Bomb bomb, bomb bomb Iran!


Ritrovati sabato in Iraq ordigni di fabbricazione iraniana, componenti utili alla creazione di sofisticate armi di distruzione e responsabili di molte perdite di soldati statunitensi. Certo la prova è schiacciante. Questa notizia è veramente un oltraggio all’impero del bene e sicuramente è giunta l’ora di prendere seri provvedimenti. Infatti il ritrovamento di questi armamenti, ammesso che esistano, giustificherebbe un attacco militare (atomico) da parte di Stati Uniti e Israele. Finalmente i nostri cari e amati difensori del bene potranno esercitare la propria ineccepibile opera caritatevole e portare la democrazia anche in Iran. La cosa curiosa è rappresentata dai media che rincorrono le false notizie per aumentare a dismisura la propaganda contro l’ antica Persia. Questo scoop è veramente singolare, è come dire di aver trovato bombe a frammentazione costruite da Israele o dall’Italia stessa in Libano e poi dire che l’Italia è responsabile di centinaia di morti. A questo punto allora ogni Stato produttore di armi dovrebbe essere annientato per garantire all’impero del bene la vittoria finale. Sarebbe uno scenario veramente apocalittico. Nel globo rimarrebbero probabilmente in vita solo le popolazioni indigene del Sud America e gli aborigeni neozelandesi. Nel frattempo, giusto per tenersi pronti ad un eventuale pericolo iraniano gli Stati Uniti hanno ultimato la sistemazione degli ultimi cannoncini per il risiko finale e Israele ha richiesto il permesso di sorvolo dell’Iraq ai salvatori stelle e strisce. Vorrei proprio sapere a cosa serve lo spazio aereo iracheno al grande popolo israeliano. Lascio a voi la risposta … ai posteri l’ardua sentenza, di morte!

Posta un commento