatore deve ancora essere vivo per darmi i suoi organi preferirei morire.

se dovessi donare invece,
...sì
se servisse a tentare di far stare meglio, anche se forse neppure questo è la volontà di Dio.
...certo è un tema complesso

la psicoterapia con l'utilizzo di psicofarmaci sempre più nuovi,
...la gente ormai accetta tutto
hanno creato il problema, questo sistema bastardo antiuomo e antidio
...poi drogano le masse perchè a qualcuno potrebbero girargli...
ma cosa accadrà davvero nel cervello umano quando vengono assunti psico-farmaci?

un abbraccio nella luce, Dio è ancora sul Trono
Giona

Reply

"donare" significa essere in coma detto irreversibile da chi un'istituzione che ha la fretta di avere pezzi di ricambio

diverse persone considerate "cerebralmente morte" si sono risvegliate se accudite con amore e con professionalità

vedi questo articolo

e questo altro articolo (andare a leggere soprattutto la storia di Banach, un "morto" cerebrale che si è risvegliato dal coma

non c'è garanzia che viene considerato morto sia realmente spacciato, non c'è garanzia che una persona in uno stato di coma realmente irreversibile non soffra quando viene espiantato (infatti si somministrano farmaci paralizzanti, perchè durante l'espianto il corpo del "morto cerebrale" si muoverebbe eccome)

ricevere un organo spesso è una tortura (a volte peggiore della malattia che si pretende di curare)
sempre legati all'assunzione dei farmaci anti-rigetto e quindi facili bersagli di malattie opportunistiche perchè si vive con una sorta di AIDS indotto da farmaci; si puo' morire per una semplice influenza

il trapianto di midollo in genere abbrevia la speranza di vita (la maggior parte dei trapiantati muore nel giro dei primi due anni dal trapianto)

poi, è chiaro che qualcuno è più fortunato quando riceve un organo e vive più a lungo, ma anche tentare l'operazine di trapianto per stare meglio è un rischio, un azzardo

e cmq per ogni organo ricevuto dai "morti cerebrali" c'è una persona a cui viene abbreviata la vita ("eutanasia" della peggiore specie) e che in molti casi, con cure adeguati, si sarebbe potuta riprendere dal coma

è dura da digerire, ma mai quanto le sice chimiche

A che servono i trapianti? A produrre a lungo termini consenso verso cosa ancora peggiori come l'uomo bionico, l'upload cerebrale, e via discorrendo, fate un giro sul blog di Bojs se non l'avete anocra fatto per capire quante schifezze stanno preparando e che con la pubblicizzazione e "santificazione" dei trapianti si realizzeranno più facilmente

un abbraccio a tutti, anche a quelli che "donano" o "ricevono" organi senza sapere esattamente cosa fanno, a tutte le persone rese inconsapevoli da questo sistema di menzogne globali

... però risvegliatevi, aprite gli occhi prima che sia troppo tardi, vogliono ridurre l'uomo ad una macchna assemblabile con pezzi di ricambio, una macchina senz'anima

Reply
serpentepiumato mod

Questa scienza arrogante a furia di batoste prima o poi capirà che l'uomo non può sostituirsi a Dio creatore riflesso nella natura...

Reply

Ettore, ti ringrazio. Questo era il mio intento.

Giona, ovviamente il tema è complesso e non si può non rispettare la volontà altrui. Riguardo la psico terapia sono contrario a priori. Non credo che sia utile. Ogni farmaco sostituisce una funzione del corpo/cervello, quindi non è adatto al riequilibrio e la guarigione. Anche qui si potrebbe parlare per ore. Il problema è che le persone si affidano (giustamente?) ai medici, i quali spesso ignorano gran parte del corpo nella sua visione olistica. Se le istituzioni e i governi tenessero alla vita dei cittadini, non staremo qui a disquisire.

Corrado, ancora grazie per gli ulteriori commenti e spiegazioni a corredo dell'articolo. Il tuo lavoro è prezioso per noi tutti.

Serpentepiumato, sono perfettamente d'accordo!

Ciao e grazie a tutti

Reply

Ps. Rimarrò off-line fino a lunedì... Buon fine settimana a tutti

Reply

caro giona su psicofarmaci e psicoterapie avrei un mucchio di cose da dire, ci ho scritto su un libro

se vuoi te lo faccio avere per posta elettronica, la mia mail la trovi nel mio blog in alto a destra nella zona contatti

ciao ciao

Reply
Anonimo mod

La psicanalisi va bene, è meglio invece!

Reply

il problema è che alcune persone da tanta intelligenza che hanno se la portano in giro anche con la carriola
...mi sa che anche la psicanalisi ha fallito


ciao a tutti


un abbraccio nella luce, Dio è ancora sul Trono
Giona

Reply
Anonimo mod

Bè non credo, su chi ha provato le persone sono uscite dai loro "casini"

Reply

la maggior parte degli indirizzi e delle scuole psicanalitiche sono delle vere cacche puzzolenti

vedi questo link

Attenzione TORNA L'ELETTROSHOCK!, 3000 psichiatri firmano un appello "accorato" per riportarlo in auge

Reply
Anonimo mod

Si ma forse non sappiamo distunguere tra PSICHIATRIA e PSICOLOGIA!

Reply
Anonimo mod

Come chi confonde la bibbia con la chiesa

Reply
Anonimo mod

Poi certo ogni scienza ha le sue "zecche" però non facciamo di tutto uno sberleffo!

