30 settembre 2007

Il rapporto Staninger (terza parte)

Fonte: http://sciechimiche-zret.blogspot.com

>> Leggi qui la prima parte <<

>> Scarica qui l'intero documento in formato PDF <<


Disintossicazione

Gli enzimi della fase 1 e della fase 2 convertono le sostanze chimiche estranee in forme che possono essere facilmente espulse; esse sono spesso riferibili agli enzimi di disintossicazione. Comunque dovrebbe essere sottolineato che la biotrasformazione non è strettamente legata alla disintossicazione. In un certo numero di casi, i prodotti del metabolismo sono più tossici dei composti originali. Questo è particolarmente vero per alcuni composti chimici cancerogeni e per un numero di sostanze che causano la necrosi cellulare del polmone, del fegato e del rene. In molte circostanze, un metabolita tossico può essere isolato ed identificato. In altri casi, sostanze intermedie altamente reattive, vengono formate durante la biotrasformazione di una sostanza chimica. Il termine “bioattivazione” è spesso usato per indicare la formazione enzimatica delle sostanze intermedie reattive. Si pensa che esse determinino gli eventi che portano alla morte della cellula, al tumore indotto chimicamente, alla teratogenesi e ad altre patologie.

Le persone malate di Morgellons hanno le reazioni contrarie della fase 1 e 2, poiché esse sperimentano parametri fisiologici specifici come bassa temperatura corporea, pressione sanguigna elevata, alta conducibilità dell’urina, gel e fibre fluorescenti sul corpo simili a microscopici tatuaggi fluorescenti. Tutti i pazienti affermano di aver percepito come la puntura di un ago, attraverso la pelle e soffrono di un insopportabile prurito.


Nanotecnologie

La nanotecnologia presenta nuove opportunità per creare migliori materiali e prodotti. Da tempo, nanomateriali sono disponibili sul mercato statunitense, nell’ambito dell’abbigliamento, dei tessuti, dei computers, dei cosmetici, dell’equipaggiamento sportivo e degli strumenti medici. Un quadro generale della ricerca Mtech relativo alle società che lavorano nel campo della nanotecnologia, ha identificato circa 80 prodotti e più di 600 materiali grezzi, componenti intermedi ed articoli industriali che sono usati dai produttori. La nostra economia sarà sempre più condizionata dalla nanotecnologia, quanto più si diffonderanno i prodotti contenenti nanomateriali che passeranno dal campo della ricerca e dello sviluppo a quello della produzione e del commercio.

La nanotecnologia ha anche la potenzialità di migliorare l’ambiente, sia attraverso le applicazioni dirette dei nanomateriali per individuare ed eliminare gli inquinanti, sia indirettamente, usando la nanotecnologia per sviluppare processi industriali più puliti e per creare prodotti ecocompatibili. Tuttavia esistono domande senza risposta sull’impatto dei nanomateriali e dei nanoprodotti sulla salute umana e sull’ambiente e l’E.P.A. ha l’obbligo di assicurare che i rischi potenziali siano adeguatamente compresi per proteggere la salute umana e l’ambiente. Dal momento che i prodotti nanotecnologici diventano sempre più numerosi e diffusi nell’ambiente, l’E.P.A. sta considerando come agire circa i progressi della nanotecnologia per rafforzare la protezione ambientale. Inoltre sta esaminando l’impatto delle nanotecnologie in relazione ai programmi ambientali, alle esigenze di ricerca ed agli approcci decisionali. Attualmente l’unico codice di regolamentazione che mira a valutare il rischio ambientale delle nanotecnologie, fa capo alla città di Berkley, in California. Alcuni esempi di questa tecnologia applicata alla ricerca privata si riferiscono alla composizione di fibre usate per indirizzare le ricerche.

Iniettori di nano tubi di carbonio - Un nano tubo al carbonio unito a punti quantici rivestiti di streptavidina, sviluppato da Xing Chen, Andrax Kis, Alex Zetti e Carolyn Bertozzi della Università della California di Berklely. La loro caratteristica unica è la capacità di trasferire i geni.

Nanomotore – Carlo Montemagno della Cornel University ha creato un motore molecolare delle dimensioni pari ad un quinto di un globulo rosso. I componenti chiave sono le proteine dell’Helicobacter Coli, attaccato ad un asse di nichel e ad un’elica che è alimentata dall’ATP, l’energia che l’organismo stesso usa per tutte le funzioni vitali. Questo motore molecolare, però, funziona con un’efficienza che va dall’1 al 4%, notevolmente inferiore a quella degli organismi viventi, che possono raggiungere un’efficienza del 100%.

Nanobombe - I ricercatori del Michigan hanno creato nanobombe intelligenti che sono in grado di aggirare il sistema immunitario e di introdursi nelle cellule malate per ucciderle o per diffondere dei farmaci.

Nanoelettrosensori – Strumenti elettronici che possono far secernere specifici ormoni alle cellule, allorquando l’organismo ne ha bisogno e generatori di elettricità che si autoassemblano all’interno della cellula.

Nanofarmaci - Un’altra idea è quella di interagire direttamente con le cellule, così che esse possano essere trasformate in “industrie farmaceutiche” per produrre medicine su richiesta. Milan Mrksich, chimico dell’Università di Chicago, progetta di agganciare le cellule a circuiti elettronici legandoli ad un tappeto di bracci molecolari. Catene di carbonio della lunghezza da 10 a 20 atomi, sono attaccate ad una lamina dorata con atomi di zolfo. I trefoli sono addensati così strettamente che stanno dritti sulla superficie. Ciò crea una “boscaglia” di villi metallici appiccicosi molecolari, per catturare e manipolare le cellule.

Punti quantici, nanoparticelle, nanotubi di carbonio (nella microelettronica) ed altri nanostrumenti usa e getta, possono costituire nuove classi di nanospazzatura di inquinanti ambientali non bio-degradabili che potrebbero causare patologie assimilabili ad una subdola forma tumorale da amianto (asbestosi).

Il quadro delle possibili reazioni immunitarie avverse è già stato precisato. Gli scienziati hanno già sviluppato materiali sintetici che non causano (?) problemi quando vengono introdotti nell’organismo, a cominciare dalle protesi di silicone per il seno. Gli strumenti nanotecnologici sono peggiori. David Williams, consigliere dell’unione Europea per i problemi della percezione delle tecnologie mediche afferma: “Il corpo umano è disegnato per respingere o attaccare agenti estranei delle dimensioni di una cellula”. Ancora peggio, gli strumenti nanotecnologici potrebbero inibire il sistema immunitario irreversibilmente.

Se strumenti così piccoli sono in grado di sfuggire al sistema immunitario, ci si chiede quali saranno gli effetti sulle membrane cellulari, sul nucleo del DNA e sulla sua membrana. Se i nanomateriali sono costituiti da plasmidi di funghi, batteri o virus, questi nuovi materiali si mescoleranno e si legheranno ai nostri costituenti interni delle cellule? (Mutazione genetica – ndr)


Le nanotecnologie e l’ambiente

Nel libro bianco del NIOSH sulle nanotecnologie, si afferma specificamente che i nanomateriali sono così piccoli che essi non danneggiano le cellule viventi. Tuttavia, recenti studi sull’uso dei nanotubi nei polmoni dei ratti, hanno dimostrato che essi si ammalano o muoiono dopo il trattamento.

Nel progetto FMN, due persone affette da Morgellons hanno sottoposto dei campioni ad un’analisi che si è avvalsa del microscopio elettronico; i campioni sono stati confrontati con il materiale di ricaduta delle scie chimiche diffuse nei cieli del Texas. L’esame ha rivelato che il materiale in tutti i campioni erano rintracciabili vari stadi di sviluppo o degradazione delle sostanze trovate negli ospiti (Anna e Lilly): il campione delle scie chimiche corrisponde a quello delle donne esaminato. I campioni provenivano da zone distanti 1.500 miglia l’una dall’altra.

Il nostro ambiente ha visto i risultati della diffusione di sostanze chimiche nel suolo, nell’acqua e nell’aria. Il DDT immesso rapidamente sul mercato quasi quarant’anni fa dalla American Bald Eagle, è stato un esempio perfetto di come una sostanza chimica può danneggiare la catena alimentare di altri animali. I nanomateriali, che vengono diffusi nei fiumi e nell’aria, sono una bomba ad orologeria per l’ambiente. E’ importante sia per gli scienziati sia per l’opinione pubblica controllare da vicino gli sviluppi della nanotecnologia e discernerne i fatti reali, per determinare se realmente può migliorare la nostra vita senza compromettere la dignità e l’integrità della specie umana.

Dott. ssa
Hildegarde Staninger
Traduzione di Zret & Straker



Un particolare ringraziamento va alla Dottoressa Staninger per la fattiva collaborazione.

