Crollo dei titoli immobiliari e conseguenze

Fonte: http://www.disinformazione.it/

Movimento internazionale per i diritti civili e solidarietà - www.movisol.org

Puntualmente, le analisi di Lyndon LaRouche sul crollo della bolla immobiliare USA e le sue implicazioni sul sistema finanziario mondiale sono confermate dai dati empirici e, con notevole ritardo, le solite “fonti autorevoli” ne devono prendere atto. Lo scoppio della bolla immobiliare negli Stati Uniti e le conseguenze per l’economia mondiale hanno costituito il tema principale dell’incontro annuale del FMI e della Banca Mondiale tenutosi a Singapore. Alla conferenza stampa tenutasi il 12 settembre, Jaime Caruana, direttore del gruppo sui mercati monetari e dei capitali del FMI ed ex direttore della banca centrale spagnola, ha presentato l’ultimo rapporto del FMI sulla “Stabilità finanziaria globale”.

Nel rapporto si afferma che il “rallentamento dell’economia USA”, dovuto alla flessione dell’edilizia abitativa, e le spinte inflazionistiche potrebbero condurre “ad un rischio di bassa probabilità ma di alto costo per il sistema finanziario globale”. Il rischio è che “un declino del dollaro possa alimentare se stesso” e di conseguenza aumentare la “volatilità”, in maniera “disordinata” sui mercati mondiali, “mettendo così a dura prova la resilienza del sistema finanziario globale”.

“Se uno di questi rischi, o una loro combinazione, si materializzeranno, i mercati finanziari potrebbero scossi da forti turbolenze. Questo sottopone a stress i mercati finanziari internazionali, con la possibilità di un più ampio impatto sull’economia mondiale”, ha spiegato Caruana. Due giorni più tardi, sempre a Singapore, il direttore del FMI ha annunciato che “il rallentamento USA” e le sue ripercussioni globali, saranno un argomento centrale nell’incontro semestrale del Fondo.

Il quotidiano elvetico Neue Zuericher Zeitung del 12 settembre ha pubblicato un articolo intitolato “Declino allarmante del mercato della casa”, in cui notava come il mercato immobiliare USA “causa preoccupazioni crescenti tra gli investitori”. Tutti gli indicatori puntano al ribasso, con conseguenze per l’economia e per le borse. Tra le ultime novità riguardanti il settore, gli investimenti nelle costruzioni hanno registrato ad agosto la flessione più accentuata degli ultimi cinque anni. Mentre si continua a parlare di una accentuata flessione, “alcuni scettici preferiscono parlare di crac”, ha spiegato il principale quotidiano svizzero.

La Merrill Lynch ha pubblicato un grafico che mostra come l’indice borsistico S&P segua, a circa 12 mesi di distanza, lo stesso andamento dell’indice dei costruttori USA (NAHB). Visto che l’indice dei costruttori è già crollato del 50%, la prospettiva per il mercato borsistico USA “non è molto promettente”. Parlando espressamente di una “bolla” immobiliare, il Neue Zuericher Zeitung spiegava che essa è stata creata sull’emissione di denaro a basso costo da parte della banca centrale, che ha creato un enorme debito nel sistema ipotecario, anche grazie a sistemi “innovativi” ad elevato rischio finanziario.

In circostanze del genere, rifinanziando i mutui casa, gli americani hanno “creato” 850 miliardi di dollari, stima il giornale elvetico. Ma con un aumento dei tassi, chi ha un mutuo, specialmente a tassi variabili (ARM), rischia di finire nei guai grossi. Il Dominion Bond Rating Service prevede già uno “shock dei pagamenti” dei mutuatari, riferisce il quotidiano di Zurigo.

Posta un commento