Etichetta RFID alla nascita

In Ohio molti ospedali pediatrici stanno adottando la tecnologia RFID per prevenire lo scambio di bambini alla nascita ed eventuali sospetti allontanamenti dei bambini delle strutture. Da tempo le cavigliere o braccialetti plastificati vengono utilizzati anche in Italia e credo in fin dei conti possa essere una buona idea, anche considerando alcune strutture sanitarie poco affidabili. Inserire un chip RFID però non ha alcun senso, a meno che lo scopo del tracciamento non preveda ulteriori sviluppi e scopi differenti dal significato originale. Ultimamente su questo blog si dibatte molto sul controllo e sul largo utilizzo di tecnologia per il tracciamento delle persone.

Senza voler utilizzare toni allarmistici, gli eventi sembrano susseguirsi a velocità sostenuta, sembra che la fantasia superi la realtà. Queste notizie rafforzano le tesi di chi, come me, crede che i prossimi anni vedranno un sostanziale incremento della tecnologia al fine del controllo e della limitazione delle libertà individuali. Tuttavia il fatto di riportare queste notizie non vuole scoraggiare nessuno, tanto meno gettare la spugna e rassegnarsi agli eventi. Credo che la conoscenza sia l’unico mezzo per compiere scelte sagge. Ogni giorno siamo artefici del nostro presente e del nostro futuro, la conoscenza ci rende più consapevoli e tranquilli. Se le cose precipiteranno forse saremo in grado di comprendere e correre ai ripari in modo migliore rispetto a coloro che nemmeno si pongono il problema.

Prima di avere le risposte, dobbiamo formulare le domande…

23 commenti

Caro freenfo,come sai anche io tengo l'occhio vigile su queste
tecnologie.Sono sempre sul chi va là.
Certo ai genitori può sembrare una buona cosa,ma chi mi dice che è veramente quello lo scopo?.
Ne stiamo vedendo di tutti i colori.Moltissime tecnologie sono presentate in modo che senza di esse non si possa vivere.Certo,non tutte sono del "diavolo", però posso dire che non mi fido più come una volta,proprio perchè vedo che la libertà viene minata ogni giorno di più.Mi viene in mente il bellissimo video Zeitgeist,e tutto si sta avverando.
No non mi fido per niente,penso che il caso dell'OHIO sia l'inizio di un lento(ma non troppo)attacco alla libertà.
VIGILARE VIGILARE SEMPRE.
Ciao freenfo

Reply

Caro freenfo, proprio oggi mi sono imbattuto in un servizio on line che ti permette di rintracciare ogni informazione sul proprietario di un determinato sito.
Chi é on line sa che é spiato. Si puó schermare lo ip, ma i mezzi esistano per sapere morte e miracoli di qualsiasi utente.
Si potrebbe aprire una parentesi sulla pedofilia... e sulle persone potenti che gestiscono i loro sporchi vizi on-line. Una rete di personaggi che diventano automaticamente intoccabili se nel mezzo si trova un nome importante.
Comunque, non divaghiamo.
Il big brother esiste, e con i microchip diventerá ancora piú accurato. DNA, IMPRONTE, IP ...
...quasi quasi mi faccio tatuare un codice a barre e lo registro:))))

Reply

Davide, sempre attenti ai nuovi provvedimenti restrittivi.


Nekradamus, ci sono molti servizi di questo tipo, purtroppo maggiore tecnologia è uguale a minor privacy!

Ciao e grazie
Buona giornata

Reply

ciao freenfo. conosco abbastanza quelle zone d'america. là la gente, soprattutto dopo fenomeni come l'11 settembre, è impaurita e fra l'altro si dice che scompaiano molti bambini...è facile convincerli su queste cose fatte in nome della sicurezza.

Reply

Stendec, comprendo la paura dell'uomo in generale, quindi è comprensibile che agiscano in questo modo.

Credo che la conoscenza sia l'arma per sconfiggere la paura ed essere più consapevoli.

Ciao e grazie mille

Reply
angela mod

"Chi é on line sa che é spiato"....
giusto! io non ho dubbi!
Buona Serata Freenfo e ancora grazie!
angela

Reply

Angela, grazie a te!

Reply

Adesso faccio una profezia:

"Verrà un giorno, ed il giorno non è lontano, in cui assisteremo a numerosi rapimenti e sparizioni di bambini.