REFERENCE(s)

1. Amdur, Mary O., J. Doull, and C.D. Klaassen. Casarett and Doull's Toxicology: The Basic Science of Poisons, 4th Edition. Chapter 4: Biotransformation of Toxicants by I. Glenn Sipes and A. Jay Gandolfi. Pergamon Press. New York. © 1991. Pgs. 88 ­ 126.

2. Staninger, Hildegarde. Far-Infrared Radiant Heat (FIR RH) Type Remediation for Mold and Other Unique Diseases. National Registry of Environmental Professionals. Annual Conference in Nashville, Tennessee. NREP, Des Plaines, IL © October 18, 2006,
http://www.dldewey.com/stan.htm
3. Staninger, Hildegarde. 'Size Matters'
http://www.rense.com/morgphase/sizematters.htm © March 2007

4. Dutton, G.J. Glucuronidation of Drugs and Other Compounds. CRC Press, Inc.. Boca Raton, FL. © 1980

5. Guengerich, F.P. and Liebler, D.C. Enzymatic activation of chemicals to toxic metabolites. CRC Crit. Rev. Toxicol. 14:259-307. © 1985

6. Hawkins, D.R. (ed): Biotransformaitons. Vol. 1: A Survey of the Biotransformations of Drugs and chemicals in Animals. Royal Society of Chemistry. London. © 1988

7. Weber, W.W. The Acetylator Genes and Drug Response. Oxford University Press. New York. © 1987

8. U.S. EPA Environmental Protection Agency. External Review Draft Nanotechnology White Paper. Science Policy Council. U.S. EPA, Washington, D.C. December 2, 2006,
http://www.epa.gov/osa/nanotech.htm

9. City of Berkley, California County Commissioner's Meeting. Testimony of
Dr. Edward Spencer and other public citizens on the risk of
nanotechnology to the environment. (City developed an
ordinance/regulation to evaluate the risk to the environment from
nanotechnology.) Berkley, California © 2006,
http://www.seektress.com/berkeley.htm

10. Staninger, Hildegarde. Project: Fiber, Meteroite & Morgellons. Phase I and II.
http://www.rense.com/morgphase/phase2_1.htm, © March 2007.

11. Ho, Mae-Wan. Nanotecnology, a Hard Pill to Swallow.
http://www.i-sis.org.uk/nanotechnology.php © July 16, 2007

12. Lam, et. al. Pulmonary Toxicity of Single-Walled Carbon Nanotubes in Mice 7 and 90 Days after Intratracheal Instillation. Toxicol. Sci. 77:126-134 © 2004

13. Staninger, Hildegarde. Project: Fiber, Meteroite & Morgellons. Phase I and II.
http://www.rense.com/morgphase/phase2_1.htm © March 2007

14. Environmental Defense Fund & Dupont. Brochure: NANO Risk Framework. (http://www.dupont.com/ & http://www.environmentaldefensefung.com/)

28 settembre 2007

The secret


The Secret raccoglie la saggezza di insegnanti (uomini e donne) dei nostri giorni, relativamente a come ottenere la salute, il benessere e la felicità. Leggendo il libro ci viene spiegato dagli autori come un approccio diverso verso la realtà ci permette di uscire dalle costrizione di situazioni di forte disagio, come ottenere benessere, superare gli ostacoli e raggiungere ciò che molti ritengono impossibile.


27 settembre 2007

Crisi di coscienza

Nell’ultimo mese il mio sforzo si è concentrato molto per cercare di fornire una visione quanto più veritiera della realtà. A volte ho giocato con il futuro, azzardando profezie e teorie non condivisibili, talvolta anche impensabili. La volontà di interpretare la realtà guardando al futuro, mi ha trasportato verso una serie di articoli incentrati sul pessimismo. In questo momento lo scoramento sembra prendere il sopravvento. Vorrei tornare a parlare di buone notizie, con ottimismo e speranza, parlare di temi cari a noi tutti,senza dimenticare che siamo spinti da un motore inesauribile, l’Amore. Sto valutando seriamente di cambiare gli argomenti del blog e trattare solo informazioni che siano d’aiuto o quantomeno stuzzichino la mente dei lettori. Spesso invece si cade in vortici oscuri, brutte notizie che attirano altre brutte notizie. La cronaca e la politica sembra essere inghiottita dal male e sembra non esserci più un rimedio a tanto dolore. Ogni giorno assistiamo a catastrofi, repressioni e limitazioni della libertà.

Volevo esternare un sentimento che sta accrescendo dentro di me, rendere noto a voi tutti che sto valutando un cambio di rotta. Chiaramente non è mia intenzione abbandonare la nave, ne dimenticare di denunciare quello che succede ogni giorno, la necessità è di modificare l’atteggiamento nei confronti del pensiero. Una mente proiettata al pensiero positivo genera effetti positivi a catena. Il cervello è in grado di costruire la nostra vita in base agli input che ogni giorno inviamo per essere elaborati. Continuare a lamentare situazioni e malessere, forse contribuisce ad alimentare lo stesso malessere. Da anni ormai credo che il sistema in cui viviamo non possa cambiare, tuttavia credo che se ne possa creare uno nuovo, parallelo, diverso, basato su nuovi principi condivisi da uomini nuovi. Uomini in grado di interagire col cosmo con il potere della mente, il grado di influenzare positivamente gli eventi semplicemente visualizzando situazioni positive. Un mondo che ragiona in positivo crea un ambiente migliore. Questo mio sfogo vuole rappresentare la volontà di trovare soluzioni che possano essere in contrapposizione a tutto quello che ogni giorno devasta il nostro potere mentale, un antidoto che ci salva dalla distruzione finale.

Il rapporto Staninger (seconda parte)

I normali composti confrontati con quelli del Morgellons, attraverso la biotrasformazione

Un certo numero di enzimi degli organismi animali è capace di trasformare le sostanze estranee, solubili nei grassi, in modo tale da renderli solubili nell’acqua. Queste reazioni enzimatiche sono di due tipi: reazioni della fase 1, che comprendono l’ossidazione, la riduzione e l’idrolisi; le reazioni della fase 2, che includono la coniugazione o reazione di sintesi […]

La sorte di una particolare sostanza chimica è determinata dai suoi prodotti fisico-chimici. I composti organici volatili possono essere eliminati attraverso i polmoni, senza alcuna biotrasformazione. Quelli con gruppi funzionali possono essere coniugati direttamente, mentre altri sono soggetti alle reazioni della fase 1, prima della coniugazione. La biotrasformazione è spesso integrata e può essere complessa. A causa della sua complessità, gli squilibri tra le reazioni della fase 1 e della fase 2 o i cambiamenti nelle funzioni metaboliche, sono spesso causa di danni ai tessuti.

Localizzazione nelle cellule e negli organi della biotrasformazione

Gli enzimi o i sistemi enzimatici che catalizzano la biotrasformazione di composti estranei sono localizzati prevalentemente nel fegato. Ciò non deve sorprendere, poiché la funzione primaria del fegato è quella di ricevere e di metabolizzare le sostanze chimiche assorbite dal tratto gastrointestinale, prima che siano distribuite agli altri tessuti. Il fegato riceve tutto il sangue che ha irrorato la milza, che contiene nutrienti ed altre sostanze estranee. A causa di ciò il fegato ha sviluppato la capacità di estrarre queste sostanze rapidamente dal sangue e di modificarle chimicamente, prima che esse siano immagazzinate, secrete nella bile o messe in circolo. Altri tessuti possono biotrasformare sostanze estranee. Tessuti non epatici hanno capacità limitate in relazione alla diversità delle sostanze chimiche che possono metabolizzare, cosicché il loro contributo all’intera trasformazione delle sostanze estranee è limitata. Comunque la biotrasformazione di una sostanza chimica in un tessuto non epatico, può avere un’importante implicazione tossicologica, per quel particolare tessuto.

Localizzazione subcellulare degli enzimi di biotrasformazione

La biotrasformazione dei composti estranei all’interno del fegato è compiuta attraverso numerosi sistemi enzimatici. Essi possono modificare chimicamente un’ampia gamma di sostanze tossiche, che entrano nell’organismo attraverso l’ingestione, l’inalazione, la pelle o un’iniezione. Gli enzimi della fase 1, quelli che aggiungono o manifestano gruppi funzionali, sono localizzati soprattutto nel reticolo endoplasmico, una rete di canali presenti nel citoplasma della maggior parte delle cellule. Questi enzimi sono legati alle membrane, dal momento che il reticolo endoplasmico è fondamentalmente una membrana composta di lipidi e di proteine. La presenza di enzimi all’interno di una matrice lipoproteica è critica, dal momento che le sostanze lipofiliche tendono a scindersi in una membrana di lipidi, luogo della biotrasformazione.

