Saldi di fine Stagione, Italia a metà prezzo !!!

Dopo cinque anni di governo Berlusconi, mi ero assopito e rassegnato. Pensavo che mai niente o nessuno avesse potuto risanare un Paese ormai impoverito e allo sbando sociale. Pensavo di dover assistere ad altri cinque anni di apparente benessere, quel benessere che Berlusconi sbandierava ad ogni conferenza stampa o appuntamento internazionale. Si sentiva ripetere che l'Italia aveva riconquistato il giusto ruolo nello scacchiere internazionale. Poi Berlusconi ha passato il testimone a Prodi e il primi 100 giorni di governo sono stati un aperitivo più che amaro. Abbiamo cominciato con le liberalizzazioni dei mercati e degli ordini dei professionisti per proseguire con la missione “di pace” in Libano e lo smantellamento dei diritti civili dell'uomo come la privacy. La finanziaria che ogni giorno subisce critiche da più parti, non accontenta nessuno. I sindacati, troppo impegnati alle ricerca di poltrone comode e in difficoltà nel criticare l'operato di un governo di centro sinistra, hanno perso il ruolo di opposizione e garanzia dei ceti socialmente più deboli, rilegandosi dietro ad un colpevole silenzio che grida più di mille manifestazioni di piazza. L'ipocrisia del governo Prodi è giunta fino al Sud America. Poco fa è giunta la notizia che il governo italiano avrebbe deciso di NON appoggiare la candidatura del Venezuela nel consiglio di sicurezza dell'ONU come membro non permanente. La subdola vigliaccheria e sudditanza dell'Italia agli Stati Uniti e al governo europeo ci rende ancor più ipocriti agli occhi del mondo. Prodi in pochi mesi ha delineato la politica di smembramento del bel Paese, togliendo agli italiani l'unica cosa che è rimasta loro: la dignità !

Spero solamente che qualcuno si renda conto di cosa stia succedendo e di come la nostra libertà sia finita nel secchio della spazzatura per far posto alle nuove direttive di un Ordine Mondiale che detta le regole.