Panopticon




Fonte: http://www.truthnews.us

Panopticon è il carcere ideale progettato nel 1791 da Jeremy Bentham (1748-1832), filosofo idealista, teorico della riforma giuridica britannica e massimo esponente dell'utilitarismo.

L’idea alla base del Panopticon (“che fa vedere tutto”) era quella che - grazie alla forma radiocentrica dell’edificio e ad opportuni accorgimenti architettonici e tecnologici - un unico guardiano potesse controllare tutti i prigionieri in ogni momento. La struttura carceraria era vista come un insieme di stanze per i detenuti, disposte a cerchio, con due finestre per ognuna: l'una rivolta verso l'esterno, per prendere luce, l'altra verso l'interno, in una colonna nella quale si sarebbe collocato il custode. I carcerati, sapendo di poter esser osservati tutti insieme in un solo momento dal custode, grazie alla particolare disposizione della prigione, avrebbero assunto comportamenti disciplinati e mantenuto l'ordine in modo quasi automatico; inoltre la forma carceraria del panopticon prevedeva che ad ogni singolo detenuto fosse assegnato un lavoro, si avviava così il processo di passaggio tra una formula carceraria contenutiva ad una formula produttiva. In seguito è stato attribuito al concetto di Panopticon un significato più ampio, a rappresentare il rapporto tra il singolo individuo e le regole del sistema sociale in cui esso è inserito. L'arte, in special modo la letteratura, la pittura ed il teatro, nonché la musica (si veda l'album degli Isis intitolato, per l'appunto, Panopticon) sono state profondamente influenzate da questo nuovo concetto.

Inverso del Panopticon è l'Anopticon

Nel suo saggio "Sorvegliare e punire" Michel Foucault prenderà il Panopticon come modello e figura del potere nella società contemporanea. L'architettura del Panopticon sarebbe la figura di un potere che non si cala più sulla società dall'alto, ma la pervade da dentro e si costruisce in una serie di relazioni di potere multiple.



7 commenti

lo sappiamo tutti noi pazzi a che servono ormai satellitari, microchip nel bancomat, telefonini etc.

a segnalare la nostra posizione ovunque, a spiare ogni conversazione, identificare i sovversivi, rendere accette tecnologie che culmineranno col microchip dentro di noi, magari inoculato di nascosto entro il vaccino alle nuove pandemie che stanno per scatenare

Quando guardo il cielo per due ore vedo 4 o 5 scie chimiche sulla mia testa.
Hanno intensificato in questo mese o sono io che ho alzato piu' spesso gli occhi al cielo?

In Sicilia diffusione di strane forme batteriche che generano tosse persistente e fortissima, mal di gola, resistenti agli antibiotici a largo spettro.

Al nord casi di meningite che non risultano dalle analisi, ma dopo due ora i bambini riportati a casa "perchè non hanno niente" muiono appunto di meningite.

Avranno mai pensato i medici che qualcosa nel meningococco potrebbe essere stato biotecnologicamente manipulato?

un abbraccio

Reply

Corrado, le tue domande affolanano la mia mente da qualche anno, sembra vivere in un terribile film horror, in cui la realtà supera di gran lunga la fantasia.

Le scie ci sono sempre, è che spesso le persone non se ne rendono conto perchè prese dai ritmi della vita frenetica. Ormai non abbiamo più nemmeno il tempo di alzare gli occhi al cielo.

Ciao e grazie
Un caro saluto

Reply

In un carcere così concepito fu rinchiuso il Dr Hamer.
L'nalisi di Corrado è molto acuta, anche se inquietante.

Ciao!

Reply

Zret, Hamer ha vissuto degli anni terribili. Fu trattato come il peggior terrorista.

Ciao

Reply

scusate il commento poco pertinente al post. ho avuto una soffiata dall'uccellino. Mi ha detto che ci vorranno al massimo 4 anni per completare la distruzione dell'Italia.Praticamente siamo on the way per finire come l'argentina.

Reply
Anonimo mod

La ringrazio per Blog intiresny

Reply
Anonimo mod

molto intiresno, grazie

Reply

Posta un commento