Quando il fegato è rimosso in laboratorio e reso omogeneo, il reticolo endoplasmico tubolare si sfalda e frammenti della membrana si rompono per formare micro vescicole. Esse sono riferite ai microsomi, i quali possono essere isolati attraverso un procedimento di centrifugazione del fegato, così omogeneizzato. Se la frazione residua che risulta dalla centrifugazione del fegato omogeneizzato a 9000xg (per rimuovere i nuclei, i mitocondri ed i lisosomi, come le cellule intatte ed i frammenti della membrana) è soggetta a centrifugazione a 105,00xg, si ottiene una pallina piena di microsomi. La frazione risultante, che contiene un certo numero di enzimi solubili, è riferita al citosol. Questo citosol contiene molti degli enzimi della biotrasformazione della fase 2. Molti degli enzimi di biotrasformazione sono riferiti al citosol o ai microsomi per indicare la localizzazione sub-cellulare degli enzimi.

Gli enzimi microsomici che catalizzano le reazioni della fase 1, sono caratterizzati soprattutto dall’abilità di metabolizzare i farmaci. Così, la maggior parte della letteratura si riferisce a questi enzimi come a microsomi, dal momento che gli enzimi convertono i farmaci in prodotti polari, ma agiscono anche su numerose sostanze chimiche. Inoltre, la parola biotrasformazione è preferita a quella di metabolismo dei farmaci, poiché esprime la natura universale delle reazioni. Infine designa il normale processo metabolico di nutrienti e la biotrasformazione di sostanze chimiche estranee.

Leggi qui la prima parte.

Traduzione di Zret e Straker

Si ringrazia il gentilissimo dott. Ginatta per la segnalazione

26 settembre 2007

UNA GRANDE TRIBOLAZIONE


“Perché quelli saranno giorni di tale tribolazione, che non ce n'è stata una uguale dal principio del mondo che Dio ha creato, fino ad ora, né mai più vi sarà.
Se il Signore non avesse abbreviato quei giorni, nessuno scamperebbe; ma, a causa degli eletti, egli ha abbreviato quei giorni”. (Ma 13:19-20)

Mentre tutto sembra continuare come sempre, nubi terribili si addensano sulle teste dell'umanità tutta. Gli eventi veri e importanti passano in secondo piano nel 'Brainstorming' di notizie e informazioni che a tutto servono, meno che a salvare le vite di coloro che le ascoltano.

Stiamo entrando in un periodo che porterà l'umanità ad un livello di miseria e dolore mai conosciuti nella storia umana per ampiezza e profondità .. affinchè si realizzi un dare e un avere tra i popoli. Per chi conosce la contabilità in partita doppia sa che per far 'quadrare' i conti bisogna avere le stesse indentiche cifre nei due lati della T usata come partita di conteggio, la parte sinistra è il Dare.. mentre la parte destra è l'Avere. Nel conto economico a sinistra si contabilizzano le entrate a destra le uscite e per chiudere il 'conto' in pareggio c'è bisogno che da entrambe le parti ci sia la stessa somma.. se non c'è.. il conto non 'quadra' e si chiude in perdita o in profitto (secondo i casi – ndr).

Cosa c'entra la partita doppia con gli eventi che si profilano all'orizzonte? C'entra eccome!

L'occidente si è arricchito come un 'parassita' sui deboli della terra.. succhiando le loro risorse e le loro ricchezze, facendole impoverire e indebitandone le popolazioni.. senza offrire in cambio lo stesso identico valore economico 'sottratto' e senza dare nessun vero aiuto a coloro che affama. A questo punto il bilancio non 'quadra' e le leggi morali universali di causa ed effetto sono pronte ad entrare in azione per bilanciare la situazione. Benchè usate a proprio favore di chi vuole instaurare un Nuovo Ordine Globale autarchico, [cosa di per sé già negativa], esse in verità servono soprattutto di lezione all'egoismo dell'umanità, all'annullamento della coscienza collettiva e alla mancanza di amore fraterno tra tutti gli uomini.

Pertanto l'opulenta società occidentale verrà privata di tutto quanto ha avuto sino ad oggi per essere portata al livello dei paesi del terzo mondo.. azzerando di fatto il pauroso divario tra occidente e resto del mondo. Ma siccome anche il terzo mondo andrà ancora più giù.. TUTTI si ritroveranno sotto il fondo della padella bucata. E vi assicuro che non c'è nulla da ridere!!

Dimenticate tutti i vostri progetti per il futuro, le ferie diverranno un sogno, il pane, la pasta, la luce, il riscaldamento, l'automobile nuova, i vestiti firmati, le medicine, i super-telefonini, gli i-Pod, i computer, ecc. ecc. saranno un vago ricordo di umanità. Mentre tutto intorno a voi la società per come l'avete conosciuta da quando siete venuti al mondo.. si sbriciolerà.

Fame, sete, malattie incurabili, pandemie, guerra, anarchia, terrorismo, e anche qualche attacco atomico saranno il condimento giornaliero del futuro prossimo.
Non ci saranno gli enti locali, la polizia, la protezione civile, gli ospedali, i pompieri, ecc. ad aiutarvi perchè semplicemente 'non funzioneranno'.. non saranno all'altezza di proteggervi – come non lo sono oggi al minimo problema –.

I politici fuggiranno o si nasconderanno nelle basi militari segrete, così come i centri di assistenza medica centrali.. sarete lasciati allo sbando con qualche piccolo aiuto 'spot'... come la pubblicità.

Mancherà spesso e volentieri l'energia elettrica, e senza di essa TUTTO si blocca nel nostro meraviglioso e luccicante mondo.. gli ospedali non avranno macchinari salvavita funzionanti, le pompe della benzina benchè piene non erogheranno nulla, le casse dei supermercati non potranno leggere i codici a barre dei prodotti alimentari [provate oggi ad andare alla cassa senza etichetta su di un prodotto e vedete cosa succede – ndr], non funzioneranno le pompe che portano acqua potabile nelle case, i bacini e le fonti delle acque verranno requisiti e sottoposti a controllo militare, mancheranno i carburanti e con essi terminerà il trasporto di ogni bene da parte dei TIR, i prezzi saliranno alle stelle e i beni primari saranno venduti al mercato nero come oro colato, le monete varranno meno delle vostre vite.. cioè NIENTE!!

La disoccupazione diverrà epidemica.. milioni e milioni di lavoratori lasciati a casa in tutta l'europa, manifestazioni e sommovimenti popolari immani saranno all'oridne del giorno, le frontiere saranno invase dai popoli che premeranno sull'europa [ma anche il continente americano non se la passerà meglio, anzi forse peggio – nda], l'anarchia e la guerra civile si nutriranno delle popolazioni allo sbando, per sopravvivere tutti saranno disposti a tutto, sì.. anche ad uccidere i loro simili per un tozzo di pane o un po' di acqua!!

Incredibile, terribile, inverosimile, pazzie? Allora smettete di leggere e andate a festeggiare!

Bene.. ora che siamo rimasti in pochi.. posso fornirvi alcuni primari consigli da effettuare con URGENZA:

1) acquistate farina, cibi in scatola, gallette secche, e tutti quei cibi a lunghissima conservazione che non abbisognano della catena del freddo per essere conservati;
2) mettete da parte tutta l'acqua potabile che potete;
3) cercate di acquistare un piccolo generatore di corrente (a gasolio) che vi fornisca energia sufficiente per far funzionare le cose basilari;
4) mettete da parte quantità di olio di semi che vi servirà da carburante per il generatore (poiché il gasolio non si troverà e costerà troppo);
5) mettete da parte candele in quantità e acquistate delle torce elettriche che si ricaricano a mano;
6) acquistate un fornelletto da campeggio elettrico da collegare al generatore;
7) mettete da parte bicarbonato di sodio e acido ascorbico in buona quantità;
8) mettete da parte rotoli di alluminio (da cucina) contro le offensive a microonde e acquistate su internet i teli di protezione contro le offensive a raggi.. > QUI' <
9) acquistate e mettete da parte tutti gli attrezzi di sopravvivenza che possano servire in caso non abbiate più una casa... tenda, sacchi a pelo, scaldini, stivali, giubbotti salvagente, roncole per tagliare legna, fiammiferi, canne da pesca, archi da caccia, ecc. ecc.
10) prelevate tutti i fondi che avete da parte (se ne avete) e teneteli in casa.. non serviranno a lungo ma almeno non li avrete lasciati nelle mani di chi vi vuole affamati;

Badate bene che se non fate il prima possibile queste cose, poi non ne avrete il tempo.. perchè gli eventi si susseguiranno in maniera veloce e i media per non allarmarvi non vi avvertiranno.. così una mattina vi sveglierete e vi troverete in un'altro mondo.
Non fate caso ai tempi che possono sembrarvi ancora buoni... non ha importanza “quando” avverrà, ma.. fatelo ora!!

