Chi è il terrorista?

Fonte: http://www.infopal.it/

Continuano per il 4° giorno consecutivo le aggressioni israeliane contro il nord della Striscia di Gaza: i morti sono 43. I feriti sono oltre 200 - di cui 30 versano in gravi condizioni. Il tragico bilancio è destinato a salire.Il direttore del dipartimento di emergenza del ministero della Sanità palestinese, dott. Mu'awiya Abu Hasanien, ha affermato che la maggior parte delle vittime palestinesi nella Striscia di Gaza è stata colpita da armi proibite da convenzioni internazionali in dotazione, invece, dalle truppe israeliane. Si tratta di un nuovo tipo di missile terra-terra, che brucia i corpi, spappola gli organi interni, mutila gli altri.Abbiamo ricevuto diverse foto dal Ministero della Salute palestinese - di cui una, la meno agghiacciante, abbiamo pubblicato nella homepage - rivelano chiaramente l'uso di armi di distruzione di massa da parte delle forze di occupazione israeliane. I corpi delle vittime, infatti, risultano spappolati, senza arti, bruciati, sfigurati. Fra di essi ci sono bambini e giovani.

Hasanien rivolge un appello alla comunità internazionale affinché fornisca aiuto e cure mediche per salvare le vite di decine di feriti. Il ministero è ormai sprovvisto di medicine atte a curare questo tipo di ferite.

Le truppe israeliane appostate a Beit Hanoun stanno deliberatamente impedendo i soccorsi, bloccando gli operatori sanitari, con l'obiettivo di provocare il maggior numero di vittime.

Nuovi attacchi.Questa mattina, jet militari israeliani hanno lanciato attacchi aerei contro strada Jala-a, nella città di Gaza, uccidendo un membro delle Brigate Al-Qassam, l'ala militare di Hamas, e ferendone altri due.Il giovane militante ucciso è Luay Muhammad Burnu, 32 anni, del quartiere Az-Zaytun, colpito da un missile mentre viaggiava nella sua auto, al centro di Gaza.Burnu è la seconda vittima della stessa famiglia: suo fratello maggiore, Mahmoud, un leader di Al-Qassam, è stato ucciso quattro giorni fa.

Fonti sanitarie hanno reso noto che il corpo della vittima è giunto in ospedali a pezzi.Un'altra bomba lanciata negli attacchi di due giorni fa dagli aerei israeliani aveva colpito e distrutto la casa di Marwan Abu Harbid, ma solo oggi i medici sono riusciti a identificare il corpo del proprietario, rimasto ucciso dal bombardamento. Infatti, le truppe israeliane avevano impedito alle ambulanze di avvicinarsi alla zona e a prestare soccorso ai feriti.

La casa di Harbid era stata distrutta con gli abitanti rimasti intrappolati dentro: Anwar, Shaban, Muwafaq, Amjad, Imad e Adham si trovavano all'interno e sono rimasti feriti. Questa mattina, un attacco aereo ha colpito il quartiere di Tuffah.Ci sono molti feriti.A Soudaniyeh, a ovest della città di Gaza, due cittadini sono stati feriti a seguito dell'invasione israeliana dell'area.

Testimoni oculari hanno affermato che cecchini israeliani hanno occupato i tetti degli edifici più alti e da lì hanno iniziato a colpire i passanti o gli abitanti di altre case.

Dal nostro corrispondente.Beit Hanoun, Gaza. Venerdì 3 novembre.Questa mattina fonti sanitarie hanno comunicato che sono morte altre persone: un cittadino di cui non si conosce ancora l'identità; la piccola Bara'a Riyadh, 4 anni, in coma fino a ieri; e Hamzah Karasawa', 17 anni; due donne a seguito dell'attacco delle forze israeliane contro i combattenti palestinesi asserragliati nella moschea di An-Naser.In tre giorni di aggressioni israeliane, il bilancio tra morti e feriti è salito a oltre 100.Testimoni locali hanno raccontato che le forze israeliane hanno arrestato molti palestinesi, tra cui membri dei servizi palestinesi. Circa 60 combattenti di tutti i gruppi sono ancora assediati nella moschea di An-Naser. Da questa mattina all'alba è in corso uno scontro a fuoco con i militari israeliani.Dal nostro corrrispondente.Beit Hanoun, Gaza. Giovedì 2 novembre.I militari israeliani continuano i loro attacchi contro il villaggio di Beit Hanoun, nel nord della Striscia di Gaza. Il bilancio della carneficina sale a 13 morti. Fonti ospedaliere confermano che il bilancio dei feriti è salito a oltre 80. Molte abitazioni sono state distrutte. Tra le vittime, un bimbo, che è stato colpito alla faccia e alla testa, ridotte a una poltiglia informe, e un altro, colpito all'addome.I medici hanno comunicato che il numero dei morti potrebbe ancora salire perché le forze israeliani stanno bloccando l'accesso a un'edificio dove sono ospitati un diversi altri gravi feriti.Oggi, sono stati uccisi altri 6 palestinesi. Un uomo di 75 anni è morto per un attacco cardiaco dopo che un missile ha colpito la casa dei suoi vicini, la famiglia di Riyadh Mohammad, ferendo sei persone: Bara'a, 4 anni, in coma, la moglie, Nabila, 41 anni, la figlia, Heba, 17; il figlio, Amir, 10; il figlio, Mahmoud; il figlio Abdullah, 7.Nel corso della giornata, una donna, Mis'adah Al-Huweiki, è stata uccisa mentre cercava di far liberare dei combattenti assediati nella moschea di Beit Hanoun.Tra gli 80 feriti, almeno 12 versano in gravi condizioni. Molti dei feriti sono donne e bambini.Ricordiamo che i soldati israeliani, oltre ad aver sparato indiscriminatamente contro la popolazione palestinese di Beit Hanoun, hanno anche impedito i soccorsi dei feriti, distruggendo con i bulldozer le inferriate esterne dei due ospedali cittadini. Molte persone sono dunque morte a causa di ciò.

La notizia del primo giorno di massacri, mercoledì 1° novembre:

link