Ma gli angeli divini porranno fine a questi demoniaci eventi mettendo un marchio su ogni bambino neonato che permetterà di ritrovarlo sempre, ovunque egli sia nascosto"

è il classico schema problema/reazione/soluzione

Reply

hai ragione freenfo,il susseguirsi degli eventi e' sempre piu' accellerato.
ma come ho detto piu' volte il 2012 e' vicino.
come fa un genitore ad approvare che venga messo un chip nel neonato???

la manipolazione e la persuasione e' forte ma non mi capacito all'idea di vedere per esempio mio figlio con chip.

ciao freenfo,volevo ancora una volta complimentarmi per il lavoro che stai facendo.

Reply

A ripensarci bene non è detto che il direttore di un ospedale debba fare quella porcheria (perchè di porcheria si tratta secondo me) perchè si è venduto al potere o perchè è stato costratto/ricattato/invogliato a farlo dalle forze occulte che orchestrano il NWO e che vogliono imorre a tutti noi il microchip.

Può averlo fatto solo per fare apparire moderno e all'avanguardia il suo ospedale .

Ciò non toglie che i bambini "non si sfiorano nemmeno con un fiore", e se i microchip impiantati fanno venire il tumore agli animali, un microchip quasi in contatto con le cellule del neonato mi fa solo un po' meno paura.

Le cellule del neonato sono in continua riproduzione, ed è per questo che sono più sensibili ai danni delle radiazioni ionizzanti e non ionizzanti. Tempo fa ascoltavo alla radio un medico che affermava che le frequenze dei cellulari entravano in risonanza con la particolare struttura delle cellule dei bambini piccoli; ciò vuol dire che il potenziale danno delle radiazioni non ionizzanti è amplificato enormemente nel caso dei bambini più piccoli.

C'è poco di che stare allegri

Reply

Ettore, grazie a te e perdonami la latitanza...

Corrado, anche io penso si tratti di un problema di immagine, resta il fatto che ogni uomo (compreso il direttore di un ospedale) dovrebbe agire con coscienza, invece sembra che si agisca senza cognizione di causa.

Ciao e grazie

Reply

Promoviamo un'iniziativa contro i microchip negli animali domestico. Ossia rilanciamo la posta.

I genitori saranno convinti o costretti, a meno che non capiscano.

Ciao a tutti.

Reply

sarebbe una buona idea

però ci sarebbe da fare qualcosa subito e sbattersi un po'

Provando a contattare persino enti come la Lav (conosco delle ottime persone che ne fanno parte, ma dell'istituzione LAV dubito alquanto)

Stasera provero' a contattare una mia amica che ne fa parte.

Ma avranno occhi per vedere ed orecchie per ascoltare?

In ogni caso è doveroso farlo.

Se si riuscisse a sputtanarli sui microchip negli animali sarebbe poi piu' difficile per Loro convincerci a inserirli negli uomini.

Reply

ho fatto una piccola ricerca ed ho trovato che "ovviamente" dicono che non ci sono problemi

Vedi qui sotto
http://www.wsava.org/MicrochipID.htm

pero'.... da notare in questo articolo asseriscono che sebbene in qualche gatto geneticamente modificato si siano riscontrati dei tumori in prossimità del microchip imiantato, NON SI PUO' ESTENDERE TALE RISULTATO AD ALTRA SPECIE

Ciò è vero, ma ciò significa anche che LA VIVISEZIONE NON SERVE A NIENTE, e lo dice la "associazione mondiale veterinari dei piccoli animali"

Però qui non si tratta di un corredo enzimatico differente tra gatto X e cane Y che può far comprendere come su alcune specie un certo farmaco possa produrre certi effetti collaterali negativi e su altre specie no.

Quella che è chiamata in gioco è una risposta cellulare ad un'irradiazione, e qui le similitudini fra specie diverse di mammiferi IMHO sono mooolto maggiori delle differenze

passo e chiudo

Reply

Riporto questa indiscrezione letta su un sito

il “VeriChip”, tanto pubblicizzato dai media statunitensi e britannici, sembra non essere tanto all'avanguardia. Da indiscrezioni emerge il fatto che già dal 1997, grazie a un programma tecnologico estremamente riservato, gestito guarda caso dalla CIA, erano già disponibili microchip molto più sofisticati così piccoli da poter essere iniettati con un ago ipodermico durante, ad esempio, una campagna di vaccinazione di massa. Tenendo anche conto degli “strani” individui che governano il mondo, merita domandarsi a quanta gente sia stato già iniettato il microchip a loro insaputa.