Questo è solo un 'primo' passo che serve a darvi un piccolo aiuto per affrontare quanto accadrà.. non è questo che vi salverà sicuramente la vita, ma la fiducia che riponete nel Padre Universale e nel vostro sincero cambiamento interiore che irraggia Amore verso il prossimo.. come se foste voi stessi!

Per chi ha sincero desiderio di proseguire la via della Verità che conduce alla vita e conoscere come fare per affrontare con pace interiore tutti i prossimi eventi globali non deve fare altro che seguire le prossime informazioni che saranno divulgate.

Ma cosa fondamentale e più importante è 'credere' che il Cristo inviato sulla terra e agente del Padre del Tutto, ci vuole davvero aiutare a sopravvivere a quanto è destinato ad accadere quaggiù sulla terra.

L'uomo non potrà cambiare questi eventi.. ma solo viverli sulla propria pelle sperando che almeno in quei bui momenti il suo cuore si svegli dal male e si elevi verso le vette sublimi dell'Amore, della pace e della fratellanza Universale nel 'nuovo pianeta terra'.. che attende coloro che avranno vinto la lotta contro il male in sé stessi e negli altri.

Ogni bene sia su di voi che leggete e sulle vostre famiglie.. e che le vostre scelte e i vostri cuori possano essere modificati dalla 'FORZA dell'Amore' sincero che proviene dal più Grande Padre e Fonte di ogni energia positiva che la maggioranza dell'umanità non ha mai conosciuto e voluto conoscere.

B O J S

Liberatoria: il presente materiale non è coperto da nessun copyright e può essere liberamente usato riportando correttamente il contenuto in tutto o in parte e citando l'autore. Il Blog che ospita queste informazioni non è affatto responsabile del loro contenuto.

Gates chiede altri 190 miliardi per le guerre del 2008

WASHINGTON - Il segretario della difesa Americano Robert Gates Mercoledì chiederà al congresso l’approvazione di ulteriori 190 Miliardi di dollari per le guerre in Iraq e Afghanistan nel 2008, incrementando le stime di più di un terzo.

Nel testo che presenterà al Senato, Gates afferma che questo nuovo finanziamento è necessario per l’acquisto di veicoli militari in grado di proteggere le truppe lungo la strada, rinnovare l’equipaggiamento da combattimento e consolidare le basi americane in Iraq. Una copia di questo rapporto è stata ottenuta della Associated Press.

Gates ha affermato: "So che l’Iraq e le altre difficili scelte contro la politica del terrore continueranno ad essere un fonte di discussione con il congresso, tra il congresso ed il presidente e nell’opinione pubblica.”

“Considerando questo, vorrei spendere una parola sulla quale confido tutti potrete essere d’accordo – l’onore, il coraggio e il grande senso del dovere che hanno dimostrato le nostre truppe dall’ 11 Settembre in poi”, lo testimoniano.

A febbraio Bush ha richiesto 141 miliardi di dollari per le guerre; i generali in quella occasione dissero che quella cifra era un calcolo approssimativo che poteva aumentare. A luglio, il dipartimento della difesa chiese altri 5.3 miliardi di dollari per l’acquisto di 1500 mine anticarro (MRAP).

Gates afferma che altri 42 miliardi servono a coprire richieste aggiuntive.
Questi fondi includono:

- 11 miliardi per l’acquisto di 7000 MRAP in aggiunta agli 8000 già pianificati
- 9 miliardi per la ricostruzione dell’equipaggiamento e della tecnologia
- 6 miliardi per l’addestramento e l’equipaggiamento delle truppe
- 1 miliardo per migliorare le “facilities” nella regione e consolidare le basi in Iraq
- 1 miliardo per l’addestramento e l’equipaggiamento delle forze di sicurezza irachena.

24 settembre 2007

Conto alla rovescia

Qualche giorno fa un aereo militare statunitense ha scorrazzato carico di testate nucleari da una base militare all’altra. Questa notizia ignorata dai media di tutto il mondo, è allarmante perché conferma i venti di guerra e il piano americano per la distruzione dell’Iran. Sei degli uomini destinati a questa missione di trasporto delle testate nucleari sono morti “stranamente” nei giorni scorsi. Incidenti stradali, morti accidentali e morti per cause sconosciute, sembrano essere le cause di decesso. Se credete alle coincidenze potete terminare la lettura in questo momento.

Se invece pensate che tutto questo sia strano o poco chiaro, allora converrete con me che la macchina da guerra sia ormai pronta per attaccare. Notizie di oggi confermerebbero che le stesse testate nucleari siano in partenza dalla base Barksdale Air Force , nella Lousiana, dirette verso il Medioriente.

Tuttavia questa volta sembra che molti ufficiali di alto rango, stiano mettendo i bastoni fra le ruote al dittatore Bush. Fermenti contrari al volere del presidente, stanno animando guerre intestine all’interno delle forze armate, tanto da rompere i piani e la data dell’attacco. Non credo che questa guerra si possa evitare, tuttavia l’amministrazione Bush ha stancato e deluso davvero tutti. Alcuni dei passeggeri stanno abbandonando la nave americana che sta per scagliarsi verso l’ultima guerra di distruzione totale.

Israele allo stesso tempo sembra spianare la strada agli alleati, preparando tutto il supporto possibile. Qualche giorno fa ha effettuato una dimostrazione di potenza alla confinante Siria.

Tutto sembra essere pronto. Il petrolio è alle stelle, gli speculatori finanziari hanno scommesso nel crollo delle borse entro fine settembre, le testate nucleari e le forze assegnate in Iraq stanno per prendere posto in Iran, tutto sembra essere pronto. Manca solo un grande “false-flag”, un evento catastrofico che prepari il popolo americano a questa nuova devastante guerra.

Mi chiedo se i soldati uccisi dal governo statunitense saranno di esempio a tanti altri fratelli commilitoni, immolati da un governo che sfrutta le vite umane per scopi meschini, che illude i giovani patrioti americani e li spinge a compiere crimini contro l’umanità.

Ai posteri…

Foto militari inedite delle Twin Towers



23 settembre 2007

Il rapporto Staninger (Prima parte)

Nano smart dust - polvere intelligentePubblichiamo la prima parte della relazione della dottoressa Hildegarde Staninger. Lo studio è stato presentato il 6 settembre 2007, durante il convegno internazionale svoltosi nell'ambito del National Registry of Environmental Professionals di San Antonio, Texas.


Necesse est ut scandala veniant


Morgellons: Nano-911 A Foreign Invader

by Dr. Hildegarde Staninger

Presented at the
National Registry of Environmental Professionals
2007 Annual Conference, September 6, 2007, San Antonio, Texas

www.nrep.org

MORGELLONS: A NANO-911 FOREIGN INVADER
by Hildegarde Staninger, Ph.D., RIET-1
Integrative Health Systems, LLC, 415 3/4th N. Larchmont Blvd.,
Los Angeles, California 90004
Tel: 323-466-2599

Fax: 323-466-2774


Si profila all’orizzonte una malattia ambientale che aggredirà molte persone e l’ambiente del futuro. Il suo impatto sarà maggiore rispetto a quello del DDT, del PCB e dell’amianto. Questa patologia è il Morgellons: un invasore nano-tecnologico in stile 9 11. Ha molti nomi: malattia delle fibre, malattia del mistero, parassitosi immaginaria e sindrome dermatologica sconosciuta. Esistono 93 sintomi visibili. E’ una malattia silenziosa, intelligente, luccicante, alimentata da batterie che contengono metalli. Quando colpisce la vittima, si avverte come una scheggia di vetro che trafigge la pelle. E' come una scheggia centocinquanta volte più piccola di un virus, invisibile ad occhio nudo. Essendo una trafittura così silenziosa, solo chi è stato aggredito, ne conosce la vera natura. Di origine umana, questi materiali nano-tecnologici, in grado di assemblarsi autonomamente, possono essere usati per creare farmaci, prodotti chimici, nervi artificiali, cervelli artificiali, pseudo-pelle e sistemi elettronici molecolari. Sì! Il morbo è stato modellato sulla base delle meraviglie della natura, ma è al 100 % di origine umana.
La pozione nanotecnologica è stata versata da un alambicco da cui sono fuoriuscite disgrazie nascoste dietro un'apparenza di insospettabile innocuità. (dott.ssa Hildegarde Staninger)

Diffusione del morbo nel mondo - Ogni giorno 1000 nuovi casi


Estratti dalla relazione MORGELLONS: A NANO-911 FOREIGN INVADER

Introduzione agli invasori chimici

Smart dust - Polvere intelligentePiante, uomini ed animali sono costantemente esposti, nel loro ambiente, ad una vasta gamma di sostanze chimiche estranee agli organismi naturali. Queste sostanze possono essere di origine naturale o umana. In genere i composti lipofilici sono facilmente assorbiti attraverso la pelle, i polmoni o il tratto gastrointestinale. Un’esposizione costante o anche intermittente a queste sostanze lipofiliche potrebbe sfociare in un loro accumulo nell’organismo, a meno che non siano presenti mezzi per l’eliminazione. Inoltre, le sostanze chimiche possono essere espulse attraverso l’urina, la bile, le feci, l’aria espirata e la traspirazione. Tranne che per l’espirazione, la facilità con cui i composti chimici sono eliminati dall’organismo, dipende in larga misura dalla loro solubilità in acqua. Questo è particolarmente vero per le sostanze chimiche non volatili, che sono eliminate con l’urina e le feci, le vie prevalenti di espulsione. I composti lipofilici, che sono presenti in questi fluidi, tendono a diffondersi nelle membrane cellulari e ad essere riassorbiti, mentre i composti solubili in acqua vengono espulsi. In questo modo si spiega perché le sostanze lipofiliche possono accumularsi nell’organismo: esse sono facilmente assorbite, ma scarsamente escrete.

