In continua evoluzione

Circa due mesi fa la vita ha compiuto un'impennata. La sensazione che gli eventi si fossero concentrati e sprigionati insieme in un vortice distruttivo. I vecchi sistemi, i condizionamenti e le abitudini si sono sgretolate sotto la potenza delle forze naturali. Le idee che stavo maturando, hanno deciso di concretizzarsi e modificare il corso del tempo con la potenza di un'onda che s'infrange sulla scogliera. Da tempo entravo nel mio stato meditativo e chiedevo al cosmo che mi desse qualche messaggio forte di cambiamento, mi desse la percezione e la forza di affrontare gli ostacoli che la vita mi pone giorno dopo giorno. Ho realizzato che a volte l'aiuto si presenta in forma di dolore. Ti fa perdere una persona, distrugge qualcosa di bello per aprire una voragine sulla nostra vacillante esistenza. Mi sono fermato a pensare a lungo, a cercare un senso nel non senso e forse è ancora presto per tirare le somme. La cosa veramente strana è che tutto si trasforma e si modifica. A volte gli eventi assumono una modalità consona del gioco del domino.

Le pedine si piegano l'una sull'altra, a poco a poco cade una dopo l'altra ogni cosa concreta e indiscutibile fino a quel momento. Sembra quasi che tutto sia influenzato dagli eventi. Dinamiche simili si concentrano a pioggia, tutto sembra essere collegato da un sottile filo invisibile. Se non avessi la consapevolezza di essere parte di qualcosa di più grande, sarei tentato a dire che qualcuno si sta divertendo a rompere le uova di un paniere già malconcio. Invece penso che tutto sia parte di un disegno più grande, non del tutto precostituito ma assolutamente intelligente.

L'inconscio collettivo gioca a dadi con la nostra esistenza e ci conferisce prove alla nostra portata nel momento in cui ne abbiamo bisogno. Dispensa gioie e dolori solo se consapevole che questi possano essere gestiti. Crea il dolore per dare il senso alla gioia, crea distruzione per dare gli strumenti per ricostruire in modo più consapevole. Tutto si trasforma in meglio, tutto diventa più luminoso. Ogni cosa vibra a una differente frequenza, molto più alta della precedente. Ci si rende conto che alcune cose non hanno più senso di esistere, il loro compito è esaurito, completamente portato a termine. Quello che resta è il percorso e il significato che ne è stato conferito. Sarebbe bello mantenere uno stato di pace e tranquillità, ma andrebbe contro le leggi della natura che vogliono l'alternanza di negativo e positivo. Lo yin e lo yang, proprio perché questo dualismo rende l'uomo un essere che si trasforma e si evolve per divenire figlio di Dio e sedere alla sua tavola con tutto l'Amore del cosmo.

1 commenti:

Sono senza parole al cospetto di tanta bellezza...

Reply

Posta un commento