Reply

la scienze sui generis come la psichiatria e la psicologia sono tutte guano

la loro cura consiste soltanto nel farti metabolizzare/ingoiare meglio le regole/devianze del sistema facendotele inquadrare sotto un'altro aspetto affinchè tu possa accettarle e inchinarti sottomesso ai suoi paradossi
...non è una guarigione ma un sistema di progammazione, una lobotomizzazione spirituale, non c'è amore, non c'è UNA SOLA VERA PAROLA D'AMORE in tutte le loro tecniche chimiche o psicologiche che siano.

fa più una parola d'amore che cento sedute di psicanalisi, tutto ciò che manca è soltanto l'amore,
tutto ciò di cui abbiamo bisogno è solo sentirci amati

ma molti scelgono volentieri queste "strade" molti accettano con orgoglio sistematico il lavaggio cerebrale, il problema è che se finisse a loro e basta potrebbe anche andare bene, purtroppo molti si fanno discepoli di queste cose e vanno a rompere le.....sinapsi agli altri

ciao Corrado, sono interessanti i tuoi articoli, anche nei commenti ho trovato qualcosa di interessante, quello di Katia.
l'amore è gratis, potrebbe essere altrimenti? ciao

ti segnalo un link di Bojs sulla p.a.

http://intermatrix.blogspot.com/2008/02/
la-psicanalisi-una-forma-di-magia-nera.html


un abbraccio nella luce, Dio è ancora sul Trono
Giona

Reply

io non sono così drastico nell'osteggiare ogni forma di psicologia, ad esempio la logoterapia di Viktor Frankl mi sembra interessante e positiva, però molto dipende dalla singola persona che esercita la funzione di psicologa e nella sua maniera di fare le cose.

Però devo dire che la maggior parte degli indirizzi, delle scuole etc. delle varie psichxxx mi fanno una leggera allergia.

Sicuramente, come dice Giona, se ci fosse più amore ci sarebbe meno psicologia, meno psicoterapia, meno psichiatria.

Quello a cui dovrebbe tendere l'uomo non è tanto una migliore psicologia, ma una nuova fratellanza umana coi suoi simili, cementata dall'amore

Reply
Anonimo mod

Oh Era qui che volevo insiste!

Coraddo non posso che dirti che sono d'accordo con te!

Reply
Anonimo mod

e cioè nè buttare via tutto e nè non dire la Verità.

Reply
Anonimo mod

Quindi estendiamo questa "politica" a tutto no solo ale cose che più ci fanno comodo!...... Vero Giona!?

Cià buona serata

Reply

cosa è che ci farebbe più comodo caro amico sconosciuto (ma mi sembra già conosciuto) pensare che oltre all'amore c'è anche qualcos'altro di cui non sai dare neppure una spiegazione? la logoterapia di Viktor Frankl? a me sembra tu abbia parlato di psicanalisi...o no?
tu non hai bisogno di amore?
ti ha salvato Frankl, e i suoi discorsi?
quale sarebbe la TUA verità che non è stata detta?
...facci consapevoli



un abbraccio nella luce, Dio è ancora sul Trono
Giona

Reply
Anonimo mod

La Verità è ciò che avete detto tu e Corrado(sull'Amore),ma ho anche detto che non bisogna neanche buttare via tutto! Quindi come non si deve tacere sulla Verità non bisogna neanche fare di ogni altra cosa al di fuori(?) un "partito preso" e quindi,onestamente, è meglio dirla tutta e no prendere parti(?) e chiudere gli occhi!Quindi dire la psicanalisi è tutta una m.... è una bugia, naturalmente è vero,ma in parte ed alcune branchie...che abbiamo un cervello e una psiche è vero.E di nuovo, quindi non bisogna dire solo le cose che vanno al proprio mulino o peggio cambiarle per "metter" apposta più acqua al proprio mulino! Mi è sembrato tanto chiaro e con questo anche ciò che ho scritto dopo e a cui hai risposto

Ciao

Reply

Giona e Corrado, grazie per il contributo. Siete sempre molto preziosi per completare le notizie del blog.

Anonimo, non si può generalizzare e fare di tutta l'erba un fascio. Sono d'accordo sul fatto che molti psicoterapeuti svolgono un buon lavoro di supporto. Tuttavia penso che la medicina abbia molti limiti e una forte rigidità mentale, si applicano teorie di molti anni fa, senza considerare l'evoluzione dell'uomo nella sua interezza. Insegnanti, medici e tutte le persone che hanno un contatto diretto con i propri simili (che si affidano totalmente), dovrebbero essere a conoscenza di molte altre discipline (terapie dolci e medicina complementare sono solo un esemipio), di altri aspetti che formano il pensiero e la vita di un uomo. Per questo credo che a volte si facciano dei danni, la co-dipendenza fra paziente e terapeuta ne è l'esempio. Comunque ripeto, non generalizziamo, ma cerchiamo di creare le condizioni affinché tutti sappiano la verità e si possa migliorare la condizione di ogni essere vivente.

Grazie a tutti

Reply
Anonimo mod

Ciao freenfo dici bene è questo lo dico e l'ho detto pure io ma Ciò che volevo dire è che appunto non mettiamoci a guardare solo ad una faccia della moneta come invece si stava facendo.

Ciao

Reply

Anonimo, grazie ancora.

Reply
Anonimo mod

Grazie anche a te per la chiarificazione e per ciò che fai

Reply

Posta un commento