Fortunatamente gli organismi animali hanno sviluppato una serie di processi chimici che convertono i composti lipofilici in metaboliti solubili in acqua. Questi processi sono definiti “biotrasformazioni” e sono di natura enzimatica. Si potrebbe mettere in rilievo che la biotrasformazione è la somma di quei processi attraverso i quali un agente estraneo, come una sostanza chimica, è soggetto ad un cambiamento chimico per opera degli organismi viventi. Questa definizione implica che una particolare sostanza chimica può essere sottoposta ad un certo numero di processi. Ciò può significare che la molecola principale è modificata chimicamente o che un particolare metabolita del composto principale, può essere soggetto ad una modificazione supplementare. Il risultato finale delle reazioni di biotrasformazione è che i metaboliti sono chimicamente distinti dal composto principale. I metaboliti sono, di solito, più idrofilici del composto principale. La solubilità in acqua riduce la capacità del metabolita di scindersi in membrane biologiche e questo riduce la distribuzione dei metaboliti nei vari tessuti, diminuisce i metaboliti renali e, infine, favorisce l’espulsione delle sostanze chimiche attraverso l’urina, la bile e le feci.

Il Morgellons è una malattia che colpisce uomini ed animali con circa 93 sintomi. Gli uomini colpiti da questo morbo, rintracciano fibre colorate che crescono sotto pelle nonché lesioni da cui trasuda un materiale simile al gel o possono avere la sensazione di una scheggia di vetro che trafigge il derma come un ago. L’esame tossicologico dei campioni estratti da un paziente cui è stata diagnosticata questa sindrome e che aveva subìto un’operazione al ginocchio, rivelavano che il campione conteneva silicone e silica. Ulteriori analisi di questi campioni, eseguiti usando la tecnologia Micro Raman, rivelarono che le fibre erano composte da due parti di poliammide, come una cannuccia di plastica terminante in una testa di silicone. Il poliammide è un materiale sintetico. E’ nylon con un altro nome. Il nylon è un composto lipofatico, proprio come il silicone. Inoltre, fibre di polietilene sono state trovate nei talloni e nei piedi di alcuni pazienti. La differenza tra questi composti e quelli prodotti industrialmente è la seguente: i primi sono di nano dimensioni.

Nano-dimensione significa che lo zero è seguito da nove decimali. E’ inferiore alla larghezza di un capello umano. Com’è possibile che qualcosa di così piccolo sia tanto dannoso alle persone? I nano-materiali, che hanno molteplici usi, come la polvere intelligente, i nano-gel, i punti quantici, i nano tubi, i nanofili, sono parte di un campo in espansione della nonotecnologia. Se qualcosa è così piccolo da non stimolare il sistema immunitario a reagire ad un’aggressione esterna, si verificherà una reazione cellulare tossicologica. Questi materiali sono stati trovati nel paziente che aveva subìto l’operazione al ginocchio. Il paziente aveva delle fibre blu che non bruciavano a 1400° F ed indurivano il gel che causava le lesioni. Questi campioni erano correlati ad una patologia tossicologica.

Non importa quale sia l’agente biologico o chimico, l’organismo si è adattato per proteggersi e per espellere il materiale tossico, tuttavia esso non è pronto ad un invasore nano-tecnologico, poiché è un nemico invisibile. Normalmente l’organismo ricorrerebbe alla biotrasformazione e rimuoverebbe il materiale tossico, ma non nel caso del Morgellons, che sembra avere un’intelligenza propria, visto che crivella l’organismo con le sue fibre e lo aggredisce con una continua auto-replicazione.

Traduzione di Zret e Straker -> Vai alla seconda parte

Si ringrazia il gentilissimo dott. Ginatta per la segnalazione

22 settembre 2007

Microchip nei malati di Alzheimer

Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. Apocalisse 13, 16-17

Circa sei milioni di cittadini americani soffrono de morbo di Alzheimer. I sintomi variano da disturbi del comportamento, perdita di memoria, stato confusionale e atteggiamenti riconducibili alla demenza senile. Negli Stati Uniti ai pazienti colpiti da questa malattia, vengono impiantati dei piccoli microchip della nota casa produttrice VeriChips, per tracciarne tutti i valori relativi allo stato di salute. Questo kit tecnologico ha un costo di 1400 dollari e comprende il microchip, il lettore e 10 siringhe sterili. Ai pazienti l’impianto costa 200 dollari ed è rimborsabile dalle assicurazioni sanitarie. Alcuni pazienti sono entusiasti di aver abbandonato molte delle tradizionali cure mediche e di aver trovato una soluzione al problema dei controlli. Il chip è grande come un chicco di grano e contiene informazioni che possono essere inserite in basi dati per l’analisi, l’identificazione e il controllo del paziente. Alcune associazioni che tutelano la privacy e la salute dei cittadini stanno compiendo una battaglia contro questi sistemi, rei di compromettere la libertà, soprattutto utilizzando persone vulnerabili e in condizioni di salute particolari come i malati di Alzheimer. Un ulteriore avvertimento arriva dalle recenti correlazioni fra cancro e microchips impiantati negli animali. Molte cavie infatti sono decedute in seguito all’impianto di supporti identificativi. C’è il rischio quindi per la salute delle persone, oltre che per quella degli animali indifesi.

Tralasciando per un secondo l’aspetto legato alla salute e ai danni provocati da queste apparecchiature nanotecnologiche sofisticate, vorrei ancora una volta stigmatizzare il problema relativo al controllo e all’identificazione dei cittadini. Tutti questi provvedimenti sono un passo indietro della scienza e un passo da gigante dei governi per il controllo e la repressione delle persone. Dobbiamo essere vigili riguardo questo tipo di “progressi” che celano un disegno ben preciso, quello di schiavizzare l’uomo e renderlo indifeso e sotto controllo.

Notizie di questi giorni riguardano anche sistemi di rilevazione biometrica in aeroporti londinesi e potenti scanner in grado di spiare le letture dei passeggeri in attesa del volo. Tutto questo conduce ad uno Stato di polizia, alla fine della libertà.

Link in Inglese

21 settembre 2007

Trentacinque anni da scontare

Migliaia di lavoratori ogni giorno compiono il proprio dovere. Escono di casa e si recano al posto di lavoro, a volte impiegano diversi minuti, qualcuno anche più di un’ora per raggiungere la sede lavorativa. In media lavorano otto ore al giorno, un’ora di pausa pranzo e poi tutti di nuovo imbottigliati nel traffico per il rientro a casa. Mi chiedo quale sia il metro per giudicare una civiltà. Leggo il primo articolo della costituzione italiana e resto qualche istante a pensare.


L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

Analizzando la prima frase aggiornata ai nostri giorni, il significato sembra dire: L’Italia è uno Stato governato dalle banche, le quali in modo non democratico esercitano la loro repressione e controllo sulla popolazione attraverso il lavoro. La sovranità non appartiene al popolo, in quanto i partiti politici decidono chi candidare e chi eleggere, il popolo è chiamato solo a svolgere un compito privo di significato, come l’elezione di un candidato. I partiti politici sono in una scala gerarchica inferiore rispetto alle banche e ai poteri occulti. Questo significa che ogni candidato, se pur con maglia di colore diverso, gioca nella stessa identica squadra, gestita da un sistema elitario di potere.

A questo punto andare a lavorare non ha più il compito di far progredire la società ridistribuendo i beni prodotti, è diventato un modo per reprimere il pensiero e la vita delle persone. Otto ore al giorno con “un’ora d’aria” per il pranzo, assomiglia molto di più alla vita in un carcere, piuttosto che una vita sociale libera. L’uomo nasce libero e parte integrante di un sistema che lo vuole artefice e libero di esercitare le sue abilità nel pieno rispetto dell’ambiente circostante. Viviamo in un sistema che non ci permette di sognare e di realizzare quello che è più adatto a noi stessi. Il dover lavorare per produrre beni senza un reale valore aggiunto, non contribuisce a soddisfare i bisogni dell’uomo. La privazione di affetti, di vita sociale e di spazi aperti, impoverisce lo spirito e la mente umana. Stiamo pian piano diventando cyborg privi di cuore, che svolgono un compito che a ben pochi sembra essere chiaro. Il nostro compito è arricchire un numero ristretto di persone che a loro volte investono i profitti per controllarci e annientarci. La medicina, la tecnologia, l’inquinamento e l’iperproduzione servono per lobotomizzare l’uomo e renderlo innocuo.