Però è un’indiscrezione e quindi … boh? …

Poi ho letto questi due articoli che reputo interessanti

http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2061636

http://www.oblo.it/articoli/publish/higtech/Impianti_RFID_sottocutanei_pericolosi_per_la_salute.shtml

Da essi si evince che
a) esistono alcuni esperimenti che fanno pensare ad un effetto cancerogeno dei microchip
b) qualcuno dice che non sono le onde elettromagnetiche la causa del tumore ma l’inserimento del corpo estraneo (difficile da dimostrare quale sia la vera causa per ora); a mio parere questa potrebbe essere una giustificazione per potere affermare “col progresso elimineremo questo problema secondario ottimizzando i materiali”, ma io ho la netta impressione che tali argomentazioni servano a nascondere il vero problema, ovvero le radiazioni
c) per minimizzare il fatto che in alcuni esperimenti gli animali sviluppino tumori in prossimità dei microchip dicono che “Questi esperimenti non implicano necessariamente che ciò succeda coi cani , i gatti domestici e con l’uomo”. Ho già spiegato perché questa argomentazione non mi convince. In ogni caso detto da LORO quelli che giustificano la sicurezza dei farmaci testandoli sugli animali (quando conviene) e giustificano la sicurezza dei microchip dicendo che i test sugli animali non sono importanti … sembrano proprio le solite rassicurazioni del potere imbonitore e fraudolento
d) qualcuno dice che il danno è dovuto ai trasponder e non ai microchip … help, aiutatemi voi … ma che c… vogliono dire?

Reply

Corrado, un'eccellente ricerca. In ogni caso, ci possiamo fidare delle rassicurazioni dei governanti? No, ergo i microchip per gli animali non credo siano innocui. Inoltre molte persone mi riferiscono che il cane col microchip o è abulico o è particolarmente aggressivo o volubile. Sarà il microchip la causa o saranno interferenze elettromagnetiche?

Il mio rifiuto è netto.

Ciao

Reply

Corrado, Zret siete ottime fonti di approfondimento.

Un grandissimo ringraziamento

:D

Reply

strumentalizzare la paura diffusa dagli stessi stati uniti in ogni cittadino americano al fine di creare consensi e sopratutto distrarre gli stessi.
NUOVO ORDINE MONDIALE. sono disposti a tutto.a quei poverini degli americani gli hanno fatto il lavaggio del cervello.pensate che molti ancora credono che l'11 settembre sia stato causato dall omino delle montagne...

Reply

è proprio così. tuttavia, molti più americani di quanti immaginiamo qui in italia la pensano diversamente sull'11 settembre. tuttavia, timorosi di essere spiati da colleghi di lavoro o conoscenti, preferiscono non parlare troppo. molti poi, non ci vogliono credere...(my god, i can't believe!.....). e vabbè.......inoltre da zona a zona, da stato a stato, cambiano i punti di vista a riguardo. in quanto ad ottusità, ignoranza, cattiva informazione e soprattutto cinismo, individualismo e presunzione non scherziamo neanche noi italioti. saluti.

Reply

Questa è una notizia tremenda! Presto avremmo tutti il marchio della bestia; bisogna opporsi in tutte le maniere a questa cosa!
Bob

Reply

Alanblog e Stendec, siamo molto simili agli americani, sempre più vicini alle loro abitudini e stili di vita. Il vecchio Bel Paese è al tramonto...

Bob, hai ragione! Dobbiamo informare e armonizzare questo mondo malato... ho dato un'occhiata al tuo Blog, molto interessante. Complimenti.

Ciao a tutti

Reply

ho dato un'occhiata a quel blog di Bob, mi sembra che ci si possa rispecchiare in quel modo di vedere / sentire

Volevo chiederti Bob, hai letto anche tu la presentazione in power point Mondex, credo di sì visto che parli del "marchio della bestia"

Cmq se qualcuno se l'è persa ripeto qui il link per scaricalrla, è un'informazione (purtroppo) molto utile ed attuale

http://www.mediafire.com/?dvgeogkkomc

Reply

ciao a tutti!!! sono nuovo di questo blog.. vorrei avere notizie sulle nuove tecnologie rfid nel mondo del turismo. Ho visto che ci sono degli stabilimenti balneari che adottano già questa tecnologia con differenti utilizzi. Dei parchi divertimento acquatici che danno un braccialetto ad ogni bambino cosi che sia identifcabile in qualsiasi momento. Ne sapete qualcosa? Avete altre novità da propormi?? Grazie!!!!!!!

Reply

Posta un commento