Uranio per i Navajos

Fonte: http://www.blogeko.info/

navajoDopo quella dell'ananas di Costa Rica, ecco un'altra triste storia. Stavolta si tratta dei Navajos d'America. Il LA Times ha pubblicato un'interessante reportage sulla vicenda (è previa sottoscrizione, ma potete accedervi da Gristmill) che ha coinvolto le terre Navajo in Arizona, New Mexico e Utah, per un totale di 70 mila chilometri quadrati.

Durante la guerra fredda la necessità di reperire uranio per la corsa agli armamenti trasformò queste terre in groviere, in cui i buchi erano le miniere di uranio. Ma il boom dell'uranio terminò nei primi anni '60 quando la guerra fredda gradualmente venne meno. A quel punto la maggior parte delle miniere furono abbandonate (circa 1000): intere pile di materiale radioattivo furono lasciate incustodite, senza apporvi il minimo segnale di pericolo, e la maggior parte dei tunnel furono lasciati aperti.

Tra il il 1944 e il 1986 circa 3,9 milioni di tonnellate di uranio sono state portate alla luce e poi fatte saltare in aria, quasi tutte per le esigenze dell'arsenale atomico degli Stati Uniti. I Navajos hanno così inalato per anni polveri radioattive trasportate dal vento, hanno bevuto acqua contaminata, hanno costruito case con materiale radioattivo e hanno mangiato carne di animali che si erano abbeverati nelle cavità delle miniere, lasciate incustodite e riempitesi d'acqua piovana nel corso degli anni.

I Navajos sono così passati da casi di cancro vicino allo zero alla diffusione di patologie tumorali al fegato, alla cornea e al seno che, secondo i dati dell'Indian Health Service data, sono raddoppiate tra gli anni '70 e gli anni '90 mentre nel resto d'America riscontravano un lieve declino.

Per anni le speranze dei Navajos sono state quelle di ottenere un Superfund che avrebbe costretto le compagnie minerarie a pagare per i danni provocati all'ambiente e alla salute degli abitanti. Purtroppo a causa di ritardi, incomprensioni e dispute per far chiarezza sulla vicenda, questi soldi non sono mai stati assegnati dal governo e solo recentemente l'EPA, l'agenzia per la protezione ambientale degli Usa, ha stabilito che l'esposizione cronica alle radiazioni nelle valli Navajo è in correlazione diretta con l'insorgere di patologie cancerogene.

A settembre si è raggiunto un accordo con la United Nuclear, responsabile delle miniere e "figlioccia" della General Electric, che si è detta disposta a indagare i reali effetti della contaminazione per trovare un accordo con i Navajos.

Ma la storia ha ancor più dell'incredibile se si pensa che ora, con il prezzo dell'uranio che è schizzato alle stelle, le compagnie minerarie stanno di nuovo mettendo gli occhi sulle terre in questione e stanno sondando il terreno per nuove miniere in quella che è stata definita l'Arabia Saudita dell'uranio. Foto LA Times. Via Gristmill.

Posta un commento