Un uomo libero di pensare, di esprimere proprie opinioni, è pericoloso. Pericoloso perché può coinvolgere altre persone, può innescare meccanismi di risveglio in altri uomini che sono “addormentati”. Le onde elettromagnetiche che bombardano le nostre menti attraverso telefonini, televisione e tutto quello che ci circonda, ci rendono deboli e immuni a quello che succede intorno a noi. Aumentano programmi televisivi che riempiono i vuoti generati dalle nostre misere vite, passatempi privi di significato che colmano la mente di colori e suoni adatti a non farci pensare. Questo sistema non può avere futuro, è ora di ritrovare la giusta collocazione dell’uomo sul pianeta, è ora di distruggere le false credenze, i sistemi precostituiti da altri, per far posto a menti aperte al nuovo, all’ Armonia e all’Amore.

Ti è piaciuto l'articolo? Votami su OK Notizie

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

20 settembre 2007

Il 'fenomeno' Beppe Grillo e il lato oscuro della Rete

Un altra alternativa al fenomeno Grillo.

Fonte: http://www.canisciolti.info

Prima parte a cura di Utopico per Cani Sciolti

La rete è il nuovo 'Eldorado' per i politici e 'movimentisti' italiani. Il 'fenomeno' Beppe Grillo, il V-Day sono solo l'ultimo esempio di come Internet stia diventando terra di conquista e di manipolazione dell'opinione pubblica o di costruzione del consenso. Spulciando il web e motori di ricerca si trovano informazioni interessanti che aiutano a capire qualcosa di più di quella che sembra essere, all'apparenza, una 'rivoluzione dal basso' difficilmente catalogabile o, per lo meno, poco comprensibile a chi non ha conoscenza ed esperienza della rete, dei suoi meccanismi, del potenziale distruttivo o costruttivo di cui è dotata.

Il blog di Beppe Grillo è diventato, in poco tempo, uno dei siti più frequentati della rete a livello mondiale. Solo merito del comico genovese o dietro questo 'successo' c'è una ben precisa strategia (di marketing web) pensata e gestita da chi, della rete, è attore, protagonista e mentore?

C'è un altro blog italiano, quello di Antonio Di Pietro, che ha molte similitudini con quello di Beppe Grillo e, come faceva notare Massimo Mantellini qualche tempo fa. Se proviamo a ricercare i ' gestori' dei due siti in questione ( quello di Grillo e quello di Di Pietro) salta fuori la Casaleggio Associati (guardate in fondo alla home page del blog di Grillo nei Credits).

Chi è la Casaleggio Associati?

La società, come si legge sul loro sito, : "nasce nel 2004 a Milano per volontà di cinque persone interessate alla Rete ed alla sua evoluzione."

Fin qui tutto normale... Ma è l'obiettivo che chiarisce la natura della Casaleggio Associati:

"L'obiettivo della società è di sviluppare in Italia una cultura della Rete attraverso studi originali, consulenza strategica, articoli, libri, newsletter, seminari e con la creazione di gruppi di pensiero e di orientamento."

Bingo!, direbbero gli americani. E infatti è proprio dagli americani che la Casaleggio Associati ha copiato molto e in particolare dalla Bivings group.

Il Marketing virale

La Bivings group è un'agenzia leader nel social network negli USA, nasce nel 1993 matura una esperienza decennale collaborando con corporation di massimo livello. Le multinazionali come la Monsanto, ad esempio, affidano i propri messaggi a società come la Bivings Group, che manipolano l’opinione pubblica grazie al «marketing virale», intrufolandosi nei forum di discussione su internet e diffondendo le opinioni delle multinazionali sotto le sembianze di «comuni cittadini». Le multinazionali hanno imparato che il modo migliore per affermare il proprio punto di vista è stare in disparte e lasciare che a sostenerlo siano dei comuni cittadini.

Non vi sembra che anche nel caso di Beppe Grillo e dei 'grillini' vi siano molte analogie?

Un articolo sul sito web della Bivings intitolato "Marketing virale: come infettare il mondo" avverte che "vi sono alcune campagne in cui sarebbe poco opportuno o persino disastroso lasciare che il pubblico sappia in cosa è direttamente coinvolta la vostra azienda...semplicemente non è una mossa intelligente nel campo delle pubbliche relazioni. In casi come questo è importante prima "ascoltare" quello che viene detto on-line... una volta che vi siete collegati in questo mondo, è possibile inserire su questi canali dei messaggi, che presentano il vostro punto di vita come quello di una disinteressata terza parte... Forse il più grande vantaggio del marketing virale è che il vostro messaggio è posto nel contesto in cui è più probabile che sia preso in seria considerazione." Sul sito della Bivings viene citato un dirigente della Monsanto che ringrazia l'azienda di pubbliche relazioni per il suo "straordinario lavoro".

"A volte", si vanta la Bivings, "vinciamo dei premi. A volte soltanto il nostro cliente conosce il ruolo preciso che noi abbiamo giocato. In altre parole, a volte la gente non ha la minima idea di essere manipolata da impostori."

Riprendiamo da un post su un Meetup:
"Se pensiamo alla struttura dei due siti ( quello di Grillo e quello della Bivings - ndr), che sono sostanzialmente identici, addirittura nella scelta dei colori, nella disposizione dei link, nella mappa e organizzazione del sito, che fra l'altro trattano la stessa materia, fanno gli stessi studi sull influenza di internet e sulle reti sociali on-line, con particolare interesse per le applicazioni in politica:

- studio sulla politica, Bivings group
- studio sulla politica, Casaleggio associati

Leggiamo quello della Casaleggio:

La vita dei siti dei partiti politici è scandita dalle scadenze elettorali. Gli indecisi prendono le proprie scelte nei 30 giorni precedenti le elezioni e tendono ad utilizzare tutti i media a loro disposizione per informarsi. [...] Riuscire ad influenzare il voto degli elettori è l'obiettivo primario in periodo di elezioni.

Abbiamo scaricato, dal sito della Casaleggio, questo report: " Novembre 2004 I partiti politici on line in Italia. Dati, interviste e trend della politica on line in Italia" dove leggiamo:

Gli obiettivi
- Convincere gli indecisi a votare il proprio partito.
- Comunicare senza intermediazioni ai cittadini.
- Ricevere finanziamenti direttamente, tramite iscrizioni al partito o acquisto di merchandising.
- Avvicinare le persone al partito, soprattutto i giovani ai quali piace poco frequentare le sezioni locali del partito.
- Mettere a disposizione tutti i materiali e le informazioni per le sedi locali.
- Promuovere le attività delle sezioni locali e dei loro candidati.
- Fare pressioni politiche con iniziative di coinvolgimento attivo del pubblico.
- Costruire programmi politici assieme agli elettori.
- Tenere il contatto con i simpatizzanti con newsletter.

In pratica è quello che sta accadendo con i Meetup di Grillo. Il blog di Beppe Grillo funziona da catalizzatore, promotore e da 'fornitore' di materiali, , i meetup sono le 'sezioni locali', il coinvolgimento attivo sono la raccolta di firme, non c'è intermediazione ma filo diretto di comunicazione attraverso il web.

I blog di Antonio Di Pietro, e di Beppe Grillo concepiti e gestiti dalla Casaleggio e Associati (gli stessi di Beppe Grillo) stanno realizzando un progetto e quelli della Casaleggio hanno capito che i messaggi semplici, diretti e con un tocco di populismo in rete funzionano sempre.

Massimo Mantellini citava un intervento sul blog di Tiziano Fogliata che si chiedeva il 18 Gennaio 2006:

Di cosa avranno mai parlato Antonio Di Pietro e Gianroberto Casaleggio? Alcune voci mi hanno riferito di averli visti pranzare insieme lunedì in un locale milanese. Ripeto la domanda: di cosa avranno mai parlato? Forse che il leader dell’Italia dei Valori vuole replicare il successo di Beppe Grillo scalando le classifiche di Technorati? Se questo è l’obiettivo la scelta naturale è rivolgersi appunto alle stesse persone che curano il blog di Beppe Grillo.

