La finanziaria di Prodi aumenta i fondi neri dei servizi

Fonte: http://italy.indymedia.org

Il Governo Prodi, con la copertura di Rifondazione comunista e PDCI, aumenta i fondi neri di SISMI e SISDE.
La finanziaria "di sinistra" (Per la verità, nessuno ha piu' il coraggio di definirla così...) aumenta i fondi a disposizione dei Servizi (SISMI e SISDE, coordinati dal CESIS). La dotazione prevista per il 2007 ammonta, infatti, a 615 milioni di euro (pari a circa 1230 miliardi di vecchie lire), con un incremento di 25 milioni di euro rispetto al 2006. Questi fondi sono praticamente gestiti in nero, in quanto sul loro impiego non è prevista alcuna forma di controllo, salvo quello, generico e formale, del COPACO, l'organo parlamentare di vigilanza. Del resto, tutti ricordano lo scandalo di alcuni anni addietro, quando lo spione Broccoletti ei suoi compari si intestavano appartamenti e distribuivano bustarelle ai politici... Così, il Governo Prodi, anzichè sciogliere o commissariare queste bande di criminali e nominare una Commissione di inchiesta sul loro operato, le premia, evidentemente apprezzando la loro molteplice attività: inquinamento di tutta la vita politica italiana dal dopoguerra a oggi, coinvolgimento in tutte le stragi di stato, Gladio, P2 e, in tempi recenti, Nigergate (falso dossier del SISMI che ha favorito l'invasione USA dell'Irak), collaborazione ai voli segreti della CIA e ai sequestri di persona, spionaggio politico e finanziario, dossieraggio calunnioso, ecc. Se a tutto questo si aggiunge l'ormai documentata PRATICA DELLA TORTURA POLITICA ANCHE CON MEZZI TECNOLOGICI, il quadro è completo e la nausea pure. Ma il Governo Prodi, con la copertura compiacente di Rifondazione comunista e PDCI, è evidentemente soddisfatto di queste brillanti attività, tanto da decidere di incrementarle con l'aumento dei relativi finanziamenti!

Posta un commento