Filtra una scottante verità

La siccitosa estate del 2007, ormai prossima alla fine, è stata funestata da rovinosi incendi. A tale tema sono dedicati alcuni articoli cui rimandiamo (cfr infra gli articoli correlati). Tali testi contengono l'ipotesi, suffragata da testimonianze oculari e da vari elementi, secondo la quale i roghi furono appiccati, almeno in qualche caso, da elicotteri privi di contrassegni.

La congettura sembra confermata anche da altri dati: il primo ministro ellenico, riferendosi ai disastrosi incendi che hanno portato morte e distruzione nel Peloponneso, ha obliquamente lasciato intendere che qualcuno aveva tramato contro la Grecia.

In Italia, come in Grecia, alcuni sindaci hanno notato, con loro grande sorpresa, che le fiamme sono spesso divampate in luoghi impervi, inaccessibili: è difficile, anzi impossibile che gli incendi siano stati appiccati da pastori o da piromani che dubitiamo siano in grado di volare.

E' probabile, invece, che velivoli non identificati siano all'origine delle devastazioni operate col fuoco. In molti casi, poi, le fiamme sono state viste scaturire dal terreno arido, evidentemente pieno di elementi infiammabili come lo zolfo. Si ricordi che, da anni l'agronoma Rosalind Peterson rintraccia biossido di zolfo tra le sostanze rilasciate dagli aerei chimici in California. Insomma, si aggiungono varie tessere per comporre il disegno del mosaico. Ci si chiederà a chi servano questi incendi. Cui prodest? Il responsabile della Protezione civile (sic), Guido Bertolaso, ha ricevuto cospicui finanziamenti per la creazione di un catasto delle aree bruciate. Il denaro è quindi una spiegazione sufficiente, anche se non è l'unica.

Articoli correlati:

Incendi di stato, 2007
Attacco alla Terra!, 2007

Un particolare ringraziamento a freenfo, per il reperimento della seconda foto mostrata in questo testo.

15 commenti

Ciao! scusa ma la seconda foto è vera? cioè l'elicotterò è stato ripreso mentre appiccava un incendio nel bosco?

Reply

Ktime, sinceramente non ho molte notizie a riguardo. Ho trovato questa foto in rete, non posso collegarla in alcun modo a eventi e luoghi. Tuutavia sembra essere qualcosa di strano, un elicottero che lancia "microbombe" incendiarie. Con molta probabilità si riferisce a qualcosa avvenuto negli Stati Uniti, magari in una dimostrazione. Non ho nemmeno il link originale ma vedrò di reperire informazioni. Ripeto, non c'è nessuna correlazione provata fra la foto e l'innesco di incendi. Ciao e grazie. Freenfo

Reply

La foto è stata scattata durante una manifestazione aerea di dimostrazione di velivoli. Sembra una innocua esplosione folcloristica, spero qualcuno abbia ulteriori informazioni. Ciao

Reply

Freenfo, sai qual è l'origine della foto da te trovata?

Ciao!

Reply

Qui c'è sotto qualcosa di molto più grande, qualcosa che va oltre le questioni di denaro.
Ammetto che ancora non riesco a capire esattamente cosa.

Blessed be

Reply

Zret, credo di aver trovato la foto su un forum, ma non trovo più il collegamento. Nei commenti precedenti ho segnalato links dove è presente la foto.

Santaruina, non so se l'elicottero sia collegato agli incendi, in ogni caso tante cose non tornano. Ciao

Reply

Ho la vaga impressione che quella foto sia stata intenzionalmente inserita in nezzo ad altre, senza che c'entri nulla con la manifestazione. Infatti... pensate sia "salutare" laciare chaff sulla verticale di un'area boschiva? sarei curioso di vedere le sequenze successive.

Reply

Straker, la penso esattamente come te, ma non avendo prove sufficienti non posso avventare conclusioni. Certo che però, proprio su un bosco!

Reply
Barra mod

Nel mirino del sospetto finiscono anche gli operai forestali: precari (no comment sulle leggi del settore) assunti per periodi di 51 giorni.
Il movente potrebbe essere quello della ricerca di maggiori opportunità di lavoro o della vendetta per l´esclusione dalle chiamate. Per i soldi che girano dopo gli incendi c'è un capitolo a parte ed ogni anno sono sempre di più( le famose comunità montane ne sanno qualcosa ). In Italia parliamo degli incendi solo l'estate quando è già troppo tardi e non si vuole far prevenzione perchè è un costo oneroso.

Saluti Barra
Ps Per quando riguarda le zone impervie incendiate si usa un comune gatto come cavia...

Reply

Ciao Barra, benvenuto sul blog. La lista dei moventi sembra non aver fine. La cosa scandalosa è l'aiuto vergognoso che le scie forniscono a piromani o professionisti del caos ben stipendiati. Ciao e grazie!

Reply
Niko mod

Salve a tutti, riguardo alla fotografia in riferimento alle microbombe, partendo dal presupposto che si tratti di un elicottero militare durante una dimostrazione, penso che siano "contromisure" per depistare i missili a calore dei nemici, tali dispositivi sono installati anche sui caccia da combattimento. Non avendo altri dati a disposizione (fonte del materiale) una plausibile spiegazione potrebbe essere questa, ma ciò non cancella il fatto che gli incendi abbiano avuto origine dolosa, trovandomi perfettamente daccordo con la tesi avanzata da Zret.

Colgo l'occasione per sottoporre alla cortese attenzione di Zret,Straker,wyxyx o all'autore del post di cui sopra 3 fotografie scattate da me a casa di un mio amico residente in provincia di Torino in data venerdi 14 settembre:
http://rapidshare.com/files/56830907/SC.rar.html
pass:hgUYHuhb7Gju7bò@LKpkUtyTbPU9R47
Non avendo la necessaria preparazione tecnica, peccando di presunzione esprimendo un parere personale, queste mi sembrano tutt'altro che semplici scie di condensazione...o mi sbaglio ?

Come testimoniato in un mio precedente post, venerdi 7 settembre il cielo sopra Torino era una RAGNATELA di scie chimiche, purtoppo in qell'occasione, non avendo a disposizione alcun mezzo per riprendere l'accaduto non ho potuto inviare agli "addetti ai lavori" nessuna prova documentale.

Ringrazio anticipatamente augurando buona serata a tutti.
Niko

Reply

Niko, ti ringrazio di cuore per il tuo commento. L'ipotesi che avanzi è plausibile, potrebbero essere i classici flare-bombs adottati per neutralizzare gli attacchi. Resta sempre l'interrogativo del loro utilizzo eventuale a bassa quota.

Per le foto che hai postato i dubbi invece non sussistono. Sono un perfetto esempio di scie chimiche. Un concentrato di veleno che si spande e forma grandi bande filamentose dopo qualche decina di minuti. In questi giorni si possono vedere irorazioni chimiche di ogni tipo, a volte celate dietro nubi che non riescono a scaricare la tanto agognata pioggia!

Ancora grazie e spero che Zret e Straker possano confermare le mie parole.

Ciao!

Reply

Niko, siamo sintonizzati. Stasera pubblicherò un testo sui flares.
Ciao!

Reply
Anonimo mod

molto intiresno, grazie

Reply

Posta un commento