La strategia mediatica e le tecniche

Ricapitaliamo... Il 'fenomeno' Grillo non sembra essere così 'naif' ma un progetto di web-marketing e comunicazione studiato a tavolino e con ben definiti obiettivi e caratteristiche mutuate da esperienze già attive e realizzate. La rete diventa il mezzo di manipolazione dell'opinione pubblica e di cambiamento dei modi e del sistema di relazione e azione. Le tecniche usate e facilmente individuabili sono le stesse della pubblicità applicate a prodotti non materiali ma, come in questo caso, a opinioni e alla formazione di 'consumatori-utenti' di un progetto politico.

Leggiamo al definizione di 'marketing-virale' e avremo altre informazioni:

Il marketing virale è un tipo di marketing non convenzionale che sfrutta la capacità comunicativa di pochi soggetti interessati per trasmettere il messaggio ad un numero esponenziale di utenti finali. È un'evoluzione del passaparola, ma se ne distingue per il fatto di avere un'intenzione volontaria da parte dei promotori della campagna. Il principio del viral marketing si basa sull'originalità di un'idea: qualcosa che, a causa della sua natura o del suo contenuto, riesce a espandersi molto velocemente in una data popolazione. Come un virus, l'idea che può rivelarsi interessante per un utente, viene passata da questo ad altri contatti, da questi ad altri e così via. In questo modo si espande rapidamente, tramite il principio del "passaparola", la conoscenza dell'idea.

Un altro termine e metodo è il 'guerrilla advertising' dove si collaudano e si sfruttano tutti i nuovi percorsi della mente connettiva. La guerrilla non colpisce la massa ma il singolo, invertendo il meccanismo di generazione di notorietà. Gli attacchi di guerrilla infatti generano spiazzamento, lo spiazzamento produce passaparola, il passaparola si diffonde in maniera "virale" nella popolazione. E la diffusione virale garantisce notorietà al prodotto. L'importante è riuscire a catturare l'attenzione dell'utente-consumatore in maniera originale, perchè ormai siamo 'assuefatti' e quasi 'impermeabili' ai messaggi veicolati dai media tradizionali.

Il guerrilla advertising ha una sorta di piano di battaglia suddiviso in tre fasi:
1. Fase teaser, preparatoria, caratterizzata da attacchi sporadici e da attività propagandistica al fine di incuriosire;
2. Fase della guerrilla vera e propria: le azioni si intensificano e la marca si svela al pubblico;
3. Fase di consolidamento, in cui le operazioni diventano convenzionali e, se possibile, si passa ai mezzi di comunicazione tradizionali. Questa fase si verifica anche se l'attacco è riuscito e quindi se la guerrilla ha prodotto i risultati voluti.

Al punto 1 mettete le iniziative di Grillo ( il blog, la campagna Parlamento pulito, le inserzioni sui giornali ecc.ecc.)
Al punto 2 mettete il V-Day e le liste civiche 'certificate'
Al punto 3 mettete il passaparola, i Meetup e i comitati che nasceranno per le liste cicivhe.

Una parte del piano sembra che sia stata realizzata...

- Continua...

Note:

Il marketing virale da Wikipedia

Guerrilla advertising da Wikipedia ( in inglese)

La pubblicità, il marketing e la guerrilla

I persuasori fasulli
Vi sono aziende che inventano cittadini fittizi per cercare di cambiare il nostro modo di pensare

La mente del 'fenomeno' Beppe Grillo?
Interessante filmato su You Tube con Gianroberto Casaleggio ( Presidente e socio fondatore della Casaleggio Associati e che è il gestore del blog di Beppe Grillo )

Ipse dixit:
La Rete ha una valenza anticapitalista, con la sua diffusione aumenta il valore delle idee e della conoscenza e diminuisce quello del denaro
dall'articolo "Gli alberi nella neve" di Gianroberto Casaleggio, pubblicato su Web Marketing Tools del settembre 2001

19 settembre 2007

Criminali di Stato

Continua l'altalena delle borse e la costante crescita del prezzo del petrolio. Il dollaro sembra ormai una valuta da terzo mondo, ridotto all'osso da un euro che non favorisce l'economia europea, da sempre a traino dell'America. La crisi dei mutui ampiamente prevista e commentata anche su questo blog, sta falcidiando migliaia di famiglie italiane ed europee. La tendenza sembra dimostrare che il peggio debba ancora arrivare. Insolvenze e rate alle stelle contribuiscono a distruggere intere famiglie, che hanno la sola colpa di aver acceso un mutuo nel momento sbagliato. Il governo italiano, schiavo della banca centrale europea e degli alleati, sta svendendo la dignità dei cittadini italiani. Non potrà mai esserci giustificazione per le politiche economiche degli ultimi anni, ne la infame attribuzione delle colpe all'euro. La colpa è del signoraggio e della privatizzazione esasperata delle banche. Banche padrone del mondo, banche in grado di governare Stati e tenere sotto scacco interi governi. Uno scandalo di proporzioni così grandi da non poter essere catalogato in altro modo che crimine contro l'intera umanità. Ridurre gli uomini a schiavi del lavoro, usurpare diritti e indebitare famiglie intere, solo per arricchire lo smodato patrimonio dei banchieri. Tempo fa ho inserito un sondaggio su un eventuale crollo economico, sono sorpreso dei voti, quasi tutti pensano che qualcosa di brutto accadrà nei prossimi giorni (io scommetto entro settembre) o al massimo nel prossimo anno. Resta il fatto che quando questo succederà, ci saranno centinaia di “Genova”, centinaia di persone che dimostreranno la loro rabbia per aver perso tutto, aver perso la dignità di vivere in una casa di settanta metri quadri e non poter pagare nemmeno l'affitto!

Secret Combination Logos



18 settembre 2007

Strani sintomi dopo la caduta di un meteorite in Perù

Abitanti di un villaggio nel Perù del sud sono stati colpiti da misteriosi sintomi, a seguito della caduta di un meteorite nei pressi del villaggio. Domenica alcuni uomini hanno avvertito una esplosione e avvistato alcune sfere infuocate nel cielo, tanto da pensare a un disastro aereo. I residenti hanno accusato mal di testa e vomito, oltre ad uno strano odore nelle vicinanze del cratere. Sette poliziotti che si erano recati nel villaggio per i soccorsi, hanno avvertito gli stessi sintomi. Le squadre di soccorso hanno verificato le dimensioni del cratere lasciato dal meteorite (30 metri di diametro e 6 metri di profondità). Nel cratere era presente acqua e liquidi in ebollizione, oltre a residui di rocce incandescenti.

Filtra una scottante verità

La siccitosa estate del 2007, ormai prossima alla fine, è stata funestata da rovinosi incendi. A tale tema sono dedicati alcuni articoli cui rimandiamo (cfr infra gli articoli correlati). Tali testi contengono l'ipotesi, suffragata da testimonianze oculari e da vari elementi, secondo la quale i roghi furono appiccati, almeno in qualche caso, da elicotteri privi di contrassegni.

La congettura sembra confermata anche da altri dati: il primo ministro ellenico, riferendosi ai disastrosi incendi che hanno portato morte e distruzione nel Peloponneso, ha obliquamente lasciato intendere che qualcuno aveva tramato contro la Grecia.

In Italia, come in Grecia, alcuni sindaci hanno notato, con loro grande sorpresa, che le fiamme sono spesso divampate in luoghi impervi, inaccessibili: è difficile, anzi impossibile che gli incendi siano stati appiccati da pastori o da piromani che dubitiamo siano in grado di volare.

E' probabile, invece, che velivoli non identificati siano all'origine delle devastazioni operate col fuoco. In molti casi, poi, le fiamme sono state viste scaturire dal terreno arido, evidentemente pieno di elementi infiammabili come lo zolfo. Si ricordi che, da anni l'agronoma Rosalind Peterson rintraccia biossido di zolfo tra le sostanze rilasciate dagli aerei chimici in California. Insomma, si aggiungono varie tessere per comporre il disegno del mosaico. Ci si chiederà a chi servano questi incendi. Cui prodest? Il responsabile della Protezione civile (sic), Guido Bertolaso, ha ricevuto cospicui finanziamenti per la creazione di un catasto delle aree bruciate. Il denaro è quindi una spiegazione sufficiente, anche se non è l'unica.

Articoli correlati:

Incendi di stato, 2007
Attacco alla Terra!, 2007

Un particolare ringraziamento a freenfo, per il reperimento della seconda foto mostrata in questo testo.

17 settembre 2007

Avanti il prossimo

Seicento missili iraniani Shihab-3 sono puntati su obiettivi israeliani, saranno lanciati se Iran o Siria verranno attaccati. Dozzine di postazioni in Iraq, usate dalle forze americane sono state segnalate come possibili obiettivi per i missili. Il missile Shihab ha una gittata di 1300 km e può raggiungere ogni obiettivo in Israele. Domenica il ministro degli esteri francese Bernard Kouchner ha affermato che la crisi nucleare iraniana sta portando i governi a prepararsi al peggio, cioè ad una eventuale guerra. In ogni caso il ministro ha precisato che la situazione diplomatica è comunque da preferire. Il governo iraniano ha chiaramente accusato la Francia di fiancheggiare gli Stati Uniti, alludendo alla recente politica filo americana di Sarkozy.

La situazione geopolitica mondiale sembra aver preso una piega poco rassicurante. Il mandato di Bush è alla fine e sicuramente il presidente americano cercherà di portare l'America e gli alleati in una nuova guerra. L'opinione pubblica americana ha modificato notevolmente l'atteggiamento verso il presidente, nonostante tutto ciò un evento catastrofico potrebbe modificare questa tendenza di colpo. Spero non si debba piangere un nuovo 11 Settembre nei prossimi giorni, un evento che catalizzerebbe il colpevole nello stato iraniano. Bush avrebbe il pretesto per attaccare l'ultimo giacimento mediorientale in mani ostili, potrebbe sferrare l'attacco finale e l'innesco di una guerra totale. I democratici inoltre sembrano fiancheggiare in tutto e per tutto la politica estera del presidente Bush e sono pronti a raccogliere il testimone nei prossimi 4 anni.

Intanto in Italia, dopo mille annunci e avvertimenti, qualcuno ha scoperto l'esistenza di testate atomiche sul territorio italiano. Queste bombe sono destinate a colpire l'Iran. Stati Uniti e Israele non esiteranno un minuto per sganciare l'intero arsenale bellico a disposizione.

Poveri noi...

16 settembre 2007

Programmazione

Fonte: http://sciechimiche-zret.blogspot.com

Si intitola Boog & Elliot A caccia di amici un orrido cartone animato della Columbia pictures. Molte sequenze della produzione cinematografica, destinata al pubblico particolarmente vulnerabile dei bambini, mostrano il cielo solcato dalle solite scie chimiche. I disegnatori, invece di raffigurare delle nuvole o un firmamento terso, hanno “impreziosito” i fotogrammi con chemtrails che corrono parallele su uno sfondo di un azzurro sporco, spento.

E' l'ormai consueta strategia di indottrinamento delle nuove generazioni che vengono abituate in modo subdolo e surrettizio a percepire ed a concepire come normale la mostruosità. Non è sufficiente, in tale ambito, esibire le cicatrici chimiche in ogni dove: occorre assuefare i sensi e la mente ad un cielo le cui tonalità cromatiche sono dominate dal bianco lattiginoso, dal grigio, dal celeste esangue. I cieli azzurri ormai appartengono al passato.

Tutto ciò è comunque solo la punta dell'iceberg: bambini ed adolescenti sono sottoposti ad una capillare programmazione cerebrale, psicologica e mentale, attuata attraverso l'uso degli strumenti più diversi, dal sistema scolastico ai media, dall'emissione di impulsi elettromagnetici al condizionamento subliminale, dalla diffusione di veleni nei cibi agli psicofarmaci. Bugie e disvalori sono introdotti nella psiche dei futuri schiavi: sia la mente sia l’organismo rischiano di essere soggiogati.

E' perciò necessario, anzi è un imperativo categorico procedere con la deprogrammazione, facendo tabula rasa dei pregiudizi e dei convincimenti erronei inculcati nelle nuove generazioni. I docenti, gli educatori, gli psicologi, i genitori sono chiamati ad un impegno straordinario per sradicare preconcetti e reazioni pavloviane, attraverso la trasmissione a bambini e ragazzi dell'abitudine ad osservare, ad analizzare ed a riflettere, per mezzo di una costante azione tesa a filtrare ed a demolire i messaggi menzogneri delle varie agenzie disinformative.

E' un'impresa ardua ed estenuante, ma, se vogliamo evitare che, in futuro, le persone siano una massa di automi del tutto controllati, è ineludibile cominciare un percorso di deprogrammazione, prima che sia troppo tardi.

15 settembre 2007

Il delirio di Rutelli

DNALeggo sconcertato l'ennesima notizia riguardante la privazione del diritto della riservatezza dei dati personali, anche nel caso di reati più o meno gravi. Non voglio dilungarmi molto su questo argomento, chi legge questo blog sa perfettamente il mio pensiero e le mie critiche a provvedimenti simili. Tuttavia non riesco a rimanere in silenzio di fronte a così tanta sfacciataggine nei riguardi dei diritti dei cittadini. Rutelli ha parlato con favore riguardo all'istituzione di una banca dati del DNA per l'identificazione dei colpevoli di reati non colposi, ma anche di persone detenute per brevi periodi. Rutelli ha plaudito questi sistemi all'avanguardia, presenti già in altri Paesi, tra i quali l'Inghilterra, come baluardi della democrazia e della legalità. Il futuro partito democratico sembra avere le idee ben chiare riguardo alla sicurezza, la legalità e l'ordine pubblico. La sinistra italiana gioca a fare la destra, schiava e complice della politica nordamericana e anglosassone. Sono anni che vengo considerato paranoico e poco realista, ma a quanto pare il Grande Fratello di Orwell, non è più un semplice libro di fantascienza. I nostri politici sanno benissimo i piani dei governi occulti, ne eseguono alla perfezione gli ordini e contribuiscono a distruggere lo stato di diritto acquisito.

Quando verremo arrestati per aver detto le nostre opinioni, aver manifestato contro il potere, a quel punto tutti si renderanno conto di vivere da anni sotto un regime dittatoriale. Non so ancora per quanto tempo questo blog rimarrà in vita, ma vi garantisco che non sarà mai per mia volontà, io continuerò ad esprimere le mie idee, confrontarle con voi lettori, unici e incontestabili metri di civiltà.

14 settembre 2007

Hollywood 9/11

A pochi giorni dal sesto anniversario dell'11 Settembre, vorrei proporre alcune foto relative a film precedenti ai tragici eventi. Anche se qualcuno potrà disquisire e credere che sia una coincidenza, resta comunque interessante capire il perchè dell'utilizzo morboso della numerologia, anche nel campo cinematografico. Selezionare le immagini con il click per ingrandirle.
GREMLINS (1984)INDIPENDENCE DAY (1996)THE PEACEMAKER (1997)
ENEMY OF THE STATE (1998)TRAFFIC (2000)THE PATRIOT (2000)
Per approfondimenti sulla numerologia potete guardare questo link, dove troverete anche le foto di questo post. Link Foto

La tecnologia a servizio della Democrazia

(fonte: *rawstory)

L'esercito britannico sembra intenzionato ad utilizzare un'arma basata su una tecnologia di distruzione di massa. I soldati britannici in servizio in Afghanistan riceveranno infatti una nuova arma, che impiega una tecnologia basata su un principio "termobarico", che, per uccidere il bersaglio, anche a lunga distanza, utilizza calore e pressione succhiando l'aria fuori dai polmoni e lacerando gli organi interni.

L'arma utilizza la stessa tecnologia sviluppata dalle bombe anti-bunker statunitensi o dagli ordigni utilizzati dai russi per distruggere la capitale cecena Grozny. Queste armi sono brutalmente efficaci, perchè in un primo momento disperdono gas o un agente chimico che sarà poi acceso, permettendo al raggio di penetrare in tutti i vani di un edificio o i cunicoli di una grotta. La prima volta che gli Stati Uniti impiegarono questa tecnologia nel 2005, DefenseTech dedicò un articolo che titolava "Il silenzio dei marines sulla nuova arma brutale". Ecco un estratto dell'articolo:

"Marines could employ blast weapons prior to entering houses that had become pillboxes, not homes. The economic cost of house replacement is not comparable to American lives...all battalions adopted blast techniques appropriate to entering a bunker, assuming you did not know if the bunker was manned."

Secondo uno studio del 1993 della US Defense Intelligence Agency l'utilizzo di questa arma su umani è brutale. Il raggio agisce infatti attraverso un'onda di pressione, che causa una rarefazione dell'aria, che lacera i polmoni. Se il carburante deflagra ma non esplode le vittime rimangono seriamente ustionate, e probabilmente potrebbero inalare molto carburante, che è altamente tossico. Un altro studio della DIA attesta che queste onde possono causare danni al sistema nervoso ed è possibile che le vittime non vengano stordite dal raggio, ma rimangano coscienti per diversi secondi, a addirittura minuti, mentre soffocano.

Gli effetti di questa arma in uno spazio circoscritto sono illimitati, come riporta uno studio della CIA; i più vicini al punto di accensione vengono cancellati dalla faccia della terra, mentre quelli a confine del raggio d'azione potrebbero subire diverse ripercussioni agli organi interni, all'apparato uditivo, polmonare e possono rischiare persino la cecità.

Gli ufficiali della Difesa britannica hanno affermato che questi nuovi raggi agiscono diversamente, perchè agendo attraverso un raggio riescono a circoscrivere con più precisione l'area in cui agire. Nonostante queste premesse il parlamento britannico non è stato informato circa l'utilizzo di queste armi nello scenario bellico afghano.